Lazio.net Community

Lazio e basta / Only Lazio => Lazio Talk => Topic aperto da: flaccoflamini - 28 Ago 2011, 22:17

Titolo: "Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: flaccoflamini - 28 Ago 2011, 22:17
E' il titolo di un articolo a firma Alberto Costa sul Corriere della Sera. Dal contenuto inquietante, imho. L'avv. Gentile ha inviato una lettera di "protesta", riportata dal sito llsn. Chiedo venia se per caso già se n'è parlato in questo forum. Ma mi pare strano non notarne traccia evidente. Lotito è sotto attacco, sembra. Come la Lazio di conseguenza (non è nuova). :x
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: aquila1969 - 28 Ago 2011, 22:24
prepariamoci ad arbitraggi peggiori dell'anno scorso
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: happyeagle - 28 Ago 2011, 22:27
sugli arbitraggi sarà necessario tenere la guardia alta fin dall'inizio del campionato , l'anno scorso con la storia del rispetto delle istituzioni abbiamo visto come è andata a finire ,

altro che taskforce , ci vogliono i caschi Biancoblù
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: white-blu - 28 Ago 2011, 22:35
costa è quello che ...............
lotito palla al piede del calcio italiano

macchiseloinchiaxxxxx
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: robylele - 28 Ago 2011, 22:41

Mi pare scontato che ci sia un buon rapporto tra Costa e Petrucci.

Secondo me ognuno ha il telefono personale dell'altro e si sentono spesso.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Pergianluca - 29 Ago 2011, 00:11
Pare che Vuggevo Palombo ne sia molto geloso
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Beijing09 - 29 Ago 2011, 00:15
conta solo l'Europa League. In serie A spero nella salvezza.
La mafia è potente ed il calcio italiano è MARCIO.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: AquiladiMare - 29 Ago 2011, 00:17
io devo capì perchè si parla sempre e solo di Lotito nel merito della Lega... ma gli altri presidenti come la pensano?

dai risultati immagino che la maggioranza la pensi come lui (o lui la pensa come la maggioranza dei presidenti)
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Pergianluca - 29 Ago 2011, 00:26
Il testo (delirante*) dell'articolo è questo

Citazione
L’anarchia che ormai si è impadronita della repubblica del pallone ha convinto il Coni a passare da un atteggiamento sostanzialmente defilato a uno di più deciso interventismo. Nelle giornate calde che hanno portato alla proclamazione dello sciopero da parte dei calciatori, Gianni Petrucci, che del Comitato olimpico è il rispettato numero uno, ha infatti tessuto una rete di contatti così fitta da potersi fare un’idea precisa di quanto, al di là delle versioni di comodo e della demagogia galoppante, sia in realtà accaduto.
Così al Foro Italico, comparando le scelte dell’ala più oltranzista della Lega di serie A (impermeabile a qualsiasi proposta mediatrice) all’atteggiamento dell’Aic e della Federcalcio (disponibili comunque a salvaguardare la sacralità del campionato in presenza di un accordo ponte), ci si è resi conto di trovarsi in presenza di una vera e propria serrata più che di uno sciopero in senso classico.
In particolare Petrucci, deciso a scongiurare il rischio di un braccio di ferro a oltranza, ha individuato nell’asse Lotito-Beretta il cuore del problema e in questa chiave il fatto che venerdì il presidente della Lega si sia negato al telefono ad alcuni colleghi (De Laurentiis, Cellino e Zamparini tra costoro) favorevoli alla mediazione formulata dal leader sindacale Damiano Tommasi viene ritenuto gravissimo.
Per disinnescare l’intesa tra Lotito e Beretta, che in ambito federale hanno ribattezzato «Dimmi Claudio» proprio per la sua stretta comunanza con il patron della Lazio, il Coni intende battere tre strade.
Allo scadere dell’inibizione rimediata giusto per avere accusato Petrucci di atteggiamento prossimo all’estorsione nella vicenda dell’affitto dello stadio Olimpico (Lotito è infatti squalificato fino al 15 settembre), il Coni invierà una lettera ad Abete ricordandogli che tanto l’articolo 7.4, comma 7, dei «Princìpi fondamentali per gli statuti delle Federazioni» quanto l’art. 29, comma 1, dello statuto della stessa Figc, avvertono che «non possono essere eletti coloro che abbiano in essere controversie giudiziarie con il Coni, le Federazioni o contro altri organismi riconosciuti dal Coni stesso»." Abete in sostanza sarà costretto a far decadere Lotito dalla carica di consigliere federale della Federcalcio visto che, a tutt’oggi, il Coni reclama da lui la somma di 723 mila euro, sempre in relazione alla querelle dello stadio Olimpico.
Se poi il clima non dovesse rasserenarsi nei prossimi giorni, Petrucci potrebbe esercitare pressioni anche nei confronti di Beretta, invitando la Federcalcio ad attivare il suo Ufficio Inchieste per gli illeciti rapporti da lui intrattenuti con l’amicone laziale inibito (Moratti per un pranzo di lavoro con lo squalificato Preziosi fu «fermato» per 3 mesi).
Di certo il Coni porrà pure la questione del conflitto di interessi in cui si è andato a ficcare Beretta, dal 14 marzo presidente della Lega di serie A, ma pure addetto alle relazioni esterne di UniCredit. Che, per chi avesse un vuoto di memoria, possiede almeno il 40 per cento delle azioni della Roma all’americana
*In realtà se non fossero tutte circostanze false, l'articolo conterrebbe almeno tre notizie di reato e indicherebbe la commissione di una decina di illeciti amministrativi. In ogni caso, in un Paese serio, considerata l'autorevolezza della testata, sarebbe più che sufficiente per costringere il Presidente del massimo organismo pubbico dello sport a comunicare le proprie dimissioni immediate.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Pergianluca - 29 Ago 2011, 00:28
E questa è a puntuale rettifica dell'avv. Gentile (tratta dal sito ufficiale della Lazio)
Citazione
Egregio Direttore,

leggo alla pagina 55 del Suo giornale di oggi l'articolo a firma di Alberto Costa dal titolo "Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta" e, quale legale della S.S. Lazio s.p.a., che ha interesse a che il suo presidente possa esercitare le funzioni che gli sono proprie, desidero esprimere alcune considerazioni circa quanto riferito dal Suo collaboratore ai lettori.
 
Non entro nel merito delle impressioni soggettive del giornalista circa la presenza di un'ala oltranzista nella Lega e di un atteggiamento disponibile dell'AIC, al punto che non di sciopero si dovrebbe parlare ma di una serrata: le opinioni sono sacre, anche quando sono sbagliate, ma una corretta informazione dovrebbe tener conto del fatto che la Lega ha deliberato, a maggioranza "bulgare" (18 contro 2), di non accettare la proposta di accordo collettivo e l'AIC ha detto solo "no" alle controproposte formulate dalla controparte.

Quel che mi sembra "esagerato" è attribuire al presidente del Coni Petrucci un programma che appare, per chi legge l'articolo, assolutamente contrario ad ogni più elementare senso istituzionale e frutto di una vera e propria deviazione illegittima, finalizzata a decapitare la presidenza della Lazio e la sua proiezione nella FIGC: mi sembra fantascientifico immaginare che il presidente del Coni, massimo ente di gestione dello sport e garante degli organismi istituzionali e giudiziari della Federazione, possa usare il suo ruolo per "esercitare pressioni" sulla Lega, sulla Procura Federale, sulla stessa FIGC, al fine di "togliere di mezzo" il presidente della Lazio, con ciò venendo meno alla terzietà della funzione del Coni ed al rispetto degli organi federali statuari regolarmente eletti; se fosse vero quanto dal Suo collaboratore scritto, si sarebbe legittimati a pensare che anche la denuncia del presidente Abete nei confronti di Lotito, il deferimento del procuratore Palazzi, la sanzione inflitta dalla Commissione disciplinare e dalla Corte di Giustizia Federale sarebbero frutto delle "pressioni" del presidente del Coni, con le conseguenti valutazioni circa l'indipendenza e la credibilità della giustizia sportiva.

Sono convinto che lo stesso presidente del Coni provvederà a smentire le gravissime iniziative che il Suo collaboratore gli ha voluto attribuire, ma desidero che il Suo giornale chiarisca con i lettori che la Lazio ed il suo Presidente hanno sempre mantenuto con gli organi federali e di Lega rapporti legittimi ed hanno rispettato puntualmente le decisioni dei giudici sportivi; ne deriva che anche i pretesi "rapporti illeciti" tra Lotito e Beretta, ai quali fa riferimento il giornalista, sono frutto della sua fantasia.

Le sarò grato se vorrà pubblicare questa mia al fine della corretta informazione.

Cordialmente suo,

Avv. Gian Michele Gentile
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: superazio - 29 Ago 2011, 00:40
insomma hanno votato contro 18 presidenti e questo stronxx rompe le bocce solo a Lotito ( mammagari fosse e fossimo così considerati e potenti visto che non abbiamo contato mai una cippa in senso istituzionale )
mò che dite il corriere della sera la pubblicherà la lettera dell' avvocato Gentile? No sai perchè anche oggi su sky se ne parlava e tutto sembrava una scenografia già scritta in questo articolo..ma li morta... vostra :x
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Pergianluca - 29 Ago 2011, 00:56
Francamente il contenuto dell'articolo (anche se, in sincerità, ricorda assai più il contenuto e la forma di una velina) del Corriere è disarmante.
Lo è, innanzitutto, perché, se rispondesse a verità quanto ivi scritto, il più venduto quotidiano italiano ci informerebbe senza sollevare alcuna obiezione (anzi con un certo compiacimento) di un manifesto sviamento di potere, per non dire di un vero e proprio tentativo di ricatto ai danni della Lega e di quelli che, a torto o a ragione, sono ritenuti essere gli esponenti che esprimono l'indirizzo che al suo interno raccoglie il 90% dei consensi, compiuto da quello che, quale Presidente del CONI, non solo sarebbe un soggetto terzo rispetto ad una contrattazione collettiva in corso tra terzi soggetti (neppure lo Stato fascista ha osato fare tanto), ma, ancor prima, dovrebbe garantire, in posizione di terzietà ed equidistanza tra tutti gli interessi in gioco (sic!), la trasparenza, la probità e la lealtà dei rapporti intercorrenti con ogni soggetto appartenente all'ordinamento sportivo.
Lo è, inoltre, perché è pieno di inesattezze, come quando, ad esempio, vorrebbe assimilare, con un espediente degno dell'azzeccacarbugli manzoniano, la persona giuridica S.S. Lazio alla persona fisica Claudio Lotito per liberarsi (rectius: vendicarsi) di quest'ultimo - e con lui di Beretta, reo di rapportarsi alla persona sbagliata - in sede federale, allo scopo di favorire il prevalere dell'interesse dell'AIC su quello della Lega Calcio.
Se anche solo metà di quanto scritto da Costa fosse vero, domani stesso la Procura competente, la Corte dei conti, il Ministero per lo sport dovrebbero immediatamente iniziare le istruttorie necessarie per l'accertamento di ogni illecito riscontrabile nella situazione data e per la rimozione di chi, all'evidenza, è del tutto inidoneo al munus pubblico al quale è stato chiamato. E non mi riferisco certo a Lotito.
 
 
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Maremma Laziale - 29 Ago 2011, 01:16
costa è quello che ...............
lotito palla al piede del calcio italiano

macchiseloinchiaxxxxx

Laziale (forse presunto), tra l'altro  :roll:
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Palo - 29 Ago 2011, 01:17
Avevo letto anch'io l'articolo sul Corriere oggi (ieri) e ne ero rimasto colpito. Così come mi aveva colpito l'assenza d commenti qui sul forum. I commenti fatti da chi mi ha preceduto credo siano sufficienti per esprimere il mio pensiero.

Una domanda: ma 'sti benedetti 723.000 euri di interessi a cosa sono dovuti? Escludo che possano essere relativi al sol ritardo nel pagamento dei 3 milioni dello scorso anno (due mesi di ritardo ... producono il 24% di interessi?) ... gradirei una spiegazione ufficiale da parte del CONI o della Società.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: irisheagle - 29 Ago 2011, 01:17
Francamente il contenuto dell'articolo (anche se, in sincerità, ricorda assai più il contenuto e la forma di una velina) del Corriere è disarmante.
Lo è, innanzitutto, perché, se rispondesse a verità quanto ivi scritto, il più venduto quotidiano italiano ci informerebbe senza sollevare alcuna obiezione (anzi con un certo compiacimento) di un manifesto sviamento di potere, per non dire di un vero e proprio tentativo di ricatto ai danni della Lega e di quelli che, a torto o a ragione, sono ritenuti essere gli esponenti che esprimono l'indirizzo che al suo interno raccoglie il 90% dei consensi, compiuto da quello che, quale Presidente del CONI, non solo sarebbe un soggetto terzo rispetto ad una contrattazione collettiva in corso tra terzi soggetti (neppure lo Stato fascista ha osato fare tanto), ma, ancor prima, dovrebbe garantire, in posizione di terzietà ed equidistanza tra tutti gli interessi in gioco (sic!), la trasparenza, la probità e la lealtà dei rapporti intercorrenti con ogni soggetto appartenente all'ordinamento sportivo.
Lo è, inoltre, perché è pieno di inesattezze, come quando, ad esempio, vorrebbe assimilare, con un espediente degno dell'azzeccacarbugli manzoniano, la persona giuridica S.S. Lazio alla persona fisica Claudio Lotito per liberarsi (rectius: vendicarsi) di quest'ultimo - e con lui di Beretta, reo di rapportarsi alla persona sbagliata - in sede federale, allo scopo di favorire il prevalere dell'interesse dell'AIC su quello della Lega Calcio.
Se anche solo metà di quanto scritto da Costa fosse vero, domani stesso la Procura competente, la Corte dei conti, il Ministero per lo sport dovrebbero immediatamente iniziare le istruttorie necessarie per l'accertamento di ogni illecito riscontrabile nella situazione data e per la rimozione di chi, all'evidenza, è del tutto inidoneo al munus pubblico al quale è stato chiamato. E non mi riferisco certo a Lotito.
 
 

 :sisisi:

la cosa che più mi fa paura è che per colpire Lotito che ormai ha scatenato una palese insofferenza anche pubblicamente ammessa da parte del vecchio "grumo di potere" , si colpirà la Lazio .
 Io credo che quest'anno dobbiamo tenere gli occhi bene aperti .
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Beijing09 - 29 Ago 2011, 08:10
Io credo che quest'anno dobbiamo tenere gli occhi bene aperti .
e dopo che li hai tenuti aperti? Lo scorso anno li avevamo chiusi? Eppure....
Il bello è che poi mi tocca leggere di Laziali che minimizzano i furti dello scorso anno e dicono:"beh se sei forte in CL ci arrivi lo stesso..."
Si, un par di palle...


Tutto su Europa League!!
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: flaccoflamini - 29 Ago 2011, 08:54
Laziale (forse presunto), tra l'altro  :roll:
Ripeto quanto già scritto tempo fa. Alberto Costa è uno dei fondatori del Lazio Club Milano. Sul relativo sito c'è tutto. Inoltre ricordo che lo stesso giornalista si presentò a una conferenza stampa della Nazionale, con De Rossi che parlava, indossando una maglietta con lo stemma della Lazio (il che causò uno scambio di battute col romanista). Che quindi sia tifoso della Lazio credo sia vero. Non meravigliamoci che i più acerrimi nemici di Lotito siano tra i tifosi laziali. Costa è uno che conosce grammatica e sintassi. Magari è questa la stranezza.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: simcar - 29 Ago 2011, 09:15
A sentir parlare certe persone il capo di tutto è Lotito. Il presidente più "odiato" è Claudio Lotito. Per i diritti televisi, le 5 pseudo grandi contro Lotito, anche se le votazioni finiscono 15 a 5. Lo sciopero dei calciatori è colpa di Lotito, poi le votazioni finiscono 18 a 2. Per la cronaca, il voto di Lotito rientra nel gruppo della maggioranza. Ma quanto è potente Claudio Lotito? Tanto potente che quest'anno stiamo facendo L'Europa League, soprattutto per mastodontici errori arbitrali, uno in particolare contro una squadra che farà al posto nostro la Champions League, di un presidente falso, ma ben visto da tutti i media, al contrario del Nostro.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: porgascogne - 29 Ago 2011, 09:38
è evidente come il coni, per storia, uomini e poltrone, sia da sempre vicino all'area ex-an

ed è altrettanto evidente che un articolo una velina come quella di costa, serva a rinfocolare il rancore verso lotito, indicandolo alle masse (peraltro, in gran parte provenienti da quella stessa area) quale quello che sfascia il giocattolo

sono anni che dico che va rotto questo legame
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: irisheagle - 29 Ago 2011, 09:53


[/quote]
e dopo che li hai tenuti aperti? Lo scorso anno li avevamo chiusi? Eppure....
Il bello è che poi mi tocca leggere di Laziali che minimizzano i furti dello scorso anno e dicono:"beh se sei forte in CL ci arrivi lo stesso..."
Si, un par di palle...


Tutto su Europa League!!
"Ti presenti" in 5000 sotto la sede del Coni e poi vediamo . Si sa che in Italia funziona così ...
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: maumor - 29 Ago 2011, 09:55
Petrucci-Lotito polemica senza confini (Il Messaggero)

 
Domenica senza calcio di A, tifosi inviperiti, presidenti e sindacalisti a caccia di consensi sulle rispettive linee. Abete vedrà Beretta eTommasi separatamente, per giovedì è prevista un’assemblea di Lega al calor bianco con il suo presidente dato in gravi difficoltà. Ma intanto il fronte della polemica si allarga. Ferri cortissimi stavolta tra il Coni e il presidente della Lazio Claudio Lotito. Cos’è successo? Ieri in un articolo del Corriere della Sera, dal titolo eloquente “Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta”, si parlava di «stretta comunanza» tra i due in chiave «oltranzista» all’interno della Lega. E si ipotizzava un intervento del Coni per ricordare alla Federazione che esiste un articolo, il 7.4, comma 7, dei Princìpi fondamentali per gli statuti delle Federazioni, e un altro, l’art.29 comma 1 dello statuto Figc, che avvertono che «non possono essere eletti coloro che abbiano in essere controversie giudiziarie con il Coni, le Federazioni o contro altri organismi riconosciuti dal Coni stesso». Riferimento chiaro alla diatriba sull’Olimpico, all’accusa di estorsione fatta da Lotito al Coni e che è costata al presidente della Lazio l’inibizione fino al 15 settembre. In altre parole, Lotito dovrebbe decadere, secondo queste norme, dalla carica di consigliere federale. Quanto a Beretta, nell’articolo si ipotizza che il Coni chiederà alla Figc di attivare l’Ufficio inchieste su suoi presunti illeciti rapporti con un presidente inibito e su un’eventuale conflitto d’interessi, in quanto presidente Lega e addetto alle relazioni esterne di Unicredit (che detiene il 40% delle azioni della Roma americana). Il legale della Lazio, avvocato Gentile, ha inviato una lettera al Corriere della Sera. «Se fosse vero quanto riportato dal giornale – ci ha poi spiegato al telefono – cioè che Petrucci sta facendo pressioni sulla Figc, vorrebbe dire che la giustizia sportiva del calcio è nelle mani del presidente del Coni. Sarebbe gravissimo. Noi aspettiamo che Petrucci smentisca». Quanto alla questione Olimpico e alla successiva inibizione di Lotito, l’avvocato precisa: «Abbiamo denunciato due dirigenti del Coni, Pagnozzi e Nepi Molinaris, in quanto firmatari della lettera con cui si negava alla Lazio l’uso dell’Olimpico per campionato e coppe europee per il mancato pagamento del debito di 723.000 euro della scorsa stagione. L’art. 393 del codice penale sull’esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle persone prevede sanzioni contro “ Chiunque, potendo ricorrere al giudice, si fa arbitrariamente ragione da sè medesimo con violenza e minaccia alle persone”. Negare l’uso dell’Olimpico senza ricorrere al giudice per noi rientra in questa fattispecie». In altre parole Lotito si ritiene condannato ingiustamente (l’inibizione appunto) per aver dato dell’estorsore al presidente Petrucci. Il quale non replica: per il Coni le succitate norme dello statuto sono inequivocabili.(vincenzo cerracchio)


Guerra aperta.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Maremma Laziale - 29 Ago 2011, 10:04
Ripeto quanto già scritto tempo fa. Alberto Costa è uno dei fondatori del Lazio Club Milano. Sul relativo sito c'è tutto. Inoltre ricordo che lo stesso giornalista si presentò a una conferenza stampa della Nazionale, con De Rossi che parlava, indossando una maglietta con lo stemma della Lazio (il che causò uno scambio di battute col romanista). Che quindi sia tifoso della Lazio credo sia vero. Non meravigliamoci che i più acerrimi nemici di Lotito siano tra i tifosi laziali. Costa è uno che conosce grammatica e sintassi. Magari è questa la stranezza.

Questo non lo metto in dubbio (quindi il mio "presunto, forse" è sbagliato).
La cosa che mi fa storcere il naso di Costa è questo suo eccessivo accanimento, talvolta condito da errori gravi, nei confronti del presidente della Lazio che rischia poi di mettere in mezzo anche la società intera. Sa tanto di questione personale. Su questo punto ricorda molto da vicino il comportamento di Di Canio.
Con questo non voglio dire che chi critica Lotito di conseguenza critica la Lazio intera, o che il giornalista Costa debba lodare l'intero operato del presidente senza avere una coscienza critica, ma proprio in quanto laziale di fede, gradirei maggiore precisione nell'esporre i propri dubbi sulla gestione della squadra e sugli affari che la coinvolgono.
Tutto qua.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: porgascogne - 29 Ago 2011, 10:10
in tribuna d'onore si stringono mani ed alleanze, anche trasversali
volano voti, tessere, articoli radiocomandati e segnalazioni

non ci vedo nulla di strano che un entità voglia continuare a gestire tale potere, impedendo a chiunque la possibilità di poterne creare un altro parallelo o alternativo, magari proprio sfruttando quella tribuna e quegli spalti, gestiti in proprio

per fare ciò, per opporsi, intendo, l'entità utilizza qualsiasi mezzo
uno, lo abbiamo visto, è il megafono collettivo di un'altra entità che nella nuova struttura non avrebbe voce
un altro, lo percepiamo dagli articoli del lazialissimo costa (e, per questo, affidabile per il megafono di cui sopra)

petrucci o dell'andreottismo
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: kelly slater - 29 Ago 2011, 10:11
è evidente come il coni, per storia, uomini e poltrone, sia da sempre vicino all'area ex-an

ed è altrettanto evidente che un articolo una velina come quella di costa, serva a rinfocolare il rancore verso lotito, indicandolo alle masse (peraltro, in gran parte provenienti da quella stessa area) quale quello che sfascia il giocattolo

sono anni che dico che va rotto questo legame

Scusa Porga, ti puoi spiegare meglio?
Qual'e' il legame che va rotto?
Perche' l'area ex-an ce l'ha con Lotito?

Io non riesco a leggere bene "politicamente" la vicenda, quindi mi interessa molto...
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: jp1900 - 29 Ago 2011, 11:01
Chissà a chi si riferisce petrucci?  :S

http://www.corrieredellosport.it/calcio/serie_a/2011/08/29-190712/Petrucci%3A+Basta+fenomeni%21+Contratto%3F+Ora+buon+senso (http://www.corrieredellosport.it/calcio/serie_a/2011/08/29-190712/Petrucci%3A+Basta+fenomeni%21+Contratto%3F+Ora+buon+senso)

ROMA, 29 agosto - «Basta con i fenomeni, quelli che vogliono andare contro tutto e tutti e non hanno voluto l'accordo. Se il calcio seguisse i presidenti illuminati e non si facesse trascinare da quelli che sono contro e basta si troverebbe la soluzione». Il presidente del Coni, Gianni Petrucci fa appello all'ala moderata delle società per trovare la soluzione al braccio di ferro tra Lega e Aic sul rinnovo del contratto che ha portato al rinvio della prima giornata di campionato. «C'è una rappresentanza di presidenti che vuole ragionare, non quelli che scrivono agli avvocati e alzano la voce - ha detto il capo dello sport ai microfoni di Radio anch'io lo sport -. Pensiamo di non rovinare questa bella realtà: sono convinto che con il buon senso l'accordo si troverà. Sono ottimista».

I PRESIDENTI ILLUMINATI -  Tra i presidenti "illuminati" indicati da Petrucci c'è Aurelio De Laurentiis, il patron del Napoli che ancora prima dell'Aic aveva proposto l'accordo ponte, poi respinto dai club. «Io ho fiducia nei presidenti, nell'Aic e in quella che deve essere la sintesi, cioè il presidente Abete - ha spiegato Petrucci -. Chi grida ha sempre torto, la pacatezza e la riflessione vinceranno sempre. Devo dare atto al presidente del De Laurentiis che mi ha chiamato per cercare di fare l'accordo ponte con Tommasi: guardiamo a presidenti così, che fanno iniziative intelligenti, è uno che ha riempito uno stadio per un'amichevole. Sono convinto che l'accordo si troverà: in Spagna hanno risolto e avevano argomenti più pesanti, giocatori non pagati: da noi la tassa di solidarietà non esiste, è un falso problema. L'accordo collettivo lo reclamano i giocatori e Campana lo aveva firmato: non credo sia una lotta ad Abete, se c'è è di un gruppo sparuto. Abete è stato eletto e lì starà. Il suo gradimento non è in discussione».

I PRESIDENTI ESUBERANTI - Il problema per Petrucci è da ricollegare anche a quei presidenti «esuberanti», quelli che «alzano i toni, scrivono le lettere agli avvocati, sono contro a prescindere»: ma tra di loro ci sono anche quelli che vogliono ragionare e trovare una soluzione. «Il presidente di Lega non può essere un jukebox in cui metti i soldi ed esegue - ha aggiunto Petrucci -, deve avere margini di trattativa. Sono tutti dei numeri uno nelle loro attività questi presidenti, possibile che non si trovi la sintesi?: facciamo parlare quelli più sereni e illuminati, De Laurentiis ha fatto delle ottime proposte. Facciamo l'accordo e poi ci troviamo al Coni o in Figc e portiamo avanti queste proposte». Sulla possibilità di un commissariamento della Lega Petrucci risponde: «Non parlo di queste cose, Abete incontra oggi le parti. L'intesa si troverà, Tommasi lo abbiamo visto era per l'accordo ponte. Va detto che i presidenti non ricevono alcun contributo da nessuno: il Coni dà 82 milioni alla Figc. Il calcio se produce ricchezza produce anche debiti. Insomma facciamo leva sul buon senso». E chiude ribadendo l'appello ai club: «Ai presidenti dico: siete importanti, mettiamoci sereni e tranquilli. Basta con gli "uomini contro", potrebbe essere il titolo di un film. Il giorno dopo che si firma l'accordo ci mettiamo insieme e facciamo delle proposte di legge, valutando il momento critico che si sta attraversando. Basta il buon senso, lo sciopero che non ha motivo di esistere. Una seconda giornata di astensione solleverebbe problemi con le tv che investono nel calcio».

ABETE SBOTTA -  «La seconda giornata si deve giocare, è un obbligo». Il presidente della Figc, Giancarlo Abete, guarda alla ripresa della trattativa sul rinnovo del contratto dei giocatori con un'unica missione: evitare che lo stop del campionato si protragga ancora. Ai microfoni di Radio anch'io lo sport, il presidente della Figc (che oggi incontrerà Beretta e Tommasi per cercare la soluzione) ha sottolineato che «l'accordo era stato fatto e la Lega non ha rispettato gli impegni assunti: e questo è un dato di fatto. Sicuramente la Lega ha mostrato un irrigidimento, legittimo cambiare idea, ma non ha rispettato gli impegni. Questo però è il momento in cui la responsabilità induce a cercare opera di mediazione: c'è una situazione per cui l'accordo era stato raggiunto e una delle due parti non lo ha rispettato». Abete ha aggiunto che «siamo molto provinciali, con la logica assembleare non si va da nessuna parte, e i sistemi di governance in Lega non funzionano» e che «se ci si concentrasse di più sugli aspetti organizzativi su come l'Italia può rimanere competitiva nel mondo sarebbe meglio».

NON È QUESTIONE DI SOLDI - Dietro allo sciopero non ci sono questioni di soldi. Lo ha ribadito Giancarlo Abete parlando della crisi tra Lega e Aic che ha portato al rinvio della prima giornata di campionato: il presidente della Figc, che ha insistito sulla necessità, anzi sull'obbligo di giocare il secondo turno, tenterà una nuova mediazione. «Si è creata una sorta di caccia all'untore - spiega il presidente della Figc a Radio anch'io lo sport - e il giudizio negativo è contro quelli che hanno di più, ovvero i giocatori, per di più in momento difficile del paese. Si è generata una confusione come se il contenzioso avesse valenze economiche: ma così non è. Le parti sono ancora irrigidite: cercherò di capire meglio parlando prima con Beretta e poi con Tommasi quali sono spazi di manovra per trovare una soluzione non traumatica. Invierò a tutti i presidenti dei club il dossier con tutte le riunioni sul rinnovo del contratto». Quanto ai rapporti con la Lega Abete non ne fa una questione personale: «Esisteva una lega e i presidenti hanno voluto la separazione con la B pensando che avrebbe favorito una migliore governance - dice Abete -, una rivoluzione in termini di efficienza e di riposizionamento della Lega: ma con la logica assembleare non si va da nessuna parte. La Figc è sempre disponibile grazie anche al sostegno del Coni. Ma noi siamo molto molto provinciali: pensare che le idee del singolo possono modificare un sistema mondiale significa essere fuori dal mondo ed essere provinciali. Con tutta la solidarietà per le province che stanno vivendo un momento particolare. Ci sono grandi imprenditori, ma i sistemi di governance non funzionano all'interno della Lega: il singolo imprenditore come può pensare di cambiare le regole mondiali quando la quadra non si torva nemmeno all'interno della Lega. La governance non funziona all'interno della Lega: io sono necessariamente ottimista perché è obbligo che la giornata dell'11 settembre si giochi. Cerchiamo di arrivarci in uno spirito di accordo: la seconda si deve giocare. Pazienza che l'Italia giochi due gare di qualificazione agli europei senza nemmeno un turno giocato. Cerchiamo piuttosto di essere competitivi perchè abbiamo già tre squadre fuori dall'Europa, Roma Palermo e Udinese».

PARLA TOMMASI -  «Il nostro obiettivo non è fermare il campionato a oltranza, noi saremo contenti solo quando scenderemo in campo». Il presidente dell'Aic, Damiano Tommasi è pronto a riprendere i colloqui per trovare una soluzione al braccio di ferro con la Lega sul rinnovo del contratto dei giocatori con la speranza che l'11 settembre la serie A possa giocare. «Non siamo contenti, noi volevamo firmare l'accordo e giocare - ha detto Tommasi ospite di Radio anch'io lo sport -. Volevamo una lega serie, unita, compatta con delle idee e oggi non siamo a questo punto, e per questo non siamo contenti. Noi ci teniamo a iniziare il campionato alla prossima giornata. Beretta non ha potere, non ha deleghe precise e può solo riferire quello che fa l'assemblea: è questo che nei colloqui manca».

I FALSI PROBLEMI - Tommasi sottolinea che i due punti su cui si è arenata la trattativa, ovvero il contributo di solidarietà e gli allenamenti differenziati sono dei «falsi problemi». E che il contratto era stato già sottoscritto lo scorso dicembre. «L'anomalia è proprio questa, se ci fosse qui il mio predecessore (Campana ndr) sarebbe più amareggiato per un impegno, una promessa presa a dicembre e oggi non mantenuta - spiega il presidente del sindacato calciatori -. Il contributo di solidarietà non è un problema: quanto agli allenamenti separati si risolverà tutto perché nella maggior parte delle società non c'è l'uso di usare in maniera discriminatoria la norma. L'art. 7 ha fatto sì che Pandev si svincolasse». Per Tommasi c'era proprio la volontà di non far partire la serie A: «Beretta ha detto che l'anomalia è che tutti hanno il contratto - ha sottolineato Tommasi -, pensano che la categoria non abbia bisogno di fare l'accordo. Non è vero che non c'è stata comunicazione tra i presidenti, che in questi giorni hanno parlalo eccome, ma di altro. Io giovedì ero ancora ottimista, cercavo la soluzione e la Lega mio chiedeva due righe per annunciare lo sciopero: ora non mi pongo il problema del dieci o undici settembre, ma di oggi pomeriggio per trovare la soluzione. Saremo contenti solo quando potremmo giocare».
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: ZombyWoof - 29 Ago 2011, 11:19
incredibile, petrucci praticamente espone lotito al pubblico ludibrio, ed elogia invece de laurentis. 

a che titolo, se c'è stata una votazione di lega a maggioranza?   ma è impazzito, in preda a deliri di potere, accecato dalla furia vendicatrice contro lotito? oh, presidente del coni, mica puoi fare come ti pare eh.

quando ancora esisteva una tifoseria della Lazio, a ste cose si rispondeva presentandosi sotto la sede del coni.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Pergianluca - 29 Ago 2011, 11:31
Ma soprattutto, cosa c'entra questo tentativo di condizionamento del presidente del CONI sulla trattativa per la conclusione di un contratto collettivo tra i soggetti a ciò legittimati? E sulla base di quale criterio - diverso dalla sua personale avversione nei confronti di alcuni - il suddetto presidente può distinguere tra presidenti "illuminati" e presidenti "esuberanti"?
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: T3d - 29 Ago 2011, 11:34
quindi l'articolo del corriere descriveva la verità...

petrucci sei una schifo d'uomo.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Esprit Libre - 29 Ago 2011, 11:39
Difficile oggi indicare un'area ex an. Teoricamente i dirigenti coni dovrebbero essere vicini a Gianfranco Fini, ma con tutti i rivolgimenti che ci sono stati avranno trovato altri santi protettori.
Bisogna tener comunque conto che il coni è un potere forte di suo e certe prese di posizine sono più dirette a mantenere lo status quo che per altro.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Centurio - 29 Ago 2011, 11:41
credo che petrucci sia sia delegittimato da sé, con queste farneticazioni.

Vattene via, vai a casa, essere inutile.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: NatoIl9Gennaio - 29 Ago 2011, 11:42
Citazione: Cerchiamo piuttosto di essere competitivi perchè abbiamo già tre squadre fuori dall'Europa, Roma Palermo e Udinese (Abete)

Tutta colpa di Lotito?  :x

Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: ZombyWoof - 29 Ago 2011, 11:43
lotito può rispondere a mezzo tv, o l'inibizione glielo impedisce?  qui urge una caciara epocale per smerdare questa operazione di killeraggio
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: robylele - 29 Ago 2011, 11:48
non ho ancora capito se Costa e Petrucci siano laziali o verilaziali.

Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: maumor - 29 Ago 2011, 11:58
incredibile, petrucci praticamente espone lotito al pubblico ludibrio, ed elogia invece de laurentis. 

a che titolo, se c'è stata una votazione di lega a maggioranza?   ma è impazzito, in preda a deliri di potere, accecato dalla furia vendicatrice contro lotito? oh, presidente del coni, mica puoi fare come ti pare eh.

quando ancora esisteva una tifoseria della Lazio, a ste cose si rispondeva presentandosi sotto la sede del coni.

Vi ricordo che fino a qualche mese fa Lotito veniva continuato portato ad esempio da Petrucci come modello di gestione. Poi, dopo la questione dell' Olimpico, ha cambiato idea perché deve difendere i suoi guadagni  e quelli della casta di dipendenti inutili e parassiti del Coni.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: porgascogne - 29 Ago 2011, 12:05
rispondo a kelly slater, premettendo che sono mie supposizioni/illazioni/teorie, partendo dalle parole di maumor
Vi ricordo che fino a qualche mese fa Lotito veniva continuato portato ad esempio da Petrucci come modello di gestione. Poi, dopo la questione dell' Olimpico, ha cambiato idea perché deve difendere i suoi guadagni  e quelli della casta di dipendenti inutili e parassiti del Coni.

dopodichè, imho, il legame che va tagliato è quello che lega chi NON vuole lo stadio di proprietà/Lazio perché poi non entrerebbe nel medesimo con chi NON vuole lo stadio di proprietà/Lazio perché rileggiti maumor

è tipico di un certo ambiente, almeno a roma negli anni lo è stato, legare cravatte e manganelli per ottenere uno scopo
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: flaccoflamini - 29 Ago 2011, 13:59
Che poi tra i nemici di Lotito e della Lazio c'è anche quel romanista fraticello di tommasi con la sua assocalciatori. Che gode tra l'altro dell'appoggio esterno dell'ex abatino Rivera. Quindi, ricapitolando, Lotito ha contro: Abete e la Figc, Petrucci e il Coni, tommasi e l'Aic, i verilazziali, giornalisti vari come A.Costa, Vocalelli.
La lista è sicuramente incompleta. Lotito caro, ti sei messo in un bel ginepraio. Le oligarchie in Italia so' forti. Speriamo che se la cava (Lotito).
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: CrazyEagle - 29 Ago 2011, 14:26
Per quanto riguarda ipotetici arbitraggi negativi...

Il porgere l'altra guancia l'anno scorso non ha funzionato.

Speriamo l'abbiano capito.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: maumor - 29 Ago 2011, 16:37
PETRUCCI: 'LOTITO NON CRITICABILE, FA MIRACOLI'
Il presidente del Coni difende il numero uno della Lazio dalle critiche: 'Ha preso la societa' sull'orlo del fallimento e guardete dov'e' ora'

'Giudicherò quando vedrò, ma ancora non ho visto nulla' . Così il presidente del Coni, Gianni Petrucci, ha commentato l'arrivo alla Roma dell'imprenditore americano Thomas DiBenedetto. 'Accoglierò i nuovi proprietari - ha aggiunto il numero uno del Coni, a margine della presentazione di 'Casa Italia' per le Olimpiadi di Londra 2012 - se avrò l'onore di conoscerli. Al momento, però, non ho visto ancora nulla, non faccio polemiche, giudicherò quando vedrò'.

Il presidente del Coni non dimentica però il lavoro fatto dalla famiglia Sensi ed elogia quello del patron della Lazio, Claudio Lotito, rispondendo ad una domanda sullo stadio Olimpico. 'Non lo può toccare nessuno, nemmeno io - ha ammesso -, rappresenta la storia dello sport italiano. Ho già detto come battuta che spero che Roma sia inondata di stadi. Detto questo, la realtà dice che la famiglia Sensi ha lavorato bene e che la Lazio ha un presidente, Claudio Lotito, che sta facendo benissimo. E' incredibile che ci siano ancora dubbi sul suo operato. Ha preso la Lazio in pre-fallimento e da solo l'ha portata fin qui senza strutture faraoniche. Mi fanno davvero tenerezza quei cori contro di lui allo stadio Olimpico, nessuno meglio di lui per quanto sta facendo'.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: rio2 - 29 Ago 2011, 18:57
Lotito ci portera' lo scudetto e vari successi anche in europa, una volta che entreranno in vigore le nuove norme entreremo di diritto nelle prime 20 societa' europee e se poco poco facciamo lo stadio e le cose ingranano bene possiamo salire ancora.........

ovviamente le 3 strisciate stringono forte le ciappet......

leggere gli elogi a de laurentis, quello che ai sorteggi del campionato li ha mandati tutti a quel paese (per essere eleganti) fa' capire in che stato pietoso sia lo sport italiano.

e intanto siamo l'unica delle prime 10 nazioni europee ad aver perso gia' 2 squadre (l'udinese e' retrocessa in europa league ma tanto non credo che puntera' a vincere il girone...) perche' a noi interessa solo la champions.....bravi continuate cosi' e tra 2 anni di posti disponibili ne rimarranno solo 2 poi voglio vedere se sara' ancora colpa di Lotito o della vostra incompetenza.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Sercio69 - 29 Ago 2011, 19:38
Lotito ci portera' lo scudetto e vari successi anche in europa, una volta che entreranno in vigore le nuove norme entreremo di diritto nelle prime 20 societa' europee e se poco poco facciamo lo stadio e le cose ingranano bene possiamo salire ancora.........

ovviamente le 3 strisciate stringono forte le ciappet......

leggere gli elogi a de laurentis, quello che ai sorteggi del campionato li ha mandati tutti a quel paese (per essere eleganti) fa' capire in che stato pietoso sia lo sport italiano.

e intanto siamo l'unica delle prime 10 nazioni europee ad aver perso gia' 2 squadre (l'udinese e' retrocessa in europa league ma tanto non credo che puntera' a vincere il girone...) perche' a noi interessa solo la champions.....bravi continuate cosi' e tra 2 anni di posti disponibili ne rimarranno solo 2 poi voglio vedere se sara' ancora colpa di Lotito o della vostra incompetenza.
Vabbè, adesso nun t'allargà..... Addirittura che Lotito ci porta allo scudetto non ci credo neanche se lo vedo con i miei occhi. Mi accontento di molto meno....
D'accordo invece sull'incompetenza dei dirigenti del calcio italiano che sta diventando sempre di più un calcio minore.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: rio2 - 30 Ago 2011, 08:47
Vabbè, adesso nun t'allargà..... Addirittura che Lotito ci porta allo scudetto non ci credo neanche se lo vedo con i miei occhi. Mi accontento di molto meno....
D'accordo invece sull'incompetenza dei dirigenti del calcio italiano che sta diventando sempre di più un calcio minore.

diciamo che l'organico attuale e' secondo solo a quello di milan e inter....mettiamoci pure che l'inter ha ricominciato a soffrire di morattite (cioe' ha la sindrome dell'asroma....) e che il milan punta sicuramente di piu' alla champions.........

poi ci sarebbe la juve che al massimo andra' in europa league.......

poi ci sarebbe il napoli che alla fine del girone di champions (che finira' ultimo....) sara' dalla parte destra della classifica......

l'asroma che nella parte destra gia' c'e'

sono moderatamente ottimista spero che ti smentisca gia' quest' anno. :D :D :D
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: NatoIl9Gennaio - 30 Ago 2011, 08:52
diciamo che l'organico attuale e' secondo solo a quello di milan e inter....mettiamoci pure che l'inter ha ricominciato a soffrire di morattite (cioe' ha la sindrome dell'asroma....) e che il milan punta sicuramente di piu' alla champions.........

poi ci sarebbe la juve che al massimo andra' in europa league.......

poi ci sarebbe il napoli che alla fine del girone di champions (che finira' ultimo....) sara' dalla parte destra della classifica......

l'asroma che nella parte destra gia' c'e'

sono moderatamente ottimista spero che ti smentisca gia' quest' anno. :D :D :D

Quello che scrivi é logico, ma consiglierei di non passare dal disfattismo di qualche anno fa all'esaltazione.

Per me la lazio di oggi é una squadra che deve avere come obiettivo primario l'EL (almeno le semifinali) e arrivare tra i primi tre in campionato.

Ma sopratutto vincere i 2 derby!!!!
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: jp1900 - 30 Ago 2011, 10:26
Quello che scrivi é logico, ma consiglierei di non passare dal disfattismo di qualche anno fa all'esaltazione.

Per me la lazio di oggi é una squadra che deve avere come obiettivo primario l'EL (almeno le semifinali) e arrivare tra i primi tre in campionato.

Ma sopratutto vincere i 2 derby!!!!
Scambio volentieri i 2 derby con semifinali di EL e almeno terzo posto.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: NatoIl9Gennaio - 30 Ago 2011, 10:52
Il derby é importante visti gli ultimi anni.

Lo posso scambiare solo con un titolo vero, tipo vittoria EL.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Centurio - 30 Ago 2011, 11:17
io non lo scambio con niente. Lo voglio vince e basta, non scherziamo.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: porgascogne - 30 Ago 2011, 11:28
io non lo scambio con niente.

secondo me, se scambi quello scopettone con la mia carica erotica, te conviene
 :pp
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: superazio - 30 Ago 2011, 18:52
Questione Olimpico, il Coni querela Lotito

E’ sempre scontro durissimo tra il Coni e la Lazio. Dopo le dichiarazioni dell’avvocato della Lazio Gianmichele Gentile sulla denuncia presentata nei confronti dell’amministratore delegato della Coni servizi, Lello Pagnozzi, e del direttore degli impianti, Diego Nepi, la Coni servizi ha oggi diramato un comunicato nel quale sottolinea come “a causa dei comportamenti della Lazio, siano da tempo interrotti i rapporti istituzionali”, ma anche che l’intera vicenda è stata “rimessa nella mani degli avvocati di fiducia” (Condemi Morabito, Ranieri e Valori) che stanno procedendo nei confronti della società biancoceleste. Proprio in virtù del contenzioso in corso della vicenda viene tenuta informata la Federcalcio, visto che i dirigenti che hanno vertenze in corso col Coni per statuto non possono ricoprire incarichi nelle federazioni. Insomma potrebbe decadere da consigliere federale Lotito al termine dell’inibizione inflitta dalla Corte di giustizia federale (termina il 15 settembre). Inoltre per la tutela personale Pagnozzi ha dato incarico al professor Coppi di adire vie legali.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: rio2 - 30 Ago 2011, 19:03
Questione Olimpico, il Coni querela Lotito

E’ sempre scontro durissimo tra il Coni e la Lazio. Dopo le dichiarazioni dell’avvocato della Lazio Gianmichele Gentile sulla denuncia presentata nei confronti dell’amministratore delegato della Coni servizi, Lello Pagnozzi, e del direttore degli impianti, Diego Nepi, la Coni servizi ha oggi diramato un comunicato nel quale sottolinea come “a causa dei comportamenti della Lazio, siano da tempo interrotti i rapporti istituzionali”, ma anche che l’intera vicenda è stata “rimessa nella mani degli avvocati di fiducia” (Condemi Morabito, Ranieri e Valori) che stanno procedendo nei confronti della società biancoceleste. Proprio in virtù del contenzioso in corso della vicenda viene tenuta informata la Federcalcio, visto che i dirigenti che hanno vertenze in corso col Coni per statuto non possono ricoprire incarichi nelle federazioni. Insomma potrebbe decadere da consigliere federale Lotito al termine dell’inibizione inflitta dalla Corte di giustizia federale (termina il 15 settembre). Inoltre per la tutela personale Pagnozzi ha dato incarico al professor Coppi di adire vie legali.

non credevo fossero cosi' ingenui da cadere nel trabocchetto di Gentile.........

forse non lo hanno capito ma Lotito aspettava proprio che facessero un simile passo falso per metterli a 90° :D :D :D

P.S. alla fine non credo che lo facciano veramente sarebbe come spararsi una fucilata sulle p...e da soli.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: NatoIl9Gennaio - 30 Ago 2011, 19:26
non credevo fossero cosi' ingenui da cadere nel trabocchetto di Gentile.........

forse non lo hanno capito ma Lotito aspettava proprio che facessero un simile passo falso per metterli a 90° :D :D :D

P.S. alla fine non credo che lo facciano veramente sarebbe come spararsi una fucilata sulle p...e da soli.

Con lotito non ci si annoia mai!!   :o

Ma quanti so? Non é che c'ha un gemello?  :D
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Sercio69 - 30 Ago 2011, 19:42
In merito alla vertenza tra Coni e Lazio, sul fatto che Lotito non possa ricoprire incarichi nelle federazioni di appartenenza vorrei riportare quanto prevedono i  "Principi fondamentali per gli statuti delle federazioni" dove all'art. 7.4, 7° comma è riportato testualmente:

"Sono, altresì, ineleggibili quanti abbiano in essere controversie giudiziarie contro il C.O.N.I., le Federazioni, le Discipline Sportive Associate o contro altri organismi riconosciuti dal C.O.N.I. stesso".

Il concetto è ribadito nell'ultima parte del 1 comma dell'art. 29 dello statuto FIGC:

"Non possono altresì essere eletti coloro che abbiano come fonte primaria o prevalente di reddito un’attività
commerciale collegata alla FIGC, nonché coloro che abbiano in essere controversie giudiziarie contro il
CONI, le Federazioni o contro altri organismi riconosciuti dal CONI stesso"."

Effettivamente esiste una controversia tra La Lazio, rappresentata da Lotito, e il CONI, quindi Lotito ad oggi sarebbe di fatto ineleggibile.
Il problema è che Lotito non è stato eletto oggi, ma quando la controversia con il CONI non era ancora in essere.

Le norme in questione, se le leggiamo bene, escludono l'eleggibilità a coloro che hanno controversie giudiziarie con il CONI, ma non la decadenza delle cariche in essere.
Non esiste nessuna norma infatti, che impedisca a Lotito di continuare a mantenere la carica ricoperta fino alla sua naturale scadenza.
Io non sono un giurista di professione, ma un po' di diritto l'ho studiato, e a me questa presa di posizione del CONI mi sembra un abbaglio del CONI stesso perchè sta estendendo arbitrariamente la portata di una norma che invece è ben delimitata e si presta a poche interpretazioni.
E' possibile però che il tutto sia finalizzato a sfanculare Lotito, ma a questo punto l'unica cosa che mi preoccupa è la Lazio e i danni che indirettamente avrà, chiunque sarà il vincitore finale.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Roberto66 - 30 Ago 2011, 23:17
In merito alla vertenza tra Coni e Lazio, sul fatto che Lotito non possa ricoprire incarichi nelle federazioni di appartenenza vorrei riportare quanto prevedono i  "Principi fondamentali per gli statuti delle federazioni" dove all'art. 7.4, 7° comma è riportato testualmente:

"Sono, altresì, ineleggibili quanti abbiano in essere controversie giudiziarie contro il C.O.N.I., le Federazioni, le Discipline Sportive Associate o contro altri organismi riconosciuti dal C.O.N.I. stesso".

Il concetto è ribadito nell'ultima parte del 1 comma dell'art. 29 dello statuto FIGC:

"Non possono altresì essere eletti coloro che abbiano come fonte primaria o prevalente di reddito un’attività
commerciale collegata alla FIGC, nonché coloro che abbiano in essere controversie giudiziarie contro il
CONI, le Federazioni o contro altri organismi riconosciuti dal CONI stesso"."

Effettivamente esiste una controversia tra La Lazio, rappresentata da Lotito, e il CONI, quindi Lotito ad oggi sarebbe di fatto ineleggibile.
Il problema è che Lotito non è stato eletto oggi, ma quando la controversia con il CONI non era ancora in essere.

Le norme in questione, se le leggiamo bene, escludono l'eleggibilità a coloro che hanno controversie giudiziarie con il CONI, ma non la decadenza delle cariche in essere.
Non esiste nessuna norma infatti, che impedisca a Lotito di continuare a mantenere la carica ricoperta fino alla sua naturale scadenza.
Io non sono un giurista di professione, ma un po' di diritto l'ho studiato, e a me questa presa di posizione del CONI mi sembra un abbaglio del CONI stesso perchè sta estendendo arbitrariamente la portata di una norma che invece è ben delimitata e si presta a poche interpretazioni.
E' possibile però che il tutto sia finalizzato a sfanculare Lotito, ma a questo punto l'unica cosa che mi preoccupa è la Lazio e i danni che indirettamente avrà, chiunque sarà il vincitore finale.

Osservazione giustissima. Inoltre io mi domando, ma il problema tra Lazio (Lotito) e Coni è di tipo economico/contrattuale per la gestione dell'Olimpico, cosa centra con la giustizia sportiva. A titolo di esempio se tra l'Inter e il proprietario dello stadio San Siro (che credo sia il Comune) nasce un contenzioso il presidente dell'Inter viene squalificato o impossibilitato ad essere eletto a cariche sportive?
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Pergianluca - 31 Ago 2011, 00:25
In merito alla vertenza tra Coni e Lazio, sul fatto che Lotito non possa ricoprire incarichi nelle federazioni di appartenenza vorrei riportare quanto prevedono i  "Principi fondamentali per gli statuti delle federazioni" dove all'art. 7.4, 7° comma è riportato testualmente:

"Sono, altresì, ineleggibili quanti abbiano in essere controversie giudiziarie contro il C.O.N.I., le Federazioni, le Discipline Sportive Associate o contro altri organismi riconosciuti dal C.O.N.I. stesso".

Il concetto è ribadito nell'ultima parte del 1 comma dell'art. 29 dello statuto FIGC:

"Non possono altresì essere eletti coloro che abbiano come fonte primaria o prevalente di reddito un’attività
commerciale collegata alla FIGC, nonché coloro che abbiano in essere controversie giudiziarie contro il
CONI, le Federazioni o contro altri organismi riconosciuti dal CONI stesso"."

Effettivamente esiste una controversia tra La Lazio, rappresentata da Lotito, e il CONI, quindi Lotito ad oggi sarebbe di fatto ineleggibile.
Il problema è che Lotito non è stato eletto oggi, ma quando la controversia con il CONI non era ancora in essere.

Le norme in questione, se le leggiamo bene, escludono l'eleggibilità a coloro che hanno controversie giudiziarie con il CONI, ma non la decadenza delle cariche in essere.
Non esiste nessuna norma infatti, che impedisca a Lotito di continuare a mantenere la carica ricoperta fino alla sua naturale scadenza.
Io non sono un giurista di professione, ma un po' di diritto l'ho studiato, e a me questa presa di posizione del CONI mi sembra un abbaglio del CONI stesso perchè sta estendendo arbitrariamente la portata di una norma che invece è ben delimitata e si presta a poche interpretazioni.
E' possibile però che il tutto sia finalizzato a sfanculare Lotito, ma a questo punto l'unica cosa che mi preoccupa è la Lazio e i danni che indirettamente avrà, chiunque sarà il vincitore finale.
A) Che io sappia la controversia è con CONI Servizi S.p.A., la quale, a rigore, non dovrebbe rientrare in alcuna delle categorie di soggetti previste dalla clausola statutaria (non si tratta, infatti, né del CONI, né di una Federazione, né di un organismo "riconosciuto" dal CONI stesso;
B) La controversia vede, comunque, coinvolta la S.S. Lazio, persona giuridica dotata di una soggettività autonoma e distinta da quella della persona fisica Claudio Lotito;
C) In ogni caso, la sola eventualità che il CONI minacci di far valere una tale eventualità per locupletare un vantaggio nel rapporto economico di diritto privato tra la sua controllati CONI Servizi ed una società a scopo di lucro, le cui azioni sono quotate in un mercato regolamentato, in un Paese normale dovrebbe determinare l'intervento dell'Autorità Antitrust, per la repressione di una chiara fattispecie di abuso di posizione dominante; della CONSOB, per la possibile turbativa del corso azionario dei titoli S.S. Lazio; del Ministero competente, per il palese sviamento di potere in cui è incorso il vertice dell'ente pubblico; della magistratura, per l'eventuale abuso nell'esercizio di (ipotetiche) legittime ragioni.
Titolo: Re:"Il Coni ha già scelto la strada per bloccare Lotito e Beretta".
Inserito da: Sercio69 - 31 Ago 2011, 02:34
A) Che io sappia la controversia è con CONI Servizi S.p.A., la quale, a rigore, non dovrebbe rientrare in alcuna delle categorie di soggetti previste dalla clausola statutaria (non si tratta, infatti, né del CONI, né di una Federazione, né di un organismo "riconosciuto" dal CONI stesso;
B) La controversia vede, comunque, coinvolta la S.S. Lazio, persona giuridica dotata di una soggettività autonoma e distinta da quella della persona fisica Claudio Lotito;
C) In ogni caso, la sola eventualità che il CONI minacci di far valere una tale eventualità per locupletare un vantaggio nel rapporto economico di diritto privato tra la sua controllati CONI Servizi ed una società a scopo di lucro, le cui azioni sono quotate in un mercato regolamentato, in un Paese normale dovrebbe determinare l'intervento dell'Autorità Antitrust, per la repressione di una chiara fattispecie di abuso di posizione dominante; della CONSOB, per la possibile turbativa del corso azionario dei titoli S.S. Lazio; del Ministero competente, per il palese sviamento di potere in cui è incorso il vertice dell'ente pubblico; della magistratura, per l'eventuale abuso nell'esercizio di (ipotetiche) legittime ragioni.

a) La CONI Servizi S.p.a. in quanto società controllata dal CONI, potrebbe essere un organismo riconosciuto dal CONI stesso, bisogna vedere quanto prevedono i vari statuti. Su cosa le norme in questione intendano per "organismi riconosciuti" potrebbero celarsi numerose interpretazioni nelle quali mi sembra un po' difficile districarsi. Un'interpretazione estensiva (ma neanche tanto...) mi indurrebbe a pensare che una società controllata al 100% da un'ente pubblico quale è il CONI è da ricondurre al CONI stesso. Ma, come ripeto, siamo nell'ambito interpretativo di un quadro solo parzialmente noto.

b) Giusta osservazione, la controversia è tra CONI (o la sua controllata) e la Lazio S.p.a., che in quanto persona giuridica è soggetto di diritto autonomo indipendente dalla persona fisica che la rappresenta. Lotito di fatto non ha aperto nessun contenzioso con il CONI o con organismi da esso riconosciuti, quindi a rigor di logica non rientrerebbe nelle esclusioni previste dalle norme citate neanche in tema di eleggibilità.

c) Sugli interventi dell'antitrust, della Consob, del ministro competente e della magistratura che dovrebbero essere fatti e vengono misteriosamente omessi, ci sarebbe da scrivere enciclopedie nella storia italiana. In passato per il mio precedente lavoro ho avuto la (s)fortuna di avere a che fare con tutti gli organismi da te citati per cose molto più serie del calcio... beh, mi limito a dire che di professionalità vera ne ho vista pochina....

Ma proprio queste stranezze, le palesi incongruenze giuridiche, le omissioni di organi competenti, il tutto condito con l'immancabile campagna mediatica ad orologeria, mi fanno pensare ad un tentativo di attacco, neanche tanto nascosto, a Lotito. E generalmente a questi livelli, quando si mettono in moto organizzazioni massoniche che vogliono far fuori qualcuno, raramente falliscono. L'unica mia paura è che in questa guerra la Lazio possa essere la vittima sacrificale.