Ma ndo vai se la caletta nun ce l'hai?

0 Utenti e 12 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Cialtron_Heston

Cialtron_Heston

Ma ndo vai se la caletta nun ce l'hai?
« il: 03 Set 2015, 11:03 »
Sei in ristrettezze economiche e per vergogna non vuoi rinunciare a una settimanatella di ferie e opti per un soggiorno a Cernobyl?
Bene, una volta lì prima o poi andrai in cerca di una caletta, ancora meglio se incontaminata, ormai ci stai che fai, cerchi una caletta qualsiasi? No, incontaminata, pure a Cernobyl dove non c'è il mare.

Mi sono accorto che pure io sono diventato un calettaro incontaminato, forse perchè mi sta sulle palle la gente rumorosa?
Con un "cerchiamo una caletta incontaminata" hai altissime probabilità di convincere i compagni di viaggio.
In realtà pensi" ma un posto senza sti cacacazzi tristi?" però dici " che ne dite se domani ci cerchiamo una caletta?"
Dopo 10 minuti hai una mappa con diverse calette, almeno due o tre sono incontaminate con sabbia bianca e mare turchese.
Porco giuda che idea, altro che sti fessi, questa è stata un'idea geniale, ti dirò manco lo so come mi è venuta.

Si opta per la numero uno, sabbia bianca, mare turchese e soprattutto, secondo tutte le guide " un paradiso incontaminato., per la precisione "Una paradisiaca laguna".

Sveglia alle 6, colazione veloce e partenza, mezzora di macchina su strada sterrata solo per arrivare al parcheggio, poi 45 minuti a piedi giu' per uno scapicollo che se poco poco ti sbagli a mettere un piede manco ti vengono a riprendere, piantano una croce lì sul sentiero e quando ti vengono a pregare la guida dice" la croce sta qui ma lui sta laggiù mezzo alle frasche", per dire che razza di scapicollo era.
Per la risalita affittavano i muli, aggiungo pure questo.
Ma l'idea è stata mia, comunque meglio rischiare la morte che rompersi le palle tutto il giorno in spiaggia a sentire e fare discorsi inutili e con alta volatilità, nel senso che dopo un minuto sono già volati via e manco ti ricordi di cosa parlavi, quanto erano interessanti.

La laguna era in effetti meravigliosa vista dall'alto, deserta, solo noi di impiccio, abbiamo fatto tante foto mentre si scendeva, ma io ero preso da altro, cercavo un bagno che non c'era, dico come scendo giù punto quelle baracche, sarà sicuramente un bar e mi ritiro a deliberare.
Macchè.
Era chiuso, erano le 8,01 e mi stavo cacando sotto.
Ci scegliamo il miglior ombrellone della laguna,dopo averne cambiati diversi, eravamo gli unici ed avevamo l'imbarazzo della scelta.

Alle 10 circa 500 cercatori di calette scendono da un traghetto davanti al nostro ombrellone.
Dopo 10 minuti altri 500 cercatori di calette sbarcano davanti al mio muso.
Altri 500.
Alla fine li ho contati, ne sono arrivati 2.500.
Meno male che abbiamo vissuto la parte migliore di questo paradiso...incontaminato venendo all'alba.

Pooooooooo Pooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Una sirena alle mie spalle alle 11.
O mio Dio!
E questi chi so!?!?!?
Una mega nave apre il portellone e scendono migliaia di persone, ad occhio 1.800/ 2.000 ciambellari infraditati con l'ombrellone in mano( le regole della laguna dicevano , tra le altre cose, che era vietato portarsi l'ombrellone).

Un inferno, raramente mi sono sentito così a disagio, dal paradiso all'inferno in poche ore, non ero pronto mentalmente.

E comunque: un tampax proprio davanti al mio lettino, me ne sono accorto dopo essermi piazzato;
cicche a migliaia, centinai di tappi blu di bottiglie di plastica di acqua, solo i tappi;
in una calettina( pure in una laguna caletta ho cercato la caletta), in questa calettina un enorme gigantesco copertone di trattore, sarà stato alto un metro e settanta, con su scritto Industrial Tractor e la marca del copertone.

Richiamo tutti all'ordine e alle 15, col fresco( facevano 55 gradi circa) scaliamo la montagna a ritroso, pure con poca acqua, sudatissimi, col rischio di svenimenti, con le infradito, risaliamo in cima per riconquistare la macchina e soprattutto l'aria condizionata( io me la sognavo tanto che mi sono visto l'inventore di questa geniale scoperta premiato da me con il Nobel , nel momento più difficoltoso della scalata).

A parte il disappunto iniziale che mi ha adombrato per il dispiacere del gesto, non da me.
Ma arrivare in cima stremato, sudato, disidratato, guardare di sotto e vedere circa 5.000 persone in pochi metri quadrati in un posto etichettato come "Una Laguna paradisiaca incontaminata con sabbia bianca e mare turchese..", ti dirò sapere di averci cacato mi ha dato una certa soddisfazione.



Re:Ma ndo vai se la caletta nun ce l'hai?
« Risposta #1 il: 03 Set 2015, 11:37 »
Sì, ma ti sei fermato al baracchino con i teschi appesi, arrivati in alto?
Tra le capre, di lamiera, non può esserti sfuggito.
A destra c'era un bagno che faceva continente a sè, asiatico presumo.

Online LuloFr

*
1534
Re:Ma ndo vai se la caletta nun ce l'hai?
« Risposta #2 il: 03 Set 2015, 12:21 »
dalla descrizione mi ricorda una caletta greca, a Creta per l'esattezza, che ho sempre evitato.
leggendo sopra anche non si trattasse della stessa caletta, ho ancora meno voglia di andarci.......

Online vaz

*****
43367
Re:Ma ndo vai se la caletta nun ce l'hai?
« Risposta #3 il: 03 Set 2015, 12:28 »
ma alla fine, hai cacato?
Re:Ma ndo vai se la caletta nun ce l'hai?
« Risposta #4 il: 03 Set 2015, 12:52 »
ma alla fine, hai cacato?

Non hai letto fino alla fine, di' la verità.... :=))

Offline TomYorke

*****
10010
Re:Ma ndo vai se la caletta nun ce l'hai?
« Risposta #5 il: 03 Set 2015, 12:56 »
Non hai letto fino alla fine, di' la verità.... :=))

 :lol: :lol: :lol:

Online vaz

*****
43367
Re:Ma ndo vai se la caletta nun ce l'hai?
« Risposta #6 il: 03 Set 2015, 12:56 »
:lol:
Re:Ma ndo vai se la caletta nun ce l'hai?
« Risposta #7 il: 03 Set 2015, 14:08 »
Sei in ristrettezze economiche e per vergogna non vuoi rinunciare a una settimanatella di ferie e opti per un soggiorno a Cernobyl?
Bene, una volta lì prima o poi andrai in cerca di una caletta, ancora meglio se incontaminata, ormai ci stai che fai, cerchi una caletta qualsiasi? No, incontaminata, pure a Cernobyl dove non c'è il mare.

Mi sono accorto che pure io sono diventato un calettaro incontaminato, forse perchè mi sta sulle palle la gente rumorosa?
Con un "cerchiamo una caletta incontaminata" hai altissime probabilità di convincere i compagni di viaggio.
In realtà pensi" ma un posto senza sti cacacazzi tristi?" però dici " che ne dite se domani ci cerchiamo una caletta?"
Dopo 10 minuti hai una mappa con diverse calette, almeno due o tre sono incontaminate con sabbia bianca e mare turchese.
Porco giuda che idea, altro che sti fessi, questa è stata un'idea geniale, ti dirò manco lo so come mi è venuta.

Si opta per la numero uno, sabbia bianca, mare turchese e soprattutto, secondo tutte le guide " un paradiso incontaminato., per la precisione "Una paradisiaca laguna".

Sveglia alle 6, colazione veloce e partenza, mezzora di macchina su strada sterrata solo per arrivare al parcheggio, poi 45 minuti a piedi giu' per uno scapicollo che se poco poco ti sbagli a mettere un piede manco ti vengono a riprendere, piantano una croce lì sul sentiero e quando ti vengono a pregare la guida dice" la croce sta qui ma lui sta laggiù mezzo alle frasche", per dire che razza di scapicollo era.
Per la risalita affittavano i muli, aggiungo pure questo.
Ma l'idea è stata mia, comunque meglio rischiare la morte che rompersi le palle tutto il giorno in spiaggia a sentire e fare discorsi inutili e con alta volatilità, nel senso che dopo un minuto sono già volati via e manco ti ricordi di cosa parlavi, quanto erano interessanti.

La laguna era in effetti meravigliosa vista dall'alto, deserta, solo noi di impiccio, abbiamo fatto tante foto mentre si scendeva, ma io ero preso da altro, cercavo un bagno che non c'era, dico come scendo giù punto quelle baracche, sarà sicuramente un bar e mi ritiro a deliberare.
Macchè.
Era chiuso, erano le 8,01 e mi stavo cacando sotto.
Ci scegliamo il miglior ombrellone della laguna,dopo averne cambiati diversi, eravamo gli unici ed avevamo l'imbarazzo della scelta.

Alle 10 circa 500 cercatori di calette scendono da un traghetto davanti al nostro ombrellone.
Dopo 10 minuti altri 500 cercatori di calette sbarcano davanti al mio muso.
Altri 500.
Alla fine li ho contati, ne sono arrivati 2.500.
Meno male che abbiamo vissuto la parte migliore di questo paradiso...incontaminato venendo all'alba.

Pooooooooo Pooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Una sirena alle mie spalle alle 11.
O mio Dio!
E questi chi so!?!?!?
Una mega nave apre il portellone e scendono migliaia di persone, ad occhio 1.800/ 2.000 ciambellari infraditati con l'ombrellone in mano( le regole della laguna dicevano , tra le altre cose, che era vietato portarsi l'ombrellone).

Un inferno, raramente mi sono sentito così a disagio, dal paradiso all'inferno in poche ore, non ero pronto mentalmente.

E comunque: un tampax proprio davanti al mio lettino, me ne sono accorto dopo essermi piazzato;
cicche a migliaia, centinai di tappi blu di bottiglie di plastica di acqua, solo i tappi;
in una calettina( pure in una laguna caletta ho cercato la caletta), in questa calettina un enorme gigantesco copertone di trattore, sarà stato alto un metro e settanta, con su scritto Industrial Tractor e la marca del copertone.

Richiamo tutti all'ordine e alle 15, col fresco( facevano 55 gradi circa) scaliamo la montagna a ritroso, pure con poca acqua, sudatissimi, col rischio di svenimenti, con le infradito, risaliamo in cima per riconquistare la macchina e soprattutto l'aria condizionata( io me la sognavo tanto che mi sono visto l'inventore di questa geniale scoperta premiato da me con il Nobel , nel momento più difficoltoso della scalata).

A parte il disappunto iniziale che mi ha adombrato per il dispiacere del gesto, non da me.
Ma arrivare in cima stremato, sudato, disidratato, guardare di sotto e vedere circa 5.000 persone in pochi metri quadrati in un posto etichettato come "Una Laguna paradisiaca incontaminata con sabbia bianca e mare turchese..", ti dirò sapere di averci cacato mi ha dato una certa soddisfazione.


mi ricorda molto una simile avventura in Sardegna di 9 anni fa (necessità fisiologiche a parte  :) ) , solo che in quel caso l'invasione fu molto contenuta, per cui ne valse decisamente la pena  ;)
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod