L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.

0 Utenti e 22 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Chuppy

*
5815
L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« il: 02 Nov 2015, 11:44 »
Partiamo da delle semplici, ma amare, constatazioni:

-  11 partite 6 vittorie, 0 pareggi e 5 sconfitte.
3 sconfitte nelle ultime 4 partite (da dopo la sosta in poi)

Tirando un primo bilancio dopo l'ultima sosta per gli impegni delle nazionali, avevo detto che complessivamente l'andamento ero molto buono, ma che potenzialmente il dato era "drogato" dal fatto che avevamo incontrato tutte squadre che occupavano le ultime posizioni della classifica di allora. (Bologna, Genoa, Udinese, Frosinone e Verona).

Purtroppo sembra che il mio timore fosse fondato, e nelle ultime quattro partite abbiamo rimediato 3 sconfitte contro Sassuolo, Atalanta e Milan che sicuramente non sono le prime della classe.

A mio avviso i problemi sono molteplici, ma tutti riconducibili ad un problema tattico: Milinkovic ed il modulo. Infatti in assenza di Parolo (prima anche di Biglia) e per permettere l'utilizzo di Milinkovic, Pioli ha scelto di:

1 - cambiare il modulo tattico, abbandonando l'ipercollaudato 4-3-3 per il 4-2-3-1

2 - giocando col centrocampo a due, Pioli ha voluto riciclare Lulic a terzino sinistro spedendo in panca Radu.

3 - inserire un giocatore di rottura come Onazi, che tra l'altro non ha demeritato (ma è stato sostituito 2 volte che risultati che noi tutti sappiamo)


Questo ha portato ad una evidente regressione della qualità del gioco sviluppato, soprattutto quando troviamo squadre che si chiudono e non ci concedono spazi. Prima Reja e poi Mihaijlovic, hanno fatto un sol boccone del confuso Pioli. Ieri per esempio mi sembrava evidente che la squadra fosse ferma e non si muovesse senza palla, risultando facilmente previdibile quindi addomesticabile.

Un Candreva arruffone, e un tanto spento quanto irritante Anderson (che incredibilmente dopo Bergamo anche ieri ha collezionato 90 minuti!!!) non davano vivacità alla squadra, e non suggerivano i passaggi in profondità necessari per aprire la difesa avversaria, ma entrambi attendevano e pretendevano di essere serviti palla sui piedi, ritornando sempre a centrocampo tirandosi dietro gli avversari che così avevano controllo facile.

In uno scenario del genere credo che fosse evidente che servisse un giocatore "volenteroso", pronto a buttarsi negli spazi a fare su e giù tra centrocampo ed attacco. Quindi credo che il cambio Onazi-Cataldi effettuato da Pioli dopo l'intevallo sia stato tra i più inutili che si potesse fare, non quanto per la qualita dei giocatori, quanto perchè a livello tattico non cambiava, e non è cambiato, proprio nulla: ancora 4-2-3-1.

Ma non sarebbe stato meglio ritornare all'antico col nostro 4-3-3? Bastava togliere Milinkovic, (attenzione, è un gran bel giocatore, ma se per farlo giocare devo stravolgere la squadra...) mettere Radu, e avanzare Lulic, e se proprio volevi giocartela subito il cambio Onazi-Cataldi avrebbe avuto un senso:

- difesa a 4 con Basta Mauricio Gentiletti Radu
- centrocampo Cataldi Biglia Lulic
- attacco Candreva Klose Anderson

In questo modo:
- recuperavi il modulo a noi più congeniale
- sollevavi Candreva ed Anderson dalla constante attenzione alla fase difensiva
- avevi Lulic che spingeva ed si inseriva
- Biglia padrone e metronomo del centrocampo e senza che nessuno gli pestasse i piedi.

Ma giustamente noi non siamo allenatori e quindi non capiamo un cavolo di calcio, quindi ha fatto bene Pioli a:
- inserire Matri al posto di Milinkovic, mettendo praticamente Klose a fare il trequartista.
- inserire Kishna (che effettivamente già da Bergamo doveva giocare, ma...) al posto di Candreva, che per quanto sconclusionato, meno peggio di Anderson aveva fatto.
- lasciare in campo Anderson per ulteriori 90 minuti, dopo che già a Bergamo doveva essere sostituito alla fine del primo tempo.

Risultato? il primo tiro della Lazio al 23st (68'!!!) da parte di Lulic!!!

Poi certo ci sono gli errori individuali, penso che per esempio ieri sia stata la peggior partita di Marchetti da quando è alla Lazio, ma se abbiamo subito 5 sconffitte su 11, di cui 3 nelle ultime quattro, la colpa non sia solo dei giocatori, ma di chi prova a fare lo scienziato invece di fare le cose semplici (leggasi Pioli).


Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #1 il: 02 Nov 2015, 11:56 »
Tutto condivisibile. Mi sarei accontentato di arretrare Milinkovic sulla linea di Onazi e Biglia e sostituire subito Candreva con Kishna. Al massimo avanzare Lulic e inserire Radu a terzino sinistro. Ma non Cataldi in campo e non Klose per 90 minuti.

Offline paolo71

*****
12705
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #2 il: 02 Nov 2015, 12:00 »
ma invece di fare sempre fuori Onazi e dentro X, ma perché non provare SMS nei 3 e tornare al 4 3 3?

è davvero incartato.

skizzo87

skizzo87

Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #3 il: 02 Nov 2015, 12:06 »
Ieri la manovra non girava e sicuramente il problema non era Savic.

I centrali non avevano sbocchi. Mihajlovic ti aveva bloccato Biglia e Onazi. Andando sulla destra, Basta riusciva a scaricare su Anderson/Candreva ma poi la giocata finiva li'.
Invece dall'altro lato, Gentiletti era costretto al lancione visto che da buon terzino si trovava alto in linea di Savic e Klose.

Poi con lo stesso modulo l'anno scorso abbiamo fatto grandi risultati con un giocatore che si muoveva molto meno (Mauri). Ergo sicuramente il problema non e' Savic.
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #4 il: 02 Nov 2015, 12:08 »


sulla polemica anderson/candreva non ti seguo perché la penso diversamente. al momento antonio non è in grado di superare l'uomo, perde troppi palloni e fa scelte assurde. per me è anche stanco e anche anderson lo e' e non dovrebbe giocare neanche lui sebbene in campo sia almeno disciplinato. entrambi ieri non dovevano scendere in campo avendo soluzioni alternative come kishna, mauri e lulic (non cito Morrison). al massimo poteva schierarne uno ma ieri kishna doveva giocare perché era fresco.

sul tema milinkovic savic, è assurdo pensare che un cristone di 190 che recupera palloni a volonta', che corre 13 km a partita e con ottimi piedi non possa giocare a 3 nel centrocampo. a maggior ragione quando manca parolo. questo è quello che per me Pioli sta toppando di brutto.

altra cosa, ci manca DV e forse sarebbe il caso di tenere la difesa un po' piu' protetta e magari non togliere onazi tanto per fare qualcosa senza offendere nessun altro. onazi si puo' togliere, anderson e candreva che camminano?

EDIT: se Klose deve recuperare la forma mi sta bene che lo si metta a partita in corso. con Mauri la squadra ha fatto almeno qualche buona trama o "tentativo di", prima il nulla.

Offline Chuppy

*
5815
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #5 il: 02 Nov 2015, 12:12 »
Tutto condivisibile. Mi sarei accontentato di arretrare Milinkovic sulla linea di Onazi e Biglia e sostituire subito Candreva con Kishna. Al massimo avanzare Lulic e inserire Radu a terzino sinistro. Ma non Cataldi in campo e non Klose per 90 minuti.

Il problema dello scienziato, che parla di turn-over, ma poi non lo fa.

Dovevamo affrontare 5 partite in 15gg: Torino,Atalanta,Milan,Rosenborg, merde.

Praticamente contro Torino, Atalanta e Milan ha presentato la stessa formazione, col risultato di spompare anche chi stava facendo bene. Basta e Lulic li sta tritando, Biglia rientrato da un infortunio pure.

Contro l'Atalanta noi tutti ci aspettavamo un minimo di turn-over, invece neanche per sogno, arrivando addirittura ad non utilizzare il terzo cambio e lasciare in panchina Kishna nonostante le prestazione inguardabili di Anderson e Candreva!!!

Offline Chuppy

*
5815
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #6 il: 02 Nov 2015, 12:17 »
Ieri la manovra non girava e sicuramente il problema non era Savic.

I centrali non avevano sbocchi. Mihajlovic ti aveva bloccato Biglia e Onazi. Andando sulla destra, Basta riusciva a scaricare su Anderson/Candreva ma poi la giocata finiva li'.
Invece dall'altro lato, Gentiletti era costretto al lancione visto che da buon terzino si trovava alto in linea di Savic e Klose.

Poi con lo stesso modulo l'anno scorso abbiamo fatto grandi risultati con un giocatore che si muoveva molto meno (Mauri). Ergo sicuramente il problema non e' Savic.

prima che si entri nel vortice, non sto dicendo che Savic è il problema.

Dico solo che per far giocare Savic, e considerando che Pioli lo giudichi non adatto al centrocampo a 3, si è passati al 4-2-3-1, snaturando anche i ruoli di altri giocatori, come Lulic terzino, e Anderson e Candreva che non posso partire da posizioni a loro più congeniali, e soprattutto devono essere più partecipi anche alla fase difensiva.

la domanda è: vale la pena stravolgere tutto per fare spazio ad un giocatore?

Online Valon92

*
16129
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #7 il: 02 Nov 2015, 12:18 »
Tra l'altro ieri per tutto il primo tempo non era neanche 4-2-3-1 perché Felipe Anderson non era mai sull'esterno.

Offline DajeLazioMia

*****
42392
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #8 il: 02 Nov 2015, 12:19 »
Senza Savic (non le ha giocate tutte) con che modulo abbiamo giocato?
Sicuro in casa coi tedeschi 4-3-3 e fuori 3-4-3, poi? Non ricordo.
In SCI? Nelle altre di campionato?
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #9 il: 02 Nov 2015, 12:23 »
prima che si entri nel vortice, non sto dicendo che Savic è il problema.

Dico solo che per far giocare Savic, e considerando che Pioli lo giudichi non adatto al centrocampo a 3, si è passati al 4-2-3-1, snaturando anche i ruoli di altri giocatori, come Lulic terzino, e Anderson e Candreva che non posso partire da posizioni a loro più congeniali, e soprattutto devono essere più partecipi anche alla fase difensiva.

la domanda è: vale la pena stravolgere tutto per fare spazio ad un giocatore?
la domanda giusta sarebbe, ma chi caxxo lo ha fatto il mercato?paperino?
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #10 il: 02 Nov 2015, 12:23 »
Senza Savic (non le ha giocate tutte) con che modulo abbiamo giocato?
Sicuro in casa coi tedeschi 4-3-3 e fuori 3-4-3, poi? Non ricordo.
In SCI? Nelle altre di campionato?
Da Lazio Bayer per una ragione o l'altra sempre 4-2-3-1 quest'anno. Addittura a Napoli con Lulic e Onazi nei due. Un vero suicidio oramai. Ma sembra si sia fissato. Interessante vedere quante ne abbiamo giocate l'anno scorso col 4-2-3-1. Abbastanza poche e una perche' era scelta obbligata dato che mancava tutto il cc e spesso per sfruttare Mauri o cosi pensavo. 

Online FatDanny

*****
19456
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #11 il: 02 Nov 2015, 12:27 »
prima che si entri nel vortice, non sto dicendo che Savic è il problema.

Dico solo che per far giocare Savic, e considerando che Pioli lo giudichi non adatto al centrocampo a 3, si è passati al 4-2-3-1, snaturando anche i ruoli di altri giocatori, come Lulic terzino, e Anderson e Candreva che non posso partire da posizioni a loro più congeniali, e soprattutto devono essere più partecipi anche alla fase difensiva.

la domanda è: vale la pena stravolgere tutto per fare spazio ad un giocatore?

Sono sostanzialmente d'accordo con il post iniziale, che è ben riassunto qui.
Savic è un potenziale fenomeno, un grande acquisto, ma questo modulo mi convince proprio poco (almeno quanto gli ultimi cambi effettuati da Pioli).

Aggiungo una cosa che è anche il titolo di un altro topic: sottovalutiamo quanto sta pesando l'assenza di Mauri in mezzo al campo. Savic non è Mauri (non è un paragone in termini di livello, ma di caratteristiche).

Offline Chuppy

*
5815
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #12 il: 02 Nov 2015, 12:28 »
la domanda giusta sarebbe, ma chi caxxo lo ha fatto il mercato?paperino?

questo è un altro argomento, che tireremo fuori alla prossima sosta, perchè dopo una dozzina di partite,

almeno una prima valutazione del mercato estivo si possa fare, ma ripeto, in un altro topic.


Il fatto è che con gli uomini che abbiamo, dovevamo fare meglio. PUNTO.

Anche le vittorie con le squadre che ho scritto sopra, sono state sofferte, troppo sofferte.

Non si è visto nemmeno un po' il bel gioco, la velocità, l'intensità del gioco che avevamo lo scorso anno.


Perchè???
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #13 il: 02 Nov 2015, 12:31 »
questo è un altro argomento, che tireremo fuori alla prossima sosta, perchè dopo una dozzina di partite,

almeno una prima valutazione del mercato estivo si possa fare, ma ripeto, in un altro topic.


Il fatto è che con gli uomini che abbiamo, dovevamo fare meglio. PUNTO.

Anche le vittorie con le squadre che ho scritto sopra, sono state sofferte, troppo sofferte.

Non si è visto nemmeno un po' il bel gioco, la velocità, l'intensità del gioco che avevamo lo scorso anno.


Perchè???
Perche hai cambiato modulo. Il bel gioco l'anno scorso si e' visto con il 4-3-3 non con il 4-2-3-1 a parte nel primo derby vs la fiore e l'empoli in casa. Gia col Napoli l'ultima  abbiamo sofferto molto con i soli due a cc mentre nella semi di coppa li avevamo battuti abbastanza agevolmente con il 4-3-3-

Offline nordest2

*
5866
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #14 il: 02 Nov 2015, 12:33 »
Tutto condivisibile. Mi sarei accontentato di arretrare Milinkovic sulla linea di Onazi e Biglia e sostituire subito Candreva con Kishna. Al massimo avanzare Lulic e inserire Radu a terzino sinistro. Ma non Cataldi in campo e non Klose per 90 minuti.


certo


e che  :x     ma sono cose che solo il nostro allenatore non vede

è un testone        non vede che la squadra non riusciva a cavare un ragno dal buco  e che ogni volta che perdevamo palla si aprivano praterie per i ns 2 poveri centrali

e che non riuscivamo ad arrivare oltre alla 3/4 avversaria?        con i 3 che non facevano abbastanza filtro?(candreva e FA)

Offline DajeLazioMia

*****
42392
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #15 il: 02 Nov 2015, 12:34 »
Da Lazio Bayer per una ragione o l'altra sempre 4-2-3-1 quest'anno. Addittura a Napoli con Lulic e Onazi nei due. Un vero suicidio oramai. Ma sembra si sia fissato. Interessante vedere quante ne abbiamo giocate l'anno scorso col 4-2-3-1. Abbastanza poche e una perche' era scelta obbligata dato che mancava tutto il cc e spesso per sfruttare Mauri o cosi pensavo.
Mi piacerebbe capire, prima di creare il mito che Savic possa fare solo il trequartista.
Mi sembra assurdo. Dice: ma forse non sa difendere, e quindi? Lo metto più avanti lasciando a cc un uomo in meno invece di affiancare ai 2 un colosso che quantomeno picchia e le prende di testa per avere un giocatore che non ha nulla del trequartista e che finisce a fare a botte di testa col centrale difensivo avversario. Se metto Savic un po' più indietro nei 3 più vicino a Biglia e a protezione di Lulic sono più vulnerabile che se gioco senza? Io penso che superare Anderson in pressing poi Savic che ti gonfia e infine Lulic non sia facilissimo.
Mi fa impazzire questa cosa, ma magari sbaglio e può fare solo il trequartista come lo farebbe Rigoni, uno alto 1.90 di 90 kg a fare il trequartista...

Offline Charlot

*
14127
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #16 il: 02 Nov 2015, 12:37 »
Non credo sia solo un problema di modulo e tattica.
Parolo e De Vrij la passata stagione sono stati i migliori dei loro reparti.
In assenza del centrocampista italiano, l'unico che può avvicinarsi alle sue caratteristiche più utili al momento (corsa e lotta) è Lulic, che però è stato arretrato (?!?!?!) per coprire il "buco" Radu (?!?!?!).
Ieri col milan 4 giocatori erano al 20% delle loro possibilità (Basta-Candreva-FA-Klose), ha sbagliato il mister a non capire il momento ed a leggere la partita, ma i giocatori sono stati irritanti, senza grinta, senza voglia, senza cuore...
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #17 il: 02 Nov 2015, 12:42 »


Tutto condivisibile. Mi sarei accontentato di arretrare Milinkovic sulla linea di Onazi e Biglia e sostituire subito Candreva con kishna

100%

Quando torna Parolo?

Inviato dal mio SM-A300FU utilizzando Tapatalk

Offline bizio67

*
12454
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #18 il: 02 Nov 2015, 12:43 »

100%

Quando torna Parolo?

Inviato dal mio SM-A300FU utilizzando Tapatalk
Speriamo domenica...

Offline Idler

*
272
Re:L'equivoco tattico: Milinkovic e l'autoincartamento di Pioli.
« Risposta #19 il: 02 Nov 2015, 12:44 »
Il problema dello scienziato, che parla di turn-over, ma poi non lo fa.

Dovevamo affrontare 5 partite in 15gg: Torino,Atalanta,Milan,Rosenborg, merde.

Praticamente contro Torino, Atalanta e Milan ha presentato la stessa formazione, col risultato di spompare anche chi stava facendo bene. Basta e Lulic li sta tritando, Biglia rientrato da un infortunio pure.

Contro l'Atalanta noi tutti ci aspettavamo un minimo di turn-over, invece neanche per sogno, arrivando addirittura ad non utilizzare il terzo cambio e lasciare in panchina Kishna nonostante le prestazione inguardabili di Anderson e Candreva!!!

Scusami eh ma il turn-over con chi lo fai? In difesa non ci sono alternative valide, solo Radu, a centrocampo non ne parliamo neanche, c'è il solo Cataldi oltretutto involutissimo, sembra capace solo di fare il passaggio in orizzontale. Siamo una squadra che non può prescindere da Biglia, De Vrij & co, non mi pare siamo in grado di fare turnover. Il solo turn-over fattibile è dalla trequarti in su, ovvero la zona più inutile, visto che a mio avviso è il nostro unico punto di forza.

Qui bisogna capire fino a dove arrivano le colpe di Pioli e dove iniziano quelle della società. Gli infortuni erano preventivabili e trovarsi sguarniti nel cuore del centrocampo e nel cuore della difesa è un autogol. Tolti Biglia, Parolo, De Vrij, siamo rimasti con Onazi-Cataldi a centrocampo e Gentiletti-Mauricio-Hoedt in difesa, mi pare chiaro che non sono giocatori che ti fanno vincere, ergo il turnover è impensabile con tutti a disposizione e lo è ancor di più con gli infortunati che abbiamo.

Più che pensare al turn-over bisogna capire perchè la squadra non gira più come lo scorso anno. Eppure doveva essere la nostra forza secondo le parole della società e dell'allenatore quella di rimanere gli stessi dello scorso anno.
Concordo con chi dice di tornare al 4-3-3 arretrando Milinkovic come mezzala di centrocampo, anche perchè questa difesa non è in grado di reggere l'urto senza protezione del centrocampo.
Ma la cosa ancora più preoccupante sembra essere la distanza tra Pioli e i giocatori, si nota dalle dichiarazioni e dagli atteggiamenti. Sabato Pioli si diceva incazzato per la prestazione di Bergamo e mi aspettavo anche i giocatori incazzati, invece ieri sera è sceso in campo un gruppo di agnellini. Dopo la partita Pioli dichiara di pensare solo al derby, mentre il capitano scelto da lui, Biglia, dice di pensare prima al Rosenborg. C'è qualcosa che non va, mancano le motivazioni e la voglia di riscatto che l'anno scorso aveva anche il magazziniere.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod