I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)

0 Utenti e 9 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« il: 11 Mar 2016, 21:42 »
Se uno guarda la carta di Praga, oltre il fiume, venendo dal centro c'é un parco, una collina, facciamo un giardino, cosi' ci capiamo. L'abbiamo scalato giovedì' sera, eravamo in otto, qualcuno s'é fermato anche a pisciare, qualcuno invece ogni tanto scattava una foto a Praga, distesa dietro di noi, con le sue luci e le sue ombre, perché Kafka non lo sapeva ma era della Lazio. Quel parco l'abbiamo scavalcato e poi é stata la luce. La luce dello stadio dello Sparta. Come fosse un'antica città di guerrieri, come una termopili da passare. Levate dal cazzo Leonida, te e gli altri trecento amici tua, che passano i biancoblu.
L'abbiamo sorpassato quel giardino, sorpassato d'un fiato. E poi lo stadio. La fila, la coda, i poliziotti più immobili che temibili. C'erano quelli del Legia ? Si, ce stavano. ma anche sticazzi se ce stavano. E' pattumiera del mondo. Mia nonna mi diceva che ci si sporca a guardare nella pattumiera.
Poi é Lazio, é partita, che si comincia a cantare, si comincia a battere le mani. Scusate, mi sono lasciato andare, cosa dicevamo sulle correlate ? Vabbé, aspettate, le lascio un po' da parte le correlate e la salernitana. Se volete parlatene voi. Io guardo Biglia, che salta un uomo, poi ne salta due. La passa a Parolo. Come sei stanco Marcolino mio... l'anno scorso eri un soldatino di piombo, ma nun te preoccupà, qui si canta e si balla anche per te.
Porco di quel porco. Malimortacci tua, ma chi é che ha fatto male il fuorigioco ? Porca di quella porca, hanno segnato i 300 di Leonida. Che, comunque, detto tra noi alla fine sono morti tutti.
Ma la pausa dura meno di due minuti, il tempo di una bestemmia ragionata, una cosa colta, tipo San Quintino protettore degli architetti e San Modesto protettore di chi lo paga meglio.
Un insulto al primo difensore che ti viene in mente, che la colpa é sua, e perché no, anche un vaffanculo alla trimestrale, no la trimestrale no, della trimestrale me ne scatafotto il cazzo per principio.
Daje, daje, daje. Comunque faccio un inciso, Io fin da piccolo quando canto troppo la voce se ne va abbastanza rapidamente. Mi capitava fin da quando ai lupetti, dopo la prima canzone già avevo finito il bonus di voce e passavo il resto del campo estivo come Harpo Marx dei fratelli Marx. A esprimermi a gesti.
E' forse madre natura che ha deciso questo.
Forse quando sono nato, l'orologiaio che decide tutto avrà pensato "questo nella vita dirà una marea di stronzate, diamogli delle corde vocali che durano meno degli altri, di chi dice cose sensate". Molti esimi esponenti della mia famiglia e dei miei amici più cari sono d'accordo con questo assunto. Quindi sia fatta la sua volontà. Poca voce.
Vabbé, caro orologiaio, pero' le mani me le hai lasciate, e allora battiamole queste cazzo di mano...E io le batto. Perché Hoedt é forte, anche se ogni tanto si ricorda di quando era piccolo tra i tulipani tutti colorati e ogni tanto ci si perdeva. Ma é forte. E poi Candreva sembra che oggi sia più attento a quello che fa. Io batto le mani, perché voce non ne ho più. Dopo neanche venti minuti. Ma batto le mani, per dio se batto le mani.
Anche se l'avessi avuta non avrei ululato. La voce intento. Perché qualcuno ulula ? Si, sembra di si. Non tanti, non tantissimi. Ma anche fosse uno solo, limortacci sua e della madre che non poteva fa una pippa ar padre quella sera invece di intigne il biscotto.... No, sta stronza, forse presa dalla foga, ha trombato e nove mesi dopo ha partorito una mente bacata. Fors'anche tifosa del lega Varsavia. Perché il virus del [...] mica si controlla come l'Ebola. Magari si potesse. Manco le mascherine funzionano.
E comunque le mani mia nun se so fermate. E daje, daje.
Guarda come gioca Biglia...mortacci tua Konko, oggi sembri tornato quello dei bei tempi alla Paideia...
daje, daje, che nun é successo nulla, ce stanno qua noi. Daje Lazio, daje.
Aspé, é corner.
Corner per noi.
I nostri avanzano. E' da qualche partita che fanno il trenino durante i corner. Magari funzionasse una volta, un'incornata, ma cosa cosi'. E' quello che penso. .Lo penso sempre quando la Lazio tira un calcio piazzato, che sia un corner o una punizione. La rete me la immagino prima. Poi magari é diversa. O poi magari é un nulla di fatto.
Eccolo, parte il cross.
Salta Hoedt, la prende, la prende, la prende....il portiere la ribatte, mortacci suaaaaa....
Er piede. Ce mette er piede...
ER PIEDE
ER PIEDE.... GOOOOOOOOLLLLLLLLLLL !
GOOOOOLLLLLLL !!!!
GOOOOOLLLLLLL !!!!

Ecco, fermiamoci qui, in questo preciso esatto momento. Quello che succede dopo non conta più.
Sticazzi orologiaio delle corde vocali che m'hai dato, sticazzi veramente. Sticazzi, en passant, anche della trimestrale, delle correlate, della comunicazione e di tutta Salerno.
E' GOOOOOLLLLLL ! Porco di quel porco E' GOOOLLLLLLL !!!
fermiamoci qui. Non andiamo oltre, non serve.

Ero felice.
Non lo so se vi capita a volte anche a voi, ma io ero felice. In quel preciso momento.
In quell'esatto preciso momento.
Come quando segna la Lazio.
Come quando segna la Lazio.
Come quando segna la Lazio.
Non so se c'avete presente.
Come quando segna la Lazio.
Ero felice come quando uno, uno qualsiasi con la maglietta biancoceleste segna.
Ero felice.
Come quando segna la Lazio.

Il carretto passava e quell'uomo, credete a me, corcazzo che gridava "gelati"
Io l'ho sentito con le mie orecchie.
Gridava "Forza Lazio".

Forza Lazio a tutti voi.








Offline Palo

*****
11504
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #1 il: 11 Mar 2016, 21:56 »
Ma come ti permetti? Sei matto?

Online Ranxerox

*****
10726
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #2 il: 11 Mar 2016, 22:13 »
Se uno guarda la carta di Praga, oltre il fiume, venendo dal centro c'é un parco, una collina, facciamo un giardino, cosi' ci capiamo. L'abbiamo scalato giovedì' sera, eravamo in otto, qualcuno s'é fermato anche a pisciare, qualcuno invece ogni tanto scattava una foto a Praga, distesa dietro di noi, con le sue luci e le sue ombre, perché Kafka non lo sapeva ma era della Lazio. Quel parco l'abbiamo scavalcato e poi é stata la luce. La luce dello stadio dello Sparta. Come fosse un'antica città di guerrieri, come una termopili da passare. Levate dal cazzo Leonida, te e gli altri trecento amici tua, che passano i biancoblu.
L'abbiamo sorpassato quel giardino, sorpassato d'un fiato. E poi lo stadio. La fila, la coda, i poliziotti più immobili che temibili. C'erano quelli del Legia ? Si, ce stavano. ma anche sticazzi se ce stavano. E' pattumiera del mondo. Mia nonna mi diceva che ci si sporca a guardare nella pattumiera.
Poi é Lazio, é partita, che si comincia a cantare, si comincia a battere le mani. Scusate, mi sono lasciato andare, cosa dicevamo sulle correlate ? Vabbé, aspettate, le lascio un po' da parte le correlate e la salernitana. Se volete parlatene voi. Io guardo Biglia, che salta un uomo, poi ne salta due. La passa a Parolo. Come sei stanco Marcolino mio... l'anno scorso eri un soldatino di piombo, ma nun te preoccupà, qui si canta e si balla anche per te.
Porco di quel porco. Malimortacci tua, ma chi é che ha fatto male il fuorigioco ? Porca di quella porca, hanno segnato i 300 di Leonida. Che, comunque, detto tra noi alla fine sono morti tutti.
Ma la pausa dura meno di due minuti, il tempo di una bestemmia ragionata, una cosa colta, tipo San Quintino protettore degli architetti e San Modesto protettore di chi lo paga meglio.
Un insulto al primo difensore che ti viene in mente, che la colpa é sua, e perché no, anche un vaffanculo alla trimestrale, no la trimestrale no, della trimestrale me ne scatafotto il cazzo per principio.
Daje, daje, daje. Comunque faccio un inciso, Io fin da piccolo quando canto troppo la voce se ne va abbastanza rapidamente. Mi capitava fin da quando ai lupetti, dopo la prima canzone già avevo finito il bonus di voce e passavo il resto del campo estivo come Harpo Marx dei fratelli Marx. A esprimermi a gesti.
E' forse madre natura che ha deciso questo.
Forse quando sono nato, l'orologiaio che decide tutto avrà pensato "questo nella vita dirà una marea di stronzate, diamogli delle corde vocali che durano meno degli altri, di chi dice cose sensate". Molti esimi esponenti della mia famiglia e dei miei amici più cari sono d'accordo con questo assunto. Quindi sia fatta la sua volontà. Poca voce.
Vabbé, caro orologiaio, pero' le mani me le hai lasciate, e allora battiamole queste cazzo di mano...E io le batto. Perché Hoedt é forte, anche se ogni tanto si ricorda di quando era piccolo tra i tulipani tutti colorati e ogni tanto ci si perdeva. Ma é forte. E poi Candreva sembra che oggi sia più attento a quello che fa. Io batto le mani, perché voce non ne ho più. Dopo neanche venti minuti. Ma batto le mani, per dio se batto le mani.
Anche se l'avessi avuta non avrei ululato. La voce intento. Perché qualcuno ulula ? Si, sembra di si. Non tanti, non tantissimi. Ma anche fosse uno solo, limortacci sua e della madre che non poteva fa una pippa ar padre quella sera invece di intigne il biscotto.... No, sta stronza, forse presa dalla foga, ha trombato e nove mesi dopo ha partorito una mente bacata. Fors'anche tifosa del lega Varsavia. Perché il virus del [...] mica si controlla come l'Ebola. Magari si potesse. Manco le mascherine funzionano.
E comunque le mani mia nun se so fermate. E daje, daje.
Guarda come gioca Biglia...mortacci tua Konko, oggi sembri tornato quello dei bei tempi alla Paideia...
daje, daje, che nun é successo nulla, ce stanno qua noi. Daje Lazio, daje.
Aspé, é corner.
Corner per noi.
I nostri avanzano. E' da qualche partita che fanno il trenino durante i corner. Magari funzionasse una volta, un'incornata, ma cosa cosi'. E' quello che penso. .Lo penso sempre quando la Lazio tira un calcio piazzato, che sia un corner o una punizione. La rete me la immagino prima. Poi magari é diversa. O poi magari é un nulla di fatto.
Eccolo, parte il cross.
Salta Hoedt, la prende, la prende, la prende....il portiere la ribatte, mortacci suaaaaa....
Er piede. Ce mette er piede...
ER PIEDE
ER PIEDE.... GOOOOOOOOLLLLLLLLLLL !
GOOOOOLLLLLLL !!!!
GOOOOOLLLLLLL !!!!

Ecco, fermiamoci qui, in questo preciso esatto momento. Quello che succede dopo non conta più.
Sticazzi orologiaio delle corde vocali che m'hai dato, sticazzi veramente. Sticazzi, en passant, anche della trimestrale, delle correlate, della comunicazione e di tutta Salerno.
E' GOOOOOLLLLLL ! Porco di quel porco E' GOOOLLLLLLL !!!
fermiamoci qui. Non andiamo oltre, non serve.

Ero felice.
Non lo so se vi capita a volte anche a voi, ma io ero felice. In quel preciso momento.
In quell'esatto preciso momento.
Come quando segna la Lazio.
Come quando segna la Lazio.
Come quando segna la Lazio.
Non so se c'avete presente.
Come quando segna la Lazio.
Ero felice come quando uno, uno qualsiasi con la maglietta biancoceleste segna.
Ero felice.
Come quando segna la Lazio.

Il carretto passava e quell'uomo, credete a me, corcazzo che gridava "gelati"
Io l'ho sentito con le mie orecchie.
Gridava "Forza Lazio".

Forza Lazio a tutti voi.

Forza Lazio a te, fratello biancazzurro.

 :band1:

Offline tevere top

*
1620
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #3 il: 11 Mar 2016, 22:15 »
Bellissima, mi hai emozionato!
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #4 il: 11 Mar 2016, 22:17 »
Grazie
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #5 il: 11 Mar 2016, 22:23 »
Poesia pura IB.

Offline Buckley

*
3081
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #6 il: 11 Mar 2016, 22:32 »
una grande rosicata non esserci.
Forza Lazio a tutti!

Offline jp1900

*****
6394
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #7 il: 11 Mar 2016, 22:35 »

Offline superdelio

*
4368
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #8 il: 11 Mar 2016, 22:36 »
Sei un grandissimo.

Forza Lazio a te, caro IB.

Offline Franzoni

*
1029
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #9 il: 11 Mar 2016, 22:44 »
Grande IB.
Grazie.
....come quando segna la Lazio....come quando sono felice....proprio in quel preciso momento....
Grazie....e Forza Lazio....sempre e comunque....
A.

 :since :asrm
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #10 il: 11 Mar 2016, 23:05 »
che bella. ma proprio bella bella. Grazie !!!! :ssl

Offline ian

*
7680

Offline ian

Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #11 il: 11 Mar 2016, 23:34 »
Great
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #12 il: 11 Mar 2016, 23:47 »
Dopo aver letto un post del genere non capisco come faccia ogni laziale a non correre a comprare il biglietto per giovedì
Daje Lazio... Daje Laziali


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #13 il: 11 Mar 2016, 23:54 »
Io sto ancora qui, IB, a fa' il turista e a bere Pilsner. E pure a preoccupamme di quello che quattro coijoni romanisti che nun c'è verso de fa' spari' combineranno alla mia Lazio. Ma tu m'hai fatto ripensa' alla felicità, a quella felicità che - c'hai presente? - come quando segna la Lazio.
Non ce credo che qualcuno de quelli l'abbia mai provata
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #14 il: 12 Mar 2016, 00:00 »
Applausi ad italic!
Grazie per aver raccontato quelle ore.
A parte i km, e l'assenza di compagnia, non sono state molto diverse dalle mie.
Forza Lazio!!!
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #15 il: 12 Mar 2016, 00:13 »
grazie per le emozioni che mi hai fatto provare e per quelle che mi hai rievocato
sono stato a praga molti anni fa, con il viatico di qualche libro di milan kundera letto in tutta fretta. avevamo appena cucito lo scudetto sul petto ed eravamo felici, ma era la felicità di chi è appagato da quello che ha avuto, non era la felicità vitale e selvaggia di come quando segna la Lazio.
da oggi penso che purtroppo ci sono stato con sedici anni di anticipo

Offline laziAle82

*****
11461
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #16 il: 12 Mar 2016, 00:45 »
:luv:
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #17 il: 12 Mar 2016, 00:53 »




Ero felice.
Non lo so se vi capita a volte anche a voi, ma io ero felice. In quel preciso momento.
In quell'esatto preciso momento.
Come quando segna la Lazio.
Come quando segna la Lazio.
Come quando segna la Lazio.
Non so se c'avete presente.
Come quando segna la Lazio.
Ero felice come quando uno, uno qualsiasi con la maglietta biancoceleste segna.
Ero felice.
Come quando segna la Lazio.

Il carretto passava e quell'uomo, credete a me, corcazzo che gridava "gelati"
Io l'ho sentito con le mie orecchie.
Gridava "Forza Lazio".

Forza Lazio a tutti voi.

Youporn te fa na pippa!

Online ronefor

*
6838
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #18 il: 12 Mar 2016, 07:53 »
 :clap:

Online gigiazzo

*****
2573
Re:I giardini di m'arzo (Come quando segna la Lazio)
« Risposta #19 il: 12 Mar 2016, 08:18 »
Ma guarda che se deve legge su un forum de tifosi...


Bella méssié
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod