Badanti...

0 Utenti e 84 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline jp1900

*****
6834
Badanti...
« il: 27 Ott 2021, 02:37 »
È arrivato anche per la mia famiglia quel momento che sai potrebbe arrivare, ma speri che non succeda mai.
E invece due anni fa una delle due malattie da me temute (oltre al tumore al pancreas) è stata diagnosticata a mia madre. 3 lettere, devastanti. SLA.
Tralascio l'angoscia di vivere il declino di una malattia che non lascia speranza, forse una delle poche che non ha neanche una briciola di appiglio mentale a cui aggrapparti, ed il vedere quella persona forte che ha sempre guidato la famiglia man mano smettere di parlare, di mangiare, di muoversi, volevo concentrarmi sulla difficoltà di trovare una badante.
Ne abbiamo una che ci aiuta la mattina e il pomeriggio, ma che non ce la fa più, e trovarne un'altra per smezzare il lavoro sembra impossibile. Agenzie, annunci, contatti con le suore, ti portano una serie di persone che a parole vogliono lavorare, ma alla resa dei fatti no. Una, la scorsa settimana, è stato assunta con regolare contratto e dopo due giorni ha mollato, altre cercano il lavoro in nero per prendere la disoccupazione o il reddito di cittadinanza, altre ancora sono immigrate clandestine e neanche sono vaccinate. Tutte condizioni che non vogliamo, anche per cercare di utilizzare qualche contributo che esiste e non bruciare tutta la pensione di mio padre in badanti.
Eppure 8,5€/lorde (a fronte di un minimo sindacale di 7), con regolare contratto, che portano a quasi 1000€ netti al mese (con TFR e 13ma) per 4 ore di lavoro, dal lunedì al sabato, non mi sembrano pochissime. O sbaglio, ed invece è uno stipendio da fame?
Già la malattia è quella che è, non riuscire a trovare aiuto per l'aspetto pratico è la mazzata finale...
Voi avete avuto esperienze analoghe cercando badanti che potessero supportarvi?


Re:Badanti...
« Risposta #1 il: 27 Ott 2021, 03:48 »
Mi dispiace tanto peri tuoi genitori e per te. Le badanti non sono indicate per malattie così invalidanti, vi servirebbe personale specializzato, operatrici OSS o assistenti familiari (anche se l'ideale sarebbe un'infermiera, ma mi rendo perfettamente conto che i costi lieviterebbero). Potresti contattare l'AISLA, si occupa di fornire tutte le informazioni sul territorio, agenzie specializzate cui rivolgersi e soprattutto informazioni sui diritti di tua madre a ricevere assistenza domiciliare specializzata da parte dell'ASL (se prevista dalla regione). Ad esempio, io per mia madre che era emiplegica ho usufruito di tutti i presidi medici gratuiti (letto, materasso antidecubito, girello, sedia a rotelle, anche se quest'ultima era improponibile, quindi le comprai la poltrona neurologica, che ha i fermi necessari per una persona che non gestisce più il corpo).
Prima del Covid esisteva un progetto, Home Premium Care, era sovvenzionato dai comuni: in pratica presentando una serie di documenti oltre a un Isee non altissimo, si aveva diritto all'assistenza domiciliare da parte di operatrici OSS. Il comune corrispondeva una somma mensile atta a coprire tutte le spese (stipendio, contributi, TFR). Io mi sono trovata davvero male, tant'è che non l'ho rinnovato e mi sono rivolta a un'agenzia. Poi ho capito che era meglio facessi da me, perché la tendenza anche del personale specializzato è a "farsi uno sportello di caxxi propri".
Ti serve qualcuno che abbia almeno idea della malattia e che abbia il sangue freddo per affrontarla.
Esiste anche un'associazione che si chiama Omar, si occupa proprio dei diritti dei malati affetti da patologie rare e la SLA lo è.
Se posso darti un consiglio, non avventurarti da solo nella ricerca, hai bisogno del supporto di qualcuno che sappia suggerirti le cose giuste da fare e indirizzarti verso le persone giuste.
Auguro a te e alla tua famiglia ogni bene. Forza.
Re:Badanti...
« Risposta #2 il: 27 Ott 2021, 07:00 »
Mi trovo nella stessa situazione ma con mia nonna affetta da demenza senile.
È stata un anno a casa dei miei dopodiché hanno mollato perché non vivi più e abbiamo cominciato a guardarci intorno.
Prima badante : carina, pacata ed educata. Ci ha raccontato di come l'ex datore di lavoro non le facesse un contratto ecc ecc poi dopo 2 mesi abbiamo scoperto che i 2 giorni liberi a settimana lavorava a nero in un altra casa.
Allucinante, da lì in poi atteggiamento da bambino di 3 anni, neanche ci parlava più
 Ora siamo di nuovo alla ricerca ma noto tutti i problemi di cui si parla qua sopra anche se alla fin fine scavando si trova qualche persona onesta e con regolare contratto.
Mi dispiace per la malattia di tua mamma, forza forza!

Offline paolo71

*****
15183
Re:Badanti...
« Risposta #3 il: 28 Ott 2021, 13:48 »
un abbraccio jp1900
Re:Badanti...
« Risposta #4 il: 28 Ott 2021, 14:48 »
Avete fatto la domanda di invalidità? Avete attivato il CAD (servizio medico infermieristico domiciliare quotidiano con fornitura di assistenza e strumenti di cura di vario tipo)?
Negli ultimi due anni mia mamma ha avuto una badante molto in gamba. Mia mamma ha la demenza senile, non è allettata ma ha bisogno di tutto. Questa signora è veramente brava, l'ha curata anche durante due mesi di immobilità per una frattura (catetere, etc.). Da lunedì la porteremo in casa di riposo e la badante si libera. Con noi aveva regolare contratto a tempo pieno.
Se serve, posso darti il contatto.

Offline jp1900

*****
6834
Re:Badanti...
« Risposta #5 il: 01 Nov 2021, 08:11 »
Avete fatto la domanda di invalidità? Avete attivato il CAD (servizio medico infermieristico domiciliare quotidiano con fornitura di assistenza e strumenti di cura di vario tipo)?
Negli ultimi due anni mia mamma ha avuto una badante molto in gamba. Mia mamma ha la demenza senile, non è allettata ma ha bisogno di tutto. Questa signora è veramente brava, l'ha curata anche durante due mesi di immobilità per una frattura (catetere, etc.). Da lunedì la porteremo in casa di riposo e la badante si libera. Con noi aveva regolare contratto a tempo pieno.
Se serve, posso darti il contatto.
Abbiamo fatto tutte le domande possibili, e ci è stato dato supporto medico/paramedico (ausili e CAD), invalidità (500€), home care premium per i dipendenti/pensionati INPS (altri 500€ e 3 ore di OSS aggiuntivi a settimana).
Abbiamo avuto consigli da AISLA Lazio (incredibile il numero di nuovi arrivi a settimana, sarà anche rara ma di sicuro non rarissima).
La nostra difficoltà è stata quella di trovare proprio una persona, pur offrendo un regolare contratto. Ci siamo rivolti anche ad agenzie, ora con l'ultima abbiamo avuto un contatto interessante, registriamo il contratto proprio oggi.
Il mio stupore è la difficoltà, in un momento di crisi, nel trovare persone disponibili ad un lavoro che non sarà strapagato ma, nel nostro caso (3 ore la mattina, persona non "qualificata" 5 giorni a settimana, e il pomeriggio 4 ore di persona qualificata 6 giorni a settimana), garantisce rispettivamente circa 600 e 1000 euro netti al mese (costo per i miei circa 1800€ al mese, più gestione commercialista per buste paga).
Grazie per la proposta di contatto, casomai ti scrivo se questa nuova andrà via dopo due giorni come l'ultima ( perché aveva sottovalutato il peso di madre, ben 36 chili,che non riusciva a spostare dalla sedia a rotelle al letto...).
E grazie a tutti per le parole di sostegno.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod