Ciao zio Franco

0 Utenti e 28 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Re:Ciao zio Franco
« Risposta #20 il: 02 Ago 2022, 02:34 »
un abbraccio laziale a te, a zio franco, e anche all'adorato netter che a questo punto scopriamo essere tuo cugino  :D

Re:Ciao zio Franco
« Risposta #21 il: 02 Ago 2022, 07:13 »
Condoglianze Tarallo

Offline genesis

*****
21521
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #22 il: 02 Ago 2022, 08:41 »
Un forte abbraccio.
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #23 il: 02 Ago 2022, 09:02 »
c'e' poco da dire. abrazos, tara'.

Offline arturo

*****
13078
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #24 il: 02 Ago 2022, 09:53 »
Un abbraccio Tarallo

Offline ES

*****
20263
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #25 il: 02 Ago 2022, 10:06 »
Io non ce l'avevo uno zio Franco.

Non piangerne la perdita, se posso permettermi, ma festeggia con un brindisi la fortuna di averlo avuto accanto a te.

Lui ne sarà felice.
Un abbraccio.

Offline Drake

*****
5075
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #26 il: 02 Ago 2022, 10:09 »
Un abbraccio Tarallo.
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #27 il: 02 Ago 2022, 10:11 »
Condoglianze Tarallo,

Bellissimo post. Anch'io voglio bene a zio Franco ora
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #28 il: 02 Ago 2022, 10:55 »
Mi dispiace tanto. Ti mando un grande abbraccio e ne mando uno enorme all'adorato netter.
I ricordi restano il nostro vero patrimonio e nemmeno la morte può insidiarli.
I tuoi sono davvero belli. Di zio in nipote.

Offline syrinx

*****
19193
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #29 il: 02 Ago 2022, 11:17 »
Grazie per aver condiviso, Tarà. Abbracci grandi.
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #30 il: 02 Ago 2022, 11:46 »
Mi dispiace tanto 😔 una vera fortuna aver avuto uno zio così.
ti abbraccio
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #31 il: 02 Ago 2022, 12:31 »
E poi dicono che è un gioco...

Offline TheVoice

*****
5883
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #32 il: 02 Ago 2022, 12:55 »
Un abbraccio forte

Offline porga

*
1561
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #33 il: 02 Ago 2022, 13:54 »
Non sono un grande fan dell'uso privato del Forum, ma se sto qui è merito suo (o colpa sua).
Se ne è andato zio Franco, papà di un adorato netter, fratello di mia mamma, che all'età di 5 anni mi prese per mano e mi accompagnò per la prima volta allo stadio, il primo abbonamento "Aquilotto" Tribuna Tevere Non Numerata di una lunga serie. La Lazio era in B ma stava venendo su, e ci stavamo apparecchiando alcuni fra gli anni più belli della nostra storia. A casa di nonna in via Fracassini io mi affacciavo, coi piedi che non toccavano terra e mamma che gridava che sarei morto spiaccicato perché "la testa pesa più del corpo", in ansiosa attesa del suo amico Ermanno, che veniva da Pescara per tutte le partite in casa. Arrivato Ermanno ci mettevamo nella sua Alfa con lo scudetto della Lazio sullo specchietto e via verso piazza Mancini. Sul ponte mi teneva la mano, ricordo il viale della palla sempre stracolmo, "I vostri figli hanno troppi soldi in tasca", poi dentro per la tensione della partita.

Era un laziale che soffriva, classico, sempre con l'ansia, però con la gioia pronta ad esplodere.
L'unica volta che perse le staffe, lui una delle persone più pacifiche mai viste, fu all'intervallo del famosissimo Lazio-Verona, sul 1-2 con i giocatori che non rientrarono negli spogliatoi. Lo stadio letteralmente friccicava di nervosismo, eravamo tutti tesissimi e il solito cacadubbi seduto vicino a lui elencava i motivi della nostra imminente morte calcistica e sportiva (il più classico dei "moriremo tutti", visto che poi vincemmo lo scudetto) e io, piccolo e estraneo a queste discussioni, vedevo che la sua rabbia montava e si gonfiava fino a un grido incontrollato "E aoooo mo hai proprio rotto li cojoniiiii!!".
Il 12 Maggio 1974, malgrado eventi che lo avevano segnato in modo terribile, forse arrivammo tardi, non so, ma eravamo dietro a una fila di gente che riempiva il settore; io mi infilavo tra le gambe di questa gente ed a ogni azione importante riuscivo fuori e gliela raccontavo; lui vide ben poco ma, credo ancora coi pensieri altrove, almeno era contento di vedermi così contento.

Grazie zio per esserti preso cura di me, per aver permesso che la mia lazialità crescesse e maturasse, per avermi fatto innamorare perdutamente dello stadio, per avermici portato anche in circostanze in cui altri avrebbero abbandonato, e anche, perche' no, per avermi trasmesso la giusta quantità di ribrezzo per quei zozzoni che infestano sta città, che speriano che da lassù il botto che faranno seddiovole lo senti pure tu.

Fa' buon viaggio e un giorno ci racconteremo, chissà, un altro scudetto.

mi dispiace, Carle'
un abbraccio forte a te, a mamma ed all'adorato netter

Offline zorba

*****
7646
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #34 il: 02 Ago 2022, 16:36 »
Un abbraccio Tara’, e un bacio al cielo, dove vicino a tuo zio Franco c’è mio nonno e chissà quali e quanti parenti di altri netter.
Di padre (o nonno, o zio) in figlio.
Da sempre.

Ogni volta che leggo testimonianze toccanti come questa, penso esattamente la stessa cosa, per come certi nostri carissimi ed indimenticabili affetti abbiano amato la Lazio durante la loro esistenza, trasmettendo a noi col semplice esempio la stessa smisurata ed a volte inspiegabile passione.
Grazie Tarallo e soprattutto grazie a tutti gli zii, padri, fratelli, nonni che hanno permesso e permettono ancora oggi che un simile patrimonio non si disperda.
Una preghiera per zio Franco.
 :since 

Offline mr_steed

*
3827
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #35 il: 02 Ago 2022, 18:00 »
Grazie per aver condiviso questo toccante ricordo.

Mi hai fatto anche tornare in mente mio nonno Amilcare, che mi trasmise la sua fede laziale quando ero davvero piccolissimo.

Un abbraccione Tarallo

Offline seagull

*****
9657
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #36 il: 02 Ago 2022, 20:05 »
Un forte abbraccio a te, Tarallo, ed al nostro caro netter.
Zio Franco è mio padre, mia madre, mia sorella e migliaia di altri che ci hanno aiutato a conoscere e ad amare questa splendida squadra, che ci fa felici e ci unisce soprattutto in momenti come questo.
One love.
SFL  :since

Offline olympia

*
8413
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #37 il: 02 Ago 2022, 20:25 »
Non sono un grande fan dell'uso privato del Forum, ma se sto qui è merito suo (o colpa sua).
Se ne è andato zio Franco, papà di un adorato netter, fratello di mia mamma, che all'età di 5 anni mi prese per mano e mi accompagnò per la prima volta allo stadio, il primo abbonamento "Aquilotto" Tribuna Tevere Non Numerata di una lunga serie. La Lazio era in B ma stava venendo su, e ci stavamo apparecchiando alcuni fra gli anni più belli della nostra storia. A casa di nonna in via Fracassini io mi affacciavo, coi piedi che non toccavano terra e mamma che gridava che sarei morto spiaccicato perché "la testa pesa più del corpo", in ansiosa attesa del suo amico Ermanno, che veniva da Pescara per tutte le partite in casa. Arrivato Ermanno ci mettevamo nella sua Alfa con lo scudetto della Lazio sullo specchietto e via verso piazza Mancini. Sul ponte mi teneva la mano, ricordo il viale della palla sempre stracolmo, "I vostri figli hanno troppi soldi in tasca", poi dentro per la tensione della partita.

Era un laziale che soffriva, classico, sempre con l'ansia, però con la gioia pronta ad esplodere.
L'unica volta che perse le staffe, lui una delle persone più pacifiche mai viste, fu all'intervallo del famosissimo Lazio-Verona, sul 1-2 con i giocatori che non rientrarono negli spogliatoi. Lo stadio letteralmente friccicava di nervosismo, eravamo tutti tesissimi e il solito cacadubbi seduto vicino a lui elencava i motivi della nostra imminente morte calcistica e sportiva (il più classico dei "moriremo tutti", visto che poi vincemmo lo scudetto) e io, piccolo e estraneo a queste discussioni, vedevo che la sua rabbia montava e si gonfiava fino a un grido incontrollato "E aoooo mo hai proprio rotto li cojoniiiii!!".
Il 12 Maggio 1974, malgrado eventi che lo avevano segnato in modo terribile, forse arrivammo tardi, non so, ma eravamo dietro a una fila di gente che riempiva il settore; io mi infilavo tra le gambe di questa gente ed a ogni azione importante riuscivo fuori e gliela raccontavo; lui vide ben poco ma, credo ancora coi pensieri altrove, almeno era contento di vedermi così contento.

Grazie zio per esserti preso cura di me, per aver permesso che la mia lazialità crescesse e maturasse, per avermi fatto innamorare perdutamente dello stadio, per avermici portato anche in circostanze in cui altri avrebbero abbandonato, e anche, perche' no, per avermi trasmesso la giusta quantità di ribrezzo per quei zozzoni che infestano sta città, che speriano che da lassù il botto che faranno seddiovole lo senti pure tu.

Fa' buon viaggio e un giorno ci racconteremo, chissà, un altro scudetto.
❤️
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #38 il: Ieri alle 09:35 »
Leggo solo ora Carlo.
Un abbraccio forte.
In ogni caso sarà orgoglioso di aver tirato su un bellissimo Laziale come te.
Re:Ciao zio Franco
« Risposta #39 il: Ieri alle 12:21 »
Condoglianze Tarallo, ed un abbraccio fortissimo.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod