Curva Nord

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline PabloHoney

*****
10426
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #240 il: 10 Ago 2017, 13:51 »

Mi ha stupito non averl trovato nella rassegna di ieri.


Anfatty.. strano  :s

Offline zorba

*****
2308
Re:Curva Nord
« Risposta #241 il: 10 Ago 2017, 18:46 »
Dite ar "Tonno" de sta' in campana perché Olympia potrebbe scambiarlo per il salmone di cui va tanto ghiotta...
 :=))

Offline Sbracchiosauro

*****
10227
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #242 il: 10 Ago 2017, 19:52 »
se Tonno torna in Curva, anche il Sauro deve tornà in Curva

Offline Palo

*****
10320
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #243 il: 10 Ago 2017, 20:22 »
se Tonno torna in Curva, anche il Sauro deve tornà in Curva
A sbra', co' tutto il rispetto, ma ...

Offline PabloHoney

*****
10426
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #244 il: 11 Ago 2017, 12:00 »
se Tonno torna in Curva, anche il Sauro deve tornà in Curva

anche perché la curva e' grande e non e' che te ce devi mette proprio vicino
Re:Curva Nord
« Risposta #245 il: 11 Ago 2017, 12:10 »
Quindi i vetusti tamburi fuori e il megafono dentro.
Grande, daje daje!
Naturalmente i cori del ca.zzo restano fuori coi tamburi vè?
Lo strumento riabilitato servirà a compattare il tifo per la Lazio e basta, non è che poi il megafono servirà per amplificare, che sò, giallorosso ebreo o ragazzi di buda, giusto?
Sennò meglio che il megafono resta a fare compagnia ai tamburi, o no?

Offline ES

*
10103
Re:Curva Nord
« Risposta #246 il: 11 Ago 2017, 19:39 »
Quindi i vetusti tamburi fuori e il megafono dentro.
Grande, daje daje!
Naturalmente i cori del ca.zzo restano fuori coi tamburi vè?
Lo strumento riabilitato servirà a compattare il tifo per la Lazio e basta, non è che poi il megafono servirà per amplificare, che sò, giallorosso ebreo o ragazzi di buda, giusto?
Sennò meglio che il megafono resta a fare compagnia ai tamburi, o no?

Sono fuori dal mondo curva da un bel pò.

Siamo certi che sti cori partano autorizzati dal direttivo o non siano dei gruppi sciolti?
Vado a naso, non so.
Perché non mi sembrerebbe logico.

Offline Palo

*****
10320
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #247 il: 13 Ago 2017, 00:36 »
È pronta una grande accoglienza per kbd. Domani.

Offline Bambino

*
4770
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #248 il: 13 Ago 2017, 00:40 »
È pronta una grande accoglienza per kbd. Domani.

capirai, me posso immagina.... speriamo bene..

Online ronefor

*
2691
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #249 il: 01 ſet 2017, 14:21 »
Bello il comunicato degli IRR
 :ssl

Offline charlie

*
8356
Re:Curva Nord
« Risposta #250 il: 07 ſet 2017, 11:45 »
Ho lasciato la curva durante gli anni della contestazione dura, degli arresti in merito alla cordata Chinaglia.
Dopo averci passato l'adolescenza, gli anni dei trionfi, cominciavano a pesarmi certi atteggiamenti, certe dinamiche. La contestazione fu la goccia che mi fece prendere questa decisione: lasciare gli amici di stadio e andarmene, da solo, dall'altra parte dello stadio.
È stato difficile abituarsi ad un altro tipo di partita, stando seduto, cantando poco.
Dopo i primi due anni mi sono abituato ed ho cominciato addirittura ad apprezzarne alcuni aspetti. Gli amici e i parenti li incontravo a Ponte Milvio prima del match, poi ognuno per la sua strada. Continuavo però ad andare in curva per i derby e per le partite di coppa, per le finali. Quando sentivo che la Lazio fosse davanti a tutto, nelle occasioni importanti stavo li. Gli amici, con gli anni, si sono allontanati dallo stafio. Non sono riuscito a convincere nessuno a farmi compagnia in distinti sud est. Hanno abbandonato lo stadio per protesta, per pigrizia, per il sopraggiungere di impegni lavorativi e familiari.
Io no. Io la Lazio, finché posso, la voglio vedere, anche se siamo in 3000.
In quest'ultimo anno ho respirato un'aria diversa, ho visto il pubblico laziale ricompattato intorno ad una squadra non fenomenale, ma molto Laziale.
Ho cominciato a pensare di tornare in curva seriamente dopo i derby di Coppa Italia.
Oggi ho rifatto l'abbonamento in curva nord, anche mio fratello lo ha rifatto. Ritroverò i miei cugini che sono sempre rimasti lì, ho convinto un giovane collega ad abbonarsi pure lui.
Con un mio caro e vecchio amico di curva non ce l'ho fatta, nonostante l'abbia sentito tentato davvero molto. Tempo al tempo, intanto col Milan prenderà il biglietto.
Sono contento di tornare a vivermi lo stadio e la Lazio in un certo modo. Non sono più il ragazzino di 10 anni fa, so che ci saranno cose sulle quali mi turerò il naso, le orecchie e la bocca.
Però la prospettiva di abbracciare di nuovo mio fratello, i miei cugini e qualche amico ad un gol di Immobile mi piace da impazzire.
Come la consapevolezza di andare al lavoro il lunedì senza voce.
Forza Lazio e Forza Laziali.

Offline rocchigol

*****
9562
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #251 il: 07 ſet 2017, 12:59 »
Ho lasciato la curva durante gli anni della contestazione dura, degli arresti in merito alla cordata Chinaglia.
Dopo averci passato l'adolescenza, gli anni dei trionfi, cominciavano a pesarmi certi atteggiamenti, certe dinamiche. La contestazione fu la goccia che mi fece prendere questa decisione: lasciare gli amici di stadio e andarmene, da solo, dall'altra parte dello stadio.
È stato difficile abituarsi ad un altro tipo di partita, stando seduto, cantando poco.
Dopo i primi due anni mi sono abituato ed ho cominciato addirittura ad apprezzarne alcuni aspetti. Gli amici e i parenti li incontravo a Ponte Milvio prima del match, poi ognuno per la sua strada. Continuavo però ad andare in curva per i derby e per le partite di coppa, per le finali. Quando sentivo che la Lazio fosse davanti a tutto, nelle occasioni importanti stavo li. Gli amici, con gli anni, si sono allontanati dallo stafio. Non sono riuscito a convincere nessuno a farmi compagnia in distinti sud est. Hanno abbandonato lo stadio per protesta, per pigrizia, per il sopraggiungere di impegni lavorativi e familiari.
Io no. Io la Lazio, finché posso, la voglio vedere, anche se siamo in 3000.
In quest'ultimo anno ho respirato un'aria diversa, ho visto il pubblico laziale ricompattato intorno ad una squadra non fenomenale, ma molto Laziale.
Ho cominciato a pensare di tornare in curva seriamente dopo i derby di Coppa Italia.
Oggi ho rifatto l'abbonamento in curva nord, anche mio fratello lo ha rifatto. Ritroverò i miei cugini che sono sempre rimasti lì, ho convinto un giovane collega ad abbonarsi pure lui.
Con un mio caro e vecchio amico di curva non ce l'ho fatta, nonostante l'abbia sentito tentato davvero molto. Tempo al tempo, intanto col Milan prenderà il biglietto.
Sono contento di tornare a vivermi lo stadio e la Lazio in un certo modo. Non sono più il ragazzino di 10 anni fa, so che ci saranno cose sulle quali mi turerò il naso, le orecchie e la bocca.
Però la prospettiva di abbracciare di nuovo mio fratello, i miei cugini e qualche amico ad un gol di Immobile mi piace da impazzire.
Come la consapevolezza di andare al lavoro il lunedì senza voce.
Forza Lazio e Forza Laziali.

E' quello che penso anche io... basterebbe un piccolissimo sforzo di tutti, siamo vicini.
Limitare politica e caxxate da una parte, mettere tempo amore e voce da parte di tutti i tifosi "normali".
Re:Curva Nord
« Risposta #252 il: 07 ſet 2017, 18:06 »
Quindi i vetusti tamburi fuori e il megafono dentro.
Grande, daje daje!
Naturalmente i cori del ca.zzo restano fuori coi tamburi vè?
Lo strumento riabilitato servirà a compattare il tifo per la Lazio e basta, non è che poi il megafono servirà per amplificare, che sò, giallorosso ebreo o ragazzi di buda, giusto?
Sennò meglio che il megafono resta a fare compagnia ai tamburi, o no?


Guarda, volevo aprire un topic subito dopo la vittoria della SCI contro la giuve, ma poi mi sono detto: "perchè rovinare un così bel momento? godiamoci la vittoria e diamo tempo al tempo". Non andavo in curva dal preliminare di Champions contro il Benfica, vinto 3 a 1. Era esattamente il 13 agosto 2003, quindi sono rientrato in curva dopo 14 anni pari pari. Da allora, da quando orde di ragazzini sudati imploravano il gol a Sinisa prima della punizione del 3 a 1 al grido di "dajeee zingaroooo" e dopo tutta una serie di cori e gesti richiamanti il nazi-fascismo, da allora, ho deciso di non mettere più piede in curva. Scelta mia.
Il ritorno non ha avuto un esordio migliore. Appena preso posto piuttosto in basso, fila 31 mi pare, assisto ad una litigata ridicola fra 50enni, durata un buona decina di minuti, sullo stare in piedi o seduti. ma roba di schiaffoni e cazzotti davanti ai propri figli... il soggetto in questione, che non voleva mettersi seduto perchè "se voi sta' seduto taa vedi a casa sur divano", era presente col figlio che avrà avuto forse 14 anni. Durante la partita è stato un turbillon di braccia tese, ragazzi di Buda, romanista ebreo, e chi più ne ha più ne metta, sia da parte sua che del figlio. E con lui c'erano diversi ragazzetti sulla ventina che alzavano il braccio destro teso a mo di saluto nazi-fascista, che io ce li avrei voluti far vivere all'epoca del fascio... Non voglio aprire alcuna discussione sul perchè e sul come, non mi interessa sapere nulla a riguardo. Io sono profondamente antifascista e queste cose, per me sono inaccettabili. Figuriamoci dentro uno stadio. Questa gente fa il male della Lazio. Punto.

Offline angeloadamo

*****
961
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #253 il: 14 ſet 2017, 15:12 »

Offline angeloadamo

*****
961
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #254 il: 14 ſet 2017, 15:14 »
da repubblica online

Rayban, Clark e bomber: il dress code del tifoso laziale

Il gruppo deglli 'Irriducibili' ha diffuso un decalogo su come vestirsi per entrare in Nord. Questa la ragione alla base del necessario distinguo: "Nella nostra curva cominciano ad affacciarsi personaggi figli dei tempi e di un declino sempre più visibile della nostra società"

di MATTEO PINCI

ROMA - Esiste un dress code per entrare a Wimbledon, il tempio londinese del tennis: persino per giocarci bisogna stare attenti a non violare norme rigidissime, come sanno le tenniste costrette negli anni a cambiare reggiseno perché quello che portavano non era bianco. Da qualche giorno esiste un dress code pure per entrare in curva. In quella laziale, almeno. Che non sarà Wimbledon, ma forse non a caso tradisce da sempre una certa vocazione "british". Sugli smartphone di tanti tifosi della Lazio, da qualche ora, rimbalza un opuscolo, firmato dal gruppo degli "Irriducibili", distribuito domenica pomeriggio all'interno dell'Olimpico. Un decalogo, con tanto di illustrazione, su come vestirsi per andare a tifare per Immobile e Parolo: "Lo stile esteriore è sempre stato lo specchio di ciò che rappresentiamo", descrive orgoglioso il "manifesto", prendendo le distanze "dai capelloni di Bergamo e Brescia", dalla "colorita decadenza dei nostri cugini", inteso come romanisti. Persino, con una vena di discriminazione tutt'altro che accennata, dagli "zingari di Pescara". A render necessario, quasi indispensabile, un distinguo da tutta questa marmaglia, il fatto che "nella nostra curva cominciano ad affacciarsi personaggi figli dei tempi e di un declino sempre più visibile della nostra società". Inevitabile allora per chi ne tiene le fila intervenire: con un messaggio "moralizzatore" ben descritto dal volantino.
   
Nell'immagine sul retro del foglietto, bianco con testo in azzurro perché "lo stile esteriore" è importante ma i colori sociali di più, compaiono allora i disegni nemmeno troppo stilizzati di due figure: da una parte, il "vero" laziale. Che veste rigorosamente "casual", e quindi indossa, come da didascalie accanto al disegno, "cappello di cachemire o cappello del gruppo", al massimo "da baseball con visiera curva". Occhiali da sole solo Rayban o Persol, giubotti come bomber, militari, oppure di marche specifiche: ovviamente, in stile casual. Scarpe New Balance o Clark, con tolleranza verso le Adidas. Insomma, da pariolino, o al massimo di "Roma nord": il tipo da aperitivo a Ponte Milvio, ecco. Arricchito ovviamente dalla sciarpa: del gruppo - dunque, degli Irriducibili, come si vede dalla sigla "Irr" nel disegnino - o del merchandising ufficiale della Lazio. Non delle bancarelle, come quella che invece indossa, legata in vita (e con la scritta, tipicamente romanista, "che dio ve furmini"), l'immagine del tifoso che in Curva Nord rigettano. Lo indicano sotto la scritta "Gli altri", per esser chiari. E sono quelli con i capelli con il "doppio taglio, il "bananone" (ossia il ciuffo all'indietro) o le scritte. E poi, quelli che portano "occhiali enormi oro e argento, i piumini con colori sgargianti, tuta o o pantaloni col cavallo basso", magari tenuti alzati sulla caviglia con il risvoltino. E ancora, i calzini di spugna, scarpe con il carrarmato, o le borchie. Insomma, per il "coatto" in Nord non v'è posto.
 

Il problema è che le foto di quel foglietto sono finite pure sui telefoni degli "odiati" romanisti. E sfortunatamente quel così accurato sfoggio di identità, si prestava anche moltissimo a diventare materia di sfottò tra tifosi: e quindi l'omino del volantino, il "vero" laziale, s'è ritrovato protagonista di locandine reinterpretate ("Il laziale veste prada"), di immagini simboliche, di viaggi lunari stile "trova l'intruso". Con grande rammarico di tutti quegli ultrà che da anni discutono di come si debba vestire un tifoso vero. Nel 2006, quello del dress code da curva era diventato addirittura un argomento su cui si dibatteva nei blog degli ultrà di mezzo mondo. Innescando uno scontro fra titani: da una parte la vecchia filosofia del "portare sempre



la maglia del club" (ufficiale, ça va sans dire), dall'altra il dilagante stile casual da trasformare nella "uniforme" da stadio. E si rischiava persino l'incidente diplomatico sul mitico cappellino Burberry (sarà per questo che non lo producono più?). Di certo, il volantino evoca un po' quegli strani inviti per feste a tema: ora non resta che scegliere se andare in curva vestiti da pariolini o a quel compleanno in stile Anni '70.

Online JoeStrummer

*****
11094
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #255 il: 14 ſet 2017, 15:14 »
Ma veramente c'e' il dress code?  :o

http://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/lazio/2017/09/14/news/dress_code_tifoso_laziale-175483525/?ref=RHPPRT-BS-I0-C4-P1-S1.4-F4

IL "dress code" c'è da sempre.

E' fin dall'origine un cavallo di battaglia degli Irriducibili.

Offline angeloadamo

*****
961
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #256 il: 14 ſet 2017, 15:17 »
IL "dress code" c'è da sempre.

E' fin dall'origine un cavallo di battaglia degli Irriducibili.
Ormai sono 10 anni che non sono piu' abbonato, ma nei miei 15 anni di abbonamento in nord mi sono sempre vestito come volevo....ma vabbe'...io all'abbigliamento faccio poco caso in genere sempre

Online JoeStrummer

*****
11094
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #257 il: 14 ſet 2017, 15:19 »
Ormai sono 10 anni che non sono piu' abbonato, ma nei miei 15 anni di abbonamento in nord mi sono sempre vestito come volevo....ma vabbe'...io all'abbigliamento faccio poco caso in genere sempre

Beh diciamo che in generale il "dress code" è destinato agli appartenenti al gruppo anche se hanno sempre tentato (più o meno energicamente a seconda dei periodi) di estenderlo a tutta la Curva...

Offline porga

*
886
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #258 il: 14 ſet 2017, 15:26 »

- porcoddue: mo devo spenne sei piotte pe' anna' ao stadio...manco ar matrimonio de mi sorella...

Online JoeStrummer

*****
11094
Sesso: Maschio
Re:Curva Nord
« Risposta #259 il: 14 ſet 2017, 15:28 »

- porcoddue: mo devo spenne sei piotte pe' anna' ao stadio...manco ar matrimonio de mi sorella...

 :beer:
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod