gli attacchi di panico

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Re:gli attacchi di panico
« Risposta #100 il: 24 Gen 2017, 16:39 »
eh lo so sono argomenti delicatissimi e io troppo sbrigativa.
non c'è niente di male nel conforto della parola, in qualcuno che ti ascolta o nell'eviscerare i problemi esistenziali dal concepimento in giù. perché, a meno di non essere tulipani, tutti abbiamo vissuto traumi, dolori, lutti,sradicamenti. alcuni si psicanalizzano e arrivano al nocciolo dei problemi da quando hanno dodici anni, altri non ne hanno questa facoltà e giustamente si affidano a chi, con una bella laurea, riesce a far arrivare ad una certa origine dei dolori.
ma.. e qua subentra il parere personale:
sia chi ha trovato il nocciolo della questione a dodici anni sia chi si affida allo psicologo per me ha necessità di una terapia farmacologica se trattasi di attacchi di panico conclamati.
perchè, per me, hanno a che fare con serotonina, dopamina, cervello fatto ad minchiam e non per il mal di vivere di cui sopra.
Pan, "cervello fatto ad minchiam" detto a una persona che soffra anche solo d'ansia è un'affermazione di una violenza che io trovo inaudita. Inaudita. Mi sono tenuta nel risponderti, perché sono una persona rispettosa. A nessuno è o dovrebbe essere mai consentito di liquidare cose così complesse come i disturbi del sistema emozionale, in modo così inqualificabile. Prendi le medicine, cervello minchione. Che bellezza, mi compiaccio.

Colgo l'occasione per ringraziare Alasinistra e Arkham. E' un piacere anche per me. Per quanto riguarda Arkham: tu non hai dismesso il panico, diciamo che lui si è allontanato quando hai sfoderato la tua arma migliore. Un'arma potentissima, che consiglio a tutti: il sorriso.

Offline pan

*
893
Sesso: Femmina
Re:gli attacchi di panico
« Risposta #101 il: 24 Gen 2017, 16:57 »
 "ad minchiam" per noi non continentali è colloquiale, significa, come si sa, fatto male, non perfetto ma non con tono brutto. lo direi, se avessi l'epatite, ho il fegato fatto ad minchiam. lo direi, se avessi un aneurisma, ho il cuore fatto ad minchiam.
non si capisce perché, se soffrendo di attacchi di panico, e non dandogli una valenza emozionale ma fisica, io non possa dire che il cervello è fatto ad minchiam. è un organo.
è quello il punto, non so come spiegarmi. la  pensiamo diversamente non c'è bisogno di parlare di rispetto, di adepti, di liquidare.. per la sottoscritta non è la mia anima a stare male, è il mio cervello che funziona male e fa intristire la mia anima. ovviamente, pensandola così, cambia proprio tutto il presupposto e ovviamente si ribalta completamente il tenore dei consigli che uno può dare.



Offline Tornado

*
11858
Sesso: Maschio
Re:gli attacchi di panico
« Risposta #102 il: 24 Gen 2017, 17:03 »
All'inizio pensavo fossero stati di ansia: sudorazione fredda improvvisa, battiti accelerati, vampate che ti salgono, tremolio alle mani e nei movimenti. Sensazione sconquassante di stare per morire. La prima l'ho avuto verso i dieci anni...poi sembra che ci sia stato un susseguirsi di attacchi dopo la scomparsa di mio padre due anni fa. Uno stato veramente brutto e pericoloso per chi magari sta guidando. Tra l'altro non mi è chiaro come nascono e perchè esplodono così all'improvviso, da soli o magari mentre stai in metro. Non prendo medicinali...mi passano facendo dei grossi respiri e trovandomi un posto a sedere...ma a volte sento che durano anche una ventina di minuti. Non so se devo preoccuparmi seriamente...

Un abbraccio a tutti
Re:gli attacchi di panico
« Risposta #103 il: 24 Gen 2017, 18:02 »
Mah, Vince', il fatto che ti passino da soli non significa che tu abbia risolto il problema, anzi pare proprio di no. Anch'io sono in grado di smontarli essendo una veterana, almeno le basi le ho imparate. Dipende anche dalla violenza dell'attacco in ogni caso. Il fatto è che si ripresentano e dunque, mi pare che al momento non trovino soluzione. Il problema è, come dicevo prima, il generatore. Ti faccio un esempio. Il primo attacco l'ho avuto a tre anni. Lo ricordo perfettamente. So anche perché l'ho avuto. Più avanti nella vita ho avuto il panico per ragioni disparate, ma tutte rilevanti. E, purtroppo, devo aggiungere, anche più che ragionevoli. Infatti ho perso ciò che temevo di perdere. Anche se è andata peggio di quanto immaginassi. Se il generatore è la perdita da lutto (lo preciso, perché la perdita dei vivi non sussiste. I vivi non si perdono, separano le proprie strade dalle nostre), allora in tutta coscienza ti consiglio di intraprendere un percorso terapeutico. La perdita deve sempre trovare una sua collocazione, altrimenti fa ammalare. Se la tua persona urla attraverso la paura, dalle ascolto e vai a cercare di capire di cosa si tratta.
Scusa, ora devo andare. Le mie sottopersonalità stanno scioperando contro il padrone di turno (questa frase è solo per matti veri). :DD
Ti abbraccio.

Offline italicbold

*****
30860
Sesso: Maschio
Re:gli attacchi di panico
« Risposta #104 il: 24 Gen 2017, 18:10 »
Un abbraccio forte Teré.
 :luv:
Re:gli attacchi di panico
« Risposta #105 il: 24 Gen 2017, 18:19 »
 :luv: :luv: :luv:
Ciao, Andrea.

Offline cry

*
3355
Sesso: Maschio
Re:gli attacchi di panico
« Risposta #106 il: 25 Gen 2017, 00:16 »
Devo ringraziarvi, poi leggerò bene tutti i messaggi che avete scritto, dal più dolce al più crudo, servono tutti, ma soprattutto è importante la considerazione che avete dato al mio problema(seppur minimo).
Grazie ancora
Continuerò a scrivere e ad aggiornarvi sulla mia situazione, che è ad un punto di svolta molto importante.
Grazie 😘

Offline edge24

*
5055
Sesso: Maschio
Re:gli attacchi di panico
« Risposta #107 il: 25 Gen 2017, 12:48 »
anch'io ho avuto un'esperienza del genere. non saprei proprio se definirla attacco di panico, ero in ospedale, qualche giorno dopo il trapianto, non respiravo, avevo la pressione bassissima, un malessere generale (mai provato un magone del genere) ed avevo paura di morire sotto i ferri (dovevo rientrare in sala operatoria per la quinta volta :=)) ). non è mai più succcesso (né prima né dopo). consigli dai più esperti?
Re:gli attacchi di panico
« Risposta #108 il: 25 Gen 2017, 15:37 »
anch'io ho avuto un'esperienza del genere. non saprei proprio se definirla attacco di panico, ero in ospedale, qualche giorno dopo il trapianto, non respiravo, avevo la pressione bassissima, un malessere generale (mai provato un magone del genere) ed avevo paura di morire sotto i ferri (dovevo rientrare in sala operatoria per la quinta volta :=)) ). non è mai più succcesso (né prima né dopo). consigli dai più esperti?
Non è un attacco di panico, questa è fifa da operazione. La cosa più normale del mondo. Dovrò operarmi anch'io. Prevedo che mi faranno gentilmente indossare una camicia di forza. :DD

Offline carib

*****
26643
Sesso: Maschio
Re:gli attacchi di panico
« Risposta #109 il: 25 Gen 2017, 20:43 »
anch'io ho avuto un'esperienza del genere. non saprei proprio se definirla attacco di panico, ero in ospedale, qualche giorno dopo il trapianto, non respiravo, avevo la pressione bassissima, un malessere generale (mai provato un magone del genere) ed avevo paura di morire sotto i ferri (dovevo rientrare in sala operatoria per la quinta volta :=)) ). non è mai più succcesso (né prima né dopo). consigli dai più esperti?
isterico  :=))

Offline cry

*
3355
Sesso: Maschio
Re:gli attacchi di panico
« Risposta #110 il: 09 Feb 2017, 22:34 »
Sono quasi due settimane che convivo con la mia donna, sto meglio,sono impegnato al massimo tutta la giornata , ho cambiato decisamente vita, abito in un altra regione(Umbria , nella bellissima San gemini,vedo spesso grigioni che adoro),faccio il pendolare con il treno , vengo tutti i giorni a Roma!
È ancora poco per dire esattamente se l'ansia è "passata", ho semplicemente ansie diverse dal solito, tipo non riuscire a prendere il treno, arrivare tardi a lavoro, ma faccio una corsa a perdifiato e sembra che passa tutto.

Offline marco87

*
10753
Sesso: Maschio
Re:gli attacchi di panico
« Risposta #111 il: 09 Feb 2017, 22:53 »
penso che gli attacchi di panico siano dovuti ad un disturbo dell'ansia .
l'ansia forse quando diventa eccessiva scatena queste brutte sensazioni, c'è chi gli prende in un modo e chi in un altro ma l'ansia genera brutti scherzi purtroppo.

Offline cry

*
3355
Sesso: Maschio
Re:gli attacchi di panico
« Risposta #112 il: 10 Feb 2017, 11:23 »
penso che gli attacchi di panico siano dovuti ad un disturbo dell'ansia .
l'ansia forse quando diventa eccessiva scatena queste brutte sensazioni, c'è chi gli prende in un modo e chi in un altro ma l'ansia genera brutti scherzi purtroppo.
sono d'accordo!
Io ho sempre avuto varie ansie, ma davo poco peso, dopo un paio di brutte storie, ho iniziato ad accusare di più queste ansie .
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod