Legalize it!

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline vaz

*****
33538
Sesso: Maschio
Re:Legalize it!
« Risposta #20 il: 27 Lug 2016, 21:12 »
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4311234/pdf/srep08126.pdf

Comparative risk assessment of alcohol, tobacco, cannabis and other illicit drugs using the margin of exposure approach

Offline Tornado

*
11753
Sesso: Maschio
Re:Legalize it!
« Risposta #21 il: 27 Lug 2016, 21:13 »
alcool e cannabis...figo ottima miscela!

Offline Sbracchiosauro

*****
9701
Sesso: Maschio
Re:Legalize it!
« Risposta #22 il: 27 Lug 2016, 21:13 »
Certo! E speriamo che non ce ne siano neanche legati all'alcol, altrimenti potrebbero proibirne l'uso! Speriamo bene!!

stai forse dicendo che si potrebbero proibire altre cose che possono occasionalmente provocare incidenti?
tipo le religioni??

Offline Tarallo

*****
77306
Re:Legalize it!
« Risposta #23 il: 27 Lug 2016, 21:14 »
alcool e cannabis...figo ottima miscela!
Chi li mischia?

Offline Tornado

*
11753
Sesso: Maschio
Re:Legalize it!
« Risposta #24 il: 27 Lug 2016, 21:15 »
ah boh...dici che separati è meglio? E poi si guida con più felicità l'auto?

Offline Tarallo

*****
77306
Re:Legalize it!
« Risposta #25 il: 27 Lug 2016, 21:17 »
ah boh...dici che separati è meglio? E poi si guida con più felicità l'auto?
Torna', che stai a di'? Hai fumato?

Offline Tornado

*
11753
Sesso: Maschio
Re:Legalize it!
« Risposta #26 il: 27 Lug 2016, 21:21 »
appena la legalizzano...la proverò. Poi ti farò sapere...

Offline Sbracchiosauro

*****
9701
Sesso: Maschio
Re:Legalize it!
« Risposta #27 il: 27 Lug 2016, 21:22 »
(mi pare, ma potrei sbagliare perché sono un tossico, che esistano attualmente varie tipologie di reato per la guida in stato di ebbrezza che puniscono anche chi guida sotto l'effetto di sostanze psicotrope, e non mi pare che legalizzando alcune di esse questi reati scompaiano dai codici, come del resto accade per chi guida sotto l'effetto del legalissimo vinello)

Offline cartesio

*****
17719
Sesso: Maschio
Re:Legalize it!
« Risposta #28 il: 27 Lug 2016, 22:09 »
Io sono per la liberalizzazione della coltivazione e del commercio della cannabis. Con le stesse modalità e gli stessi controlli della coltivazione della vite e della produzione dei suoi derivati, vino in primis.

Immagino una cannabis DOC e una DOCG, degustatori e intenditori, pubbliche manifestazioni fumogastronomiche. Una bella Maritaly in Puglia, regione più che adatta alla coltivazione.

L'alcol fa male, ma è buono, la cannabis fa meno male, ma non è altrettanto buona. W vino, grappa e whisky, un po' meno w maria.

Offline Rorschach

*****
9498
Sesso: Maschio
Re:Legalize it!
« Risposta #29 il: 27 Lug 2016, 22:40 »
Lo zucchero fa male.
I grassi fanno male.
Il tabacco fa male.
L'alcol fa male.

Però ci piacciono.

Ma l'inquinamento fa male.
L'Ilva fa male.
I ripetitori di Radio Maria fanno male.
Le centrali a carbone fanno male.
La povertà fa male.
L'AIDS fa male.

Però a loro piacciono, perché portano soldi.

Offline carib

*****
26605
Sesso: Maschio
Re:Legalize it!
« Risposta #30 il: 27 Lug 2016, 23:43 »
Io non ho mai fumato nemmeno una sigaretta di catrame ma ho sempre pensato che il divieto imposto sul consumo di marijuana è moralista, ridicolo, inutile e ipocrita.

Offline Gio

*****
5829
Re:Legalize it!
« Risposta #31 il: 28 Lug 2016, 10:38 »
Io sono contrario. Per il gioco lecito si facevano gli stessi discorsi ed ora la gente si rovina legalmente nel silenzio generale, i criminali si sono ripuliti o continuano a fare i criminali indisturbati, lo stato fa soldi sulle debolezza delle persone, invece di aiutarle. Tristissimo.

Trovo poi folli le motivazioni. Capisco e apprezzo di piú, pur non aprovando, chi dice che la droga non fa male. Permettere ció che non si riesce a far rispettare é una follia. Dichiararlo pure, poi.
Pure se fosse legalizzata la corruzione, poi, sparirebbero i corrotti e la polizia potrebbe dedicarsi ad altro.
Mi pare che siamo andando alla deriva.

Infine, volevo dire che le leggi, finché ci sono, devono essere rispettate anche se non piacciono. Dunque i soldi alle mafie li hanno dati quelli che fumano contro la legge. Ed a loro va attribuito il relativo danno.
Chi non fuma ed ha rispettato la legge alle mafie ha dato zero euro.
Il metodo migliore per non dare piú un euro alle mafie sarebbe quello di rispettare la legge.
Altri discorsi sono abbastanza ipocriti.

Offline Tarallo

*****
77306
Re:Legalize it!
« Risposta #32 il: 28 Lug 2016, 10:40 »
Altri discorsi sono abbastanza ipocriti.

Come molte leggi.

Offline vaz

*****
33538
Sesso: Maschio
Re:Legalize it!
« Risposta #33 il: 28 Lug 2016, 10:44 »
non è droga. non dà dipendenza, specie se confrontata con alcool e tabacco.
non incide sull'apprendimento.

Offline Gio

*****
5829
Re:Legalize it!
« Risposta #34 il: 28 Lug 2016, 10:50 »
Io su questo non ho certezze. Se facessero una legge che liberalizza la droga perché non fa male, uno é d'accordo o no, ma non potrebbe che prenderne atto.
Liberalizzarla perché non si riesce a vietarla, dichiarandolo, é un'altra cosa. E a me pare una cosa abbastanza triste per uno stato.

Online Thorin

*
2150
Sesso: Maschio
Re:Legalize it!
« Risposta #35 il: 28 Lug 2016, 10:52 »
Ma sentiamo pure l'altra campana, anzi il campanile, quello della Chiesa.

Avvenire

Sette motivi per dire no alla marijuana legalizzata.


Mentre la Camera dei Deputati rimanda a settembre la discussione sulla legalizzazione della vendita di marijuana, gli addetti ai lavori, ovvero tutto il variegato mondo di operatori e volontari che poi si prendono cura dei giovani dediti alle droghe cosiddette “leggere” per arginarne i danni, dicono chiaro e forte il loro no. Politici antiproibizionisti da una parte, esperti in materia sul fronte opposto…

"La norma diventerebbe cultura"

“Legalizzare la vendita della cannabis aumenterebbe la domanda: la norma diventerebbe cultura”, ricorda Giovanni Ramonda, responsabile generale della Comunità Papa Giovanni XXIII, che solo in Italia attualmente accoglie 600 persone inserite in programmi di recupero dalle dipendenze. E già l’anno scorso, alla presentazione della proposta di legge, aveva ammonito: “Proporre che lo Stato legalizzi e tragga profitto dall’uso delle droghe, per poi finanziare i percorsi di recupero, è perversione ideologica”. Proprio come già avviene con l’azzardo, divenuto vera e propria piaga sociale (con un milione di ludopatici) da quando è stato legalizzato, buco nero in cui lo Stato apparentemente guadagna sulla dipendenza dei cittadini, per poi spendere cifre astronomiche per curarli…

Sette volte "no" dalla Papa Giovanni XXIII

I politici ne riparleranno a settembre, ma basta la logica per comprendere che legalizzare il commercio della marijuana sarebbe un grave autogol, come dimostrano le esperienze già avviate in altri Paesi e le argomentazioni degli esperti. Ecco in sette punti le ragioni del “no” secondo Ramonda e la Papa Giovanni XXIII, che sfatano molte credenze non vere:

1. La cannabis crea dipendenza

Il 10% dei consumatori di marijuana soffre di dipendenza. Molti di essi sono minori. Il rischio di dipendenza aumenta tra coloro che hanno fato uso di marijuana da giovani. Non esistono droghe leggere e pesanti, ma una dipendenza più o meno radicata che richiede un serio percorso di recupero.

10 su 100, percentuali a dir poco mostruose! Mica come quelli del tabacco!

2. La cannabis è dannosa

Il principale agente psicoattivo della cannabis è il THC. La percentuale di THC presente nell'hashish e nella marijuana in commercio vent'anni fa era decisamente più bassa rispetto a oggi (dal 5-10% agli attuali 40-50%). Numerosi studi hanno evidenziato la pericolosità del THC, che aumenta i rischi di:

◦ danni al sistema immunitario,

◦ anomalie neonatali,

◦ infertilità,

◦ malate cardiovascolari,

◦ infarto,

◦ cancro ai testicoli.

La marijuana, a differenza del tabacco, può provocare alterazioni cerebrali, senza contare le conseguenze a medio e lungo termine sulla funzionalità del cervello. La cannabis danneggia i polmoni in maniera più incisiva del tabacco; indebolisce le facoltà cognitive; provoca quindi un aumento degli incidenti stradali. L'uso di marijuana si ripercuote sui rendimenti scolastico e lavorativo e sui rapporti interpersonali. Aumenta i casi di schizofrenia. La ricerca clinica ha dimostrato che per i consumatori abituali aumenta di sei volte il rischio di patologie psichiatriche.

Numerosi studi ne dimostrano gli effetti benefici, mo che facciamo? Intanto raccontatemi dei numerosi effetti benefici del tabacco e dell'alcool, perfettamente legali.

3. Legalizzare la cannabis ne aumenta la domanda

Il diminuire della disapprovazione sociale conseguente alla legalizzazione aumenta l'uso di cannabis. Provoca infatti la diminuzione della percezione del rischio legato al consumo della marijuana. Lo mostra l'esperienza della legalizzazione dell’azzardo, che ha portato a un aumento della dipendenza e dei costi sociali. Legalizzare significa rendere socialmente accettato e condivisibile.

