Mondiali, quante defezioni


Articolo letto: 927 volte

La coppa del mondo è alle porte e le defezioni aumentano: gli ultimi nomi illustri costretti allo stop sono Rio Ferdinand, Arjen Robben e Didier Drogba. Sicuramente fuori causa il nazionale inglese (al quale Capello aveva assegnato la fascia di capitano, dopo averla tolta a John Terry), sostituito da Michael Dawson, gli altri due lottano contro il tempo per recuperare in tempo utile. L’olandese ha rimediato uno stiramento alla coscia sinistra nel finale dell’ultima amichevole contro l’Ungheria, mentre cercava un colpo di tacco. Una finezza che nella migliore delle ipotesi gli costerà mezzo mondiale, in quanto non potrà essere disponibile prima della seconda fase: ma il ct Van Marwijk non lo sostituirà, non avendo nessun altro giocatore con quelle caratteristiche.

Ultima amichevole fatale anche al capitano della Costa d’Avorio, vittima della frattura dell’avambraccio destro durante la sfida contro il Giappone. Pur di non perdersi il primo mondiale in terra africana, il centravanti del Chelsea (37 gol stagionali tra campionato e coppe) si è subito fatto operare e lunedì è tornato in ritiro. Eriksson (l’ex laziale che la federazione ivoriana ha ingaggiato solo per questo mondiale) l’ha accolto con un sorriso a 32 denti, ma difficilmente potrà schierarlo nella gara d’esordio contro il Portogallo.

Al di là dei traumi di gioco, resta un dato inoppugnabile: la maggior parte degli infortunati è reduce da una stagione lunga e logorante con i rispettivi club di appartenenza. Ben cinque di loro provengono dal Chelsea, la squadra che quest’anno ha vinto campionato e coppa d’Inghilterra ed è stata protagonista in Champions League fino agli ottavi, quando è stata eliminata dall’Inter: Bosingwa (Portogallo), Ballack (Germania), Essien (Ghana), Obi Mikel (Nigeria) e Drogba (Costa d’Avorio). Hanno pagato pegno anche Milan (Beckham e Pirlo), Juventus (Camoranesi), Real Madrid (Lassana Diarra), Manchester United (Ferdinand) e Bayern Monaco (Robben), tutti club impegnati nella massima competizione continentale e, Juve a parte, in lotta per il titolo nazionale fino alle ultime partite. Tante gare, pochi allenamenti: certi “crack” si spiegano anche in questo modo.

carlorepetto




  • Giorni

    giugno: 2010
    L M M G V S D
    « Mag   Lug »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  
  • Categorie

  • Archivio

  • Meta