Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione

0 Utenti e 22 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline jp1900

*****
6384
Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« il: 10 Ago 2015, 10:12 »
Allegri ha capito benissimo come fermare la Lazio. Si mette dietro, aspetta quei due-tre errori che facciamo sempre e sa che uno dei suoi in almeno un'occasione farà gol. Pioli ha cercato di cambiare atteggiamento, ma non riesce a vincere la partita perchè muro contro muro contano i valori individuali, e i nostri sono inferiori a quelli della Juventus (ma superiori a quelli della maggior parte delle squadre di A).
Sarà così fino a quando gli equilibri economici - finanziari saranno questi (vale a dire per sempre). Noi dovremo sperare nella giornata "eccezionale" (botte di culo o giornata no della Juventus), evento rarissimo nella nostra storia contro i bianconeri (che però ogni tanto succede, vedi scudetto del 2000 o semifinale della coppainfaccia).

Così come Allegri sa come battere la Lazio, il mondo dell'informazione (che sappiamo essere filotrigoriota, per motivi commerciali, di tifo o entrambi) sa benissimo come deprimere l'ambiente Laziale dopo un anno eccezionale. Lo hanno iniziato a fare dal dopo 2000 (incontro Sensi - direttori testate sportive), e hanno affinato la tecnica. Una notizia negativa al giorno, vera o inventata, toglie il Laziale di torno.
Noi tifosi cosa facciamo per contrastarli? Invece di ignorarli, e farci scivolare addosso il fango che ci tirano, amplifichiamo ogni singola voce, facendoli godere del successo della loro strategia, e i successi che continuiamo ad avere li cancelliamo dalla mente dopo neanche un giorno.

Questo è un forum di tifosi, quindi non vorrei sentire che il problema lo deve risolvere la società (anche se effettivamente non fa nulla per contrastare questo andazzo): ci vogliamo iniziare a prendere le nostre responsabilità? Smettiamola di alimentare le voci messe ad arte per deprimere l'ambiente. Nel mondo dei Social Network, dove ognuno può dire la sua, possiamo indirizzare il tipo di messaggio che passa per la nostra Lazio (pensate che non utilizzino tool di Sentiment Analysis per capire quale tipo di notizia faccia fare più "click"?).

Lato mio, non scriverò più messaggi negativi neanche dopo una sconfitta. Anche a me girano le palle per non aver vinto sabato (avremmo raggiunto il numero dei trofei dei galacticos, che si sentono stoc@zzo ma si possono riprendere con una vittoria), ma almeno me la sono giocata (vedere commenti di romanisti e napoletani su partite che loro non sono stati in grado di raggiungere fa ridere).

Fiero di essere Laziale, nella vittoria (poche, ma comunque di più della maggior parte delle squadre di A, strisciate a parte) e nelle sconfitte.


Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #1 il: 10 Ago 2015, 11:04 »
Sforzo apprezzabile ma destinato a fallire.

Ti lovvo.

 :ssl

Offline jp1900

*****
6384
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #2 il: 10 Ago 2015, 11:14 »
Sforzo apprezzabile ma destinato a fallire.

Ti lovvo.

 :ssl
Lo so, ma io più di questo non posso, a meno che non diventi stramiliardario e mi compro la Lazio, la roma e tutta la stampa  :beer:

MagoMerlino

MagoMerlino

Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #3 il: 10 Ago 2015, 11:20 »
Allegri ha capito benissimo come fermare la Lazio. Si mette dietro, aspetta quei due-tre errori che facciamo sempre e sa che uno dei suoi in almeno un'occasione farà gol. Pioli ha cercato di cambiare atteggiamento, ma non riesce a vincere la partita perchè muro contro muro contano i valori individuali, e i nostri sono inferiori a quelli della Juventus (ma superiori a quelli della maggior parte delle squadre di A).
Sarà così fino a quando gli equilibri economici - finanziari saranno questi (vale a dire per sempre). Noi dovremo sperare nella giornata "eccezionale" (botte di culo o giornata no della Juventus), evento rarissimo nella nostra storia contro i bianconeri (che però ogni tanto succede, vedi scudetto del 2000 o semifinale della coppainfaccia).

Così come Allegri sa come battere la Lazio, il mondo dell'informazione (che sappiamo essere filotrigoriota, per motivi commerciali, di tifo o entrambi) sa benissimo come deprimere l'ambiente Laziale dopo un anno eccezionale. Lo hanno iniziato a fare dal dopo 2000 (incontro Sensi - direttori testate sportive), e hanno affinato la tecnica. Una notizia negativa al giorno, vera o inventata, toglie il Laziale di torno.
Noi tifosi cosa facciamo per contrastarli? Invece di ignorarli, e farci scivolare addosso il fango che ci tirano, amplifichiamo ogni singola voce, facendoli godere del successo della loro strategia, e i successi che continuiamo ad avere li cancelliamo dalla mente dopo neanche un giorno.

Questo è un forum di tifosi, quindi non vorrei sentire che il problema lo deve risolvere la società (anche se effettivamente non fa nulla per contrastare questo andazzo): ci vogliamo iniziare a prendere le nostre responsabilità? Smettiamola di alimentare le voci messe ad arte per deprimere l'ambiente. Nel mondo dei Social Network, dove ognuno può dire la sua, possiamo indirizzare il tipo di messaggio che passa per la nostra Lazio (pensate che non utilizzino tool di Sentiment Analysis per capire quale tipo di notizia faccia fare più "click"?).

Lato mio, non scriverò più messaggi negativi neanche dopo una sconfitta. Anche a me girano le palle per non aver vinto sabato (avremmo raggiunto il numero dei trofei dei galacticos, che si sentono stoc@zzo ma si possono riprendere con una vittoria), ma almeno me la sono giocata (vedere commenti di romanisti e napoletani su partite che loro non sono stati in grado di raggiungere fa ridere).

Fiero di essere Laziale, nella vittoria (poche, ma comunque di più della maggior parte delle squadre di A, strisciate a parte) e nelle sconfitte.
Fossero sempre tutte notizie completamente inventate, o commenti completamente artefatti, sarei pure d'accordo.
Il problema è che qui troppo facilmente si confonde la critica, alle volte, doverosa, per mero intento distruttivo.
Esistono i nemici, sono facilmente riconoscibili dai colori, sono ovunque, ma non vanno confusi con quanti, anche attraverso l'esercizio critico, provano ad offrire un contributo, attraverso un'ottica, che può risultare scomoda, ma non per questo falsa e destabilizzante. Bisogna saper distinguere ed evitare di fare di tutta un'erba un fascio.
Poi, ripeto, se si preferisce una comunicazione modello trigoria, il discorso è differente.

Offline Zoppo

*****
17117
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #4 il: 10 Ago 2015, 11:33 »
Penso che sia tutto bello e giusto. Il problema è che la societa gli da il fianco. Sempre e comunque.

Questa estate ha fatto TUTTO IL POSSIBILE per essere presa di mira.

Offline jp1900

*****
6384
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #5 il: 10 Ago 2015, 11:33 »
Fossero sempre tutte notizie completamente inventate, o commenti completamente artefatti, sarei pure d'accordo.
Il problema è che qui troppo facilmente si confonde la critica, alle volte, doverosa, per mero intento distruttivo.
Esistono i nemici, sono facilmente riconoscibili dai colori, sono ovunque, ma non vanno confusi con quanti, anche attraverso l'esercizio critico, provano ad offrire un contributo, attraverso un'ottica, che può risultare scomoda, ma non per questo falsa e destabilizzante. Bisogna saper distinguere ed evitare di fare di tutta un'erba un fascio.
Poi, ripeto, se si preferisce una comunicazione modello trigoria, il discorso è differente.
Mago, io non penso, e non voglio, che il tifoso Laziale sia un essere decerebrato che accetti tutto (altrimenti sarebbe romanista), ma non è neanche possibile che non ci sta mai bene niente, che da noi non c'è niente da salvare mentre dalle altre parti è tutto fantastico.
Su questa nostra caratteristica il mondo dell'informazione ci sguazza, perchè sa con notizie negative di interessare una parte dei Laziali che è critica a prescindere, quella che vive in funzione della roma e i romanisti stessi.
Tiriamo fuori l'orgoglio, cavolo.  Abbiamo una bella squadra, non perfetta, con diversi elementi molto promettenti tutti da scoprire: ripartiamo da questa realtà. Non ti ha fatto piacere vedere la maglia di Morrison accanto a quella di Pogba? Non ti fa sognare che Ravel voglia riprendersi quello che ha lasciato per strada, magari vedendo proprio l'impatto positivo dello juventino (che ha vinto da solo la partita)?
Perchè invece dobbiamo parlare solo di Biglia che non è degno di essere capitano, di Keita che se ne vuole andare, del mal di pancia del magazziniere?

Offline Rugiule

*
5847
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #6 il: 10 Ago 2015, 11:51 »
Lo so, ma io più di questo non posso, a meno che non diventi stramiliardario e mi compro la Lazio, la roma e tutta la stampa  :beer:
Basterebbe che ti comprassi la roma, sono certo che faresti un buon lavoro  :beer:

MagoMerlino

MagoMerlino

Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #7 il: 10 Ago 2015, 12:10 »
Mago, io non penso, e non voglio, che il tifoso Laziale sia un essere decerebrato che accetti tutto (altrimenti sarebbe romanista), ma non è neanche possibile che non ci sta mai bene niente, che da noi non c'è niente da salvare mentre dalle altre parti è tutto fantastico.
Su questa nostra caratteristica il mondo dell'informazione ci sguazza, perchè sa con notizie negative di interessare una parte dei Laziali che è critica a prescindere, quella che vive in funzione della roma e i romanisti stessi.
Tiriamo fuori l'orgoglio, cavolo.  Abbiamo una bella squadra, non perfetta, con diversi elementi molto promettenti tutti da scoprire: ripartiamo da questa realtà. Non ti ha fatto piacere vedere la maglia di Morrison accanto a quella di Pogba? Non ti fa sognare che Ravel voglia riprendersi quello che ha lasciato per strada, magari vedendo proprio l'impatto positivo dello juventino (che ha vinto da solo la partita)?
Perchè invece dobbiamo parlare solo di Biglia che non è degno di essere capitano, di Keita che se ne vuole andare, del mal di pancia del magazziniere?
A me personalmente non piace perdere. Dopo una sconfitta non cerco particolari lenitivi, posso accettare tutte le giustificazioni del caso, a patto che si lavori con maggiore impegno per tornare a vincere.
La maglia di Morrison non mi ispira particolari sentimenti, al di a che è la maglia della Lazio. Spero che Morrison la possa onorare, ma di certo avrei preferito qualcuno con maggiore esperienza.
Non credo sia costruttivo parlare dei 10 minuti di Morrison, giocatore che tra le altre cose gioca in un ruolo dove la Lazio sembrava già copertissima. Credo sia molto più importante, alla vigilia di una stagione che dovrebbe essere della conferma ed è già partita col piede sbagliato di una sconfitta e di una prestazione sottotono, parlare non dei sogni sulle possibilità di Morrison, ma della realtà delle situazioni di Biglia e Keita, due casi da risolvere in fretta, per evitare che diventino un problema anche per il preliminare e di trovarsi a trovare alternative (soprattutto a Biglia) con poche ore di mercato a disposizione e puntare su Cataldi titolare nel ruolo di Biglia e di Ledesma, lo troverei azzardato.
Purtroppo è la Lazio che si infila in queste situazioni scabrose, perché difficilmente opera sul mercato con tempismo e lucidità, soprattutto quando è chiamata a confermare quanto di buono era stato fatto nella stagione precedente. Questo la critica non può nasconderlo al di la dei sogni di gloria che ispira Morrison.

Offline claudio1

*
2663
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #8 il: 10 Ago 2015, 12:11 »
Allegri ha capito benissimo come fermare la Lazio. Si mette dietro, aspetta quei due-tre errori che facciamo sempre e sa che uno dei suoi in almeno un'occasione farà gol. Pioli ha cercato di cambiare atteggiamento, ma non riesce a vincere la partita perchè muro contro muro contano i valori individuali, e i nostri sono inferiori a quelli della Juventus (ma superiori a quelli della maggior parte delle squadre di A).
Sarà così fino a quando gli equilibri economici - finanziari saranno questi (vale a dire per sempre). Noi dovremo sperare nella giornata "eccezionale" (botte di culo o giornata no della Juventus), evento rarissimo nella nostra storia contro i bianconeri (che però ogni tanto succede, vedi scudetto del 2000 o semifinale della coppainfaccia).

Sull'analisi sono d'accordo, sulla prospettiva no. Siamo una squadra in crescita, in cui i giocatori più forti sono giovani (de Vrij e Anderson) e in cui i maggiori talenti sono ancora più giovani. L'unica altra squadra che ha questa prospettiva è la Juventus, che infatti ha fatto un mercato sontuoso, liberandosi di giocatori vecchi (ancorché più forti) e prendendo giovani di estremo talento (penso soprattutto a Rugani e Dybala) e avendo in canna altri giovani di prospettiva assoluta (Berardi).

L'unica altra squadra che sta provando ad inserirsi in un contesto analogo è l'Inter, ma ad ora non riesco a vedere un futuro a medio termine differente da un dualismo Juventus-Lazio.

Tu dici che saremo sempre inferiori alla Juventus... io dico di no, perché tra un paio di anni, quando le due squadre saranno cresciute, il livello sarà molto più vicino, dato che gli attuali giovani peseranno di più... e sui giovani siamo al loro livello. I vecchi conteranno di meno, e sui vecchi sono nettamente superiori.


Sul resto rispondo in un altro post.

Offline claudio1

*
2663
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #9 il: 10 Ago 2015, 12:33 »
Così come Allegri sa come battere la Lazio, il mondo dell'informazione (che sappiamo essere filotrigoriota, per motivi commerciali, di tifo o entrambi) sa benissimo come deprimere l'ambiente Laziale dopo un anno eccezionale. Lo hanno iniziato a fare dal dopo 2000 (incontro Sensi - direttori testate sportive), e hanno affinato la tecnica. Una notizia negativa al giorno, vera o inventata, toglie il Laziale di torno.
Noi tifosi cosa facciamo per contrastarli? Invece di ignorarli, e farci scivolare addosso il fango che ci tirano, amplifichiamo ogni singola voce, facendoli godere del successo della loro strategia, e i successi che continuiamo ad avere li cancelliamo dalla mente dopo neanche un giorno.

Questo è un forum di tifosi, quindi non vorrei sentire che il problema lo deve risolvere la società (anche se effettivamente non fa nulla per contrastare questo andazzo): ci vogliamo iniziare a prendere le nostre responsabilità? Smettiamola di alimentare le voci messe ad arte per deprimere l'ambiente. Nel mondo dei Social Network, dove ognuno può dire la sua, possiamo indirizzare il tipo di messaggio che passa per la nostra Lazio (pensate che non utilizzino tool di Sentiment Analysis per capire quale tipo di notizia faccia fare più "click"?).

Lato mio, non scriverò più messaggi negativi neanche dopo una sconfitta. Anche a me girano le palle per non aver vinto sabato (avremmo raggiunto il numero dei trofei dei galacticos, che si sentono stoc@zzo ma si possono riprendere con una vittoria), ma almeno me la sono giocata (vedere commenti di romanisti e napoletani su partite che loro non sono stati in grado di raggiungere fa ridere).

Fiero di essere Laziale, nella vittoria (poche, ma comunque di più della maggior parte delle squadre di A, strisciate a parte) e nelle sconfitte.

Qui il discorso è filosofico. La maggior parte dell'umanità è caprona. Le famose pecore che seguono la prima pecora. Se la prima pecora va nel burrone, cascano tutte. La stessa cosa si applica alle nazioni (in Italia lo vediamo benissimo, con due idee populiste si governa il paese, e non sto parlando di adesso o degli ultimi 20 anni, sto parlando di sempre, periodo dei Cesari compreso). Figuriamoci se non capita nello sport...

Ma veniamo a noi: la linea che proponi tu è quella giusta: i giornali online stanno diventando sempre più siti di opinione e non di fatti. E le opinioni possono essere benissimo di parte. Basterebbe ignorarli. Io se leggio su gazzetta Biglia in rotta con la Lazio, me ne frego. Che informazioni hanno? Probabilmente solo la conferenza stampa che abbiamo visto, quindi non hanno nulla. Poi so anche che se Biglia se ne andasse, probabilmente in prospettiva diventeremmo più forti, perché vendere a 25 uno che abbiamo pagato 8 significa triplicarne il valore. E se facciamo così con tutti, tra poco siamo i più forti in Italia. Ma, per il discorso dei caproni di prima, se l'opinione del giornale online è che Biglia se ne va e quindi la Lazio si sta sgretolando, tutti pensano che la Lazio si sta sgretolando.

Bisogna aiutare il popolo Laziale a dare il giusto peso agli "organi di informazione". Sono tifosi di altre squadre, se noi andiamo male probabilmente scalano posizioni.

Adesso è il periodo dei social. Chi ne ha più dimestichezza faccia passare il concetto. Basterebbe creare delle pagine che attacchino puntualmente gli organi di informazione sulle cose che scrivono e che poi regolarmente non si avverano. Oppure prendere i giro la testata che vuole deprimere l'ambiente. Candreva arrabbiato perché non ha la fascia? Si mettono online le foto di Candreva sorridente in Cina... come abbiamo fatto qui sul forum, ma in pagine social specifiche. Poi tutti noi mettiamo il nostro like su quelle pagine e il gioco è fatto. Diventeranno automaticamente "notizie"... e magari facciamo scornare le testate tra di loro. :)
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #10 il: 10 Ago 2015, 12:39 »
Un estratto della conferenza di Pioli a Shangai;

La Juve ha cambiato molto: è ugualmente forte o può aver perso qualcosa?
“Diventa difficile giudicare sulla carta gli acquisti della Juve. Sicuramente ha perso giocatori importanti come Pirlo, Vidal e Tevez. Però è vero che li ha sostituiti con giocatori di grande prospettiva e spessore. La forza di questa squadra comunque è la mentalità, che spesso te la dà l’ambiente. L’importante è che noi vogliamo fare il massimo per cercare di sfruttare al meglio questa possibilità”.

la parte in neretto è determinante, noi agiamo in un ambiente ostile e dobbiamo fare una fatica doppia per arrivare a qualsiasi traguardo.

Reja gli ha dato la definizione esatta "cornice marcia", Pioli appena arrivato in ritiro gli ha lanciato la prima frecciata, ma non c'è niente da fare, per far crescere la Lazio dobbiamo spazzare via la monnezza da Formello.
Altro che acquisti di spessore o di nome, mentalità e ambiente, la prima la possono portare un allenatore o dei giocatori, l'ambiente ci devono pensare i tifosi a renderlo meno ostile.

MagoMerlino

MagoMerlino

Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #11 il: 10 Ago 2015, 12:45 »
Un estratto della conferenza di Pioli a Shangai;

La Juve ha cambiato molto: è ugualmente forte o può aver perso qualcosa?
“Diventa difficile giudicare sulla carta gli acquisti della Juve. Sicuramente ha perso giocatori importanti come Pirlo, Vidal e Tevez. Però è vero che li ha sostituiti con giocatori di grande prospettiva e spessore. La forza di questa squadra comunque è la mentalità, che spesso te la dà l’ambiente. L’importante è che noi vogliamo fare il massimo per cercare di sfruttare al meglio questa possibilità”.

la parte in neretto è determinante, noi agiamo in un ambiente ostile e dobbiamo fare una fatica doppia per arrivare a qualsiasi traguardo.

Reja gli ha dato la definizione esatta "cornice marcia", Pioli appena arrivato in ritiro gli ha lanciato la prima frecciata, ma non c'è niente da fare, per far crescere la Lazio dobbiamo spazzare via la monnezza da Formello.
Altro che acquisti di spessore o di nome, mentalità e ambiente, la prima la possono portare un allenatore o dei giocatori, l'ambiente ci devono pensare i tifosi a renderlo meno ostile.
Ambiente ostile?
Quindi la Lazio ha perso e giocato male a Shangai per colpa dell'ambiente, ovvero dei tifosi?
Ma vabbè.....
 

Online Gio

*****
6679
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #12 il: 10 Ago 2015, 12:48 »
Infatti a Torino l'ambiente é buono perché sono bravi e belli, non perché ogni anno gli comprano i migliori in circolazione e vincono sempre. 
Ricordati cosa successe quando presero Allegri ...
Basta con questa cornice marcia. Non esiste. É una favola inventata per coprire l'incapacitá. L'ambiente lo fa la societá insieme alla squadra. Come dimostra quello che é successo l'anno scorso qui alla Lazio.

 

Offline Norberto

*
1496
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #13 il: 10 Ago 2015, 12:48 »
Questa storia della cornice marcia è veramente comica.

Offline an10re

*
465
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #14 il: 10 Ago 2015, 12:54 »
Sull'analisi sono d'accordo, sulla prospettiva no. Siamo una squadra in crescita, in cui i giocatori più forti sono giovani (de Vrij e Anderson) e in cui i maggiori talenti sono ancora più giovani. L'unica altra squadra che ha questa prospettiva è la Juventus, che infatti ha fatto un mercato sontuoso, liberandosi di giocatori vecchi (ancorché più forti) e prendendo giovani di estremo talento (penso soprattutto a Rugani e Dybala) e avendo in canna altri giovani di prospettiva assoluta (Berardi).

L'unica altra squadra che sta provando ad inserirsi in un contesto analogo è l'Inter, ma ad ora non riesco a vedere un futuro a medio termine differente da un dualismo Juventus-Lazio.

Tu dici che saremo sempre inferiori alla Juventus... io dico di no, perché tra un paio di anni, quando le due squadre saranno cresciute, il livello sarà molto più vicino, dato che gli attuali giovani peseranno di più... e sui giovani siamo al loro livello. I vecchi conteranno di meno, e sui vecchi sono nettamente superiori.


Sul resto rispondo in un altro post.
Io ai progetti nel calcio, soprattutto a 2 /3 anni non ci credo, chi ti dice che tra 2/3 anni ci saranno ancora de vraji ed Anderson? nel frattempo sranno invecchiati, tra l'altro anche candreva o biglia o gentiletti, chi ti dice come saranno sostituiti? chi ti dice che gli eventuali giovani che saranno presi al loro posto varranno quanto loro? quanti sono in percentuale i giovani che esplono e quelli che falliscono nonostante le poTenzialita?
I progetti sono una frescaccia, lo dicevo, perculandoli, alle merde 3 anni fa, e lo ripeto oggi!
Quando parlate di progetto sembra che parliate di qualcusa che non muta nel tempo e a cui piano piano si aggiunge qualcosa, come fosse una villetta che stai costruendo piano piano! nel calcio non è cosi', in 2/3 anni puo' degradarsi tutto cio' che hai sottomano.
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #15 il: 10 Ago 2015, 13:01 »
Ambiente ostile?
Quindi la Lazio ha perso e giocato male a Shangai per colpa dell'ambiente, ovvero dei tifosi?
Ma vabbè.....

Cornice marcia e ambiente ostile esistono, basta starne al di fuori per vederli.
La Lazio a Shangai ha perso perché perché la Juve ha interpretato meglio la partita, è sicuro però che ai risultati di Pioli non ha contribuito l'ambiente, un parossismo autodistruttivo come quello che circonda la Lazio è molto raro da trovare. 

Offline gesulio

*****
19247
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #16 il: 10 Ago 2015, 13:05 »
la cornice non è marcia, quando critica e contesta l'operato societario non solo ne ha tutto il diritto, ma a volte anche il dovere.

la cornice ha un solo grave difetto: la totale subalternità alla roma e l'irritante mancanza di dignità, in qualsiasi manifestazione riguardi l'accettazione di una sconfitta o momento negativo. non devo certo suffragare questa tesi portando chissà quali evidenze, basta leggere ogni topic ogni volta che le cose vanno così così. basta un precampionato incerto e una partita di supercoppa persa l'8 agosto contro la squadra più forte d'italia.

il Laziale è bellissimo. ma solo quando si vince. quando si perde diventa per lo più un essere ai limiti della detestabilità.

non so se è più grave questo o l'essere marci, boh...

Offline jp1900

*****
6384
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #17 il: 10 Ago 2015, 13:06 »
Ambiente ostile?
Quindi la Lazio ha perso e giocato male a Shangai per colpa dell'ambiente, ovvero dei tifosi?
Ma vabbè.....
La Lazio ha perso per degli episodi, ma quello che voglio dire è che reagendo in determinati modi ad una sconfitta, ti stai facendo male per la prossima partita.
Considerato che la società non fa molto, la mia domanda è "cosa posso fare io"?

Offline jp1900

*****
6384
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #18 il: 10 Ago 2015, 13:08 »
Qui il discorso è filosofico. La maggior parte dell'umanità è caprona. Le famose pecore che seguono la prima pecora. Se la prima pecora va nel burrone, cascano tutte. La stessa cosa si applica alle nazioni (in Italia lo vediamo benissimo, con due idee populiste si governa il paese, e non sto parlando di adesso o degli ultimi 20 anni, sto parlando di sempre, periodo dei Cesari compreso). Figuriamoci se non capita nello sport...

Ma veniamo a noi: la linea che proponi tu è quella giusta: i giornali online stanno diventando sempre più siti di opinione e non di fatti. E le opinioni possono essere benissimo di parte. Basterebbe ignorarli. Io se leggio su gazzetta Biglia in rotta con la Lazio, me ne frego. Che informazioni hanno? Probabilmente solo la conferenza stampa che abbiamo visto, quindi non hanno nulla. Poi so anche che se Biglia se ne andasse, probabilmente in prospettiva diventeremmo più forti, perché vendere a 25 uno che abbiamo pagato 8 significa triplicarne il valore. E se facciamo così con tutti, tra poco siamo i più forti in Italia. Ma, per il discorso dei caproni di prima, se l'opinione del giornale online è che Biglia se ne va e quindi la Lazio si sta sgretolando, tutti pensano che la Lazio si sta sgretolando.

Bisogna aiutare il popolo Laziale a dare il giusto peso agli "organi di informazione". Sono tifosi di altre squadre, se noi andiamo male probabilmente scalano posizioni.

Adesso è il periodo dei social. Chi ne ha più dimestichezza faccia passare il concetto. Basterebbe creare delle pagine che attacchino puntualmente gli organi di informazione sulle cose che scrivono e che poi regolarmente non si avverano. Oppure prendere i giro la testata che vuole deprimere l'ambiente. Candreva arrabbiato perché non ha la fascia? Si mettono online le foto di Candreva sorridente in Cina... come abbiamo fatto qui sul forum, ma in pagine social specifiche. Poi tutti noi mettiamo il nostro like su quelle pagine e il gioco è fatto. Diventeranno automaticamente "notizie"... e magari facciamo scornare le testate tra di loro. :)
Grazie Claudio, se sei Lotito che ne dici di assumere un media manager con i controcojons?
Re:Allegri-Pioli e il Laziale-mondo dell'informazione
« Risposta #19 il: 10 Ago 2015, 13:12 »
la cornice non è marcia, quando critica e contesta l'operato societario non solo ne ha tutto il diritto, ma a volte anche il dovere.

la cornice ha un solo grave difetto: la totale subalternità alla roma e l'irritante mancanza di dignità, in qualsiasi manifestazione riguardi l'accettazione di una sconfitta o momento negativo. non devo certo suffragare questa tesi portando chissà quali evidenze, basta leggere ogni topic ogni volta che le cose vanno così così. basta un precampionato incerto e una partita di supercoppa persa l'8 agosto contro la squadra più forte d'italia.

il Laziale è bellissimo. ma solo quando si vince. quando si perde diventa per lo più un essere ai limiti della detestabilità.

non so se è più grave questo o l'essere marci, boh...

da stampare e distribuire.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod