"entrare in porta col pallone" + fraseggi difensivi

0 Utenti e 21 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Online hafssol

*
1794
music won't save you
"entrare in porta col pallone" + fraseggi difensivi
« il: 12 Dic 2020, 23:11 »
Lo si diceva già nell’intervallo del topic partita, ma il discorso merita una discussione a sé.
È vero che abbiamo numerosi giocatori molto tecnici, è vero che il calcio degli ultimi anni tende sempre più a essere corale, lineare e fluido a partire dalla difesa, però…. ci sono certi momenti in cui bisogna saper spazzare la palla lontano, bisogna provare a concludere da fuori e, persino, a buttare una palla sporca in mezzo all’area sperando in una deviazione benevola (è quello che ha fatto il Bruges negli ultimi minuti di martedì e a momenti ci restavamo secchi).

Allora, perché ostinarsi nei fraseggi – sia davanti che dietro – quando le condizioni fisiche o tecniche non lo consentono? La nostra Lazio è una squadra bella, che spesso ama specchiarsi, però non è un reato evitare di andare troppo per il sottile quando si è in difficoltà. Stasera un paio di lancioni della disperazione li ha fatti soltanto Reina, mentre il secondo goal oltre che dall’errore individuale è causato dall’incapacità mentale di poterla buttare fuori o sparacchiarla lontano. Penso poi alla partita con l’Udinese, nella quale è stata ancora peggio l’ostinazione nel cozzare contro il loro muro difensivo, senza nemmeno provare a buttare una palla in mezzo all’aria.

Tutto ciò è davvero fuori dal calcio moderno? E soprattutto, è davvero inefficace dal punto di vista dell’obiettivo di vincere una partita? O è soltanto “colpa” delle mode tattiche, della mentalità inculcata ad allenatori e giocatori e magari sostenuta da qualche “scienziato” che parla in televisione?
A me questo modo di giocare sinceramente non dispiace nemmeno da un punto di vista estetico, ma appunto sembra molto più forma che sostanza. Magari non in maniera strutturale, ma quando si è in difficoltà, anche i nostri dovrebbero non vergognarsi di fare qualcosa da “vecchio calcio” e credo che l’attuale classifica ne gioverebbe.


Re:"entrare in porta col pallone" + fraseggi difensivi
« Risposta #1 il: 12 Dic 2020, 23:16 »
Tutto molto interessante... Ma questo è Inzaghi e lo è sempre stato, prendere o lasciare.
Questi siamo per mille motivi, bellissimi quando va bene, tignosi quando abbiamo fiato, ma se entra un granello di sabbia dell'ingranaggio perdiamo con chiunque... Un meccanismo elegante e delicato destinato solo a brevi momenti di splendore che però abbiamo raggiunto.

Altrimenti saremmo un'atalanta qualsiasi mediamente solida e costante nel tempo a prescindere dagli interpreti ma che non vince un cazzo neanche in mille anni.

Per essere altro ci vuole il grano.
Re:"entrare in porta col pallone" + fraseggi difensivi
« Risposta #2 il: 12 Dic 2020, 23:30 »
Lo si diceva già nell’intervallo del topic partita, ma il discorso merita una discussione a sé.
È vero che abbiamo numerosi giocatori molto tecnici, è vero che il calcio degli ultimi anni tende sempre più a essere corale, lineare e fluido a partire dalla difesa, però…. ci sono certi momenti in cui bisogna saper spazzare la palla lontano, bisogna provare a concludere da fuori e, persino, a buttare una palla sporca in mezzo all’area sperando in una deviazione benevola (è quello che ha fatto il Bruges negli ultimi minuti di martedì e a momenti ci restavamo secchi).

Allora, perché ostinarsi nei fraseggi – sia davanti che dietro – quando le condizioni fisiche o tecniche non lo consentono? La nostra Lazio è una squadra bella, che spesso ama specchiarsi, però non è un reato evitare di andare troppo per il sottile quando si è in difficoltà. Stasera un paio di lancioni della disperazione li ha fatti soltanto Reina, mentre il secondo goal oltre che dall’errore individuale è causato dall’incapacità mentale di poterla buttare fuori o sparacchiarla lontano. Penso poi alla partita con l’Udinese, nella quale è stata ancora peggio l’ostinazione nel cozzare contro il loro muro difensivo, senza nemmeno provare a buttare una palla in mezzo all’aria.

Tutto ciò è davvero fuori dal calcio moderno? E soprattutto, è davvero inefficace dal punto di vista dell’obiettivo di vincere una partita? O è soltanto “colpa” delle mode tattiche, della mentalità inculcata ad allenatori e giocatori e magari sostenuta da qualche “scienziato” che parla in televisione?
A me questo modo di giocare sinceramente non dispiace nemmeno da un punto di vista estetico, ma appunto sembra molto più forma che sostanza. Magari non in maniera strutturale, ma quando si è in difficoltà, anche i nostri dovrebbero non vergognarsi di fare qualcosa da “vecchio calcio” e credo che l’attuale classifica ne gioverebbe.

Come ho già sostenuto più e più volte, questo modo di giocare funziona quando sei al massimo della forma e quando hai gli 11 titolari in campo.
Diversamente, insieme al modulo nel quale ci siamo impantanati peggio di Han Solo nella carbonite, facciamo enorme fatica, anche mentale.
Si nota nella nostra metà campo, quando si percepisce proprio la paura di "spazzare" nelle situazioni di pericolo potenziale, perché le direttive sono di giocare la palla, sempre e comunque.
Si nota nella metà campo avversaria, quando ci incaponiamo con triangoli e scambi per entrare in porta con la palla. Sembra sia vietato tirare da una distanza inferiore ai 5 metri. Oggi, ad esempio, SMS poteva sfondare la porta, e invece l'abitudine a mandare in porta Ciro l'ha indotto a cercare il filtrante.
Si vede, in generale, nell'incapacita' di leggere alcune partite e alcune situazioni, e il risultato è che finiamo vittima di noi stessi. Simone è bravissimo con i cambi, con le sostituzioni degli ammoniti, nel guidare la squadra da fuori in cui è unico e speciale, ma non capisco perché non riesce a uscire dal loop nel quale in alcune circostanze si incastra. Quasto non vuol dire che bisogna necessariamente cambiare, ma nemmeno non riuscire a decidere di affiancare un Escalante ad un Leiva negli ultimi venti minuti con il Brugge perché i ruoli, in campo, devono sempre e comunque rimanere fissi.
Questi difetti, che quando giriamo a mille passano in secondo piano, emergono con drammatica evidenza quando, per motivi vari, siamo sottotono.

Offline Cesio

*
9205
Re:"entrare in porta col pallone" + fraseggi difensivi
« Risposta #3 il: 12 Dic 2020, 23:36 »
Bisogna prendere atto che i nostri difensori non hanno i piedi per fare giro palla con il portiere. Sì, lo possono fare quando hai di fronte squadre che si abbassano e ti lasciano giocare, con le squadre organizzate e aggressive no. Lo abbiamo visto sia in Italia che in Europa (e in Europa appena si alza un po' il livello tutte le squadre sono così). A seconda di come va la partita si può variare il modo di impostare l'azione da dietro. Se è prendere o lasciare mettiamoci l'anima in pace.
Re:"entrare in porta col pallone" + fraseggi difensivi
« Risposta #4 il: 12 Dic 2020, 23:43 »
Oggi il pressing del Verona era un pressing intelligente, costringevano i nostri difensori a giocare sempre col piede sbagliato per questo i mille retropassaggi. Non siamo mai usciti bene e puliti. La mancanza di Luis felipe e Patric si è molto sentita perché, dopo l'appoggio del centrocampista che scende a fare sponda, deve salire veloce il difensore.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod