IL CALCIO E' MORTO

0 Utenti e 41 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Re:IL CALCIO E' MORTO
« Risposta #20 il: 12 Dic 2017, 10:36 »
Lo ribadisco. La FIGC è un covo di merdosi romanisti. Lo so, ci sto.
Dove festeggia la FIGC la fine di un corso a cui sto partecipando? A "Core de Roma"...andate giovedì alle 20.30 14 dicembre a vedere con i vostri occhi.
Chi paga gli arbitri? La FIGC.
Ma de che parlamo? Sono TUTTI ROMANISTI. La sede di Coverciano è FUFFA.
Volete nomi della FIGC, romanisti persi, che contano? Roticiani, Lozzi....devo continuare? Tutti tranne poche eccezioni.
La Lazio quest'anno è più forte della Roma. Quindi significa Roma quinta e noi in Champions.
E questo NON è possibile.

Offline gentlemen

*
14180
Re:IL CALCIO E' MORTO
« Risposta #21 il: 12 Dic 2017, 10:37 »
La verità è che con il VAR sì vedeva chiaramente il fallo di mano, e quindi non si poteva poi espellere Immobile, invece si è scelto mafiosamente di utilizzare il VAR per fermare la Lazio ed espellere Immobile, ignorando il fallo di rigore, che era un rigore da dare senza ausilio della VAR, ma con la tecnologia neanche si discute.
È uno schifo, quanto visto stasera non è sport, e lo scrivo io che sono contro i vittimismi ed o complottismi, ma quanto sta avvenendo da qualche mese contro la LAZIO, prima gli attacchi mediatici, poi gli arbitraggi chiaramente finalizzati a danneggiarla, è palese ed oggettivo.
Qui non c'entra essere tifoso della Lazio, chi ama il calcio, di qualunque fede calcistica sia, dovrebbe indignarsi per quanto accaduto, c'è un chiaro condizionamento da parte di Giacomelli Massa Fabbri e la banda di complici guidati da Nicchi, una zozzeria mai vista.
E basta confrontare questi schifosi arbitraggio con gli arbitraggi nelle partite della Roma-Unicredit per capire come il disegno sia chiaramente in malafede.

La Lazio non deve arrivare in Champions. Le direttive sono queste, la volontà non è favorire nessuna squadra del Nord, il mandante è a Roma, a Boston, quelli che hanno mosso mari e monti per portare avanti una speculazione edilizia senza precedenti, una società con un bilancio plurindebitato con una Banca, UNICREDIT, che deve per forza di cosa rientrare dalle sue esposizioni creditizie verso la A.S. Roma, e quindi l'altra società sana di Roma, la Lazio, che può togliere il posto Champions alla società dei massoni e dei banchieri, e quindi tanti soldi, va fermata ad ogni costo.

La LAZIO non deve arrivare in Champions, il diktat è chiaro, inutile seguire e sperare in risultati diversi.

Per me la Serie A si chiude qui. Non commento più questa merda.
È uno SKYfo.
Re:IL CALCIO E' MORTO
« Risposta #22 il: 12 Dic 2017, 10:37 »
non lo so se ci sonobglinestremi per una class action o pernportare chicchessia in tribunale.

Ci sono gli estremi per muoversi in massa pero'. Per ip popolo laziale di scendere per le strade e dare fastidio in maniera concreta. Gli arbitri devono averbpaura di venire ad arbitrare la Lazio. Io appoggero' ogninforma di forma di protesta .

Offline uforobot

*
2247
Re:IL CALCIO E' MORTO
« Risposta #23 il: 12 Dic 2017, 13:55 »
Si potrebbe far notare che gli errori ieri sono iniziati con la mancata ammonizione di Iago falque per fallo tattico da dietro su Immobile, sono proseguiti con la mancata concessione del rigore e conseguente ammonizione (e quindi espulsione) per lo stesso falque, un paio di fuorigioco con i nostri lanciati verso la porta che non c'erano e l'espulsione che al limite è una ammonizione per entrambi.
Si potrebbe sottolineare la designazione del Giacomelli (che lo scorso anno al 94' in torino Lazio daà rigore al toro al 94' per un mani di parolo girato a un metro da chi tira) dopo che da Var a genova ha dato il silent check a mazzoleni su un rigore che è evidente al video.
Si potrebbero aggiungere gli errori grossolani di massa e fabbri designati in Lazio fiorentina dopo le nefandezze che hanno combinato contro la Lazio (con l'inter il primo, con chievo ed empoli il secondo quando fece incazzare perfino Klose) e a favore della roma (fabbri in roma bologna è decisivo con ammonizione di petkovic per simulazione mentre invece il bolognese viene steso dal romanista).
Si potrebbe tornare al derby dove il rocchi designato dopo tre vittorie su quattro della roma nei precedenti ammonisce 5 nostri e nessuno loro fino al 60' e inventa un rigore per un tuffo di kolarov (un po' come in roma crotone dove arbitra manganiello con al Var abisso, quello poi riproposto in roma spal dove inventa un'espulsione, nega un rigore agli ospiti e concede un gol alla roma in fuorigioco).
Si potrebbe...ma qui di tecnico e calcistico non c'è proprio nulla: è stato deciso che la Lazio lassù non si può affacciare.
Buon proseguimento  :asrm

Offline Daniela

*****
26046
Re:IL CALCIO E' MORTO
« Risposta #24 il: 12 Dic 2017, 14:44 »
questi sono i personaggi che manovrano le fila......

De Paola (Tuttosport): «Espulsione sacrosanta, proteste inaccettabili. Inzaghi è nel lamento» – FOTO
Di Lavinia Labella - 12 dicembre 2017


 :^^



questa bella personcina     :x


hanno dato 6,5   a giacomelli
qs è impazzito
o prezzolato



ora so cosa fare con il suo giornale




tuttosport non è un giornale

è carta igienica ne più ne meno di certi tabloids inglesi

non lo elevare a rango superiore

Offline calimero

*
5979
Re:IL CALCIO E' MORTO
« Risposta #25 il: 12 Dic 2017, 16:25 »
Il calcio non è morto, è finto come una moneta da 4 euro e mezzo. Io per questa minchiata , che tra l’altro io e molti altri avevamo giã ampiamente previsto, non mi ci incazzo più.

Offline gentlemen

*
14180
Re:IL CALCIO E' MORTO
« Risposta #26 il: 12 Dic 2017, 18:22 »
Chi mi conosce e conosce i miei pensieri sul calcio sa che sono contro i vittimismi ed i complottismi, ma quello che stanno facendo alla Lazio è fuori ogni oltre logica sportiva, una squadra che aveva nel gruppo la sua forza, una squadra fatta di valori e di un Mister che ha sempre espresso correttezza e sportività, un Mister che aveva trasmesso ai suoi ragazzi i valori veri dello sport, di attaccamento alla maglia ed al simbolo che portano sul petto, ebbene questa squadra le aveva vinte tutte...TUTTE....dalla Finale di Supercoppa Italiana contro la Juve alla gara precedente LAZIO-udinese, con le uniche eccezioni della partita contro la Spal, nella quale la squadra stava ancora festeggiando la Supercoppa, e quella contro il Napoli, in cui fu fermata dalla sfortuna di infortuni contemporanei e cmq dalla forza sportiva di una squadra fortissima come il Napoli.
La Lazio ha sbancato lo Juventus Stadium, vincendo e convincendo, una squadra che cominciava a vincere con sicurezza e consapevolezza, era chiaramente una candidata allo scudetto, nonostante i media la sottovalutassero scientemente....a quel punto tutti si sono accorti che questa Lazio poteva davvero classificarsi tra le prime...i paragoni con la Lazio di Maestrelli erano naturali, a quel punto era evidente che chi specula sul calcio chi ne gestisce e distribuisce i proventi ha visto nella LAZIO una avversaria da fermare, quantomeno da frenare, colpendo la direttamente ed indirettamente, magari sfiancandone le motivazioni con polemiche velenose, ed ecco arrivare una offensiva mediatica senza precedenti, per l'assurda vicenda di qualche figurina attaccata in curva, cose sgradevoli che avvengono da decenni negli stadi, eppure in questo caso c'è stata la corsa ad attaccare non i responsabili, oltretutto subito individuati, ma la Lazio, invocando squalifica e penalizzazioni fantasiose....la società, il MISTER e la squadra hanno respinto l'assalto, hanno fatto quadrato, e le polemiche non hanno condizionato il rendimento della squadra che ha continuato a giocare benissimo e VINCERE, ed ecco che allora si è passato all'attacco diretto....Il DIKTAT ERA CHIARO, LA LAZIO VA FERMATA, LOTITO E LA LAZIO NON DEVONO ARRIVARE A QUALIFICARSI IN CHAMPIONS, con tutto ciò che ne comporta a livello sportivo ed economico....ed infatti dal derby in poi si sono susseguiti arbitraggi provocatori e contrari, anche in episodi minori, poi il rigore inventato contro la Fiorentina, un utilizzo della VAR solo ai danni della LAZIO e mai a  favore, anche episodi analoghi, sempre due pesi e due misure, fino allo scempio di ieri sera....la squadra è  stata snervata, smontata e svuotata nelle sue certezze, soprattutto è stata trasmessa in essa la chiara impressione che i loro sforzi ed i loro sacrifici saranno inutili...il danno è fatto, ORA sono e siete tutti contenti, la Lazio è stata fatta fuori, minata nelle sua fondamenta, il suo campionato ridimensionato e riportato nel recinto dove doveva rimanere, secondo certi comunicatori ed affaristi, il tutto con la compiacenza dei tifosi delle squadre avversarie, dei sorrisini stupidi e mediocri di quegli stessi tifosi di squadre, Inter Napoli e Roma su tutte, che per anni hanno urlato al complotto arbitrale ai loro danni, mentre gli stessi oggi sorridono a quanto accaduto ieri sera.
Il campionato della Lazio, almeno per quel che riguarda le ambizioni, è finito, per la gioia di SKY, della RAI, di Caressa, di Zazzaroni, di Mangiante, Assogna, Unicredit, la Lazio sarà lì a giochicchiare per il sesto posto o settimo, è stata fatta fuori dalla competizione importante, ma almeno la dignità, l'orgoglio  e la coerenza sportiva appartiene alla Lazio ed a Noi LAZIALI, quella nessuno ce la potrà togliere, è questo il motivo per cui siamo LAZIALI.

Offline Brixton

*
4892
Re:IL CALCIO E' MORTO
« Risposta #27 il: 12 Dic 2017, 20:19 »
A mente fredda devo ammettere che siamo stati tutti ingenui a credere che avessero riportato a quattro i posti in Champions per le italiane per poi consentire che ci andassimo noi. Tenendo a mente che hanno tolto anche il preliminare e che sono tutte qualificazioni dirette, i quattro posti servono solo a trasformare da entrata incerta a entrata quasi certa per strisciate, merde e napule i proventi della Champions e a ingessare ancora di più la gerarchia di valori dettata dalla ripartizione dei diritti tv.

Offline bak

*
20168
Re:IL CALCIO E' MORTO
« Risposta #28 il: 12 Dic 2017, 20:54 »
Il calcio e' morto dai tempi di Iuliano - Ronaldo, che privarono quel gran signore di Gigi Simoni di uno scudetto, scudetto appannaggio del duo Moggi-Lippi. Il calcio forse non è mai esistito e tutto ciò che e' successo fa parte di una grossa commedia teatrale Juve in B compresa. Fortuna che abbiamo una società forte, altrimenti eravamo a livello di Sassuolo o Chievo, per come ci vogliono bene.

Offline Buckley

*
5260
Re:IL CALCIO E' MORTO
« Risposta #29 il: 12 Dic 2017, 21:16 »
io penso che il Cittadella arrivi al momento giusto. Se centrassimo una prestazione convincente. potremmo anche recuperare morale e assorbire la botta. Credo che Simone possa motivarli a dovere. Adesso si vedra' chi alla Lazio ci tiene. Io le ambizioni di champions le ho accannate ieri, mi accontenterei di stare in zona Europa ed essere arbitro del campionato. Per ammazzarci devono farla sporca per tanto tempo e renderlo visibile pure oltre frontiera.

Offline gigiazzo

*****
2660
Re:IL CALCIO E' MORTO
« Risposta #30 il: 12 Dic 2017, 21:53 »
Lo ribadisco. La FIGC è un covo di merdosi romanisti. Lo so, ci sto.
Dove festeggia la FIGC la fine di un corso a cui sto partecipando? A "Core de Roma"...andate giovedì alle 20.30 14 dicembre a vedere con i vostri occhi.
[...]

Interessante...sarebbe da mandare qualche infiltrato a fare dei filmati di nascosto; hai visto mai esce fuori qualcosa di compromettente da far girare sui social...
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod