"Quegli ultras fascisti che fanno tanto comodo"

0 Utenti e 77 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline pan

*
1568
Re:"Quegli ultras fascisti che fanno tanto comodo"
« Risposta #60 il: 27 Ott 2017, 18:10 »
Non si tratta di sentirsi in colpa, ma decidere se affrontare il problema o chiudersi a riccio , sentirsi soli, e prendersela con la stampa e i giornalisti che bla bla bla...
Ora, a me che un laziale si senta a suo agio ad attaccare adesivi del genere mentre gioca la squadra per cui tifo anche io, fa riflettere sulla cultura generale che domina il nostro ambiente, anche fosse uno solo.
O cominciamo, e la società s.s. Lazio comincia, ad occuparsi di questo, o avoja a bordate da parte della stampa e dei giornalisti che bla bla bla...

ovvio che sono d'accordo con te

Online TheVoice

*****
4611
Re:"Quegli ultras fascisti che fanno tanto comodo"
« Risposta #61 il: 27 Ott 2017, 20:41 »
Proprio per questo invoco una misura differente: esclusione a vita dalle manifestazioni sportive.
La giustizia penale è un'altra cosa e segue logiche anche discutibili, ma diverse.

P.

 

Ti dico che per me è pure poco.
Io gli dasperei pure i parenti fino al secondo grado incluso e tutta la rubrica telefonica, magari solo per un paio di mesi.
Forse così la "società civile" sta più attenta con quelli con cui ha a che fare.

Offline bak

*
19496
Re:"Quegli ultras fascisti che fanno tanto comodo"
« Risposta #62 il: 28 Ott 2017, 13:35 »
Roma, cinquemila tifosi da tutti Italia in corteo verso lo stadio

Gli ultrà sfilano contro la legge anti-violenza

Dietro a uno striscione con la scritta «No alla repressione, no al vostro calcio», la manifestazione è diretta all'Olimpico

ROMA - Al grido di «Ultras liberi» lanciato davanti agli uffici della città giudiziaria in piazzale Clodio a Roma cinquemila tifosi, secondo gli organizzatori (duemila secondo la polizia), sono arrivati da varie parti d'Italia per la manifestazione nazionale degli ultras contro il nuovo decreto legge per contrastare la violenza negli stadi. Il corteo è diretto allo stadio Olimpico, dietro un grande striscione con la scritta «No alla repressione, no al vostro calcio». I motivi della protesta sono l'opposizione degli ultras al nuovo decreto legge che prevede l'arresto (quasi trenta nelle ultime settimane hanno riguardato gli ultras laziali) e diffide sommarie, la condanna di «un certo modo di fare informazione», la richiesta dell'abolizione di misure considerate dagli ultras inefficienti e dannose come il divieto di vendita dei biglietti del settore ospiti prima della partita e di un calcio più a misura di tifoso. Gli ultras chiedono «ai governanti, mass media, addetti ai lavori e all'opinione pubblica discorsi dai contenuti reali, non basati sulla prevenzione e repressione ma su una cultura sportiva e di sana aggregazione» perché sostengono «la repressione non paga e non ha mai pagato».4 aprile 2003 
----------------------------------------------------------------------------------------
 Al grido di «Ultras liberi» lanciato davanti agli uffici della città giudiziaria in piazzale Clodio, circa seimila tifosi, arrivati da varie parti d'Italia hanno dato vita alla manifestazione nazionale degli ultras contro il nuovo decreto legge varato allo scopo di contrastare la violenza negli stadi.
 Il corteo è partito alle 17, diretto allo stadio Olimpico, dietro un grande striscione con la scritta «No alla repressione, no al vostro calcio». Imponente lo schiramento delle forze dell’ordine e molti anche gli sfottò nei loro confronti. Dopo aver sfilato per oltre due ore, gli ultras sono arrivati sotto la curva nord dell'Olimpico, dove è stato tenuto un breve comizio, presenti Boccacci e Delle Chiaie.

CHI C’ERA

Tutti insieme. Fronte Opposto del Padova, Boys della Roma e dell’Inter, Wild Kaos del Prato, Ultras Roma, As Roma Clan, Banda Rutto del Catania, Fighters della Juventus, Blood Half del Varese, Nasty Boys e Gioventù pitagorica di Crotone, Bull Dog Inter, Fedayn Bronks della Casertana, Agn Ultras della Nocerina, Brigata Etrusca e Avanguardia della Viterbese, Ultras 74 del Prato, Ultras di Verona, Ultras Basket di Rieti, 330 slm del Chieti, Ultras Lanciano, Wild Lions di Adessa, Brothers della Nocerina, Ultras Castro 1988 di Castrovillari, Brigata Littoria di Latina insieme a Wilds Dogs e Gruppo Sabaudia, Curva Nord di Taranto, Settembre Bianconero di Ascoli, Vecchia Guardia di Anzio, Über Alles di Frosinone, Ultras Ostia, Ultras Curva Sud di Reggio Calabria, Brigata del Provasto, Ultras Fighters di Siena.


Dopo 14 anni si sono svegliati. Ma vaffanculo va


 

 
Re:"Quegli ultras fascisti che fanno tanto comodo"
« Risposta #63 il: 28 Ott 2017, 17:37 »
Roma, cinquemila tifosi da tutti Italia in corteo verso lo stadio

Gli ultrà sfilano contro la legge anti-violenza

Dietro a uno striscione con la scritta «No alla repressione, no al vostro calcio», la manifestazione è diretta all'Olimpico

ROMA - Al grido di «Ultras liberi» lanciato davanti agli uffici della città giudiziaria in piazzale Clodio a Roma cinquemila tifosi, secondo gli organizzatori (duemila secondo la polizia), sono arrivati da varie parti d'Italia per la manifestazione nazionale degli ultras contro il nuovo decreto legge per contrastare la violenza negli stadi. Il corteo è diretto allo stadio Olimpico, dietro un grande striscione con la scritta «No alla repressione, no al vostro calcio». I motivi della protesta sono l'opposizione degli ultras al nuovo decreto legge che prevede l'arresto (quasi trenta nelle ultime settimane hanno riguardato gli ultras laziali) e diffide sommarie, la condanna di «un certo modo di fare informazione», la richiesta dell'abolizione di misure considerate dagli ultras inefficienti e dannose come il divieto di vendita dei biglietti del settore ospiti prima della partita e di un calcio più a misura di tifoso. Gli ultras chiedono «ai governanti, mass media, addetti ai lavori e all'opinione pubblica discorsi dai contenuti reali, non basati sulla prevenzione e repressione ma su una cultura sportiva e di sana aggregazione» perché sostengono «la repressione non paga e non ha mai pagato».4 aprile 2003 
----------------------------------------------------------------------------------------
 Al grido di «Ultras liberi» lanciato davanti agli uffici della città giudiziaria in piazzale Clodio, circa seimila tifosi, arrivati da varie parti d'Italia hanno dato vita alla manifestazione nazionale degli ultras contro il nuovo decreto legge varato allo scopo di contrastare la violenza negli stadi.
 Il corteo è partito alle 17, diretto allo stadio Olimpico, dietro un grande striscione con la scritta «No alla repressione, no al vostro calcio». Imponente lo schiramento delle forze dell’ordine e molti anche gli sfottò nei loro confronti. Dopo aver sfilato per oltre due ore, gli ultras sono arrivati sotto la curva nord dell'Olimpico, dove è stato tenuto un breve comizio, presenti Boccacci e Delle Chiaie.

CHI C’ERA

Tutti insieme. Fronte Opposto del Padova, Boys della Roma e dell’Inter, Wild Kaos del Prato, Ultras Roma, As Roma Clan, Banda Rutto del Catania, Fighters della Juventus, Blood Half del Varese, Nasty Boys e Gioventù pitagorica di Crotone, Bull Dog Inter, Fedayn Bronks della Casertana, Agn Ultras della Nocerina, Brigata Etrusca e Avanguardia della Viterbese, Ultras 74 del Prato, Ultras di Verona, Ultras Basket di Rieti, 330 slm del Chieti, Ultras Lanciano, Wild Lions di Adessa, Brothers della Nocerina, Ultras Castro 1988 di Castrovillari, Brigata Littoria di Latina insieme a Wilds Dogs e Gruppo Sabaudia, Curva Nord di Taranto, Settembre Bianconero di Ascoli, Vecchia Guardia di Anzio, Über Alles di Frosinone, Ultras Ostia, Ultras Curva Sud di Reggio Calabria, Brigata del Provasto, Ultras Fighters di Siena.


Dopo 14 anni si sono svegliati. Ma vaffanculo va
😳
Re:"Quegli ultras fascisti che fanno tanto comodo"
« Risposta #64 il: 30 Ott 2017, 11:18 »
Non si tratta di sentirsi in colpa, ma decidere se affrontare il problema o chiudersi a riccio , sentirsi soli, e prendersela con la stampa e i giornalisti che bla bla bla...
Ora, a me che un laziale si senta a suo agio ad attaccare adesivi del genere mentre gioca la squadra per cui tifo anche io, fa riflettere sulla cultura generale che domina il nostro ambiente, anche fosse uno solo.
O cominciamo, e la società s.s. Lazio comincia, ad occuparsi di questo, o avoja a bordate da parte della stampa e dei giornalisti che bla bla bla...
concordo pienamente con Tom, dovremmo focalizzare il problema più importante, che non è la stampa cattiva.

Offline surg

*
6858
Re:"Quegli ultras fascisti che fanno tanto comodo"
« Risposta #65 il: 30 Ott 2017, 11:46 »
Al messaggero, al corriere della serva, ai repubblichini vorrei augurare una cosa che mi farebbe bannare non solo da qui, ma dalla società civile. Meglio che taccia, altro che girare articoli.
Fessaggero
Re:"Quegli ultras fascisti che fanno tanto comodo"
« Risposta #66 il: 30 Ott 2017, 12:17 »
è la società che è malata, quello che accade nelle curve è uno dei tanti sintomi di una regressione che non so dove ci porterà, forse a nuove guerre e a nuove barbarie. Ma questo è l'essere umano, un animale che seppure dotato di coscienza rimane pur sempre un animale, con quei connotati che caratterizzano tutte le specie viventi. sta andando in frantumi tutto un sistema di valori che nel dopoguerra si stava faticosamente imponendo, e alla apertura dei confini e alla globalizzazione forse succederà la chiusura e la definitiva consacrazione degli egoismi.
Scusate sto pippone ma sto ripercorrendo a mente fredda quello che è accaduto negli ultimi giorni, con l'assurdo fango mediatico che ci è stato buttato addosso, il pubblico ludibrio a cui hanno sottoposto tutti noi tifosi che con quei dementi attaccafigurine non centrano nulla. Un fatto di cronaca che andava duramente perseguito come tale è diventato una gogna mediatica per tutti noi, utilizzato per colpire la Lazio e i Laziali. Se il tessuto sociale e tutto il sistema di relazioni e interazioni è marcio non può essere certamente colpa nostra, e forse neanche di quei dementi secondo i quali insultare una bambina morta è goliardia e sfottò. Si deve cominciare dalla educazione nelle scuole, ma soprattutto nelle famiglie, dove spesso i genitori non sono un buon esempio per i figli. Già, ma la cosa più semplice era indicare il Laziale brutto e cattivo e lavarsi la coscienza, brutti sepolcri imbiancati ...
Un'ultima considerazione riguardo il pestaggio dei due extracomunitari a Roma, e voglio porre una domanda (retorica), ma secondo voi se gli aggressori fossero stati ultras della Lazio tutto questo silenzio vi sarebbe stato? Oppure titoloni dei giornaloni a dire quanto sono fascisti e cattivi i Laziali tutti?
Posso anche non credere ai complotti, ma sicuramente ci sono individui che cercano di indirizzare la pubblica opinione; e credo alla cupola romanista, quel vero "grumo di potere" che anche se slegato e acefalo ha come  obiettivo il ridimensionamento della Lazio per garantire alla loro squadra (l'innominabile) l'intera vetrina, per poi utilizzarla a fini economici, politici e sociali. Si dirà, ma parliamo di calcio! Può darsi, ma Giovenale aveva già capito tutto duemila anni fa.
Scusate lo sfogo, torno a parlare di Nani, Immobile e Inzaghi.
 :since :since :since
 :asrm :asrm :asrm           

Offline bak

*
19496
Re:"Quegli ultras fascisti che fanno tanto comodo"
« Risposta #67 il: 30 Ott 2017, 16:06 »
concordo pienamente con Tom, dovremmo focalizzare il problema più importante, che non è la stampa cattiva.

Se Castellino (Roma ai romani, costola di fn) difende la Nord, appartiene a tra minzione e distrazione e frequenta Boccacci, forse il problema tanto astruso non è.
Re:"Quegli ultras fascisti che fanno tanto comodo"
« Risposta #68 il: 30 Ott 2017, 16:18 »
Contro luoghi comuni e stereotipi non c'è niente da fare, si perde in partenza. Sono rassegnato a sentir ripetere che i laziali sono tutti fascisti. Ma il problema vero e, se permettete, molto più serio, è che pochi si rendono conto che i fascisti NON sono tutti laziali. Anzi...

Offline carlos

*
562
Re:"Quegli ultras fascisti che fanno tanto comodo"
« Risposta #69 il: 30 Ott 2017, 16:22 »
...
Un'ultima considerazione riguardo il pestaggio dei due extracomunitari a Roma, e voglio porre una domanda (retorica), ma secondo voi se gli aggressori fossero stati ultras della Lazio tutto questo silenzio vi sarebbe stato? Oppure titoloni dei giornaloni a dire quanto sono fascisti e cattivi i Laziali tutti?
 :since :since :since
 :asrm :asrm :asrm           

E' ciò che penso anche io e non solo io....
STEMMERDE

 :asrm :asrm :asrm

Offline Charlot

*
13071
Re:"Quegli ultras fascisti che fanno tanto comodo"
« Risposta #70 il: 30 Ott 2017, 20:45 »
... il TG1 delle ore 20 ha parlato di un ultra' fascista di 19 anni, perquisizione a casa, stop.
 8)

Online kurt

*****
4119
Re:"Quegli ultras fascisti che fanno tanto comodo"
« Risposta #71 il: 30 Ott 2017, 21:06 »
... il TG1 delle ore 20 ha parlato di un ultra' fascista di 19 anni, perquisizione a casa, stop.
 8)
Legato al mondo ultrà: se era Laziale c'aprivano il tg.
In questo caso l'informazione parziale (la notizia è vera ma non completa), lascia nello spettatore poco attento la sensazione che il mondo ultrà sia quello della Lazio, così sovraesposta in questi giorni per fatti negativi in maniera del tutto strumentale; difficilmente si possono collegare alla roma questi delinquenti (perchè sono questo prima che ultras) se non viene mai nominata...
Lo schifo vero per questa gente.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod