La Dacia Arena modello per l’Italia

0 Utenti e 39 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

La Dacia Arena modello per l’Italia
« il: 15 Mar 2016, 06:37 »
La Dacia Arena modello per l’Italia (Il Tempo)

L’Udinese ha restaurato il suo stadio con 35 milioni Una strada più veloce rispetto al progetto della Roma

RAPIDO E INDOLORE

Un impianto piccolo ma funzionale - 25mila spettatori la capienza massima - adatto al bacino d’utenza di una città da 100mila abitanti che spera di tornare presto «la provinciale d’Europa» grazie al business rinvigorito dallo stadio di proprietà. Si è partiti dal vecchio Friuli, una delle sedi di Italia 90 con l’inutile pista d’atletica attorno al campo, e nel giro di cinque anni è stato trasformato nella Dacia Arena, anche se il percorso completo è durato dieci anni, tanti quanti ne ha impiegati la Juventus per il suo Stadium.

La società di Pozzo ha iniziato a progettare la nuova «casa» nel 2006, il 14 novembre 2011 ha firmato con il Comune di Udine l’accordo per la cessione del diritto di superficie, il 23 giugno 2014 ha posato la prima pietra e dal 17 gennaio scorso tutte le strutture utilizzate per le partite sono complete, con i suoi seggiolini colorati per farlo sembrare pieno di spettatori anche quando non lo è.

Il progetto guidato da Alberto Rigotto ha creato una situazione inedita all’interno: la partita si vede meglio dai Distinti, lontani appena sei metri e mezzo dal campo senza alcuna barriera, piuttosto che dalla Tribuna Ovest Coperta. Tutte le fasce di spettatori possono accedere ai ristoranti di vario livello, da quello guidato da uno chef stellato in giù fino ai punti vendita nei settori popolari. Entro il 31 dicembre, a 540 giorni dall’apertura dei cantieri, saranno terminati i lavori per i 20mila metri quadri di spazi commerciali coperti e dedicati ai servizi: oltre a un centro «wellness» e alle sale business, la famiglia Pozzo ha deciso di costruire ai piani superiori dello stadio una clinica. L’idea è quella di tenere aperto l’impianto tutti i giorni, tra partite, conferenze, convegni ed eventi vari. Il tutto grazie alla collaborazione con la casa automobilistica del gruppo Renault, partner dell’Udinese dal 2009: la Dacia Arena è il primo impianto in Italia che prende il nome da un brand dell’automobile.

UNA GUIDA PER TUTTI

L’impianto friulano è una stella polare per i club italiani: ristrutturare gli stadi esistenti è un’idea che si sta allargando a macchia d’olio, una strada più veloce ed economica rispetto a chi insegue opere nuove di zecca, vedi Roma, Frosinone e Cagliari. Il Bologna ha già avviato insieme al Comune un progetto di restyling del Dall’Ara, anche se potrà rifare solo una parte dell’impianto, ed è la società di Serie A più avanti nell’iter. De Laurentiis litiga da anni con il sindaco De Magistris per concordare i lavori da eseguire al San Paolo che cade a pezzi, Inter e Milan hanno rinunciato alle rispettive idee di costruirsi i propri stadi da capo e stanno ragionando insieme su come cambiare San Siro. Troppi vincoli, invece, al Franchi di Firenze, così i Della Valle ragionano su una cittadella viola nell’area Mercafir e ovviamente i costi salgono: si parla di un’operazione da 320 milioni di euro.

AMERICANI A RILENTO

Per lo stadio della Roma ne servono addirittura il quadruplo, 1.2 miliardi di euro, anche se parliamo ovviamente di una partita ben più ampia comprensiva delle opere pubbliche, business center e convivium. Basti pensare che il solo progetto del mega-impianto di Tor di Valle è costato più di quanto l’Udinese ha investito in tutto per la Dacia Arena: la stessa cifra di 35 milioni è infatti pari alle spese di progettazione finora a carico di Pallotta, ai quali vanno aggiunte quelle che si è sobbarcato il costruttore Parnasi.

La sostenibilità finanziaria dell’operazione è il vero nodo che sta rallentando la Roma: i 320 milioni necessari per costruire strade, ponti, stazioni, etc., come da accordi sanciti dalla delibera di pubblica utilità, sono a «fondo perduto» e la strada per recuperarli attraverso il business è lunga. Alcuni errori di valutazione nel business plan sono costati la «testa» del Ceo di Stadio della Roma Mark Pannes, sostituito dall’altro americano David Ginsberg, segnalato di ritorno in Italia insieme al suo team. Il progetto va avanti e dovrebbe portare alla consegna del dossier definitivo il prossimo mese, per poi passare al vaglio della Regione Lazio. Siamo ormai in una fase tecnica mentre quella politica è stata teoricamente superata, al netto delle «minacce» di far saltare tutto mosse dalla candidata sindaco Virginia Raggi, comunque di difficile attuazione visto il rischio di procurare una causa miliardaria contro il Comune di Roma. Sono altri i timori dalle parti di Boston: servono soldi. Tanti, maledetti e non subito, ma comunque presto.

Alessandro Austini


Offline edge24

*
7066
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #1 il: 15 Mar 2016, 07:55 »
Però c'è da dire che chi ha scelto il colore dei seggiolini, quel giorno, era ubriaco. Non se ponno guardà


Sent from my #liberaedge24 using Tapatalk
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #2 il: 15 Mar 2016, 08:04 »

Però c'è da dire che chi ha scelto il colore dei seggiolini, quel giorno, era ubriaco. Non se ponno guardà


Sent from my #liberaedge24 using Tapatalk
A me piacciono, so forti!

Offline Andre

*
6282
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #3 il: 15 Mar 2016, 10:05 »
I seggiolini colorati ti danno l'illusioni di una maggiore affluenza di spettatori ...

Inviato dal mio HTC One utilizzando Tapatalk

Offline Tarallo

*****
95240
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #4 il: 15 Mar 2016, 10:33 »
I seggiolini colorati ti danno l'illusioni di una maggiore affluenza di spettatori ...

Inviato dal mio HTC One utilizzando Tapatalk
Per la Lazio manco se se famo de LSD aiuta.
Comunque è un caso unico, io non ci avrei mai pensato. Tutta la vita i colori della squadra, come dappertutto.

Offline robylele

*****
31678
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #5 il: 15 Mar 2016, 10:38 »


Basti pensare che il solo progetto del mega-impianto di Tor di Valle è costato più di quanto l’Udinese ha investito in tutto per la Dacia Arena: la stessa cifra di 35 milioni è infatti pari alle spese di progettazione finora a carico di Pallotta, ai quali vanno aggiunte quelle che si è sobbarcato il costruttore Parnasi.





 :lol: :rotfl2:

Offline Rorschach

*****
10622
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #6 il: 15 Mar 2016, 10:50 »
Cioè lo stadio si dovrebbe fare per evitare il rischio di una causa? Ma li mortacci loro.

Offline ian

*
7680

Offline ian

Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #7 il: 15 Mar 2016, 14:36 »
Vabbe, stiamo parlando di Austini, no dico AUSTINI.
Ma l'avete mai visto Austini?

Offline fiord

*
5323
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #8 il: 15 Mar 2016, 14:49 »
Ma infatti dove cazzo sta scritto che per fare uno stadio bisogna fare le palazzine?

Offline Brixton

*
3955
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #9 il: 15 Mar 2016, 20:31 »
Per la Lazio manco se se famo de LSD aiuta.
Comunque è un caso unico, io non ci avrei mai pensato.

Oddio, per gli stadi forse si. Ma, ad esempio, il Teatro Palladium a Roma ha ugualmente le poltroncine multicolore. Sospetto che ci siano degli architetti a cui piaccia 'sta roba (per me non si può vedere, ma de gustibus...).

Offline Andre

*
6282
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #10 il: 15 Mar 2016, 20:39 »
Per la Lazio manco se se famo de LSD aiuta.
Comunque è un caso unico, io non ci avrei mai pensato. Tutta la vita i colori della squadra, come dappertutto.
Vidi una cosa del genere tempo fa, provo a ricercarla

Anche a me non piace, ma non mi piacciono nemmeno i seggiolini vuoti

Inviato dal mio HTC One utilizzando Tapatalk

Offline Andre

*
6282
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #11 il: 15 Mar 2016, 20:44 »
Sporting Lisbona



Inviato dal mio HTC One utilizzando Tapatalk

Offline bak

*
20162
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #12 il: 16 Mar 2016, 09:01 »
Ve lo immaginate un "Acqua Lete arena" a Napoli o un "xyz arena" a Roma ?
Avete la più pallida idea di quali e quanti ingranaggi debbono oliare affinché la pratica arrivi a compimento ?
Al Milan, nella zona della vecchia Fiera gli hanno sbattuto la porta in faccia

A Udine è stato possibile perché a quelli se gli dai dell'italiano si offendono a morte; ancora campano con Cecco Peppe. A volte è un bene, a volte un male.

Offline Blueline

*
5104
blog of life
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #13 il: 16 Mar 2016, 21:42 »
Un conto uno stadio fatto a Udine, un conto uno fatto a Roma: nell'Urbe uno stadio da 25mila ci fa poco.

Offline Omar65

*****
6905
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #14 il: 16 Mar 2016, 22:17 »
Altra Italia.

Offline Tarallo

*****
95240
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #15 il: 17 Mar 2016, 05:56 »
Altra Italia.
Purtroppo è così.

Offline NEMICOn.1

*
5358
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #16 il: 17 Mar 2016, 08:46 »
Un conto uno stadio fatto a Udine, un conto uno fatto a Roma: nell'Urbe uno stadio da 25mila ci fa poco.

Ok a Roma ci fai poco ......
ma quanti stadi potrebbero essere rifatti tra Lega Pro e serie B su questo modello ?
quasi tutti .....invece preferiscono avere stadi scandalosi , la settimana scorsa leggevo che a Matera i dirigenti , quindi Presidente , direttore sportivo ect , vanno a mettersi nella curva riservata agli ospiti insieme ai tifosi , perché la Tribuna è piccola .
Ma vi sembra una cosa normale ??
Re:La Dacia Arena modello per l’Italia
« Risposta #17 il: 17 Mar 2016, 16:58 »
Purtroppo è così.

Per fortuna , LORO , e' cosi' .
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod