Terrore a Manchester

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online italicbold

*****
30855
Sesso: Maschio
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #200 il: 14 Giu 2017, 17:57 »
Bhè Kredskin, se stai in mezzo ad Hyde Park con la bandiera dell'isis non è tanto difficile identificarti.

Se stai a Hyde Park con la bandiera dell'Isis non sei un terrorista.
Sei un [...]e.

Questo islam assassino, non saprei come definirlo altrimenti, è un sintomo, un'eruzione cutanea di qualcosa di molto più grave e profondo, è di certo la prova evidente del fallimento delle politiche di integrazione portate avanti in Europa negli ultimi 20 anni, [...]

Molto più probabilmente é il contrario. Ovvero qualcosa ha impedito che queste politiche di integrazione potessero essere pienamente messe in atto.
Non hanno fallito, sono state frenate.
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #201 il: 14 Giu 2017, 17:57 »
13.06.2017 Author: Martin Berger

Bilderberg Group is Calling Shots in the Middle East
Column: Politics Region: Middle East


There’s little chance that you could come across a geopolitical analyst these days who would disagree that a “behind-the-scenes power” is driving the worsening geopolitical situation, with Qatar becoming a primary target for all of its former allies. We’ve also seen a new terrorist attack in London, Therese May losing popular support and then the elections and a number of other significant political events.

To understand the true interests driving these events, one must take a look at the results of the 65th annual meeting of the Bilderberg Group in the small town of Chantilly, Virginia. It requires a brief glimpse of what this club actually is. In one of its articles the Voltaire Net would note:

The Bilderberg Group was created in 1954 by the CIA and MI6 in order to support the Atlantic Alliance. It was intended to gather personalities from the economic and media sectors with political and military leaders in order to sensitize civil society to the « Red peril ». Far from being a place for decision-making, this very exclusive club has historically been a forum where the elders had to juggle with their fidelity to London and Washington, and the younger members were expected to show that they could be trusted with the opposition to the Soviets.

However, over time the role that the Bilderberg Group played in international affairs became larger, just like the positions of the G7 and G20 have improved considerably over recent years. When discussing the influence and wealth of this group, you may get the impression that many analysts are convinced that the group has its agents within the majority of governments around the world. According to some sources, the Bilderberg Group is plainly described as a defacto world government, since at its annual meetings discussions of supranational problems and proposed solutions are discussed at length, while a general direction that the world must follow is usually outlined. There is also a popular belief that this meeting features the wealthiest clans and their political agents, gathered at the annual discussion regarding the status quo and the next redistribution of world wealth, coordination of future activities and the development of the world’s leading countries and their possible steps.

Therefore, it’s hardly surprising that the agenda of the 65th meeting of the Bilderberg Group was described as: “The Trump Administration: a Progress Report”. Therefore, there’s little room left for doubt about the nature of the Trump administration and its complete subordination to those rich and powerful interests that Trump would describe as a “swamp” during his election campaign. The group must be somewhat worried since it wanted to discuss the performance of the sitting administration after only four months in office, so the Trump team was eager to redeem itself by sending some of its prominent representatives to impress members of the gathering. Among the featured speakers was General Herbert Raymond McMaster, the sitting US National Security Advisor; Nadia Schadlow, a deputy assistant to the president and the NSC staffer in charge of writing the Trump administration’s official national security strategy; John O. Brennan, the former Director of the Central Intelligence Agency and now the Senior Advisor of Kissinger Associates Inc; David Petraeus, yet another former Director of the Central Intelligence Agency and a devoted friend to the Saudi royal family, the Chairman of the KKR Global Institute; Wilbur Ross, US Secretary of Commerce; Chris Liddell, the Assistant to the President Trump, and the Director of Strategic Initiatives in the White House.

The biggest intrigue during the recent meeting of the Bilderberg Group was the discussion of the split that occurred between the US and Britain, breaking the influential Anglo-Saxon club in two. London has been displeased recently by Washington’s practice of taking use of terrorism in the Middle East. Therefore, the first day of work of the Bilderberg Club was devoted to the debate between supporters and opponents of Islamism. The CIA and MI6, therefore, tried to find a compromise in order to preserve NATO’s main goal – the fight against Russia.

Yet another pivotal topic of discussion at the recent meeting was the debate about the future of Wahhabism in the Middle East. The members of the group are convinced that this religious deviation must become dominant in the Middle East. As a result, while Washington has renewed its alliance with Saudi Arabia, and has convinced it to break with the Muslim Brotherhood in exchange for 110 billion dollars worth of armament, London is pushing for an agreement between Iran, Qatar, Turkey and the Muslim Brotherhood.

However, in order that the conceived “post-Muslim” world starts to take shape, it is necessary to fulfill several necessary and sufficient conditions. One of them is to transform Saudi Arabia, which is one of the main sponsors of international terrorism, into an ideological fighter that opposes it. To achieve this goal, the West is forced to create an image of an enemy, and Qatar seems to fit this role perfectly. Moreover, the West doesn’t need Qatar as a part of its project to construct a gas pipeline across Saudi Arabia, Egypt and Syria with access to the Mediterranean Sea to create a counterweight to Russian gas expansion, since the course of events in Syria provides no preconditions for this.

But the most ardent enemy of Wahhabism is Iran. It does not need to build a ghostly caliphate since the people of Iran have their own ayatollah, their own land and they have undergone the process of Islamic revolution already. Therefore, Iran was to witness a series of terrorist attacks in the very center of its capital after the meeting of the group.

All this fits into the Middle Eastern puzzle envisioned by the Bilderberg Group. However, once Britain starts playing its own games with the Muslim Brotherhood, we can expect even more chaos across the Middle Eastern region, where the existing confessional struggle is going to get complicated even further by the “growing political Islam forces”, composed of Tehran, Doha, Ankara, Idlib, Beirut and the Gaza Strip.

Martin Berger is a freelance journalist and geopolitical analyst, exclusively for the online magazine “New Eastern Outlook.”
http://journal-neo.org/2017/06/13/bilderberg-group-is-calling-shots-in-the-middle-east/

Online FatDanny

*****
14751
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #202 il: 14 Giu 2017, 18:27 »
il nemico si combatte in profondità, è verissimo, ma se io ho un prurito molto forte mi gratto.

Il punto però è che concentrarsi su un determinato aspetto nelle discussioni svela il proprio ordine delle priorità.
E in questa discussione ognuno si è concentrato e ha sottolineato le proprie.


Se hai la varicella viene voglia di grattarti e vorrai curarti per superarla.
Ora, tralasciando pure il fatto che grattarti allevierà pure il fastidio ma farà solo peggio e ti resteranno le cicatrici, la questione è quali priorità ti dai per guarire:

ci sta quello che ti dice "prendo il paracetamolo, un antistaminico, purtroppo mi è peggiorata e ho dovuto fare anche un ciclo di antibiotico. Ogni tanto mi gratto perché proprio non ce la faccio, però ormai dovrebbe aver fatto il suo corso e spero che alla fine di questo ciclo e continuando col paracetamolo dovrei risolvere".

E un altro invece che: "mi gratto. Uuuuh come mi gratto. je la faccio vedere io a ste dannate bolle. Le scortico via, le polverizzo, le anniento come fossero inutili pidocchi. Loro e tutte quelle che se formano attorno. Te pare che mi faccio mettere sotto da un po' di stupide bolle? Le bolle le sbraco a costo de famme uscì er sangue.
Ah si, prendo pure qualche farmaco, non so manco bene quale, ma so' d'accordo con le cure perché curasse è importante. Ma le bolle. Quelle le sfonno cazzo. E le sfonnerò tutte fino a che non sarà sfonnata l'ultima
"


Ecco tra questi due individui a chi dareste ascolto? Chi effettivamente sta provando a curarsi e chi è ormai ossessionato solo dalla manifestazione della malattia al punto tale da perdere di vista ogni altra cosa?
Quando ti prude da impazzire ti gratti? Ma certo, con cautela però che grattarsi non è mai na genialata risolutiva.
Altrettanto certamente se la tua attenzione va solo a quello hai qualcosa che non va caro mio. E pure de brutto.

Usare l'intelligence serve? Ma certo che serve (e due), ma se sei consapevole che non risolverà il problema né le sue cause e ti concentri solo su quello dovresti chiederti il perchè caro mio. E pure urgentemente.

Online Thorin

*
2187
Sesso: Maschio
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #203 il: 14 Giu 2017, 18:47 »
Se stai a Hyde Park con la bandiera dell'Isis non sei un terrorista.
Sei un [...]e.


A parte il fatto che uno dei terroristi sul ponte di Londra stava proprio ad Hyde Park con la bandiera dell'isis, ma essere [...] non può essere una scusante.

Offline Kredskin

*****
6657
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #204 il: 14 Giu 2017, 19:04 »
A parte il fatto che uno dei terroristi sul ponte di Londra stava proprio ad Hyde Park con la bandiera dell'isis, ma essere [...] non può essere una scusante.
Ma a parte quelli con la bandiera dell'isis al parco, con gli altri come fai?

O ci limitiamo a quelli con la bandiera nel parco? Perché non sembra molto efficace come strategia.

Online italicbold

*****
30855
Sesso: Maschio
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #205 il: 14 Giu 2017, 19:10 »
A parte il fatto che uno dei terroristi sul ponte di Londra stava proprio ad Hyde Park con la bandiera dell'isis, ma essere [...] non può essere una scusante.

Hai per caso pensato che io voglia scusarli ?
Se Tutti i terroristi passano per Hyde Park con la bandiera del l'Isis il terrorismo è sconfitto domani.
Al massimo dopodomani

Online Thorin

*
2187
Sesso: Maschio
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #206 il: 14 Giu 2017, 19:42 »
Hai per caso pensato che io voglia scusarli ?
Se Tutti i terroristi passano per Hyde Park con la bandiera del l'Isis il terrorismo è sconfitto domani.
Al massimo dopodomani

È che secondo me li facciamo piu svegli di quanto in effetti siano, prendi quello che da Bologna è andato a fasse ammazza' a Londra nel nome di un amico immaginario, aveva una madre che gli ha dato tutto, è andato a scuola, se ne andava ad Ibiza con gli amici e poi s'è fatto abbindolare.
Ma può essere sveglio uno così? Uno che stava partendo per la Turchia con un biglietto di sola andata e lo zainetto? 

Tra l'altro, e qui rispondo anche a kredskin così non faccio un doppio post, viaggia tutto tramite internet, su twitter, su Facebook, in chiaro... ci vuole una scienza a tracciare chi pubblica, chi commenta, chi mette "mi piace"?

Offline anderz

*
7980
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #207 il: 14 Giu 2017, 23:18 »
@happyeagle

Le politiche d'integrazione non esistono perché tutto è valutato con l'unico metro possibile in questo secolo: il profitto. Per decenni in Occidente abbiamo pensato che la sciatteria della moderna società dei bisogni indotti sarebbe bastata a cancellare le differenze culturali dei popoli. Era un'enorme cazzata che tuttora ci stiamo bevendo.

@FD

Io e te appoggiamo la lotta dei curdi siriani. Loro stanno davvero creando qualcosa di unico nella Siria del nord, il modello di società teorizzato sarebbe davvero in sogno se riuscisse ad essere applicato in tempo di pace. Però i curdi siriani, marxisti, socialisti, rivoluzionari, hanno fatto una scelta netta, la priorità assoluta è combattere senza alcuna pietà lo stato islamico e, per farlo, arrivano ad accordarsi con Trump, non il migliore degli alleati, e perfino con Bashar Al Assad, due personaggi che tra di loro sono ai ferri corti. Questo intendo quando parlo di "grattare", questa feccia va eliminata come sempre, nel corso della storia dell'uomo, sono state eliminate le minacce alla collettività.
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #208 il: 15 Giu 2017, 21:20 »


ci sta quello che ti dice "prendo il paracetamolo, un antistaminico, purtroppo mi è peggiorata e ho dovuto fare anche un ciclo di antibiotico. Ogni tanto mi gratto perché proprio non ce la faccio, però ormai dovrebbe aver fatto il suo corso e spero che alla fine di questo ciclo e continuando col paracetamolo dovrei risolvere".

E un altro invece che: "mi gratto. Uuuuh come mi gratto. je la faccio vedere io a ste dannate bolle. Le scortico via, le polverizzo, le anniento come fossero inutili pidocchi. Loro e tutte quelle che se formano attorno. Te pare che mi faccio mettere sotto da un po' di stupide bolle? Le bolle le sbraco a costo de famme uscì er sangue.
Ah si, prendo pure qualche farmaco, non so manco bene quale, ma so' d'accordo con le cure perché curasse è importante. Ma le bolle. Quelle le sfonno cazzo. E le sfonnerò tutte fino a che non sarà sfonnata l'ultima
"

Ecco tra questi due individui a chi dareste ascolto?

A nessuno dei due. Però ho una domanda: qualcuno è mai guarito con la pomatina senza grattasse? Perchè se mi dici che nessuno è mai guarito, anzi peggiorano tutti, eccheccazzo me gratto si, e non ti stupire se sono scettico sull'efficacia della pomatina. 

A parte il fatto che uno dei terroristi sul ponte di Londra stava proprio ad Hyde Park con la bandiera dell'isis, ma essere [...] non può essere una scusante.

Mbè per ricevere un'istruzione completa occidentale, scoprire i segreti della materia, la storia, la filosofia e poi annasse a fa esplode perchè per premio ce so 42 vergini, bisogna esse un po' [...] comunque, de default...

Online FatDanny

*****
14751
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #209 il: 16 Giu 2017, 07:59 »
A nessuno dei due. Però ho una domanda: qualcuno è mai guarito con la pomatina senza grattasse? Perchè se mi dici che nessuno è mai guarito, anzi peggiorano tutti, eccheccazzo me gratto si, e non ti stupire se sono scettico sull'efficacia della pomatina. 


chi ha proposto la pomatina?
Ti sembra che quanto ho scritto assomigli alla pomatina?
Perché a me pare che invece somigli tanto a un'antibiotico bello forte.
Che infatti nessuna nazione vuole prendere, come i ragazzini preferiscono grattasse...

Offline Sonni Boi

*****
12719
Sesso: Maschio
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #210 il: 16 Giu 2017, 13:00 »
Tra l'altro, e qui rispondo anche a kredskin così non faccio un doppio post, viaggia tutto tramite internet, su twitter, su Facebook, in chiaro... ci vuole una scienza a tracciare chi pubblica, chi commenta, chi mette "mi piace"?

Il problema è che parliamo di tante persone, nell'ordine delle migliaia.
Controllarle tutte è impossibile, distinguere un cretino innocuo da uno che poi realmente ruba un furgoncino e investe la gente sul marciapiede è impossibile.
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #211 il: 16 Giu 2017, 19:18 »
chi ha proposto la pomatina?
Ti sembra che quanto ho scritto assomigli alla pomatina?
Perché a me pare che invece somigli tanto a un'antibiotico bello forte.
Che infatti nessuna nazione vuole prendere, come i ragazzini preferiscono grattasse...

Il fatto è che è un ceppo virale nuovo, non si può prevedere quale sarà la giusta cura. Vediamo episodi epidemici in tutti i tipi di persone, ed in tutti i tipi di paesi. Trovare una causa comune per prevenire appare impossibile. Io, uscendo dalla metafora, propongo un ulteriore spunto di riflessione: il potere comunicativo ed aggregativo di internet, che è un aspetto nuovo. Voglio dire, ci sono giovani che lanciano la moda del "knockout game": stendere con una cazzottata singola un passante ignaro e postarlo su worldstar. Ci sta un russo malato di mente che si inventa il "Blue whale game", intercettando il disagio adolescenziale, e la gente gli va dietro e si fa dire come ammazzarsi. Quanto potere ci può avere, su menti così fragili, il messaggio dell'isis? Gli italiani arrivati a broccolino si dividevano in due branche: quelli che ce la facevano, che diventavano americani ed a cui rimaneva solo il cognome, italiano. E quelli che non ce la facevano, che rimanevano ai margini. Quelli continuavano a cercare un'identità in una patria magari mai vista, lontana. Con un meccanismo simile, immagino quanto lo scontento possa spingere nelle braccia di un'identità, quella islamica, che ti accetta, alternativa alla realtà insoddisfacente. Aggiungici la stupidità, l'ignoranza, l'odio, la tendenza giovanile a gesti estremi, ad esaltare il sacrificio per un ideale, e soprattutto tutte quelle vergini come premio: non so se ricordi, mi pare su repubblica, l'intervista all'aspirante martire che si vedeva sognante nel palazzo in paradiso, sul cavallo alato, con le mogli, e voleva solo sbrigarsi ad arrivarci.  E' impossibile disinnescare una macchina da guerra così. Quel vestito sarà sempre pronto per il disturbato. In questo senso, lavorare culturalmente per superare le religioni, fare il possibile per disinnescarle senza troppi clamori, almeno nei nostri paesi, è un passo fondamentale da fare, secondo me.

Online FatDanny

*****
14751
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #212 il: 19 Giu 2017, 12:18 »
Per capire a che livello siamo arrivati in Italia.
Notizia sull'attentato di stanotte contro una comunità islamica a Londra:

http://www.repubblica.it/esteri/2017/06/19/news/londra_attacco_a_finsbury_park_colpito_luogo_simbolo_della_jihad_inglese-168493419/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T2

Repubblica GIUSTIFICA (non conosco termine più adatto) nei fatti quanto accaduto facendo un collegamento tra questa moschea e Jihadismo.
Bene, NESSUN media inglese fa questo legame, se non i siti di estrema destra.

Rendiamoci conto: questi temi il primo giornale italiano, considerato liberale e di orientamento "centro-sinistra", li tratta con lo stesso taglio dell'estrema destra inglese.

Basta mettere il naso fuori (vedere i rom come vivono in spagna, come si parla di Islam in Germania o Inghilterra, etc) per capire a che livelli infimi siamo arrivati da queste parti.
Infimi. Arrivati al fondo stiamo perforando il terreno per assicurarci un posto ancor più in basso.

Offline syrinx

*
10966
Sesso: Maschio
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #213 il: 19 Giu 2017, 13:07 »
Per capire a che livello siamo arrivati in Italia.
Notizia sull'attentato di stanotte contro una comunità islamica a Londra:

http://www.repubblica.it/esteri/2017/06/19/news/londra_attacco_a_finsbury_park_colpito_luogo_simbolo_della_jihad_inglese-168493419/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T2

Repubblica GIUSTIFICA (non conosco termine più adatto) nei fatti quanto accaduto facendo un collegamento tra questa moschea e Jihadismo.
Bene, NESSUN media inglese fa questo legame, se non i siti di estrema destra.

Rendiamoci conto: questi temi il primo giornale italiano, considerato liberale e di orientamento "centro-sinistra", li tratta con lo stesso taglio dell'estrema destra inglese.

Basta mettere il naso fuori (vedere i rom come vivono in spagna, come si parla di Islam in Germania o Inghilterra, etc) per capire a che livelli infimi siamo arrivati da queste parti.
Infimi. Arrivati al fondo stiamo perforando il terreno per assicurarci un posto ancor più in basso.

100%

Offline And159

*
4978
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #214 il: 19 Giu 2017, 13:43 »
Per capire a che livello siamo arrivati in Italia.
Notizia sull'attentato di stanotte contro una comunità islamica a Londra:

http://www.repubblica.it/esteri/2017/06/19/news/londra_attacco_a_finsbury_park_colpito_luogo_simbolo_della_jihad_inglese-168493419/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T2

Repubblica GIUSTIFICA (non conosco termine più adatto) nei fatti quanto accaduto facendo un collegamento tra questa moschea e Jihadismo.
Bene, NESSUN media inglese fa questo legame, se non i siti di estrema destra.

Rendiamoci conto: questi temi il primo giornale italiano, considerato liberale e di orientamento "centro-sinistra", li tratta con lo stesso taglio dell'estrema destra inglese.

Basta mettere il naso fuori (vedere i rom come vivono in spagna, come si parla di Islam in Germania o Inghilterra, etc) per capire a che livelli infimi siamo arrivati da queste parti.
Infimi. Arrivati al fondo stiamo perforando il terreno per assicurarci un posto ancor più in basso.
probabilmente la differenza di trattamento della questione dipende anche dalla quantità di islamici presenti in Germania ed Inghilterra,che credo sia leggermente superiore rispetto all'Italia.

Online FatDanny

*****
14751
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #215 il: 19 Giu 2017, 13:51 »
probabilmente la differenza di trattamento della questione dipende anche dalla quantità di islamici presenti in Germania ed Inghilterra,che credo sia leggermente superiore rispetto all'Italia.

si ma qui il punto non è come se ne parla al bar, ma come ne parla il primo quotidiano italiano.
E' come se parlassimo di El Pais, Der Spiegel, Le Monde, etc.
E se il principale quotidiano dell'elettorato di "centro-sinistra" usa un taglio di estrema destra questo rende piuttosto bene il quadro politico italiano.

In Italia siamo scivolati talmente a destra che posizioni come quelle di Corbyn (che oggi ha invitato i suoi sostenitori a Kensington a occupare le case sfitte a favore di chi ha perso casa nell'incendio recente) sarebbero considerate più o meno da bombaroli anarchici.

E' ovvio che la percezione su migranti, islam e ius soli sia largamente distorta.
Perché ormai qui in italia viene considerato sinistra quel che è centro-destra e destra quel che è apertamente nazista.

Offline Sbracchiosauro

*****
10227
Sesso: Maschio
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #216 il: 19 Giu 2017, 14:12 »
nel dubbio io intanto inizierei ad arrestà tutti quelli con la patente e li deporterei su un remoto isolotto, dannati pericolosissimi criminali

Online Thorin

*
2187
Sesso: Maschio
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #217 il: 19 Giu 2017, 17:21 »
Una ritorsione da parte di un pazzo era purtroppo prevedibile, ce l'aspettavamo tutti... le autorità continuano a non garantire la sicurezza della gente, nonostante il periodo.

Offline AquilaLidense

*****
16764
Sesso: Maschio
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #218 il: 19 Giu 2017, 19:15 »
e con l'attentato di oggi siamo arrivati a 22 in tutta Europa.
a dir la verità di attentati con il finale come quelli di oggi, magari tutti i giorni....
Re:Terrore a Manchester
« Risposta #219 il: 20 Giu 2017, 16:57 »
Giusto Fat, ma è ancora un altro tipo di problema: in qualunque modo ne parli, quelli si fanno esplodere. In Francia, in Bangladesh, in Australia, in Somalia, nelle Filippine, etc...tu vedi punti in comune su questi paesi?
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod