Pioli, quanti rimpianti “Ci serviva la vittoria ma guai a deprimersi” (La Repubblica – ed. romana)


Articolo letto: 444 volte

Klose non basta, primo pareggio in casa per i biancocelesti Il tecnico: “Certe gare si possono anche vincere 1-0” Felipe spento. Mercoledì contro il Parma ancora in dubbio Mauri

GIULIO CARDONE
MARCO ERCOLE
LA VOGLIA di ripartire della vigilia si inceppa con il gol di Paloschi. La rete di Klose nel finale di primo tempo non basta: contro il Chievo finisce 1-1 (primo pareggio stagionale in casa, secondo in due incontri con i veneti), la Lazio resta seconda e guadagna un punto sulla Roma. Ma c’è comunque l’amaro in bocca per il possibile allungo fallito: «È chiaro — spiega Pioli — che non siamo completamente soddisfatti, non è questo il risultato che volevamo. Ma guai a parlare di depressione per l’occasione mancata: siamo arrivati in alto, però dobbiamo ancora raggiungere il top per competere su livelli più alti. Anche questa da partita impareremo qualcosa». Magari a prendere i tre punti senza dover per forza chiudere in goleada: «Dobbiamo capire che certe gare si possono anche vincere 1-0, non sempre si riesce a raddoppiare». Di certo sarebbe stato meglio capitalizzare le 17 occasioni da gol create (la Lazio aveva fatto meglio solo contro l’Atalanta con 21): «Se una squadra di serie A costruisce così tanto credo abbia fatto il proprio dovere. L’approccio c’è stato, la prestazione pure. Siamo stati solo un po’ sfortunati in occasione del gol subìto».
E anche nel corso della gara. Perché oltre ai numerosi assenti, Pioli nel secondo tempo ha dovuto rinunciare a un Klose in forma Mondiale: «Miro non stava bene nemmeno alla vigilia (problema allaschiena, ndr) ederaarischio anche la sua presenza. Ha stretto i denti, ma nella ripresa ha chiesto il cambio». Ci sarà mercoledì contro il Parma, mentre è in dubbio Mauri rimasto in tribuna con il Chievo per un fastidio all’inguine. Per Parolo invece arrivano sensazioni positive in vista dell’Atalanta: «Affrontiamo queste 3 partite in 7 giorni con qualche assenza di troppo — continua Pioli — e chiaramente sarei stato più contento se avessi avuto modo di scegliere». Lo sarebbe stato pure Basta, che spiega così il gol subìto: «Devo rivedere l’azione, ma di certo non è semplice giocare ogni volta con compagni diversi. Sono due punti persi, ora però vogliamo vincere con il Parma». Dello stesso avviso Keita: «Siamo già proiettati a mercoledì: non ci regaleranno nulla e così sarà fino alla fine del campionato».


  • Giorni

    aprile: 2015
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  
  • Archivio

  • Meta