Magari trent'anni fa era così, poi sono passati trent'anni ed è già socialmente accettata.

4. Legalizzare la cannabis crea commistione con l’uso medico

… e quindi abbassa nell'immaginario collettivo la percezione della pericolosità della cannabis. Il dottor Silvio Garattini, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, ha sottolineato in audizione alla Camera che «tutta la parte relativa all’attività medica dovrebbe rimanere fuori dalla proposta di legge. Altrimenti aumentiamo molto il fai da te».

Certo, non sia mai che togliamo introiti a qualche lobby farmaceutica

5. Legalizzare la cannabis non permette la repressione delle organizzazioni criminali

La liberalizzazione è un ottimo scudo dietro cui i narcotrafficanti si possono mascherare. In Colorado, dove questo è avvenuto pochi anni fa, solo il 60% della marijuana è venduta legalmente.


Geniali, hanno tolto dalle mani della criminalità il 60% del commercio di Marijuana ed Hashish e lo fanno passare per punto a sfavore

6. Legalizzare la cannabis non aumenta le entrate statali provenienti dalla tassazione

Aumenta invece il mercato nero e i costi sociali cui lo Stato deve fare fronte.

Qua stiamo alla fantascienza ed è nettamente in contraddizione del punto precedente.

7. Legalizzare la cannabis non consente di controllare la percentuale di THC

nelle piante di cannabis autocoltivate.

#graziearcazzo, invece mo è controllata

Online Thorin

*
2150
Sesso: Maschio
Re:Legalize it!
« Risposta #36 il: 28 Lug 2016, 10:54 »
ah boh...dici che separati è meglio? E poi si guida con più felicità l'auto?

La legge prevede il divieto di guida in stato di alterazione dovuta alla cannabis.
Così come la legge prevede il divieto di guida in stato di alterazione dovuta all'alcool.

Online Thorin

*
2150
Sesso: Maschio
Re:Legalize it!
« Risposta #37 il: 28 Lug 2016, 11:11 »
Io su questo non ho certezze. Se facessero una legge che liberalizza la droga perché non fa male, uno é d'accordo o no, ma non potrebbe che prenderne atto.
Liberalizzarla perché non si riesce a vietarla, dichiarandolo, é un'altra cosa. E a me pare una cosa abbastanza triste per uno stato.

Caro Gio, sai come funziona adesso?
- Un ragazzo esce di casa che sa già dove comprarla e da chi
- Un ragazzo la compra
- Un ragazzo la fuma
- La Mafia guadagna dalla vendita.
- Lo Stato perde 8,5 Miliardi di Euro l'anno, "a questi soldi bisogna aggiungere i 574 milioni di risparmi per mancati arresti, processi non effettuati e costi carcerari." (Fonte )

Con la legalizzazione, invece, funzionerebbe esattamente così:
- Un ragazzo esce di casa che sa già dove comprarla e da chi
- Un ragazzo la compra
- Un ragazzo la fuma
- La Mafia guadagna dalla vendita.
- Lo Stato perde 8,5 Miliardi di Euro l'anno, "a questi soldi bisogna aggiungere i 574 milioni di risparmi per mancati arresti, processi non effettuati e costi carcerari." (Fonte )

Ecco la differenza fra proibizionismo e legalizzazione.

Online FatDanny

*****
14348
Re:Legalize it!
« Risposta #38 il: 28 Lug 2016, 11:15 »
...

allora vietiamo anche il tabacco e l'alcool?
Se ti dici convinto anche di questo il tuo discorso, che non condivido, ha una coerenza.
Altrimenti è completamente privo di logica.

Offline Gio

*****
5829
Re:Legalize it!
« Risposta #39 il: 28 Lug 2016, 11:36 »
Thorin, il fatto che sia facile violare una legge non ne giustifica l'abrogazuone. Se si ritiene la legge giusta, la si fa rispettare. Se la si ritiene ingiusta la si elimina. Abrogare una legge perché non si riesce a farla rispettare é una sconfitta per lo stato di diritto. Allora liberalizziamo e mettiamo l'IVA sul pizzo. Tanto oggi si sa che se uno apre un negozio arriva quello che chiede il pizzo e lo stato sta perdendo un sacco di soldi per le tasse non applicate sul pizzo etc. etc.
É la classica debolezza travestita da progresso. Quanto ai soldi, oggi con il gioco lecito lo stato lucra su persone che si rovinano. É lecito. Per te é giusto? Per me é una cosa schifosa. Sono punti di vista.

FD, io non ho competenza su questo. Se la liberalizzazione si basasse sul fatto che non c'é differenza tra droga, alcool e tabacco, avrebbe un senso. Al di lá delle opinioni individuali. Cosí come avrebbe un senso vietare tutto se si riconoscesse  che alcool e tabacco sono dannosi quanto la droga. Non mi pare che stia accadendo questo.
Si sta liberalizzando un comportamento che si ritiene sbagliato perché non si riesce a vietarlo.
Dovremmo rabbrividire.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod