Gomorra 2

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline fish_mark

*****
15968
Re:Gomorra 2
« Risposta #20 il: 14 Giu 2016, 16:27 »
Quindi?

E' sempre più affascinante raccontare di un fuorilegge che di un integrato.
E poi che facciamo? Una bella puntata di Gomorra su una operazione di polizia a Secondigliano in cui vengono arrestati tutti? Mica è la Piovra.

Offline FatDanny

*****
14444
Re:Gomorra 2
« Risposta #21 il: 14 Giu 2016, 16:45 »
Ma perchè le uniche due alternative sono queste?
Solo nello scontro Camorra/Stato è possibile individuare personaggi alternativi utili alla narrazione?
O in una retata espedienti per dare "un colpo al cerchio e uno alla botte" (cosa che risulterebbe pure inutile)?
Esistono solo gli Scialoja di turno? Mi sembra riduttivo.

Non era ipotizzabile, tanto per fare un esempio, immaginare uno o più personaggi di anti-camorra sociale?
Se parliamo di cinematografia anche la figura del ribelle può essere altrettanto affascinante.
Gian Maria Volontè molto spesso ne ha vestito i panni.
Ma un Prete (guarda un po' che te arrivo a proporre come esempio) che non sia un sessantenne goffo e colluso ma un bel giovine, dallo sguardo altrettanto convincente, che affronta senza paura faccia a faccia i savastano e i di marzio di turno non poteva costituire un espendiente narrativo altrettanto efficace e fascinoso, senza intaccare il ritmo e il sapore della serie? Un Prete cazzo, mica un attivista sociale che lavora con i bambini di Scampia (ce sarebbero anche quelli, volendo).
Narrare questo in cosa avrebbe penalizzato la serie?
Oppure un personaggio redento, un Principe che ad un certo punto decide di mollare, avrebbe fatto così schifo, avrebbe inquinato il flusso narrativo? Io non credo.

Qui si parla di possibilità narrative, non di una necessità. Né in un senso né nell'altro.
Quello che sto dicendo è che la scelta degli sceneggiatori era tutt'altro che obbligata, pur mantenendo come priorità la qualità cinematografica della serie. Se hanno scelto altro, se hanno scelto di attenersi al registro di Romanzo Criminale, in cui tutta la scena è occupata dai criminali, credo che questa scelta entri nella valutazione della serie tanto quanto le inquadrature, il montaggio o i dialoghi.
E risulta un'enorme pecca di un prodotto tecnicamente di ottima qualità.
Perché gli sceneggiatori di una serie offrono si un servizio pubblico, nella misura in cui costruiscono senso comune.
E magari non sarà chiaro agli sceneggiatori di questa contemporaneità misera, perchè negli sceneggiatori di qualche decennio fa questa consapevolezza era ben presente. Non esiste solo la vendibilità di un prodotto, esiste anche il messaggio che porta con sé.

Offline fish_mark

*****
15968
Re:Gomorra 2
« Risposta #22 il: 14 Giu 2016, 17:47 »
in realtà un prete compare nelle prime puntate nel chiedere a Conte di evitare di continuare lo spaccio davanti alla sua Chiesa. Il boss si dimostra solidale e disponibile quando in realtà lo usa per il suo interesse personale.
Di seguito c'è anche una piccola manifestazione scortata dalla polizia di sera di fronte alle piazze di spaccio.

La scelta di sceneggiatura di concentrarre tutta la narrazione nell'ambito criminale è insindacabile, anche se a mio parere limitata. I rischi di emulazione sono in realtà il prodotto della potenza del mezzo televisivo che entra in tutte le cas ee che lì a Napoli, in un terreno purtroppo molto fertile, trova riscontri in termini di imitazione e di diffusione di modelli negativi ma carichi di fascinazione. Eh si, perché non c'era bisogno di Gomorra la serie per fare dire molti dei ragazzi di strada di Secondigliano: "vogl morire acciso".

Cialtron_Heston

Cialtron_Heston

Re:Gomorra 2
« Risposta #23 il: 14 Giu 2016, 18:12 »
A me ha stufato, ho mollato al secondo episodio.
Stop, basta, aria nuova.

Offline AguilaRoja

*****
7278
Sesso: Maschio
Re:Gomorra 2
« Risposta #24 il: 14 Giu 2016, 20:54 »
Massima stima per Sollima e tutto il cast tutti davvero eccezionali. Ho rosicato da morire per la morte di Salvatore Conte e di O'Track ma questa seconda serie é davvero intricata chissà cosa ci aspetta...


Ho aperto il topic solo adesso e non l'ho neanche letto, mi sono fermato a una delle prime reply.
Lungi da me giudicare maverick, ma è esattamente questo il motivo per cui boicotto la serie (ho visto la prima, tecnicamente impeccabile, ma poi ci ho ragionato su e l'ho mollata).

Non si può, in Italia, parlare della Camorra in questo modo.
Che sia per fiction o per realtà.
Semplicemente non si può.

Offline AguilaRoja

*****
7278
Sesso: Maschio
Re:Gomorra 2
« Risposta #25 il: 14 Giu 2016, 20:56 »
@Fat danny

sicuramente avrai visto una volta in vita tua Accattone.
Il protagonista, Vittorio, ha sotto di se delle ragazze che sfrutta come prostitute. Insomma vive al di fuori della legge. A un certo punto compare per qualche scena il fratello che invece è un umile operaio che vive del suo lavoro e che al bar viene preso in giro da lui e i suoi amici. Di questo personaggio se ne perderanno le tracce nel film, mentre Vittorio continuerà la sua corsa fino alla morte.

Anche qui non c'è nessun intento pedagogico, posto che Pasolini proprio non ne aveva: anzi, voleva esattamente il contrario, ossia la non omologazione delle masse contadine e il loro mantenimento in quella condizione.

FM, tutto vero.
Ma sono passati 50 anni, e la comunicazione ha leggermente - leggermente - cambiato canoni e ritmo di diffusione.

Offline BlueBlood

*
454
Sesso: Maschio
Re:Gomorra 2
« Risposta #26 il: 14 Giu 2016, 21:38 »
Ma perchè le uniche due alternative sono queste?
Solo nello scontro Camorra/Stato è possibile individuare personaggi alternativi utili alla narrazione?
O in una retata espedienti per dare "un colpo al cerchio e uno alla botte" (cosa che risulterebbe pure inutile)?
Esistono solo gli Scialoja di turno? Mi sembra riduttivo.

Non era ipotizzabile, tanto per fare un esempio, immaginare uno o più personaggi di anti-camorra sociale?
Se parliamo di cinematografia anche la figura del ribelle può essere altrettanto affascinante.
Gian Maria Volontè molto spesso ne ha vestito i panni.
Ma un Prete (guarda un po' che te arrivo a proporre come esempio) che non sia un sessantenne goffo e colluso ma un bel giovine, dallo sguardo altrettanto convincente, che affronta senza paura faccia a faccia i savastano e i di marzio di turno non poteva costituire un espendiente narrativo altrettanto efficace e fascinoso, senza intaccare il ritmo e il sapore della serie? Un Prete cazzo, mica un attivista sociale che lavora con i bambini di Scampia (ce sarebbero anche quelli, volendo).
Narrare questo in cosa avrebbe penalizzato la serie?
Oppure un personaggio redento, un Principe che ad un certo punto decide di mollare, avrebbe fatto così schifo, avrebbe inquinato il flusso narrativo? Io non credo.

Qui si parla di possibilità narrative, non di una necessità. Né in un senso né nell'altro.
Quello che sto dicendo è che la scelta degli sceneggiatori era tutt'altro che obbligata, pur mantenendo come priorità la qualità cinematografica della serie. Se hanno scelto altro, se hanno scelto di attenersi al registro di Romanzo Criminale, in cui tutta la scena è occupata dai criminali, credo che questa scelta entri nella valutazione della serie tanto quanto le inquadrature, il montaggio o i dialoghi.
E risulta un'enorme pecca di un prodotto tecnicamente di ottima qualità.
Perché gli sceneggiatori di una serie offrono si un servizio pubblico, nella misura in cui costruiscono senso comune.
E magari non sarà chiaro agli sceneggiatori di questa contemporaneità misera, perchè negli sceneggiatori di qualche decennio fa questa consapevolezza era ben presente. Non esiste solo la vendibilità di un prodotto, esiste anche il messaggio che porta con sé.
E secondo te sarebbe venuta meno la fascinazione di un Ciro di Marzio o di un personaggio a caso aggiungendo gli  elementi di cui fai menzione? Pensa ad esempio ad American History X in cui il nazista si redime conoscendo la situazione di un ragazzo nero in galera, bellissimo come messaggio ma in quanti hanno recepito il significato? e come è stato interpretato?
Re:Gomorra 2
« Risposta #27 il: 15 Giu 2016, 08:41 »
Nel frattempo ieri è finita come doveva finire.

Il vero vincitore, ammesso che ce ne sia uno, è Genny.
E pensare che all'inizio della prima serie non gli avrei dato un euro.

Si farà una terza serie?

Offline FatDanny

*****
14444
Re:Gomorra 2
« Risposta #28 il: 15 Giu 2016, 09:44 »
in realtà un prete compare nelle prime puntate nel chiedere a Conte di evitare di continuare lo spaccio davanti alla sua Chiesa. Il boss si dimostra solidale e disponibile quando in realtà lo usa per il suo interesse personale.
Di seguito c'è anche una piccola manifestazione scortata dalla polizia di sera di fronte alle piazze di spaccio.

La scelta di sceneggiatura di concentrarre tutta la narrazione nell'ambito criminale è insindacabile, anche se a mio parere limitata. I rischi di emulazione sono in realtà il prodotto della potenza del mezzo televisivo che entra in tutte le cas ee che lì a Napoli, in un terreno purtroppo molto fertile, trova riscontri in termini di imitazione e di diffusione di modelli negativi ma carichi di fascinazione. Eh si, perché non c'era bisogno di Gomorra la serie per fare dire molti dei ragazzi di strada di Secondigliano: "vogl morire acciso".

e quel prete che compare te sembra una narrazione accettabile dell'anticamorra?
Un babbeo sessantenne che si piscia sotto anche solo a guardare Conte e che si fa usare senza dire "A".
oppure il professore della prima serie che accetta di candidarsi con Genny per allontanare da lui la figlia?
Ma per favore, l'anticamorra in Gomorra è trattata in modo ridicolo, è raffigurata come un manipolo sparpagliato di poracci che tira a campare.
Ma la realtà non è questa. Nel napoletano l'anticamorra esiste e ha gli occhi di persone cariche di dignità, che in questa serie scompaiono.

Che la scelta di sceneggiatura sia insindacabile non sono proprio d'accordo.
Ma come, mezza italia a sindacare su quando e se potesse morire Conte, quindi si mette bocca sul filone narrativo principale, e mo' non si può sindacare su come è raffigurato il contesto in cui la storia si svolge?

Il paragone con Accattone non regge proprio. Perché la specificità di Gomorra è quella non di parlare di una semplice realtà criminale, ma di una realtà sociale e organizzata.
Anche Heat - La Sfida parla di rapinatori. Ma è il fenomeno sociale REALE a fare la differenza.
Detto questo non si sta dicendo di comporre una serie didascalica, ma della possibilità di restituire una rappresentazione più complessa, come la situazione richiederebbe.

Ho postato l'articolo di Rosario perché mi sembra cogliere bene la questione: certo che la Camorra esisteva e uccideva anche da prima, ma adesso gli abbiamo regalato anche una bella celebrazione che, paradosso, aiuterà nel reclutamento.
Gli sceneggiatori, volontariamente o no, un servizio pubblico l'hanno reso, peccato sia stato in senso dannoso.
Perchè un prodotto di questo tipo un servizio pubblico lo fa sempre e quindi deve tenere conto eccome dei suoi effetti.

E secondo te sarebbe venuta meno la fascinazione di un Ciro di Marzio o di un personaggio a caso aggiungendo gli  elementi di cui fai menzione? Pensa ad esempio ad American History X in cui il nazista si redime conoscendo la situazione di un ragazzo nero in galera, bellissimo come messaggio ma in quanti hanno recepito il significato? e come è stato interpretato?

Credo proprio di si.
Vedi, per fare un esempio, quanto accaduto ieri ha sicuramente gettato un'ombra su Malammore, ma comunque resta un episodio "in pareggio" con tanti altri, coerente ad una logica. Stessa cosa dicasi per la ragazza uccisa sul finire della prima serie.
Rappresenta la stessa scena con una vittima del tutto estranea a quella logica e vedi se c'è il meccanismo di fascinazione o quello di eliminazione del personaggio.

Dietro le piroette scenografiche e tecnico-artistiche noi semo abituati a poche distinte scalette.
Tolti i colpi di scena (che servono esattamente a questo) ci aspettiamo che delle cose accadano.
Se un personaggio esce pesantemente dal seminato, noi ci aspettiamo che muoia perchè i codici narrativi che abbiamo introiettato questo dicono.
Ma in Gomorra, che è rappresentazione autoreferenziale della Camorra, difficilmente qualche boss va fuori dal seminato (ossia viola la logica interna su cui si basa tutta la serie), perché anche il 90% degli omicidi che compiono rientra in essa.

Offline BlueBlood

*
454
Sesso: Maschio
Re:Gomorra 2
« Risposta #29 il: 15 Giu 2016, 15:11 »
A me ha stufato, ho mollato al secondo episodio.
Stop, basta, aria nuova.
Are you sure?
Re:Gomorra 2
« Risposta #30 il: 15 Giu 2016, 15:16 »
WTF????

Offline fish_mark

*****
15968
Re:Gomorra 2
« Risposta #31 il: 15 Giu 2016, 15:53 »
e quel prete che compare te sembra una narrazione accettabile dell'anticamorra?
Un babbeo sessantenne che si piscia sotto anche solo a guardare Conte e che si fa usare senza dire "A".
oppure il professore della prima serie che accetta di candidarsi con Genny per allontanare da lui la figlia?
Ma per favore, l'anticamorra in Gomorra è trattata in modo ridicolo, è raffigurata come un manipolo sparpagliato di poracci che tira a campare.
Ma la realtà non è questa. Nel napoletano l'anticamorra esiste e ha gli occhi di persone cariche di dignità, che in questa serie scompaiono.

Che la scelta di sceneggiatura sia insindacabile non sono proprio d'accordo.
Ma come, mezza italia a sindacare su quando e se potesse morire Conte, quindi si mette bocca sul filone narrativo principale, e mo' non si può sindacare su come è raffigurato il contesto in cui la storia si svolge?

Il paragone con Accattone non regge proprio. Perché la specificità di Gomorra è quella non di parlare di una semplice realtà criminale, ma di una realtà sociale e organizzata.
Anche Heat - La Sfida parla di rapinatori. Ma è il fenomeno sociale REALE a fare la differenza.
Detto questo non si sta dicendo di comporre una serie didascalica, ma della possibilità di restituire una rappresentazione più complessa, come la situazione richiederebbe.

Ho postato l'articolo di Rosario perché mi sembra cogliere bene la questione: certo che la Camorra esisteva e uccideva anche da prima, ma adesso gli abbiamo regalato anche una bella celebrazione che, paradosso, aiuterà nel reclutamento.
Gli sceneggiatori, volontariamente o no, un servizio pubblico l'hanno reso, peccato sia stato in senso dannoso.
Perchè un prodotto di questo tipo un servizio pubblico lo fa sempre e quindi deve tenere conto eccome dei suoi effetti.


Insomma, famme capi, volevi almeno una puntata con un Don Giuseppe Diana che combatte il clan e finisce male? Interessante proposta, anzi davvero condivisibile, visto che anche io ho giudicato quel prete che poi organizza quella manifestazione davvero poca cosa.
Ma la scelta di Gomorra è quella di stare totalmente dentro alla vita dei clan e di raccontarne le dinamiche, secondo me rispettate, ed è comunque una scelta insindacabile, altrimenti dovremmo partecipare tutti alla sceneggiatura per dare ognuno di noi un contributo e questo nonè materialmente possibile, né corretto: io posso giudicare, non sindacare una scelta di sceneggiatura. E' il mio compito di spettatore.

Il servizio pubblico poi lo rendono di sicuro in quelle realtà già fertili per il recepimetno di quei messaggi. Non sta a SKY atlantic il compito di proporre modelli alternativi, anche se la spettacolarizzazione dei clan camorristici alla lunga è in qualche misura anche disgustosa.

Il paragone con Accattone non regge proprio? Ma in Accattone il protagonista non ha speranza e non deve averla, perché il regista non gli riserva alcuna via di uscita da quella realtà, ma soltanto una fine tragica. Era quella Roma periferica, fatta di baracche e mignotte, operai e ladruncoli, che all'epoca rappresentò un colpo allo stomaco dei benpensanti ancora legati ai telefoni bianchi. Lo stesso che però non vedo in Saviano che mi sembra più vittima morbosa del mondo criminale camorristico piuttosto che interessato alla proposta di una via di uscita.

Offline gentlemen

*
9617
Sesso: Maschio
Re:Gomorra 2
« Risposta #32 il: 15 Giu 2016, 19:37 »
Prodotto televisivo di altissimo livello, per sceneggiatura ed interpretazione degli attori.
Non ha pretese, e vorrei anche vedere, educatrici o moralizzatrici, ma racconta uno spaccato ben preciso di criminalità.
Non è un poliziesco, per cui parla solo di quell'ambiente criminale, nella loro totale e crudele negatività, in maniera molto fedele alla realtà.

Offline Lativm88

*
3136
Sesso: Maschio
Re:Gomorra 2
« Risposta #33 il: 15 Giu 2016, 20:03 »
Ho guardato le prime due puntate della prima stagione, poi ho abbandonato.
Non lo so, mi ha un po' dato fastidio e non so nemmeno se c'entra il fatto che sono campano.
Un po' sì.
Re:Gomorra 2
« Risposta #34 il: 16 Giu 2016, 00:04 »
Prodotto televisivo di altissimo livello, per sceneggiatura ed interpretazione degli attori.
Non ha pretese, e vorrei anche vedere, educatrici o moralizzatrici, ma racconta uno spaccato ben preciso di criminalità.
Non è un poliziesco, per cui parla solo di quell'ambiente criminale, nella loro totale e crudele negatività, in maniera molto fedele alla realtà.

A me da idea che la realtá della camorra non sia cosí affascinante come in Gomorra.
Un conto è evitare il taglio "educativo" un altro conto è far sembrare dei fighi personaggi che nella
realtá sono delle m.erde maledette.

Offline chuck6

*
4252
Sesso: Maschio
Re:Gomorra 2
« Risposta #35 il: 16 Giu 2016, 07:42 »
Beh nell'ultina puntata, per dirne una, Pietro fa una cosa da me.rda maledetta al cubo... poi chiaro, se avessero fatto le cose con realismo avremmo avuto dialoghi incomprensibili e molto meno successo, dovuto anche alla minore fascinazione dei personaggi.

Comunque trovo assurda la polemica sul Gomorra diseducativo/non realistico: è una serie tv!

Offline Moses E. Herzog

*
889
Sesso: Maschio
Re:Gomorra 2
« Risposta #36 il: 16 Giu 2016, 14:30 »
Are you sure?


 :o :o

Ma è un fotomontaggio? Me sento un po' come Mimmo a Bianco, Rosso e Verdone.
Re:Gomorra 2
« Risposta #37 il: 16 Giu 2016, 14:36 »
Nono, questa è atomica de suo.

Offline Luca Signifer

*****
3613
Sesso: Maschio
Re:Gomorra 2
« Risposta #38 il: 16 Giu 2016, 14:44 »
Prodotto televisivo di altissimo livello, per sceneggiatura ed interpretazione degli attori.
Non ha pretese, e vorrei anche vedere, educatrici o moralizzatrici, ma racconta uno spaccato ben preciso di criminalità.
Non è un poliziesco, per cui parla solo di quell'ambiente criminale, nella loro totale e crudele negatività, in maniera molto fedele alla realtà.

nettamente superiore a molte delle serie USA

Offline pentiux

*****
16247
Sesso: Maschio
Re:Gomorra 2
« Risposta #39 il: 16 Giu 2016, 15:11 »
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod