Felipe-Radu che fatica! Male Onazi (Corriere dello Sport)


Articolo letto: 756 volte

Ledesma sparisce nella ripresa Candreva c’è ma sbaglia mira

MARCHETTI 6
Sempre attento nelle fasi calde, tra uscite alte e disimpegni con i piedi. Spesso recupera anche su alcune sbavature dei compagni. Nel secondo tempo il Chievo si fa sotto e sulla bomba di Paloschi non può davvero nulla.

BASTA 6,5
Prezioso tatticamente ed efficacissimo nelle due fasi. Ha la forza di chiudere in difesa e un attimo dopo quella di andare a provare la conclusione in area avversaria. Tra i migliori della Lazio.

NOVARETTI 6
Gioca con buona autorità. Bene in difesa, con interventi puntuali e sicuri. E bene anche in attacco quando nel primo tempo sfiora il gol con un destro diretto all’incrocio e deviato da Bizzarri. Una sola disattenzione, nel secondo tempo.

MAURICIO 5
Senza De Vrij lì dietro sembra comandare lui. E lo fa bene, richiamando i compagni e sbrigandosela da solo, senza fronzoli, quando la palla gli passa vicino. Però è suo il colpo di testa fuori misura che manda Paloschi al tiro dell’1-1.

RADU 5,5
Un po’ in ombra al rientro dopo il lungo stop. Nel secondo tempo si fa prendere il tempo da Botta su un cross che poteva diventare molto pericoloso. La cosa migliore è la palla che serve a Klose per la fuga del vantaggio biancoceleste.

ONAZI 5
Fa una fatica enorme, sia in fase di possesso che quando si tratta di recuperare il pallone. Sembra avere quasi paura dopo il lungo periodo trascorso in panchina. Per di più viene ammonito e, essendo diffidato, salterà il Parma.

LEDESMA 5
Ci mette tutto ciò che ha, come ha sempre fatto, tanto che nel primo tempo non va male. Poi la Lazio va in sofferenza e a quel punto sembra sparire dal campo, non riuscendo più ad arginare gli avversari e a cucire il gioco.

CANDREVA 5,5
E’ in forma e fa su e giù sulla destra senza soluzione di continuità. Ha la colpa di essere poco preciso in fase conclusiva: una volta nel primo tempo, quando si fa ipnotizzare a due passi da Bizzarri, e almeno due nella ripresa, quando non trova la mira giusta.

FELIPE ANDERSON 5
Stavolta non c’è e, pur provandoci, non riesce ad incidere in alcun modo. Se gli manca lo spunto in velocità, figlio di una condizione al top, diventa un giocatore normalissimo. Non lascia tracce sulla partita.

LULIC 5,5
Si muove tra le linee, un po’ centrocampista e un po’ estreno d’attacco. Ci mette grande impegno e partecipa sempre attivamente alle due fasi di gioco. Però non sembra svolgere nulla di più del semplice compitino. Una buona sponda per Candreva nel primo tempo.

KLOSE 7
Ha il grande merito di trovare il gol dell’1-0 con un mezzo capolavoro di forza e tecnica. Lui il suo lo fa e lo fa bene. Fino a quando è costretto ad arrendersi al mal di schiena e viene sostituito.

KEITA (14’ ST) 6
Ha una gran voglia di risolverla e si danna l’anima per cercare il colpo vincente. Un po’ per colpa sua e un po’ per merito di Bizzarri non trova la via del gol.

PIOLI (ALL.) 5,5
Parte col 4-2-3-1 ma dopo mezz’ora deve rivedere tutto e arretrare Lulic per il 4-3-3. Non ha grande scelta in panchina, però anche con i cambi non riesce a conquistare i tre punti.


  • Giorni

    aprile: 2015
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  
  • Archivio

  • Meta