Bonus individuali basati su statistiche personali e non su risultati di squadra

0 Utenti e 38 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Bonus individuali basati su statistiche personali e non su risultati di squadra
« il: 13 Lug 2021, 11:52 »
Che ne pensate?

A me lasciano perplessi: un giocatore che può guadagnare centinaia di migliaia di euro segnando o facendo assist non può essere condizionato nelle sue giocate?

Non parlo necessariamente di egoismo consapevole ma di quello che può condizionare l'istinto in certe situazioni, se passare la palla a inizio azione o se portarla per provare a fare assist/gol, se posizionarsi in modo da essere "finalizzatore/assistman" anche a rischio di sbilanciare la squadra in un particolare momento, discussioni su chi deve battere una punizione in zona pericolosa, eccetera …

Tutti aspetti che già condizionano chi gioca anche senza bonus, a tutti piace essere protagonisti e tutti sanno come certe "statistiche" possono condizionare considerazioni e guadagni futuri, ma si tratta di macrosituazioni e macronumeri non di centinaia di migliaia di euro su una scelta singola. Mi sembra che con i bonus su statistiche personali si possa amplificare il problema. Anche tra compagni di squadra, con ripicche a cascata.


Altro aspetto di condizionamento è quello dei bonus basati sulla presenza, sia come numero di partite che come minuti, che tante polemiche innestano soprattutto tra noi tifosi quando pensiamo che qualcuno non viene fatto giocare per non dovergli riconoscere bonus.


Auspicherei solo bonus basati su risultati di squadra, differenziati per giocatore ovviamente, sono troppo vetero? Esagero nel vederne gli aspetti negativi


Re:Bonus individuali basati su statistiche personali e non su risultati di squadra
« Risposta #1 il: 13 Lug 2021, 11:59 »
Che ne pensate?

A me lasciano perplessi: un giocatore che può guadagnare centinaia di migliaia di euro segnando o facendo assist non può essere condizionato nelle sue giocate?

Non parlo necessariamente di egoismo consapevole ma di quello che può condizionare l'istinto in certe situazioni, se passare la palla a inizio azione o se portarla per provare a fare assist/gol, se posizionarsi in modo da essere "finalizzatore/assistman" anche a rischio di sbilanciare la squadra in un particolare momento, discussioni su chi deve battere una punizione in zona pericolosa, eccetera …

Tutti aspetti che già condizionano chi gioca anche senza bonus, a tutti piace essere protagonisti e tutti sanno come certe "statistiche" possono condizionare considerazioni e guadagni futuri, ma si tratta di macrosituazioni e macronumeri non di centinaia di migliaia di euro su una scelta singola. Mi sembra che con i bonus su statistiche personali si possa amplificare il problema. Anche tra compagni di squadra, con ripicche a cascata.


Altro aspetto di condizionamento è quello dei bonus basati sulla presenza, sia come numero di partite che come minuti, che tante polemiche innestano soprattutto tra noi tifosi quando pensiamo che qualcuno non viene fatto giocare per non dovergli riconoscere bonus.


Auspicherei solo bonus basati su risultati di squadra, differenziati per giocatore ovviamente, sono troppo vetero? Esagero nel vederne gli aspetti negativi
Io penso che un giocatore possa essere più propenso all'utilità reale di una giocata che all'egoismo.
In uno scenario del genere forse Simone Barone avrebbe segnato il secondo gol contro la Rep.Ceca nel 2006.

De Bruyne in base a studi del genere ha staccato un rinnovo di 24 milioni senza agente.
Molte società, anche di serie A hanno capito che è questo il modo migliore per trovare giovani talenti e stanno avendo ottimi risultati.
Sarebbe una rivoluzione ma a tanti giocatori roderebbe troppo il culo.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod