Techno, tekno e affini

0 Utenti e 50 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline FatDanny

*****
15749
Re:Techno, tekno e affini
« Risposta #20 il: 19 Dic 2017, 08:22 »
So' sempre io ad aver postato i Modeselektor che, si, assieme a Vitalic potrei considerarli "i grandi classici"  :=))


Capitolo psytrance: secondo me la questione è un'altra e riguarda proprio le serate che ti possono capitare qui più che il genere.
Esattamente come accade per la techno in generale (ma magari te ne accorgi meno perché ne hai una maggiore conoscenza) il problema è il livello di qualità dei djs che suonano in Italia, spesso confusi con la categoria dei fabbri.
Ricordo una serata poco tempo fa in cui suonava Gotek e una serie di sconosciuti.
Beh, guarda, c'era talmente tanta differenza tra il primo e gli altri che non sembrava manco lo stesso genere.
Stavamo quasi per addormentarci quando è arrivato lui in sandali (letteralmente) e in 12 secondi misurati ha creato il panico.

Di nomi grossi psytrance da noi ne passano pochi e poco, soprattutto si concentrano sui festival (principalmente il Sonica). Gran parte delle serate e dei festival estivi sono quindi molto "rustici", DIY potremmo dire, e questo ovviamente ha le sue conseguenze.
Vai all'Ozora o al Boom (non parliamo proprio di "Universo Parallelo" in Brasile) e vedi se te sembra uguale pure quella.


A conferma di quanto dico altre due tracce da nomi top (ma anche gli stessi Zen Mechanics qualche post fa):





Online lorenz82

*
4452
Sesso: Maschio
Re:Techno, tekno e affini
« Risposta #21 il: 27 Dic 2017, 13:13 »
So' sempre io ad aver postato i Modeselektor che, si, assieme a Vitalic potrei considerarli "i grandi classici"  :=))


Capitolo psytrance: secondo me la questione è un'altra e riguarda proprio le serate che ti possono capitare qui più che il genere.
Esattamente come accade per la techno in generale (ma magari te ne accorgi meno perché ne hai una maggiore conoscenza) il problema è il livello di qualità dei djs che suonano in Italia, spesso confusi con la categoria dei fabbri.
Ricordo una serata poco tempo fa in cui suonava Gotek e una serie di sconosciuti.
Beh, guarda, c'era talmente tanta differenza tra il primo e gli altri che non sembrava manco lo stesso genere.
Stavamo quasi per addormentarci quando è arrivato lui in sandali (letteralmente) e in 12 secondi misurati ha creato il panico.

Di nomi grossi psytrance da noi ne passano pochi e poco, soprattutto si concentrano sui festival (principalmente il Sonica). Gran parte delle serate e dei festival estivi sono quindi molto "rustici", DIY potremmo dire, e questo ovviamente ha le sue conseguenze.
Vai all'Ozora o al Boom (non parliamo proprio di "Universo Parallelo" in Brasile) e vedi se te sembra uguale pure quella.


A conferma di quanto dico altre due tracce da nomi top (ma anche gli stessi Zen Mechanics qualche post fa):
condivido il "DIY" di queste serate di elettronica, infatti se il dj non è il massimo la serata è soporifera pure se il genere mi piace. Invece quando suona il DJ bravo la serata prende tutta un'altra piega. Tant'è che una volta mi capitò di andare ad una serata hardcore (genere che non apprezzo molto, se non per qualche eccezione) e suonava un DJ dei Rotterdham terror corps...beh! sono riuscito a ballare tranquillamente, nonostante le 170 bpm di media (vero che vado a serate Drum and bass, ma non è affatto la stessa cosa). Quindi dipende sempre dal DJ. Certamente se dovessi sentire dal vivo un "mostro sacro" della psytrance probabilmente noterei più varietà dei brani ed apprezzerei anche di più il genere stesso ;)

p.s.: cmq il top del top della musica "classica" resta Aphex Twin  :love: :love: :love:
Banner Ottobre Ikea_2 300x250
Shop 728x90

Offline charlie

*
8584
Re:Techno, tekno e affini
« Risposta #22 il: 29 Dic 2017, 15:33 »
Io non ci capisco niente, però faccio pubblicità a uno che conosco  :=))

 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod