De Vrij e Biglia puntano l’Inter (Corriere dello Sport)


Articolo letto: 1027 volte

Vogliono tornare disponibili per la sfida del 10 maggio. Sorpresa Parolo: è in gruppo

di Alberto Ghiacci
ROMA
Pioli, giustamente, ha sempre parlato di «grandi valori del collettivo», su questo concetto ha lavorato fin dal suo arrivo alla Lazio. E non c’è dubbio che i biancocelesti abbiano ottenuto finora ottimi risultati anche grazie alla forza del gruppo. Ma di certo c’è anche che senza alcuni interpreti il gioco biancoceleste non riesca ad avere lo stesso tipo di sviluppo: non togliendo nulla alle “seconde linee”, se la Lazio si ritrova a giocare senza De Vrij, Biglia, Parolo e altri ancora, diventa un problema. E sarebbe lo stesso per qualsiasi squadra: sia per la forza specifica degli assenti (infortunati), sia per i meccanismi che, impostati sulle loro caratteristiche, diventano naturalmente meno oliati. Una costante, quella legata alle assenze per infortunio, che ha accompagnato l’organico laziale praticamente per l’intera stagione. E chissà dove potevano essere i biancocelesti oggi se non fossero stati tartassati dalla sfortuna.

CACCIA ALL’INTER.Nel frattempo è arrivato il rush finale del campionato, con 18 punti ancora a disposzione e una corsa Champions che per ora vede la Lazio avanti di un punto sulla Roma e di tre sul Napoli (la Samp, quinta, è a nove lunghezze). Il club biancoceleste lavora senza sosta per restituire quante più pedine possibili – e in fretta – a Pioli. «De Vrij e Biglia – ha detto a Lazio Style Radio il dottor Salvatori, medico sociale della Lazio – stanno lavorando parallelamente, perché gli infortuni sono diversi (ginocchio per l’olandese e caviglia per l’argentino, ndr) ma i tempi di recupero sono più o meno simili. Dopo il Parma effettueremo nuovi controlli ma contiamo di averli a disposizione per Lazio-Inter. Non vorremmo andare oltre…». Ciò significa che la prossima settimana , quella che porterà allla sida con i nerazzurri del 10 maggio, il centrale e il regista dovrebbero poter gradualmente rientrare a lavorare con il resto dei compagni. I due, quindi, saranno ancora out domani e domenica a Bergamo.

voglia di atalanta.Un po’ a sorpresa, intanto, ieri ha lavorato con la squadra Marco Parolo, fermo per una frattura alla costola dal giorno di Lazio-Empoli. Il centrocampista che tanto dà in termini di corsa, soluzioni tattiche, gol (7 in campionato e uno in Coppa Italia) e sacrificio, punta con forza a rimettersi a disposizione del tecnico quanto prima posisbile. I tempi di venti giorni inizialmente indicati per il completo recupero portano ad Atalanta-Lazio di domenica, ma a questo punto non sono escluse sorprese per domani sera. Mauri, invece, domani non ci sarà. Il mancino si è fermato venerdì per un problema all’inguine e domenica con il Chievo, dopo essere stato convocato, non è andato neanche in panchina: la sua situazione sarà valutata giorno dopo giorno.
ATTESA. Poi ci sono Gentiletti e Djordjevic, che hanno concluso i percorsi di recupero dopo i rispettivi lunghi stop e ora aspettano la nuova chiamata di Pioli. Per entrambi, comunque, servirà ancora un po’ di tempo per poter rientrare a pieno regime in una partita vera, perché quando ci sono punti in palio i tempi e i contatti non sono mai gli stessi degli allenamenti. Infine sono fermi anche Cana (trauma al ginocchio) e Pereirinha (edema al piede): il primo può esserci domenica a Bergamo, per il secondo i tempi sono più lunghi.


  • Giorni

    aprile: 2015
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  
  • Archivio

  • Meta