Stadio della.... (Topic ufficiale)

1 Utente e 7 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Stadio della.... (Topic ufficiale)
« il: 24 Dic 2014, 08:05 »
PER ALCUNI, LA TRINCEA E' 365 GIORNI L'ANNO.
PRENDIAMO ATTO, E IN TAL CASO CHIUDEREMO ALTRI 100 TOPIC E DOZZINE DI ACCOUNT.
DI PATTUGLIARE H24 ANCHE DURANTE LE FESTE NON NE ABBIAMO PROPRIO VOGLIA.

Lazio.net Staff


Solo notizie, per i commenti leggete bene quanto scritto qui sopra:

Ferrovia e vincoli ambientali. Lo stadio della Roma è lontano (Il Tempo, 24 Dicembre 2014)
Delibera approvata ma stadio ancora lontano, lontanissimo e molti nodi ancora da sciogliere. Roma-Lido, ponte ciclopedonale sul Tevere e salvaguardia ambientale sono tre nodi che gli emendamenti, presentati e approvati in Consiglio comunale alla delibera che sancisce l’interesse pubblico alla costruzione dello Stadio della Roma a Tor di Valle, hanno ancora di più evidenziato.
Il progetto, di base, resta quello presentato da Pallotta: Stadio da 60mila posti con le sue immediate pertinenze, Business Park con tre torri e area commerciale. Le modifiche principali le ha ottenute il Campidoglio durante la trattativa e riguardano le opere pubbliche: almeno il 50% dei tifosi deve poter raggiungere lo stadio con il trasporto su ferro, il ponte ciclopedonale sul Tevere e la riduzione delle cubature a compensazione.
La ferrovia Roma-Lido rientra nel progetto dalla porta principale. Di emendamenti ne erano stati presentati 119. Ne sono stati dichiarati ammissibili solo 44. E di questi ne sono stati approvati 11 più altri 8 trasformati in ordini del giorno. Fra gli emendamenti approvati, spicca quello, a firma D’Ausilio/De Luca (Pd), che impone, a fianco alla Metro B e alla sua ipotizzata nuova diramazione, il «contestuale potenziamento della Roma-Lido con interventi di ammodernamento e attrezzaggio necessario per il raggiungimento» dello standard di 8 treni l’ora, uno ogni 7 minuti. In sostanza, la Roma Lido diventa una priorità, riconosciuta anche dall’assessore all’Urbanistica Caudo. Il quale però lancia un mezzo allarme e un mezzo segnale di apertura: «La Regione dovrebbe fare l’adeguamento della linea, che costerebbe oltre 260milioni di euro per portarla a frequenza di vera metropolitana, un treno ogni 3 minuti. Se ci riesce, a quel punto la linea sarebbe sufficiente ad assicurare i 20mila passeggeri/ora che servono sullo Stadio e, quindi, i 50milioni di euro dei proponenti da destinare al trasporto su ferro potremmo dirottarli lì». Ma se la Regione non dovesse adeguare la Roma Lido per mancanza di fondi? «In quel caso, Houston abbiamo un problema, sarebbe a rischio l’intero progetto».
Il secondo emendamento che potrebbe modificare il progetto è quello che prevede di «adottare le misure per migliorare la mobilità alternativa, ciclopedonale e l’accessibilità fluviale tramite il Tevere con banchine di approdo», un pallino di Andrea Santoro (Pd), presidente del Municipio IX. Nei disegni definitivi potremmo trovare la sorpresa delle banchine sul Tevere e nuove piste ciclabili.
Rientra, invece, fra quegli emendamenti un po’ più politica quello, presentato da SeL, che pone la «salvaguardia ambientale» come «assoluta priorità» nel valutare l’interesse pubblico. Poco rilevanti gli effetti dell’emendamento nel punto in cui chiede di valutare come «integrazione e modifica al progetto» tutti gli elementi ambientali che emergessero dagli studi, rimane il fatto che l’emendamento, pur inserito nella parte di premessa e non nel deliberato, potrebbe essere un appiglio (ad esempio, quando, per mettere in sicurezza via del Mare e via Ostiense, si dovrà magari procedere al taglio delle alberature) per bloccare i lavori. Ora, per dirla con l’assessore Caudo «si aspettano i progetti, che devono essere seri e di qualità. Saremo intransigenti. A Roma non servono cattedrali nel deserto e presteremo la massima attenzione a ogni singola pagina degli elaborati. Se la Roma vuole fare in fretta, deve fare bene».
Fernando M. Magliaro
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #1 il: 24 Dic 2014, 08:06 »
Tor di Valle, i paletti della Regione: «Evitate aspettative» (Il Messaggero, 24 Dicembre 2014)

Prima pietra nella primavera del 2015? Prima partita nel 2017? «Bisogna evitare di suscitare aspettative non corrispondenti alle previsioni di legge». A scriverlo è la Regione Lazio, proprio a poche ore dal voto dell’Assemblea capitolina che ha riconosciuto il «pubblico interesse» del nuovo stadio a Tor di Valle. Due giorni fa il sindaco Marino aveva parlato di aprire i cantieri già nei primi mesi del prossimo anno. Ma gli uffici del governatore Zingaretti ieri hanno precisato: «La legge prevede che la procedura si debba concludere con deliberazione della Regione entro 180 giorni», «ma nessun procedimento amministrativo può avere inizio fino alla trasmissione dei progetti definitivi». Insomma prima del piano aggiornato l’iter dei 6 mesi non può scattare per legge. Per il momento è stata solo attivata la procedura per la valutazione ambientale strategica.
Nel frattempo Pallotta e il costruttore Parnasi dovranno presentare al Comune il nuovo piano, non più preliminare, ma definitivo, tenendo conto di tutti gli emendamenti che hanno modificato lo studio di fattibilità di agosto, a partire dal rafforzamento della Roma-Lido. A quel punto gli uffici di Palazzo Senatorio valuteranno che il progetto sia coerente con le condizioni poste e, in caso positivo, lo invieranno alla Conferenza dei servizi della Pisana.
GLI OSTACOLI
«La tempistica non sarà brevissima, Pallotta non ha un compito facile», ha ammesso ieri l’assessore comunale Giovanni Caudo, il grande sponsor di questa operazione calcistico-immobiliare che potrebbe portare nelle tasche del manager di Boston e di Parnasi, secondo alcune stime, fino a 800 milioni di euro. Non tanto grazie all’impianto sportivo, che rappresenta appena il 14% delle costruzioni previste e che sarebbe comunque preso in affitto dall’A.S. Roma, quanto per il gigantesco complesso di uffici, negozi e ristoranti che nascerebbe tutto intorno. Una colata di cemento da quasi un milione di metri cubi già dichiarata irregolare dall’Istituto nazionale di Urbanistica, dalle principali organizzazioni ambientaliste e dagli stessi tecnici della Regione, nel rapporto inviato alla conferenza preliminare in Comune. Ma il Campidoglio non ne ha voluto tenere conto e Pallotta ieri ha dichiarato che «non sarà un progetto speculativo, investiremo nelle infrastrutture». «Ma questo aspetto andrà valutato», spiega una consigliera del listino di Zingaretti, Cristiana Avenali. «Le cubature sono spropositate, chiederò che se ne discuta in Commissione Urbanistica».
Ieri dalla Regione spiegavano che gli accertamenti, e le eventuali modifiche, riguarderanno principalmente quattro ambiti: urbanistico, ambientale, paesaggistico e idro-geologico, dato che l’area di Tor di Valle è considerata ad alto rischio esondazione e che secondo l’Istituto di Urbanistica gli interventi di riqualificazione previsti non sono sufficienti. Le verifiche saranno approfondite e i tempi potrebbero anche allungarsi. «La legge sui tempi procedurali delle conferenze dei servizi - spiega ancora la Regione - prevede la possibilità di sospenderne i termini per l’acquisizione dei necessari nulla osta come ad esempio la valutazione d'impatto ambientale».
Lorenzo De Cicco
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #2 il: 24 Dic 2014, 08:07 »
“Stadio della Roma ora piano definitivo”. Ma è polemica (La Repubblica ed. Roma, 24 Dicembre 2014)

SULLO stadio della Roma, dopo il via definitivo in Campidoglio, rimane la polemica, che questa volta arriva dall’XI Municipio, dove il presidente dell’assemblea municipale, Emanuela Mino, della Lista Civica, attacca. «Non sono state recepite dal Comune» afferma «tutte le nostre richieste tra cui soprattutto quella che riguardava il prolungamento della linea B della metropolitana fino alla fermata Muratella della FL1».
E l’assessore all’Urbanistica Caudo chiarisce il percorso futuro: «L'approvazione da parte dell'assemblea della delibera di Tor di Valle è un passo importante, ma non è stato approvato il progetto definitivo, bensì quello di fattibilità. Ora il proponente, ovvero il presidente giallorosso Pallotta, deve presentare il piano finale con tutte le varianti. A quel punto, se il Comune darà l’ok, invierà il progetto stesso alla Regione per la Conferenza dei servizi finale che avrà 180 giorni di tempo per decidere».

Offline Eagles89

*
66
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #3 il: 24 Dic 2014, 08:12 »
Se questi con tutta a mafia dietro ci metteranno anni per fare lo stadio, noi quanto ci metteremo? Secoli!?!?!
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #4 il: 24 Dic 2014, 08:16 »
Lo stadio di Caudo: «Quante bugie, ora parlo io...» (Gazzetta dello Sport ed. Roma, 24 Dicembre 2014)
di Alessandro Catapano

La «sfida titanica», come la definisce, non sarà costruire lo stadio, ma togliere argomenti ai «professionisti del “ma tanto”, quelli per cui “tanto a Roma non siamo capaci”, “tanto le opere pubbliche non si faranno”, “tanto ci vorrà un secolo”. Ecco, cambiare questa mentalità è la vera rivoluzione. Se ci riusciremo — e mi auguro che lo stadio serva proprio a centrare questo risultato —, Roma diventerà una città affidabile per gli investitori stranieri e continuerà a vivere. Se falliremo, finirà per morire». La chiarezza è una delle qualità immediatamente percepibili di Giovanni Caudo. Per spiegarci perché il Comune abbia ritenuto fondamentali per l’interesse pubblico quelle opere infrastrutturali fatte inserire nel progetto di Parnasi e Pallotta, prende carta e penna e in pochi secondi improvvisa una cartina della zona Tor di Valle. «Vede? Di qua c’è la Roma-Fiumicino che porta alla Magliana, di là la via del Mare che porta all’Eur. Grazie allo stadio saranno collegate e faranno risparmiare ai romani tempo e chilometri. Non è “pubblica utilità” questa?». Origini siciliane, due figli, architetto, professore universitario, assessore all’Urbanistica e Trasformazione urbana della Giunta Marino, giusto ieri presentata in Campidoglio nella sua nuova versione: «Ho 12 capicantiere al mio fianco», ha detto il sindaco rivolgendosi ai suoi assessori. Non sappiamo se lo sia per gli altri, ma certamente per Caudo l’espressione è calzante. «Condivido il traguardo fissato da Marino: disegnare una città nuova, migliore, la città dei nostri figli. A questo serviranno lo stadio della Roma, e speriamo, l’Olimpiade 2024».

Però, assessore Caudo, per approvare la delibera di pubblica utilità in Consiglio comunale ci sono voluti 109 giorni, sommati ai 98 che avete impiegato in Giunta fanno 207. E Pallotta ha fatto intendere che se non ci fosse stata l’inchiesta su “Mafia Capitale”...
«Ve lo dico subito, la avremmo approvata lo stesso. Magari con un percorso più tortuoso, ma ce l’avremmo fatta. Duecento giorni per un’opera tanto complessa sono un record. Vorrei ricordare che in questo lasso di tempo la proposta di Parnasi e Pallotta, che abbiamo analizzato con rigore e siamo riusciti a migliorare grazie ad una negoziazione, sottolineo, sempre trasparente, è passata al vaglio di cinque assessorati, delle commissioni, della Giunta, di tutti i capigruppo, anche dell’opposizione, dei Municipi interessati, dell’Assemblea».

Eppure, continuano a piovervi addosso critiche e accuse di ogni genere. Lei le ha definite “bugie”. La prima: lo stadio della Roma sorgerà su un’area a rischio esondazione.
«Questa è la bugia più fastidiosa. L’Autorità di bacino ha attribuito all’area il rischio 3, lo stesso del quartiere Flaminio. L’unica zona a rischio 5 è a Decima, che non ha nulla a che vedere con lo stadio ma per cui noi abbiamo chiesto ai proponenti la messa in sicurezza del Fosso di Vallerano con un investimento di 5 milioni di euro. Quindi, la questione è ribaltata: grazie allo stadio, Decima  non sarà più una zona a rischio esondazione».

La seconda: lo stadio porterà altro cemento su suolo agricolo, in un’area inedificabile...
«Questa è la più clamorosa. Noi non consumiamo un grammo di agro romano, ma trasformiamo una zona dismessa. L’area è già catalogata come “verde per attrezzature sportive” ed è edificabile per 112.000 metri quadri. Perciò, le servirà solo una variante per incrementare i metri edificabili».

Ok, ma accordate a Parnasi il triplo dello spazio: da 112 a 354.000 metri quadri, di cui 305mila per il Centro direzionale e 49mila per lo stadio.
 «La legge sugli stadi richiede l’equilibrio economico e noi ci dobbiamo augurare che il centro direzionale riuscirà a sostenerne i costi. Nella proposta iniziale Parnasi individuava opere infrastrutturali per 270 milioni di euro e si impegnava a coprirne 50. Per tutti gli altri, chiedeva quasi 400mila metri quadri di compensazioni edilizie. Noi a quei 270 milioni ne abbiamo aggiunti una cinquantina per il prolungamento della Metro B, ma gli abbiamo riconosciuto compensazioni “solo” per 195 milioni, scendendo dai 400mila metri quadri richiesti ai 242.000 attuali, che portano il totale dell’area edificabile a 354.000 metri quadri. In sostanza, abbiamo aggiunto opere pubbliche che serviranno a tutti i cittadini e tolto metratura a Parnasi».

Il partito del “ma tanto” prevede che le opere pubbliche non saranno mai completate in tempo per lo stadio...
«Ma noi abbiamo posto ai proponenti un vincolo preciso, che verrà inserito nella Convenzione urbanistica: finché le opere richieste — il prolungamento della Metro B, la riunificazione di Ostiense e via del Mare, lo svincolo della Roma-Fiumicino, il ponte pedonale, la messa in sicurezza del Fosso di Vallerano — non verranno completate, lo stadio non otterrà l’agibilità. Quindi, è interesse di Parnasi e Pallotta realizzarle in tempo. E un vincolo, lo ricordo, lo abbiamo posto anche sulla proprietà dell’impianto: se il contratto tra lo stadio e la Roma si interromperà prima di 30 anni, andrà pagata una penale di 167 milioni. Pochi?».

A proposito di soldi, ma quanti ne serviranno per ottenere l’Olimpiade 2024?
«Se pretendiamo di competere sul budget, perdiamo in partenza. Se, invece, recuperiamo la grande bellezza di Roma, non abbiamo rivali. La città dovrà rimettersi in gioco per l’Olimpiade. Non avremo bisogno di costruire cattedrali, ma di recuperare quello che abbiamo. Flaminio, Olimpico, Foro italico, ripartiamo da lì».

Offline arturo

*****
8026
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #5 il: 24 Dic 2014, 09:29 »
A proposito della penale di 167 mln, a chi dovrà essere versata la somma?

- Al Comune? se si, come questa somma viene usata dal Comune?

- Viene girata alla asroma, e si costruisce, finalmente, uno stadio tutto suo? (semi-cit)

Insomma il  ristoro al danno causatto da palletta, nel non rispettare i 30 anni a chi andrà alla asroma o alla città violentata con l'ennesima speculazione edilizia?

Esiste un giornalista che si ponga queste domande e che le ponga a questi fenomeni che hanno decretato " la pubblica utilità "dello stadio della asroma?

Offline WhiteBluesBrother

*****
15740
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #6 il: 24 Dic 2014, 11:38 »
No aspe', c'è di meglio.
Il vincolo per l'agibilità vs le opere pubbliche, parole di caudo, riguarda lo stadio.
TUTTO il resto, uffici, store, ristoranti e entertainment, può tranquillamente partire.
E il business i picciotti di pallotta e parnasy lo fanno lì, al 90%.
E anche solo il cantiere dello stadio richiamerebbe folle di gonzi che pagherebbero per vedere il lentissimo divenire del mostro kitsch, che a quel punto più dura e meglio è... Con tutti i junk bond farlocchi che vorticano dietro...
Capito?

Offline Magnopèl

*
44010
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #7 il: 24 Dic 2014, 12:49 »
E' proprio questo il punto.
Hanno fatto bingo.

Offline Zanzalf

*****
11963
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #8 il: 24 Dic 2014, 12:54 »
Esatto. Con questa delibera di merda Pallotta già può andare in giro a farsi prestare soldi.

Offline charlie

*
8396
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #9 il: 24 Dic 2014, 13:51 »
Esatto. Con questa delibera di merda Pallotta già può andare in giro a farsi prestare soldi.

Dici?
E le autorizzazioni varie che devono arrivare dalla regione?
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #10 il: 24 Dic 2014, 16:26 »
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #11 il: 24 Dic 2014, 17:10 »

Offline Zanzalf

*****
11963
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #12 il: 24 Dic 2014, 18:15 »
Dici?
E le autorizzazioni varie che devono arrivare dalla regione?

Ma tu che sei un investitore dell'Idaho, e che ti propongono un prodotto in cui c'è una speculazione edilizia con 3 grattacieli a Roma, e sotto c'è scritto "APPROVATO DAL COMUNE", ma ti metti a questionare sui successivi livelli di autorizzazione? Ma neanche te li immagini i successivi livelli. E compri.

Questa merda di delibera è moneta sonante. Ci si risparmiano la vendita di Pijanderculic a gennaio. Merde.
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #13 il: 24 Dic 2014, 19:35 »
Un milione di metri cubi, 305 mila metri quadri escluso lo stadio, quest'ultima è una cifra che leggo nell'intervista di caudo.
Faccio una ricerca molto sommaria su internet per cercare dei termini di paragone.
Un milione di metri cubi è l'empire state building di new York.
La torre Unicredit a Milano ha 25 mila metri quadri. Dal punto di vista della superficie, circa otto di queste torri.
Questo in cambio di un pezzo di ferrovia, un cavalcavia, l'argine di un fosso.

Offline WhiteSnake

*
1835
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #14 il: 25 Dic 2014, 00:21 »
No aspe', c'è di meglio.
Il vincolo per l'agibilità vs le opere pubbliche, parole di caudo, riguarda lo stadio.
TUTTO il resto, uffici, store, ristoranti e entertainment, può tranquillamente partire.
E il business i picciotti di pallotta e parnasy lo fanno lì, al 90%.
E anche solo il cantiere dello stadio richiamerebbe folle di gonzi che pagherebbero per vedere il lentissimo divenire del mostro kitsch, che a quel punto più dura e meglio è... Con tutti i junk bond farlocchi che vorticano dietro...
Capito?

Superfluo aggiungere altro.
Anzi si 1 cosa soltanto : gli introiti dallo stadio (150 mln d'affitto + eventuali diritti d'immagine,brand,altri eventi) sono a quanto pare una frazione risibile dell'intero ricavo previsto.Cioè sono risibili già in confronto al finanziamento necessario,figuriamoci quando devi tener conto della redditività ritenuta congrua.

Sicuramente il soggetto è 1 abilissimo hedge fund manager,ce lo ha appena mostrato.Così come,almeno a me, molti membri della giunta comunale hanno mostrato predilezione per il tornaconto personale.Sarei felice di sbagliarmi ma la speculazione ai danni dei cittadini (residenti) direttamente interessati mi sembra ovvia.

Mi chiedo se l'affitto annuale dello stadio sia un valore nominale negoziabile e/o indicizzabile oppure no.
Il big deal lo fa il presidente,non la riomma:non è scontato che costui continui ad investire allo stesso ritmo (secondo me no,penso investirà quanto basta per mantenere/migliorare la visibilità dei canidi e del brand;non mi aspetterei assolutamente calciatori di fama e costo mondiali).
Deve pur sempre iniziare a raccogliere.

Offline m.m.

*****
1320
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #15 il: 25 Dic 2014, 00:42 »
Ma tu che sei un investitore dell'Idaho, e che ti propongono un prodotto in cui c'è una speculazione edilizia con 3 grattacieli a Roma, e sotto c'è scritto "APPROVATO DAL COMUNE", ma ti metti a questionare sui successivi livelli di autorizzazione? Ma neanche te li immagini i successivi livelli. E compri.

Questa merda di delibera è moneta sonante. Ci si risparmiano la vendita di Pijanderculic a gennaio. Merde.

Il pollo dell'idaho è sempre esistito ed esisterà sempre, come ci ha ricordato scorsese.

Due rilievi:
- la moneta sonante finirá nelle tasche di pallotta, the wolf, non del riom, penny stock da appioppare alla casalinga dell'utah;
- lo stadio il riomm lì non lo farà, e tanto basta.

Offline WhiteBluesBrother

*****
15740
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #16 il: 25 Dic 2014, 11:35 »
Io non so se lo faranno o meno, ma nel caso ci metteranno anni e anni, forse pure lustri.
Colgo l'occasione per augurare alla madre dello screenshottatore un natale col suo chirurgo plastico di pronto soccorso preferito (cit.) dopo aver esagerato coi festeggiamenti, e a tutti i marionoidi un generico natale di merda con albero in fiamme che casca sul presepe, con gravi danni a tutta la casa e con intervento dei vvff e conseguente evacuazione del tugurio.
.
A pallotta auguro un natale con una dolce sorpresa, un bel dawn raid del FBI a casa sua e negli uffici...

Ma solo perché oggi dobbiamo essere più buoni :=)) :asrm

Offline robylele

*****
30200
Sesso: Maschio
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #17 il: 25 Dic 2014, 12:45 »
Il pollo dell'idaho è sempre esistito ed esisterà sempre, come ci ha ricordato scorsese.

Due rilievi:
- la moneta sonante finirá nelle tasche di pallotta, the wolf, non del riom, penny stock da appioppare alla casalinga dell'utah;
- lo stadio il riomm lì non lo farà, e tanto basta.

quoto alla grande.
ma magari un giorno si farà lo stesso ma certo non a quelle condizioni e comunque si parla degli anni '20 inoltrati.

Offline ES

*
10161
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #18 il: 25 Dic 2014, 14:03 »
Ma tu che sei un investitore dell'Idaho, e che ti propongono un prodotto in cui c'è una speculazione edilizia con 3 grattacieli a Roma, e sotto c'è scritto "APPROVATO DAL COMUNE", ma ti metti a questionare sui successivi livelli di autorizzazione? Ma neanche te li immagini i successivi livelli. E compri.

Questa merda di delibera è moneta sonante. Ci si risparmiano la vendita di Pijanderculic a gennaio. Merde.

Offline ES

*
10161
Re:Stadio della.... (Topic ufficiale)
« Risposta #19 il: 25 Dic 2014, 14:07 »
Dici?
E le autorizzazioni varie che devono arrivare dalla regione?
Le autorizzazioni della regione arriveranno puntuali, magna tranquillo su questo.
Stiamo parlando della mafia, questi fanno anche un grattacielo dentro il colosseo fosse remunerativo.
L'unica cosa poisitiva è che la mafia pensa a se, la roma è solo un mezzo, e i romanisti utili idioti per un fine comune.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod