Acquariofilia

0 Utenti e 32 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Acquariofilia
« il: 16 Set 2021, 16:17 »
Ho scoperto questa passione da un paio di anni e prima di decidermi se allestire o meno un acquario, ho cercato di informarmi su questa bellissima passione.
Non nego che la scintilla me l'abbia offerta mia figlia la quale ha visto, a casa di una sua amichetta, la classica boccia con dei pesci rossi dentro. Ho sempre percepito una enorme tristezza nel vedere quei pesciolini nuotare in così poco spazio e quella sensazione (non fondata su conoscenze specifiche), una volta raccolto un po' di informazioni sull'argomento, si è rivelata esatta.
Dunque ho deciso di allestire un acquario vero e proprio, acquistandone uno di 100 litri e allestendolo nel modo più naturale possibile. Quindi con fondo fertile, piante vere (hygrophila polysperma, anubias, cryptocoryne...), rocce e legni. A maturazione completata ho inserito i miei primi pesciolini di acqua dolce: dei simpatici platy che hanno creato, nel giro di pochi mesi, una comunità di esserini molto attivi e accattivanti. Successivamente ho introdotto dei molly lyra dalmata, anche loro della famiglia dei poecilidi: ci sono già i loro avannotti in giro e presto anche loro formeranno la loro comunità. Sarà interessante studiare le dinamiche interne al gruppo e come interagiranno platy e molly.
Ah, sia chiaro: non mi considero un esperto e di errori nella gestione della vasca ne commetto ancora tanti (per fortuna nulla che abbia provocato, ad oggi, morti premature).
Se c'è qualche appassionato, che si faccia avanti!


Re:Acquariofilia
« Risposta #1 il: 29 Set 2021, 16:03 »
non me pare pieno di appassionati, ma vabbè, come stanno sti pesci? :=))

Offline FatDanny

*****
23839
Re:Acquariofilia
« Risposta #2 il: 30 Set 2021, 10:23 »
Ho scoperto questa passione da un paio di anni e prima di decidermi se allestire o meno un acquario, ho cercato di informarmi su questa bellissima passione.
Non nego che la scintilla me l'abbia offerta mia figlia la quale ha visto, a casa di una sua amichetta, la classica boccia con dei pesci rossi dentro. Ho sempre percepito una enorme tristezza nel vedere quei pesciolini nuotare in così poco spazio e quella sensazione (non fondata su conoscenze specifiche), una volta raccolto un po' di informazioni sull'argomento, si è rivelata esatta.
Dunque ho deciso di allestire un acquario vero e proprio, acquistandone uno di 100 litri e allestendolo nel modo più naturale possibile. Quindi con fondo fertile, piante vere (hygrophila polysperma, anubias, cryptocoryne...), rocce e legni. A maturazione completata ho inserito i miei primi pesciolini di acqua dolce: dei simpatici platy che hanno creato, nel giro di pochi mesi, una comunità di esserini molto attivi e accattivanti. Successivamente ho introdotto dei molly lyra dalmata, anche loro della famiglia dei poecilidi: ci sono già i loro avannotti in giro e presto anche loro formeranno la loro comunità. Sarà interessante studiare le dinamiche interne al gruppo e come interagiranno platy e molly.
Ah, sia chiaro: non mi considero un esperto e di errori nella gestione della vasca ne commetto ancora tanti (per fortuna nulla che abbia provocato, ad oggi, morti premature).
Se c'è qualche appassionato, che si faccia avanti!

eccociiiiiii
Alloooooora:
io ero appassionato in adolescenza, il mio ultimo acquario risale ad una quindicina di anni fa.
Devo dirti la verità, a me i poecilidi non appassionano, li trovo "insozza acquari". Magnano, cacano, trombano, ma non mi danno grande soddisfazione.
Se vuoi divertirti a vedere i comportamenti dei pesci il meglio, a mio avviso, sono i ciclidi.
Gestione del territorio, tana, cure genitoriali, ecc ecc
I miei preferiti sono i Mikrogeophagus ramirezi, bellissimi, seppur un po' delicati.



Importante è dove li compri perché il rischio di pesci poco in salute a causa dell'allevamento di provenienza è alto.
La cosa migliore sarebbe avere due coppie perché la competizione tra maschi accende i colori ma temo che un acquario da 100 lt permetta una sola coppia.

Oltre questo a me piaceva creare acquari biotopici.
Ossia partivo da una specie base (es. ramirezi o Scalari o Betta splendens, etc) e poi costruivo lo scenario attorno con altre specie e piante del loro ecosistema di origine.
Il ramirezi è un pesce sudamericano, mai metterlo con un barbo tigre che è asiatico.
Su un 100 litri io avrei fatto coppia di ciclidi, un gruppo di poecilidi o caracidi (io preferisco questi ultimi) e uno di pesci da fondo.
A tema amazzonico sarebbero stati: ramirezi/scalari, hemigrammus, corydoras.







Uno degli acquari più belli (e diffusi) è quello a biotopo "Lago Vittoria", perché i ciclidi africani sono molto belli.
Su acquari piccoli non ti consiglierei troppo i poecilidi perché proprio per le loro caratteristiche alterano facilmente i valori dell'acqua.

Altro consiglio: controlla SEMPRE la luce ottimale per le varie specie.
Mettere un pesce a cui piace poca luce in un acquario dalla luce sparata significa portarlo a nascondersi sempre e ad uno stress continuo.
Le piante devono servire proprio a questo, oltre che a livello ornamentale. Ti regolano la luce, soprattutto quelle di superficie.

Ho già scritto un botto, in caso reintervengo
 :=))

Re:Acquariofilia
« Risposta #3 il: 30 Set 2021, 17:48 »
eccociiiiiii
Alloooooora:
io ero appassionato in adolescenza, il mio ultimo acquario risale ad una quindicina di anni fa.
Devo dirti la verità, a me i poecilidi non appassionano, li trovo "insozza acquari". Magnano, cacano, trombano, ma non mi danno grande soddisfazione.
Se vuoi divertirti a vedere i comportamenti dei pesci il meglio, a mio avviso, sono i ciclidi.
Gestione del territorio, tana, cure genitoriali, ecc ecc
I miei preferiti sono i Mikrogeophagus ramirezi, bellissimi, seppur un po' delicati.



Importante è dove li compri perché il rischio di pesci poco in salute a causa dell'allevamento di provenienza è alto.
La cosa migliore sarebbe avere due coppie perché la competizione tra maschi accende i colori ma temo che un acquario da 100 lt permetta una sola coppia.

Oltre questo a me piaceva creare acquari biotopici.
Ossia partivo da una specie base (es. ramirezi o Scalari o Betta splendens, etc) e poi costruivo lo scenario attorno con altre specie e piante del loro ecosistema di origine.
Il ramirezi è un pesce sudamericano, mai metterlo con un barbo tigre che è asiatico.
Su un 100 litri io avrei fatto coppia di ciclidi, un gruppo di poecilidi o caracidi (io preferisco questi ultimi) e uno di pesci da fondo.
A tema amazzonico sarebbero stati: ramirezi/scalari, hemigrammus, corydoras.







Uno degli acquari più belli (e diffusi) è quello a biotopo "Lago Vittoria", perché i ciclidi africani sono molto belli.
Su acquari piccoli non ti consiglierei troppo i poecilidi perché proprio per le loro caratteristiche alterano facilmente i valori dell'acqua.

Altro consiglio: controlla SEMPRE la luce ottimale per le varie specie.
Mettere un pesce a cui piace poca luce in un acquario dalla luce sparata significa portarlo a nascondersi sempre e ad uno stress continuo.
Le piante devono servire proprio a questo, oltre che a livello ornamentale. Ti regolano la luce, soprattutto quelle di superficie.

Ho già scritto un botto, in caso reintervengo
 :=))

c'è un qualche argomento del quali confessi la tua ignoranza?

Sono affascinato e ammirato dalla profondità delle riflessioni, approfondimenti e passione. :beer:

p.s. I Ramirezi sono bellissimi.
In un acquario di 250 lt. ho fatto la cazzata di metterci dentro un barbo tigre : un rompico..ioni che non ti dico.
Alla fine dopo aver stressato tutti i pesci si è pure ammazzato buttandosi fuori dal foro dove passava il tubicino dell'aria.
L'ho trovato stecchito il giorno dopo.
Re:Acquariofilia
« Risposta #4 il: 30 Set 2021, 17:51 »
c'è un qualche argomento del quali confessi la tua ignoranza?

Sono affascinato e ammirato dalla profondità delle riflessioni, approfondimenti e passione. :beer:

p.s. I Ramirezi sono bellissimi.
In un acquario di 250 lt. ho fatto la cazzata di metterci dentro un barbo tigre : un rompico..ioni che non ti dico.
Alla fine dopo aver stressato tutti i pesci si è pure ammazzato buttandosi fuori dal foro dove passava il tubicino dell'aria.
L'ho trovato stecchito il giorno dopo.
Ahahhahahah
Re:Acquariofilia
« Risposta #5 il: 30 Set 2021, 19:51 »
Intanto grazie per le risposte, risponderò con calma appena possibile, comunque i ramirezi sono bellissimi, non nascondo di averli presi in considerazione per il mio prossimo step, ma ci tornerò in modo più approfondito.

Offline FatDanny

*****
23839
Re:Acquariofilia
« Risposta #6 il: 30 Set 2021, 19:55 »
c'è un qualche argomento del quali confessi la tua ignoranza?

Sono affascinato e ammirato dalla profondità delle riflessioni, approfondimenti e passione. :beer:

p.s. I Ramirezi sono bellissimi.
In un acquario di 250 lt. ho fatto la cazzata di metterci dentro un barbo tigre : un rompico..ioni che non ti dico.
Alla fine dopo aver stressato tutti i pesci si è pure ammazzato buttandosi fuori dal foro dove passava il tubicino dell'aria.
L'ho trovato stecchito il giorno dopo.

:lol:

Ma di acquari non sono esperto, solo appassionato.
Un hobby amatoriale e nulla più, i consigli dati derivano dalle cazzate fatte.
Ad esempio penso che un acquario marino, mai fatto, lo devasterei in poco tempo.

 :=))
Re:Acquariofilia
« Risposta #7 il: 30 Set 2021, 20:11 »
:lol:

Ma di acquari non sono esperto, solo appassionato.
Un hobby amatoriale e nulla più, i consigli dati derivano dalle cazzate fatte.
Ad esempio penso che un acquario marino, mai fatto, lo devasterei in poco tempo.

 :=))
Anche la cucina…..

Offline migdan

*****
4552
Re:Acquariofilia
« Risposta #8 il: 30 Set 2021, 20:31 »
Qui entriamo nel campo della mia ex mania, sopita dal matrimonio: sono arrivato ad avere 10 vasche in casa, quando abitavo con mia madre. I Poecilidae hanno il grande vantaggio di amare l'acqua dura e basica della rete di Roma, per allevare pesci appartenenti a famiglie che richiedono condizioni chimiche diverse è opportuno dotarsi di un impianto ad osmosi inversa.
Attualmente ho un "minipond", un laghetto in un vaso da circa 60 litri, in balcone.

P.S. Sono innamorato di Mikrogeophagus ramirezi da quando era inserito nel genere Apistogramma, passando poi per Papiliochromis. Le ultime selezioni resistono bene anche in acqua discretamente dura, mentre in natura vivono in acque scure, con durezza prossima allo zero.

Offline FatDanny

*****
23839
Re:Acquariofilia
« Risposta #9 il: 01 Ott 2021, 10:48 »
oh vedi, migdan è un esperto
 :=))
Re:Acquariofilia
« Risposta #10 il: 01 Ott 2021, 12:39 »

Saluti.... 8) 8) 8) 8) 8)

Offline migdan

*****
4552
Re:Acquariofilia
« Risposta #11 il: 01 Ott 2021, 21:45 »
oh vedi, migdan è un esperto
 :=))
Mai avuto un acquario bello come il tuo amazzonico, complimenti anche per le foto!
Da quali negozianti ti rifornivi? Ormai vado solo dal mitico Claudio di Oceano, a Viale Regina Margherita (solo per chiacchierarci, visto che ormai allevo solo qualche gambusia).

Offline FatDanny

*****
23839
Re:Acquariofilia
« Risposta #12 il: 05 Ott 2021, 11:43 »
no no, non è il mio, ho postato una foto per dare un'idea.
Lo dico per non prendermi meriti non miei    :=))

L'ho postato però perché era identico al mio per scelta delle specie presenti (flora e fauna).
Purtroppo risalendo a molti anni fa non ho foto  :(

Devo dire che sull'amazzonico sono riuscito anche in un paio di risultati appaganti.
Tipo far riprodurre l'Ancistrus tramite una mezza noce di cocco.
Sui ciclidi devo dire che mentre sui Ramirezi i risultati sono stati spesso frustranti per quanto dicevi anche tu, sugli Scalari ho avuto buoni risultati.
Mi rifornivo in un negozio a viale marconi anche perché - ammetto questo peccato mortale - avevo trovato una coppia da cattura veramente bella, che paradossalmente si è adattata molto meglio di altri esemplari da allevamento.
Re:Acquariofilia
« Risposta #13 il: 05 Ott 2021, 16:10 »
Allora, avete postato foto bellissime e spunti interessanti, provo a replicare su alcuni dei punti emersi.
Intanto sono d'accordo che i poecilidi non sono propriamente la specie che dà più soddisfazioni ad un appassioanto di acquari. Li ho scelti volutamente poiché, essendo un neofita, ho inteso innanzitutto fare pratica e capire quanto questo hobby potesse "prendermi". Per cui ho scelto pesci facilmente gestibili, non troppo delicati, che si adattano al tipo di acqua dura della zona in cui abito (che tuttavia provvedo a tagliare con acqua demineralizzata o di osmosi, a seconda dei valori dei test che regolarmente faccio, avendo acquistato la valigetta della Sera con tutti i principali test).
Avendo inserito delle piante, mi interessa approfondire anche il discorso sulla fertilizzazione: sono passato dai fertilizzanti "tutto in uno" al protocollo PMDD che ho trovato su alcuni siti specializzati. A proposito di questi ultimi, ho notato che in quei fora molti utenti, anziché dispensare consigli e suggerimenti, sono più orientati a salire sul piedistallo e a dispensare lezioni, a volte denigrando e perculando chi si avvicina a questo hobby. Per questo non li frequento. Come non frequento i gruppi su facebook (so che ne esistono diversi) in quanto non sono iscritto su quella piattaforma (non amo particolarmente i social, questo forum è una eccezione).

Tra i pesci che un giorno mi piacerebbe allevare ci sono i barbus. So che hanno un carattere particolare e che dovrò, eventualmente, aumentare il litraggio a loro disposizione, ma mi stuzzica l'idea di creare un branco di pesci in continuo movimento e dal carattere deciso.
Ma ci sarà tempo, per ora voglio dedicarmi ai platy/molly e imparare i segreti di una corretta gestione della vasca.


Re:Acquariofilia
« Risposta #14 il: 05 Ott 2021, 18:33 »
Allora, avete postato foto bellissime e spunti interessanti, provo a replicare su alcuni dei punti emersi.
Intanto sono d'accordo che i poecilidi non sono propriamente la specie che dà più soddisfazioni ad un appassioanto di acquari. Li ho scelti volutamente poiché, essendo un neofita, ho inteso innanzitutto fare pratica e capire quanto questo hobby potesse "prendermi". Per cui ho scelto pesci facilmente gestibili, non troppo delicati, che si adattano al tipo di acqua dura della zona in cui abito (che tuttavia provvedo a tagliare con acqua demineralizzata o di osmosi, a seconda dei valori dei test che regolarmente faccio, avendo acquistato la valigetta della Sera con tutti i principali test).
Avendo inserito delle piante, mi interessa approfondire anche il discorso sulla fertilizzazione: sono passato dai fertilizzanti "tutto in uno" al protocollo PMDD che ho trovato su alcuni siti specializzati. A proposito di questi ultimi, ho notato che in quei fora molti utenti, anziché dispensare consigli e suggerimenti, sono più orientati a salire sul piedistallo e a dispensare lezioni, a volte denigrando e perculando chi si avvicina a questo hobby. Per questo non li frequento. Come non frequento i gruppi su facebook (so che ne esistono diversi) in quanto non sono iscritto su quella piattaforma (non amo particolarmente i social, questo forum è una eccezione).

Tra i pesci che un giorno mi piacerebbe allevare ci sono i barbus. So che hanno un carattere particolare e che dovrò, eventualmente, aumentare il litraggio a loro disposizione, ma mi stuzzica l'idea di creare un branco di pesci in continuo movimento e dal carattere deciso.
Ma ci sarà tempo, per ora voglio dedicarmi ai platy/molly e imparare i segreti di una corretta gestione della vasca.
Se vuoi far impazzire le altre specie…..😉
Re:Acquariofilia
« Risposta #15 il: 05 Ott 2021, 18:41 »
Se vuoi far impazzire le altre specie…..😉

 :DD :DD

Neofita sì, sprovveduto no.
Sarebbe un acquario monospecifico  :luv:
Re:Acquariofilia
« Risposta #16 il: 05 Ott 2021, 18:59 »
Io non posso esserti di grande aiuto
Solo marino e ormai ho smesso
Però se ti serve un acquario particolare c'è un negozio sulla Cassia che li costruisce  e fa dei capolavori
Sono i fornitori unici della Rai
A me ne fece uno su misura da 1500 litri
Bei tempi
Re:Acquariofilia
« Risposta #17 il: 05 Ott 2021, 19:27 »
Io non posso esserti di grande aiuto
Solo marino e ormai ho smesso
Però se ti serve un acquario particolare c'è un negozio sulla Cassia che li costruisce  e fa dei capolavori
Sono i fornitori unici della Rai
A me ne fece uno su misura da 1500 litri
Bei tempi

Grazie.
Purtroppo non abito più a Roma da anni.

Online paolo71

*****
14879
Re:Acquariofilia
« Risposta #18 il: 07 Ott 2021, 15:00 »
ho visto solo ora...

è uno dei miei hobby, da 15 anni...







questa è la vasca (180 L) che avevo fino all' anno scorso...
popolata da apistrogramma, corydoras, nannostomus, petitelle, cardinali...tutte specie amazzoniche
con piante dei bacini idrografici sempre sudamericani.

Ora ho rifatto il layout ma lo stile e le speci presenti sono sempre di quell' area geografica.

Per alcuni anni ho tenuto anche più vasche ed allevato la specie più bella (per me) dei pesci di acqua dolce, chiamata il Re, i Discus.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod