Jobs act e disoccupazione

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline FatDanny

*****
14750
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #80 il: 05 Apr 2016, 16:43 »
Altri aggiornamenti riguardo la giornata di oggi:

- violentissima repressione da parte della polizia a Parigi. Spezzato in due il corteo degli studenti, CENTOTRENTA ARRESTI

(ah la democrazia, ah la francia dell'eguaglianza, della libertà, della fraternità!)

http://www.revolutionpermanente.fr/Direct-Repression-industrielle-a-Paris-130-lyceens-interpelles-Liberation-immediate-et-sans

- Nuovo corteo proprio in questo momento, con partecipazione crescente. Per le 18 nuovo appuntanto a Place de la Republique.
Vorrei postarvi qualche video in quasi diretta ma non ne trovo di utili.


Possiamo ormai parlare non più di mobilitazione, ma di vero e proprio movimento sociale.

Offline TomYorke

*****
6205
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #81 il: 05 Apr 2016, 20:05 »
http://ilmanifesto.info/jobs-act-il-piu-costoso-flop-di-renzi-ha-sbancato-il-bilancio-statale/

Miliardi regalati alle imprese.
Perché se si parla di redistribuzione a chi lavora c'è la crisi e non ci sono i soldi.
Quando si parla invece di padroni 22 miliardi in tre anni si trovano facile.

Pensate a tutto quello che si può fare in termini di welfare con 22 miliardi.
E adesso cari amici del PD sentitevi pure alla stregua di un elettore di Forza Italia.

Parliamo di un partito il cui segretario dichiara che ha fatto più Marchionne per i lavoratori che i sindacati.
Chi sta in quel partito sa bene di essere alla stregua di un elettore di Forza Italia, e non credo se ne vergogni molto.

Offline MisterFaro

*****
9109
Sesso: Maschio
KIPIUNEHAPIUNEMETTA!
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #82 il: 05 Apr 2016, 21:44 »
Parliamo di un partito il cui segretario dichiara che ha fatto più Marchionne per i lavoratori che i sindacati.
Chi sta in quel partito sa bene di essere alla stregua di un elettore di Forza Italia, e non credo se ne vergogni molto.

Se chi dirige il PD stesse dirigendo un altro partito quanti degli attuali loro elettori li voterebbe?

Potere dell'eredità del grande partito comunista italiano...

Offline FatDanny

*****
14750
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #83 il: 10 Apr 2016, 11:37 »
Testimonianze...
Questa è la democrazia. Questa è la determinazione popolare. Questo è ciò che si intende per riprendersi il proprio destino.
Non lo scontro per lo scontro. Ma il rovesciamento dei significati e dei rapporti di forza.
Si. Si può fare.
E chi dice di no sta semplicemente lavorando per l'avversario, consapevolmente o meno.


Un corteo spontaneo di migliaia di persone e' partito stasera da place de la République, al grido di "Paris debout souleve-toi!". Nel buio della notte, il corteo ha attraversato per chilometri le vie del centro, dirigendosi verso il domicilio del premier Valls. Quando la polizia e' riuscita a raggiungere i manifestanti, chiudendo loro la strada, la notizia e' stata tempestivamente riportata alle centinaia di persone che ancora erano riunite à République in assemblea generale. al microfono e' stato lanciato l'appello à raggiungere i manifestanti bloccati dalla polizia. La quantita' di gente sopraggiunta ha completamente rovesciato la situazione. I celerini si sono trovati accerchiati da maniestanti e solidali, e persino dalle finestre delle abitazioni circostanti la gente batteva le mani gridando ironicamente " libérez les policiers". Alla célère non e' rimasta che la ritirata, non prima di buttare una scarica di lacrimogeni sui manifestanti. Il corteo si e' ricompattato ed e' rientrato à république dove la #NuitDebout non si era mai spenta. In Francia sta succedendo qualcosa di grande. E il modo migliore per sostenerlo e' amplificarlo in tutte le direzioni. #NuitDebout ovunque !


Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk

Offline FatDanny

*****
14750
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #84 il: 29 Apr 2016, 10:27 »
Sarà che lì la CGT (l'equivalente della CGIL) è pienamente parte della mobilitazione facendo sembrare il sindacato nostrano una manica di incompetenti,
sarà che la proposta Hollande palesa come certe politiche filo-padronali non siano un problema di numeri parlamentari italiani, ma una scelta compiuta dei partiti che fanno riferimento al PSE e che nulla hanno a che vedere con la sinistra,
sarà che il numeroso movimento francese mette a nudo il vergognoso immobilismo italiano, noi che abbiamo accolto il Jobs Act a braccia aperte, come una meravigliosa legge di sinistra (ahahah che caproni che siamo diventati!)...


ma sta di fatto che dopo un mese di mobilitazione permanente in tutta la Francia in italia ancora si stenta a parlarne.
Repubblica è riuscita a fare solo un mini-trafiletto sulla straordinaria giornata di ieri in cui ci sono state manifestazioni in tutta la Francia, mettendo al centro l'infiltrazione dei "facinorosi" nei cortei.
Ahahahah, che ridicola l'informazione filo-PD in Italia.

Questo è il canale Youtube dove si può seguire quello che succede (ma è in francese ovviamente...)

http://www.youtube.com/channel/UCRLZ1A3OweyAlESd89Ho7_A

Resta il fatto che sarebbe utile iniziare a parlare di quanto avviene, visto che la ruota gira e.... il Portogallo... la Grecia... la Spagna... ora la Francia...
che dite, arriverà anche da noi?

 :=))


PS: francesi de LazioNet le volete dì du cose oltre a parlà de cazzate??? Ce portate na testimonianza?

 :=)) :=)) :=))

Offline Tarallo

*****
77877
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #85 il: 29 Apr 2016, 11:09 »
Testimonianza di Tommaso:
ah pa', ieri una caciara!! Sono rimasto coinvolto nelle manifestazioni, siamo arrivati da dietro al cordone della polizia e ci hanno detto di andarcene che i manifestanti avrebbero cominciato a lanciare roba, e appena hanno finito e' arrivato de tutto! Siamo entrati in un negozio per non essere colpiti, quando la polizia ha cominciato a indietreggiare siamo usciti mischiati ai manifestanti proprio mentre arrivavano i lacrimogeni. In quel momento uno aveva un carrello della spesa pieno di roba, per lo piu' di legno, e j'ha dato foco. Una ficata!! Allora siamo andati a casa di Marco e abbiamo visto tutto dal balcone, guerriglia urbana pura!*

*Questa versione e' stata adattata dall'inglese e arricchita in alcuni aspetti dall'autore.

Da noi anche ci sono le nuit debout e dopo gli eventi di ieri ce li portero', cominciano alle 6 tutte le sere, per vedere come si fa politica per strada. Pare che i sindacati si stiano avvicinando a Nuit Debout, e' possible che in Francia ci siano cambiamenti alla legge dovuti a questa pressione dal basso ma io non ci spererei troppo.

Offline FatDanny

*****
14750
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #86 il: 09 Mag 2016, 12:16 »
Questo intanto il modello di riferimento del PD in tema di Lavoro.
"meglio che niente" no?

http://www.intelligonews.it/articoli/6-maggio-2016/40934/modello-flessibilita-americano-base-del-sistema-economico-giannini-istituzionalizza-il-precariato

Vergognoso anche solo parlare di sinistra per questo governo di banditi

Offline FatDanny

*****
14750
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #87 il: 11 Mag 2016, 15:28 »
http://www.dinamopress.it/news/francia-governo-vuole-approvare-loi-travail-senza-voto-parlamento-movimento-in-piazza#!pa_5

La democrazia secondo il PSE.
Il governo in francia è talmente in difficoltà sul "Jobs Act di oltralpe" da voler saltare il parlamento.
E come mai? Pure lì ce stanno i centristi che impediscono di attuare politiche di centrosinistra?
Ma hollande non era l'equivalente di Bersani?

Ah, considerazione a margine: tutto questo continua a essere completamente ignorato dai media italiani.
Sono due mesi che la Francia è in subbuglio e noi qui ne sappiamo ZERO per gli interessi di Renzi.
Quale democrazia co questi livelli di informazione pubblica?

Offline Monsieur Opale

*
8681
Sesso: Maschio
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #88 il: 11 Mag 2016, 18:24 »
http://www.dinamopress.it/news/francia-governo-vuole-approvare-loi-travail-senza-voto-parlamento-movimento-in-piazza#!pa_5

La democrazia secondo il PSE.
Il governo in francia è talmente in difficoltà sul "Jobs Act di oltralpe" da voler saltare il parlamento.
E come mai? Pure lì ce stanno i centristi che impediscono di attuare politiche di centrosinistra?
Ma hollande non era l'equivalente di Bersani?

Ah, considerazione a margine: tutto questo continua a essere completamente ignorato dai media italiani.
Sono due mesi che la Francia è in subbuglio e noi qui ne sappiamo ZERO per gli interessi di Renzi.
Quale democrazia co questi livelli di informazione pubblica?

renzi può anche mettere tutte le veline che vuole, ma oggi, in epoca di rete, se non sappiamo è perchè non ce ne frega un caz.zo

e mi spiace di ciò

Offline Thorin

*
2186
Sesso: Maschio
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #89 il: 11 Mag 2016, 20:41 »
renzi può anche mettere tutte le veline che vuole, ma oggi, in epoca di rete, se non sappiamo è perchè non ce ne frega un caz.zo

e mi spiace di ciò
100%

Offline Kredskin

*****
6657
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #90 il: 12 Mag 2016, 01:23 »
renzi può anche mettere tutte le veline che vuole, ma oggi, in epoca di rete, se non sappiamo è perchè non ce ne frega un caz.zo

e mi spiace di ciò
non sono tutti svegli e tecnologici come te, mi madre a malapena va su facebook (de mi padre).
Ed il suo voto vale quanto il tuo.

La rete come strumento di informazione la usa molta meno gente di quella che usa i tg di regime/partito.

Offline FatDanny

*****
14750
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #91 il: 12 Mag 2016, 11:00 »
Ma non è solo questo. Sull'orizzontalità dell'informazione ai tempi della rete c'è una forte illusione.
Fate questo esperimento: vedete i trend Topic Twitter e confrontateli con la gerarchia delle notizie scelta dai media mainstream. Le due gerarchie corrispondono, quasi coincidono.
L'informazione resta fortemente verticale perché la potenzialità di arrivare alla notizia non coincide con la sua effettiva disponibilità, che è data dalla presenza di centri alternativi di diffusione.

In parole povere se c'è già un soggetto sociale attivo allora la rete rappresenta uno strumento orizzontale.
Ma senza attivazione sociale la gerarchia standard resta quella funzionante.

Offline italicbold

*****
30853
Sesso: Maschio
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #92 il: 12 Mag 2016, 11:37 »
PS: francesi de LazioNet le volete dì du cose oltre a parlà de cazzate??? Ce portate na testimonianza?

 :=)) :=)) :=))

Io da mo che ne ho parlato.

Qui in Francia stanno preparandone una che farà epoca.
I sindacati ancora non reagiscono perché stanno ancora con le bocche aperte da quando hanno lette le prime bozze.
Manca solo ius primae noctis e poi é medioevo spinto.
I partiti di destra sono sconcertati, se lo sapevano prima c'andavano loro a sinistra.

pero' non te fa neanche troppi film sui francesi per strada, sulla mobilitazione permanente...
Parigi é tranquillissima, qualche tafferuglio, ma roba che blocca, al massimo, due o tre stradine del centro.
Il prossimo anno c'é l'elezione presidenziale, l'unica cosa che conta, per Hollande, é presentarsi a quell'appuntamento con qualche indicatore positivo.

Offline FatDanny

*****
14750
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #93 il: 12 Mag 2016, 17:59 »
ma non penso a Parigi pervasa da scene di guerra eh. Non è quello che mi interessa e, fosse così, sarebbe magari più "telegenico" ma molto meno proficuo.

A me interessa quel che accade a Place de la Republique e in altre decine di piazze francesi.
Mi interessa della crisi delle rappresentanze istituzionali, l'affermazione di nuovi modelli di decisione e partecipazione pubblica, mi interessa tutto quel che può conseguire da queste piazze che si stanno dispiegando in tutta la francia (cercate la mappa delle Nuit Debout, praticamente in ogni centro francese degno di questo nome il movimento è presente).

Mi interessano le incredibili analogie col movimento degli indignados o di Occupy, con il movimento di piazza taksim e le rivoluzioni arabe.
Stanno nascendo pian piano dei modelli di superamento della democrazia liberale che ha ormai mostrato tutte le sue contraddizioni e le sue menzogne.
La dittatura della troika che si impone solo quando si tratta di spesa sociale, la violenza inaudita sui migranti, gli accordi economici con le dittature, gli accordi commerciali ai danni dei cittadini (TTIP), l'UE che dinanzi ad una palese violazione ecologica al posto che imporre gli standard li cambia per non scomodare le case automobilistiche.
Insomma il quadro attuale mostra quotidianamente come la democrazia sia solo un nome. Che il cittadino non conta assolutamente nulla e che quel voto è solo il modo formale per poter dire di avere un consenso che è solo apparente e che non muta in nulla un'azione politica che in ogni caso sarebbe identica a se stessa. Dai Popolari al PSE. Da Forza Italia al PD.
Ma da questa vagonata di merda, assieme alla puzza e al marcio, sta nascendo qualche fiore.

Solo questi fiori sono la speranza che non tutto finisca sommerso dal letame.
Solo questi fiori ci dicono che possiamo ancora cambiare.
Lo dico da anni qui dentro, ne resto convinto: dalla sconfitta del movimento operaio dagli '80 in avanti oggi noi stiamo iniziando a vedere gli embrioni di un nuovo ciclo. E questi embrioni vanno compresi nelle forme e nei contenuti che non sono identici a quelli di trent'anni fa.
Per questo è bene andare oltre le categorie rigide di "Destra" e "Sinistra", le quali rischiano solo di confondere maggiormente le acque.

Quando Hollande ti fa una legge sul lavoro come tu dici o quando Renzi si spende a difesa dei banchieri a danno dei cittadini, perseverare nell'utilizzo di quelle categorie crea solo falsa coscienza. Crea l'idea che in fin dei conti, se anche la sinistra fa così, evidentemente certe scelte sono davvero necessarie.

In parlamento non c'è destra e sinistra. C'è solo l'Alto. E l'Alto pensa solo all'Alto, qualsiasi maglietta indossi.
Noi siamo il Basso. E dobbiamo organizzarci qui sulla terra per riprendere l'assalto al cielo.
C'è chi già lo fa, noi siamo in ritardo. Ma non c'è alternativa al risveglio che non sia la morte.
E noi non siamo ancora morti.

Offline FatDanny

*****
14750
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #94 il: 24 Mag 2016, 17:12 »
Intanto dalla Francia:

CGT (equivalente CGIL) annuncia sciopero ad oltranza.
Oggi tutte le raffinerie di francia si sono fermate e ci sono stati anche incidenti.
In alcune zone inizia anche a scarseggiare il carburante.
Scioperi e manifestazioni proseguono incessanti.

http://www.repubblica.it/esteri/2016/05/24/news/francia_riforma_lavoro_polizia_sgombera_raffinerie_occupate-140473490/?ref=HREC1-19


MO, io credo che se non se ne parla nonostante sia un fenomeno di estrema importanza per l'Europa non è per disinteresse, ma perchè la totalità dei soggetti coinvolti su sponda italica ci fa una figura misera e quindi glissa.
Il governo che qui è stato in grado di fare peggio (Jobs Act).
Il sindacato, in particolar modo la CGIL, che qui non si è mosso mentre lì sta facendo il panico.
Opinionisti e commentatori, in particolar modo a sinistra, che hanno salutato con favore la misura renziana che in francia, nonostante sia in forma sbiadita, sta trovando la ferrea opposizione di tutto il mondo del lavoro.

Per questo si evita di parlarne. Per vergogna.

Offline FatDanny

*****
14750
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #95 il: 26 Mag 2016, 15:20 »
Altro aggiornamento:

http://www.huffingtonpost.it/2016/05/26/jobs-act-francia-nucleari_n_10138406.html?1464246882&utm_hp_ref=italy

oltre alle raffinerie (TUTTE hanno aderito allo sciopero) si aggiungono le centrali nucleari.
Diverse parti della Francia sono senza carburante. Sono arrivati a intaccare gli stock di riserva.
Senza contare i porti bloccati, i posti di lavoro chiusi, le barricate....

Situazione pazzesca, peccato che gli articoli ancora oggi si contino con il lanternino.
Per una riforma che è la versione sbiadita del Jobs Act.
Fateve un po' n'esame de coscienza (non uso la prima persona perchè so' stato tra quei pochi che ha provato a mobilitarsi).
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #96 il: 04 Lug 2016, 18:32 »
Situazione economica. La prima forma di lotta alla povertà è la crescita. E' riportare il segno più davanti agli indicatori economici, è creare posti di lavoro. Di questi 401mila a tempo indeterminato. Pochi? Certo, ma non c'è mai stata una crescita dell'occupazione di milioni in due anni. Piaccia o non piaccia, il Jobs Act ha messo alle corde il precariato. E noi ce ne vergogniamo". "Investimenti, con Graziano Delrio parliamo tutti i giorni. Nel 2014 siamo ritornati a 30 miliardi di investimenti annui, non basta ma è questa la direzione: Jobs Act, investimenti e riduzione delle tasse". Lotta alla povertà, "io considero di sinistra il Jobs Act non l'assistenzialismo o gli aiuti a pioggia. Il problema non è dare una mano a chi non ce la fa, proviamo a farlo tutti. E' il principio che non può funzionare. Non posso avere uno stipendio solo in qualità di cittadino". "Ma questa è anche la legislazione dei diritti civili, la legge sulle unioni civili. Altre proposte sull'autismo, sul caporalato, sulla cittadinanza, per un cantiere sociale di estrema importanza anche per la cooperazione internazionale". In conclusione, la Repubblica democratica "è fondata sul lavoro, non sullo stipendio al cittadino.

Matteo Renzi, oggi alla direzione PD.

Decenni di studi che dimostrano come forme di reddito garantito siano un fattore di ripresa economica oltre che di equita' sociale, e questo signore che ancora ha il coraggio di nominare la parola "sinistra" va avanti ancora con la vecchia ideologia lavorista de "la fame stimola l'intelletto" e le altre boiate che sono il presupposto volgare del neoliberismo ( che tra l'altro sta collassando ).

Offline FatDanny

*****
14750
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #97 il: 04 Lug 2016, 19:28 »
Se è per questo pochi giorni fa ho sentito Pia Marconi, capo dipartimento della Funzione Pubblica, esprimersi nel seguente articolato modo:

beh se in Francia protestano così tanto e in Italia non è successo nulla, evidentemente la nostra era una buona riforma...

Offline anderz

*
7980
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #98 il: 04 Lug 2016, 19:32 »
Se è per questo pochi giorni fa ho sentito Pia Marconi, capo dipartimento della Funzione Pubblica, esprimersi nel seguente articolato modo:

beh se in Francia protestano così tanto e in Italia non è successo nulla, evidentemente la nostra era una buona riforma...

bestemmie varie e variopinte che sto evitando a fatica di autocensurare.

Offline FatDanny

*****
14750
Re:Jobs act e disoccupazione
« Risposta #99 il: 05 Lug 2016, 19:00 »
Eccola qui la dittatura della minoranza al potere in Europa.
Come in Grecia, come in italia, come in Spagna eccola in Francia

http://www.repubblica.it/esteri/2016/07/05/news/francia_jobs_act_valls_adotta_legge_senza_voto_parlamento-143483912/

Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk

 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod