Stadio della.... (Topic ufficiale)

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline eaglefly1978

*****
9631
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7740 il: 15 Mar 2017, 10:14 »
Ma a quel punto, eliminando le opere pubbliche a carico del privato, non esiste più la "pubblica utilità" che sembrava imprescindibile. Ma lo era davvero?

La pubblica utilità la delibera il comune, quindi fatti una domanda e datti una risposta...

Offline bak

*
16577
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7741 il: 15 Mar 2017, 10:47 »
Berdini: “Lo stadio della ++++ è una truffa. Presentato progetto inaccettabile”

Dopo l’addio alla poltrona di assessore all’Urbanistica del Comune di Roma, legato a doppio filo al progetto dello stadio della ++++, Paolo Berdini è tornato a parlare della vicenda che l’ha visto coinvolto. Queste le sue parole rilasciate a La Repubblica: “Per la mia libertà ho pagato un prezzo inaudito. Le città non si fanno con affari come quello dello stadio della ++++. Neanche con i mercati generali dell’Ostiense. Mi è stato presentato un progetto inaccettabile, con tutti i pareri già dati. All’estero lo avrebbero stracciato. Il progetto di Tor di Valle è una truffa. Per me resta una bruciatura perché chi propone lo stadio è lo stesso che ha sbandierato la propria centralità alla Bufalotta sbandierate come le perline con gli indios. Si parlava di 300mila metri quadrati per fare uffici. Poi è arrivato un commissario ad acta perché il Comune prima con Marino e poi con la gestione prefettizia non rispondeva. Così gli uffici sono diventate abitazioni. Ecco… mentre faccio quell’operazione alla Bufalotta, a Tor di Valle chiedo il cambio di destinazione d’uso da agricolo a non residenziale. In quale altra città del mondo avviene questa truffa? Questa è stata la mia e prima ultima esperienza pubblica”.

Online galafro

*
1981
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7742 il: 15 Mar 2017, 11:18 »
Berdini: “Lo stadio della ++++ è una truffa. Presentato progetto inaccettabile”

Dopo l’addio alla poltrona di assessore all’Urbanistica del Comune di Roma, legato a doppio filo al progetto dello stadio della ++++, Paolo Berdini è tornato a parlare della vicenda che l’ha visto coinvolto. Queste le sue parole rilasciate a La Repubblica: “Per la mia libertà ho pagato un prezzo inaudito. Le città non si fanno con affari come quello dello stadio della ++++. Neanche con i mercati generali dell’Ostiense. Mi è stato presentato un progetto inaccettabile, con tutti i pareri già dati. All’estero lo avrebbero stracciato. Il progetto di Tor di Valle è una truffa. Per me resta una bruciatura perché chi propone lo stadio è lo stesso che ha sbandierato la propria centralità alla Bufalotta sbandierate come le perline con gli indios. Si parlava di 300mila metri quadrati per fare uffici. Poi è arrivato un commissario ad acta perché il Comune prima con Marino e poi con la gestione prefettizia non rispondeva. Così gli uffici sono diventate abitazioni. Ecco… mentre faccio quell’operazione alla Bufalotta, a Tor di Valle chiedo il cambio di destinazione d’uso da agricolo a non residenziale. In quale altra città del mondo avviene questa truffa? Questa è stata la mia e prima ultima esperienza pubblica”.

Berdini i vizi della bestia li conosce bene. Comincieranno col dire che si rende necessario una certa quota di metri cubi per appartamenti per guardiani giardinieri, gestori d'idrovore e quant'altro, poi continueranno col dire perché gli impiegati devono fare la navetta tutti giorni, da casa a Tor di valle intasando il traffico quando è più logico farli risiedere in loco facendo casa e bottega. Vedrete di uffici c'è ne rimarranno ben pochi.

Offline mazzok

*****
3262
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7743 il: 15 Mar 2017, 12:26 »
un magliaro un po' dimesso, o sbaglio?

beh, guardala dal suo punto di vista, se non ci fosse più bisogno di indirizzare, richiedere, creare opinione e minacciare a mezzo stampa verrebbe meno anche l'esigenza di mantenerlo ...

Offline ES

*
9478
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7744 il: 15 Mar 2017, 12:43 »
Berdini i vizi della bestia li conosce bene. Comincieranno col dire che si rende necessario una certa quota di metri cubi per appartamenti per guardiani giardinieri, gestori d'idrovore e quant'altro, poi continueranno col dire perché gli impiegati devono fare la navetta tutti giorni, da casa a Tor di valle intasando il traffico quando è più logico farli risiedere in loco facendo casa e bottega. Vedrete di uffici c'è ne rimarranno ben pochi.

Certo.

Offline NEMICOn.1

*
2771
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7745 il: 15 Mar 2017, 13:03 »
Guarda che questo punto non è per niente chiaro, alcune opere possono essere fatte anche DOPO la costruzione della cloaca.

E specialmente quelle a carico del comune immagino non possano più essere vincolanti per il privato.

Potrebbe anche essere ...ma la Raggi ha detto altro quando annunciarono l'accordo .
I privati le opere pubbliche le avrebbero fatte subito adesso che sono passate al Comune non lo so .

Offline eaglefly1978

*****
9631
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7746 il: 15 Mar 2017, 14:05 »
Potrebbe anche essere ...ma la Raggi ha detto altro quando annunciarono l'accordo .
I privati le opere pubbliche le avrebbero fatte subito adesso che sono passate al Comune non lo so .

Non ho tempo di ricercarle ora dal cellulare, ma ci sono delle dichiarazioni pubbliche della Raggi dopo l'accordo in cui dice testualmente"alcune opere pubbliche saranno fatte subito ed altre successivamente".

Chi è davanti ad un PC può aiutarmi...

Offline angeloadamo

*
782
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7747 il: 15 Mar 2017, 20:21 »
Berdini: “Lo stadio della ++++ è una truffa. Presentato progetto inaccettabile”

Dopo l’addio alla poltrona di assessore all’Urbanistica del Comune di Roma, legato a doppio filo al progetto dello stadio della ++++, Paolo Berdini è tornato a parlare della vicenda che l’ha visto coinvolto. Queste le sue parole rilasciate a La Repubblica: “Per la mia libertà ho pagato un prezzo inaudito. Le città non si fanno con affari come quello dello stadio della ++++. Neanche con i mercati generali dell’Ostiense. Mi è stato presentato un progetto inaccettabile, con tutti i pareri già dati. All’estero lo avrebbero stracciato. Il progetto di Tor di Valle è una truffa. Per me resta una bruciatura perché chi propone lo stadio è lo stesso che ha sbandierato la propria centralità alla Bufalotta sbandierate come le perline con gli indios. Si parlava di 300mila metri quadrati per fare uffici. Poi è arrivato un commissario ad acta perché il Comune prima con Marino e poi con la gestione prefettizia non rispondeva. Così gli uffici sono diventate abitazioni. Ecco… mentre faccio quell’operazione alla Bufalotta, a Tor di Valle chiedo il cambio di destinazione d’uso da agricolo a non residenziale. In quale altra città del mondo avviene questa truffa? Questa è stata la mia e prima ultima esperienza pubblica”.

Non vedo titoloni su queste dichiarazioni o sbaglio?

Offline FatDanny

*****
14196
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7748 il: 16 Mar 2017, 11:24 »
hanno presentato il nuovo progetto ieri.
A quanto pare lo stadio non lo spostano, scontro aperto con la sovrintendenza (o avranno avuto garanzie di chissà che tipo).
Pur di scongiurare una nuova cds st'amministrazione raggi sta lavorando come mai prima su nessun altro tema. Sempre più meritevole sta banda degli honesti.

Offline ES

*
9478
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7749 il: 16 Mar 2017, 12:11 »
hanno presentato il nuovo progetto ieri.
A quanto pare lo stadio non lo spostano, scontro aperto con la sovrintendenza (o avranno avuto garanzie di chissà che tipo).
Pur di scongiurare una nuova cds st'amministrazione raggi sta lavorando come mai prima su nessun altro tema. Sempre più meritevole sta banda degli honesti.

Mi sembra di aver letto che tramite intervento del governo possa essere bypassata.

Il comune non può nulla, per fortuna, in questo caso.

Offline nestorburma

*****
2541
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7750 il: 16 Mar 2017, 14:45 »

Offline Rugiule

*
5148
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7751 il: 16 Mar 2017, 14:49 »
Il governo sembra se ne lavi le mani

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2017-03-07/stadio-roma-franceschini-non-interverro-122940.shtml?uuid=AEvJtJj
Cioè le cose si faranno secondo la legge, ma và? E che vi aspettavate?
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7752 il: 16 Mar 2017, 15:15 »
Il governo sembra se ne lavi le mani

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2017-03-07/stadio-roma-franceschini-non-interverro-122940.shtml?uuid=AEvJtJj

Le solite chiacchiere burocraticiste.
Il governo non interviene perchè non ce n'è alcun bisogno.
Ancora con le scelte tecniche che non possono essere politiche.. ancora co sta cazzata

Offline cartesio

*****
17642
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7753 il: 16 Mar 2017, 15:15 »
Quindi esiste una copia unica del parere dell'avvocatura ? :lol:
copia consegnata nelle mani tremanti della piccola fiammiferaia che , dopo averla letta , ha bruciato nel caminetto di casa?  :=))
Che gaggi sti 4 stelle.

E anche l'Avvocatura, che non conserva copia del documento.

Non ci credo neanche se lo vedo.

Offline turco

*****
2017
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7754 il: 16 Mar 2017, 18:42 »
E anche l'Avvocatura, che non conserva copia del documento.
Non ci credo neanche se lo vedo.

Fortuna che s'è rotto l'harddisk dopo la stampa...

Offline Precisione

*
1453
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7755 il: 16 Mar 2017, 19:59 »
Stadio Roma:domani vertice Raggi-Pallotta, ma tempo stringe. Forse tycoon vedrà Zingaretti. Ipotesi nuova Conferenza Servizi

Stadio della Roma ancora col fiato sospeso in attesa dell'incontro di domani mattina, ormai praticamente certo, tra la sindaca di Roma Virginia Raggi e il presidente della As Roma James Pallotta, che forse nel pomeriggio farà visita anche al governatore Nicola Zingaretti. Il tempo stringe, la Conferenza dei servizi è stata riconvocata per il prossimo 5 aprile e ancora i proponenti non hanno consegnato al Campidoglio il 'nuovo' progetto della maxioperazione dopo il radicale taglio del 50 per cento delle cubature frutto dell'accordo tra la prima cittadina e l'imprenditore americano. C'è tempo fino alla fine di marzo per produrre in Conferenza dei servizi qualcosa di nero su bianco, compresa una delibera che ratifichi - magari, è una ipotesi, modificando quella 'vecchia' firmata Ignazio Marino - l'interesse pubblico del progetto così come ridisegnato dalla recente intesa Raggi-Pallotta.

Ma se il progetto si discosterà troppo da quello iniziale - su cui ancora pesano diversi pareri negativi depositati- allora l'iter della Conferenza dei servizi non potrà che ricominciare da capo. A sottolinearlo è l'assessore all'Urbanistica della Regione Lazio Michele Civita, che oggi ha partecipato a una audizione della competente commissione del Consiglio regionale: "Se il progetto cambierà - dice - si dovrà valutare se la variante sarà sostanziale o se, in caso contrario, si può procedere con una rapida valutazione del progetto attuale". Altrimenti "andrebbe chiusa la procedura di valutazione attuale per aprirne una nuova". Una via che per il Codacons, oggi presente alla Pisana, è nei fatti già segnata.

Alla seduta di oggi in commissione era stata invitata anche Virginia Raggi (su iniziativa del vicepresidente forzista Adriano Palozzi), che però ha fatto sapere ieri sera al presidente Enrico Panunzi di non poter partecipare "per impegni già presi" e suscitando così proteste bipartisan, a partire dalla maggioranza. "Tutti presenti tranne Raggi - afferma il capogruppo regionale Pd Massimiliano Valeriani - per il M5s le istituzioni non valgono nulla". Palozzi da parte sua ha chiesto la riconvocazione immediata della sindaca "dandole la possibilità di decidere la data a lei più consona". Ecco che dunque il possibile giro di incontri istituzionali di domani tra il numero uno giallorosso e i vertici dei 'palazzi romani' potrebbe essere cruciale anche solo per chiarire l'orizzonte di tempo della modifica del progetto.

Al momento però, almeno dal punto di vista della Regione Lazio, sembra ancora tutto fermo all'ultima seduta del tavolo di via del Giorgione: "La Conferenza dei servizi non ha fatto propria la richiesta di sospensiva avanzata dal proponente - ricordava oggi Civita in commissione - e la Regione da quella data non ha ulteriori novità. Solo di fronte a un nuovo progetto definitivo, di cui siamo in attesa, la Regione riprenderà la parola" con una valutazione doppia: "C'è un aspetto tecnico, per capire se si può continuare con questa procedura o se bisogna aprirne una nuova, e un altro sugli impatti sociali degli interventi". Perché per via Cristoforo Colombo "l'intervento in quel quadrante in termini di opere pubbliche rimane un aspetto fondamentale nelle valutazioni che faremo".

   
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7756 il: 17 Mar 2017, 06:40 »
Stadio, il progetto non c'è Tensione Comune-privati (Il Messaggero, Cronaca di Roma, 17 Marzo 2017)

L'INCONTRO

«Il progetto è in ritardo. Slitta tutto alla prossima settimana». La notizia circolava già da ieri mattina nei corridoi di Palazzo Senatorio. Ed è rimbalzata fino a Milano, nello studio di Luca Lanzalone, l'avvocato incaricato dalla sindaca Virginia Raggi di seguire la trattativa sul progetto Tor di Valle. E non è un caso se proprio Lanzalone, oggi, non salirà sul treno per partecipare al vertice con James Pallotta. Il manager di Boston, salvo ripensamenti, stamattina stringerà la mano alla sindaca. «Ma non si porterà la sacca da baseball», commentavano ieri nello staff della prima cittadina. Come a dire: sarà una «visita di cortesia», senza documenti. Senza, soprattutto, i nuovi rendering che in Comune ormai aspettano dal 24 febbraio scorso, quando è stato raggiunto (a voce) l'accordo sul dimezzamento delle cubature per l'«Ecomostro» di negozi e uffici.
LA FEBBRE DI PALLOTTA
L'ennesimo rinvio ha indispettito non poco la Raggi e il suo staff. Tanto che ieri ambienti del M5S romano ventilavano perfino l'ipotesi di una cancellazione del vertice con Pallotta. Della serie: «Di che cosa dobbiamo parlare, senza un progetto?». Alla fine il faccia a faccia dovrebbe esserci, per evitare una rupture plateale. Con la promessa che i privati consegnino il progetto preliminare lunedì prossimo. Anche se ieri, dalla Roma, facevano sapere: «Pallotta ha la febbre». Un'indisposizione che ha tenuto il presidente giallorosso lontano dagli spalti dell'Olimpico, dove si giocava il match di ritorno con il Lione. E che, si vedrà, potrebbe ufficialmente giustificare anche una sua assenza in Campidoglio.
IL NODO DEI PARERI
Una cosa è certa: i tempi, ormai, sono strettissimi. La conferenza dei servizi convocata dalla Regione scade tra meno di venti giorni, il 5 aprile. Ma la prima dead-line, per il Campidoglio, è il 30 marzo. Entro quella data infatti l'amministrazione comunale dovrebbe produrre un atto per confermare la pubblica utilità dell'opera e i cambiamenti pattuiti con i privati. Per stendere la delibera che modificherà il provvedimento varato da Marino nel 2014 sono necessari i nuovi rendering. «Li chiediamo ai proponenti da tre settimane», lamentano in Comune. Il fatto è che senza il progetto preliminare, non possono essere calcolati gli oneri per i privati e quindi la revisione delle opere pubbliche. In sostanza, non può essere portata in giunta la nuova delibera.
Anche se gli elaborati arrivassero lunedì, alla scadenza del 30 marzo mancherebbero appena 10 giorni. «Sette giorni lavorativi», fanno notare nello staff della sindaca. Pochi, forse, per riuscire ad esaurire l'iter di approvazione di una delibera, considerato che prima del voto devono essere acquisiti una serie di pareri tecnici dai vari uffici amministrativi. Ecco perché sta prendendo corpo l'ipotesi, sia in Comune che in Regione, che la conferenza dei servizi attualmente in corso (partita dalla delibera di Marino) possa concludersi negativamente e che l'iter debba ripartire da capo, possibilmente con tempi più brevi.
LE OPERE PUBBLICHE
È un nodo che dovrebbe essere affrontato oggi nel vertice tra Raggi e Pallotta, che nel pomeriggio potrebbe incontrare anche il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti. Un altro vertice, invece, ieri è stato disertato proprio dalla sindaca. Attesa in Commissione Urbanistica alla Pisana, la Raggi non si è presentata. Scatenando l'ira del Pd, che in Regione è maggioranza. «Le istituzioni per il M5S non valgono nulla», attacca il capogruppo dem Massimiliano Valeriani. Parla di uno «sgarbo istituzionale» anche il forzista Adriano Palozzi. Presente invece l'assessore regionale all'Urbanistica, Michele Civita, il quale ha spiegato che «se il progetto cambierà si dovrà valutare se la variante sarà sostanziale o se, in caso contrario, si può procedere con una rapida valutazione del progetto attuale». Nel primo caso, infatti, l'assessore ha precisato che «andrebbe chiusa la procedura di valutazione attuale per aprirne una nuova». Civita ha ribadito che per la Regione «l'intervento in quel quadrante in termini di opere pubbliche rimane un aspetto fondamentale».
Lorenzo De Cicco

Offline blu73

*
1347
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7757 il: 17 Mar 2017, 11:28 »
Sette giorni....  :D

Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7758 il: 18 Mar 2017, 06:17 »
Stadio, aut aut della Regione: «Subito le opere pubbliche» (Il Messaggero, Cronaca di Roma, 18 Marzo 2017)

IL VERTICE

Nonostante la febbre e le dosi di Borocillina - con tanto di bugiardino esibito ai cronisti - la giornata romana di James Pallotta, ieri, non è stata affatto leggera. Prima un vertice in Campidoglio, con la sindaca Virginia Raggi, poi tappa in Regione per incontrare il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti. Il quale ha ribadito al manager di Boston che sogna lo stadio a Tor di Valle che «l'impianto sportivo si apre se ci sono tutte le opere pubbliche previste». Messaggio chiaro, quello della Pisana: «La realizzazione delle opere deve procedere di pari passo con la realizzazione e l'apertura della stadio».
Niente piano in due tempi, in sostanza, come avevano fatto trapelare i privati dopo l'accordo con il Comune dello scorso 24 febbraio, con lo svincolo della Roma Fiumicino e il ponte sul Tevere rinviati a data da destinarsi. Tutte le infrastrutture dovranno essere completate in sincronia con lo stadio. Per Zingaretti «stiamo parlando di un progetto importante e collaborare significa essere garanti della legalità». Quanto ai tempi e alla scadenza ormai imminente della conferenza dei servizi (la dead-line è il 5 aprile), il governatore ha spiegato che «siamo in attesa che da parte di Roma Capitale arrivi questo famoso progetto».
IN CONSIGLIO COMUNALE
Anche il Campidoglio mantiene acceso il faro sulle opere pubbliche collegate allo stadio. Subito dopo l'incontro con Pallotta, dallo staff della sindaca hanno spiegato che «l'obiettivo dell'amministrazione capitolina resta quello di garantire e presidiare l'interesse pubblico del progetto, salvaguardando l'equilibrio di tutte le opere sul territorio». Se ne parlerà anche giovedì prossimo, il 23 marzo, in Assemblea capitolina, dove su richiesta del Pd è stata messa all'ordine del giorno una seduta straordinaria sul nuovo stadio della Roma.
Lunedì invece è in programma un incontro tra i tecnici del Comune e i privati. Ed è in questa sede che i proponenti dovrebbero consegnare il progetto preliminare con l'Ecomostro di uffici e negozi dimezzato, considerato che ieri Pallotta si è presentato a Palazzo Senatorio a mani vuote. Niente rendering.
CORSA CONTRO IL TEMPO
Il rischio, a questo punto, è che i tempi per approvare una nuova delibera, per il Comune, siano troppo stretti, dato che entro il 30 marzo deve essere consegnato alla conferenza dei servizi un nuovo atto amministrativo per evitare la bocciatura. Anche per questo, nei giorni scorsi, dal Campidoglio è trapelata una certa irritazione per i ritardi dei privati. «Dall'accordo sulle cubature ormai sono passate tre settimane...», ragionano nel M5S romano. Di fatto, l'incontro di ieri è stato poco più di una visita di cortesia. Uscendo dal Comune insieme al diggì della Roma Mauro Baldissoni e all'ad Umberto Gandini, Pallotta si è detto comunque ottimista. «L'incontro è andato alla grande. Spero che la prima pietra venga posata tra la fine dell'anno e l'inizio del prossimo, poi ci vorranno tra i 26 e i 28 mesi». Secondo il presidente della Roma, «il progetto è migliorato», le tre torri saranno «down» (cioè andranno giù, non ci saranno), «ma lo stadio non cambia».
L. De Cic.
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7759 il: 18 Mar 2017, 06:29 »
(Il Manifesto, pagina delle lettere, 18 Marzo 2017)



 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod