Fair Play finanziario

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline fiord

*
4470
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #40 il: 27 Mar 2015, 08:06 »
Comunque l'obiettivo del pareggio di bilancio annuale mi pare una stronzata.

Che limita anche gli investimenti

Diverso il discorso se il pareggio deve risultare da un periodo più lungo (es 5 anni)

Credo sia chiaro anche ad un bambino che è più florida una società che in cinque anni raggiunge questi risultati ad esempio:
-10 -10 -10 +20 +20
che una che fa:
+1 +1 +1 +1 +1

Offline scintilla

*****
2168
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #41 il: 27 Mar 2015, 08:15 »
Comunque l'obiettivo del pareggio di bilancio annuale mi pare una stronzata.

Che limita anche gli investimenti

Diverso il discorso se il pareggio deve risultare da un periodo più lungo (es 5 anni)

Credo sia chiaro anche ad un bambino che è più florida una società che in cinque anni raggiunge questi risultati ad esempio:
-10 -10 -10 +20 +20
che una che fa:
+1 +1 +1 +1 +1

La cosa più sensata sarebbe riprendere su questo punto il regolamento Uefa, che mi sembra sia su tre anni con una tolleranza di +/- 5.

Online Tyler87

*
4455
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #42 il: 27 Mar 2015, 09:46 »
La svolta della Figc:'senza liquidità niente campionato'

Qui si fa la storia», rivendica Carlo Tavecchio. Non esagera. La svolta epocale cui dovrà condurre il percorso riformatore iniziato — gli va riconosciuto — ben prima del crac Parma, in realtà è già nel cambio di passo con cui la Figc, da ieri, prova a tornare organo di garanzia e controllore indipendente del calcio italiano. È presto per dire se la Lega di A sia rassegnata a rientrare nei ranghi o se arriveranno colpi di coda (ieri Lotito ha provato in tutti i modi ad annacquare qua e là), ma intanto la vittoria di ieri sta proprio nell’aver imposto per una volta alle capricciose società la propria visione delle regole. Stavolta scritte autonomamente. Ed essere riuscito — in questo caso sì dopo lunghi e accesi confronti — a farle passare all’unanimità (almeno per i club di A, Lega di B e Lega Pro si aggiorneranno tra un paio di settimane).

RENZI SODDISFATTO Un successo, registrato anche a Palazzo Chigi. Il Governo, che aveva visionato il documento su licenze nazionali e acquisizioni dei club in anteprima, applaude il risultato portato a casa da Tavecchio e il d.g. Uva: «Un lavoro serio, siamo soddisfatti», il commento che filtra dalla presidenza del Consiglio. Anche sotto questo aspetto, una grande giornata per Tavecchio. Ricordate da dove era partito? In sette mesi ha recuperato un rapporto con il Governo, forse riuscirà a completare il disgelo con la Juventus, intanto ha aperto con autorevolezza il grande capitolo delle riforme del calcio. «E se i campionati sono la madre di tutte le riforme — ha detto —, questo è il padre…».

GRADUALITA’ Ecco, l’atteggiamento è proprio del buon padre di famiglia. «Il calcio italiano è in crisi di liquidità — spiega il presidente —: bisogna rimettere mano ai principi contabili altrimenti ci saranno dei problemi. L’introduzione di queste norme terrà in vita il sistema. Ma abbiamo deciso di curare il malato in modo graduale…». E qui sta l’altro motivo di soddisfazione del Governo, che aveva chiesto alla Figc norme di iscrizione ai campionati severe ma graduali. D’altronde, pretendere tutto subito avrebbe tagliato fuori decine di società, rischiando di trasformare la prossima Serie A in un enorme problema di ordine pubblico, o, nella «migliore» delle ipotesi, si sarebbe ricorso all’esercizio tutto italiano (e non solo calcistico) della concessione di deroghe. Sarebbe stato questo sì poco serio.

MAI PIU’ MANENTI Perciò, l’auspicato pareggio di bilancio come conditio sine qua non per ottenere la licenza nazionale, diventa un punto di arrivo, fissato ai nastri di partenza della stagione 2018-19. Fino ad allora, come ha spiegato il d.g. della Figc Michele Uva, le norme approvate ieri prevedono paletti sempre più alti e un crescendo sanzionatorio per chi non rientrerà nei parametri. Da subito, bisognerà pagare i debiti con le società estere e il personale non tesserato; tra un anno l’ultima mensilità pagata valida per iscriversi sarà maggio, non più aprile; nel 2017 andranno rispettati tutti gli indicatori (di liquidità, indebitamento e costo del lavoro) in via di definizione. E per quanto riguarda le sanzioni, sempre gradualmente, si passa dall’obbligo di presentare un piano di riequilibrio già quest’estate al blocco totale del mercato nel 2017. Bloccati, ma da subito, nuovi Manenti all’orizzonte. Chi vorrà acquisire una quota non inferiore al 10% di una società professionistica dovrà rispondere ai requisiti di solidità e onorabilità. Tradotto: almeno una banca di primo livello dovrà garantire per lui e non dovrà aver subito condanne superiore ai 5 anni per frode, doping, truffa e appropriazione indebita, oltre a dover possedere la certificazione antimafia. È molto più di un primo passo. Il resto, arriverà. «Ora ci dedichiamo alla riforma dei campionati — annuncia Tavecchio —. Ma questa le leghe la capiranno?».

(Gazzetta dello Sport – A. Catapano/V. Piccioni)

Offline ian

*
7596

Offline ian

Re:Fair Play finanziario
« Risposta #43 il: 27 Mar 2015, 09:52 »
"Lotito ha provato in tutti i modi ad annacquare qua e là"???

Offline NEMICOn.1

*
3029
Sesso: Maschio
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #44 il: 27 Mar 2015, 09:54 »
Bella iniziativa sicuramente ma limiterà molto le squadre italiane in Europa come fu con la regola del tesseramento di 2 extracomunitari all'anno
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #45 il: 27 Mar 2015, 10:11 »
"Lotito ha provato in tutti i modi ad annacquare qua e là"???

Come no. Soprattutto le norme che limiteranno i magheggi finanziari di merde e rubentini (è così il loro predominio). Ha annacquato molto....
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #46 il: 27 Mar 2015, 10:17 »
"Lotito ha provato in tutti i modi ad annacquare qua e là"???

Lotito è nel Consiglio in quota alla Lega A, una applicazione rigida e rapida delle nuove norme provocherebbe un terremoto, lo spiega l'articolo in due passaggi:
È presto per dire se la Lega di A sia rassegnata a rientrare nei ranghi o se arriveranno colpi di coda.

D’altronde, pretendere tutto subito avrebbe tagliato fuori decine di società, rischiando di trasformare la prossima Serie A in un enorme problema di ordine pubblico, o, nella «migliore» delle ipotesi, si sarebbe ricorso all’esercizio tutto italiano (e non solo calcistico) della concessione di deroghe. Sarebbe stato questo sì poco serio.


Sarà quindi la Lega a fare il lavoro sporco e chi non è in condizioni critiche dovrà solo attendere che gli altri trovino un punto d'equilibrio, le tabelle pubblicate nei giorni precedenti danno un quadro realistico ma non ancora preciso sulla situazione, adesso da parte di Lotito sarebbe poco opportuno forzare la mano, già lo immagino alla prossima assemblea con i pop corn ad assistere allo spettacolo, non sarà facile conciliare le varie posizioni.
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #47 il: 27 Mar 2015, 10:35 »
il problema dei giornalisti è che Lotito sui bilanci ha sempre parlato chiaro, è il paladino del bilancio da sempre e questo fallimento del Parma è la dimostrazione che ha ragione. ora però il merito è tutto di Tavecchio che fino a qualche mese fa era un pupazzo di Lotito. ora enormi leccate a Tavecchio quando meno di un anno fa era un razzista che ci faceva vergognare di essere italiani e l'unico che lo difendeva era proprio Lotito.

questa cosa dell'annacquamento ci può anche stare perché è evidente che a nessuno conviene che in serie A rimangano solo Juve, Lazio, Napoli, Fiorentina e qualche piccola. In cuor suo spera che le merde continuino con questa gestione dissennata a differenza di Milan e Inter che stanno comunque lentamente rientrando in termini di stipendi e costi operativi. Il discrimine è la CL, se le merde vanno fuori come tutti speriamo, si ritrovano veramente messi male.

resta il fatto che il giornalismo in Italia sia oramai ai minimi storici.

Online ES

*
10161
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #48 il: 27 Mar 2015, 11:50 »
A quando la santificazione di tavecchio ?
Che spettacolo, veramente  :)
Questo processo di riforme è tutta farina del sacco di Lotito, a cui ovviamente non verrà riconosciuto nulla. Anzi, il presidente della Lazio, che ricaverà indirettamente vantaggi, "ha tentato di annacquare".
O so stupidi loro o chi ancora li legge, una è la possibilità... :)

Offline gentlemen

*
9922
Sesso: Maschio
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #49 il: 27 Mar 2015, 12:49 »
il problema dei giornalisti è che Lotito sui bilanci ha sempre parlato chiaro, è il paladino del bilancio da sempre e questo fallimento del Parma è la dimostrazione che ha ragione. ora però il merito è tutto di Tavecchio che fino a qualche mese fa era un pupazzo di Lotito. ora enormi leccate a Tavecchio quando meno di un anno fa era un razzista che ci faceva vergognare di essere italiani e l'unico che lo difendeva era proprio Lotito.

questa cosa dell'annacquamento ci può anche stare perché è evidente che a nessuno conviene che in serie A rimangano solo Juve, Lazio, Napoli, Fiorentina e qualche piccola. In cuor suo spera che le merde continuino con questa gestione dissennata a differenza di Milan e Inter che stanno comunque lentamente rientrando in termini di stipendi e costi operativi. Il discrimine è la CL, se le merde vanno fuori come tutti speriamo, si ritrovano veramente messi male.

resta il fatto che il giornalismo in Italia sia oramai ai minimi storici.
Esistono giornalisti ?
Io vedo solo giornalai....
Le notizie che sanno dare, o meglio le panzane....FA al Chelsea, Biglia al Real, Onazi all'Everton, Klose in America, Candreva alla Juve e Lulic al Bayern....che [...]...stupido chi li segue pure....
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #50 il: 28 Mar 2015, 10:42 »

Offline Berserkr

*
1347
Sesso: Maschio
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #51 il: 05 Apr 2015, 16:30 »
http://www.calcioefinanza.it/2015/04/03/premier-diritti-tv-fallimento/

articolo sulla premier league interessante secondo me.
non sempre l'erba del vicino è più verde

Offline Tarallo

*****
78011
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #52 il: 05 Apr 2015, 16:34 »
Che chi di dovere faccia leva su questa regola per far sparire dalla circolazione questa congrega di assassini, collusi, ladri e mafiosi che risponde al nome di as roma.
Che si usino tutti i mezzi necessari, anche cavillli giuridici, per liberare lo sport italiano da questa macchia inf@me, da questo olezzo insopportabile, da questa vergogna insostenibile chiamata as roma.

Basta, basta, basta.

Offline DajeLazioMia

*****
35107
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #53 il: 05 Apr 2015, 21:19 »
Che chi di dovere faccia leva su questa regola per far sparire dalla circolazione questa congrega di assassini, collusi, ladri e mafiosi che risponde al nome di as roma.
Che si usino tutti i mezzi necessari, anche cavillli giuridici, per liberare lo sport italiano da questa macchia inf@me, da questo olezzo insopportabile, da questa vergogna insostenibile chiamata as roma.

Basta, basta, basta.
Non chiedo tanto, un giro di 2-3 anni senza di loro, senza puncicate, senza omertà, senza stricioni gojardici, senza il becerume dei loro mezzi di informazione, senza le loro risate grasse e ottuse...
Non chiedo tanto, 2-3 anni, respirare un attimo, poi se dobbiamo riabituarci lo faremo, pazienza, ma vi prego togleteceli dalle paxxe 2-3 anni...

Offline AutumnLeaves

*
5871
Sesso: Maschio
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #54 il: 05 Apr 2015, 21:46 »
Che chi di dovere faccia leva su questa regola per far sparire dalla circolazione questa congrega di assassini, collusi, ladri e mafiosi che risponde al nome di as roma.
Che si usino tutti i mezzi necessari, anche cavillli giuridici, per liberare lo sport italiano da questa macchia inf@me, da questo olezzo insopportabile, da questa vergogna insostenibile chiamata as roma.

Basta, basta, basta.
Chi di dovere sono loro stessi, le banche stesse che li tengono a galla, i politici stessi che li tifano. Praticamente impossibile.
Ci vorrebbe un intervento della fifa, ma magno tranquillissimo.

Offline skizzo87

*****
22081
Sesso: Maschio
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #55 il: 05 Apr 2015, 21:52 »
Non chiedo tanto, un giro di 2-3 anni senza di loro, senza puncicate, senza omertà, senza stricioni gojardici, senza il becerume dei loro mezzi di informazione, senza le loro risate grasse e ottuse...
Non chiedo tanto, 2-3 anni, respirare un attimo, poi se dobbiamo riabituarci lo faremo, pazienza, ma vi prego togleteceli dalle paxxe 2-3 anni...

Andrebbero a far botte alle gara della Lupa Roma.

Offline DajeLazioMia

*****
35107
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #56 il: 05 Apr 2015, 22:29 »
Andrebbero a far botte alle gara della Lupa Roma.
E sarebbe il loro ambiente adatto, nella periferia del calcio, senza protezione mediatica a fare le risse in mezzo a campi di terra ed erba spellacchiata.

Offline gentlemen

*
9922
Sesso: Maschio
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #57 il: 01 Lug 2016, 18:47 »
Metto il mio post nel giusto topic:

Intanto roma e Inter, per imposizione dell'UEFA in base alle scorse sanzioni per violazione del FPF ai due club, dovevano chiudere il bilancio al 30 giugno con al massimo un disavanzo di 30 milioni di euro: l'Inter lo ha rispettato chiudendo a meno 11 milioni, la roma no chiudendo con meno 44 milioni di euro, per cui la roma verrà sanzionata ulteriormente, potrebbe anche rischiare l'esclusione dalle competizioni europee, di certo avrà sanzione ulteriore, più grave perché recidiva, economica, congelamento dei premi Champions e rosa ridotta, ed eventuali limitazioni nel mercato.

http://www.transfermarkt.it/as-rom/transfers/verein/12/saison_id/2016
http://www.transfermarkt.it/inter-mailand/transfers/verein/46/saison_id/2016
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #58 il: 01 Lug 2016, 18:53 »
Li voglio vedere annaspare nella loro stessa merda.
Re:Fair Play finanziario
« Risposta #59 il: 01 Lug 2016, 18:54 »
Li voglio vedere sanzionati, coi giocatori che si svincolano, coi debiti che vanno in default.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod