Controcorrente

0 Utenti e 61 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Re:Controcorrente
« Risposta #100 il: 22 Set 2015, 19:24 »
sms è il terzo centrocampista, se giochi col 4231 va bene.
Hai biglia parolo sms. Dietro cataldi lulic, più i vari morrison, onazi,mauri, che partono come terze scelte ma, nel caso di mauri, terze scelte non sono se e quando andrà in discreta forma.

Il problema , secondo me, è che se fai affidamento su cataldi, e cataldi ha dimostrato grandi qualità tanto che conte stesso disse" quando vedo cataldi vedo un futuro roseo per questa nazionale", e poi cataldi sparisce dai radar questo è un problema serio.
E non sto difendendo la società, tutto altro. La società ha il compito di monitorare, insieme all'allenatore e al ds, cosa sta accadendo ad alcuni giocatori (metto dentro anche felipe), e in caso intervenire sul mercato.

Io la rosa la vedo completa e anche forte, se confermiamo i valori tecnici dello scorso anno, anche con mauri e klose un anno più vecchi. Perchè gli altri sono, dovrebbero essere, in grado di ripetersi.

Secondo me chi sta tradendo sono i vecchi, con cataldi e felipe puoi sopportare le assenze e aspettare un tantinello i giovani (che sono buoni, sms sopratutto). Senza di loro è un problema.
Il centrocampo è il cuore di una squadra, perdi quello e stacchi la spina.

Il problema per me e' che si è totalmente sopravvalutata la rosa. Lo scorso anno eravamo da 5-7 posto e per una serie di coincidenze astrali siamo quasi arrivati secondi. Ma la rosa era e restava da settimo posto. Una società seria ed accorta doveva sapere e puntellare la rosa laddove c'era più necessità (vice biglia  terzini destro e sinistro, attaccante) scegliendo almeno 3 titolari. Tutto questo non si è' fatto ed anzi, si e' gestito malissimo l'esistente distruggendo il gruppo creatosi e facendo arrabbiare più o meno tutti.
Il risultato e' che il povero Pioli ha smesso di essere il condottiero per essere invece visto come l'allenatore aziendalista perdente.
Il giocattolo si e' rotto...
Re:Controcorrente
« Risposta #101 il: 22 Set 2015, 19:35 »
Segnato!!!

io invece, controcorrente, non mi segno certi interventi
sarò magnanimo quando il carro sarà attaccato dai "salitori"

skizzo87

skizzo87

Re:Controcorrente
« Risposta #102 il: 22 Set 2015, 19:36 »
siamo una bella squadra, con una buona rosa, ottime individualità, buoni prospetti e margini di crescita

tutto questo a breve sarà un brutto ricordo

segnatevelo!

Ma é vero. Tranne che ora come ora con questo tecnico in palla é difficile vedere la luce fuori dal tunnel.

Offline sergione

*
2540
Re:Controcorrente
« Risposta #103 il: 22 Set 2015, 19:48 »
Io normalmente ottimista per eccellenza, non sottovaluterei quello che sta succedendo.
Con la squadra allo stato attuale dobbiamo prendere quello che viene fino al rientro di Biglia, De Vrij, Djordjevic e Klose.
Siccome e' un periodo piuttosto lungo, il tifoso deve avere pazienza ma non sara' facile.
Se riusciremo tutti insieme ad aspettare tempi migliori, poi ci leveremo delle soddisfazioni; ma sapendo come vanno queste cose non lo ritengo probabile.
I giocatori sono sotto pressione, hanno subito botte psicologiche non indifferenti (eliminazione col Bayer) e se i risultati non arrivano diventa una spirale da cui non se ne esce.
Io so che questa squadra ha una rosa potenziale nei 22 giocatori di alto livello, ma l'atmosfera mi preoccupa.
Speriamo bene e forza Lazio.

Offline Splash

*****
35654
Re:Controcorrente
« Risposta #104 il: 22 Set 2015, 19:50 »
Ah le nostre fortunate coincidenze astrali : infortunio di Gentiletti alla seconda partita; infortuni relativamente gravi a Biglia, De Vrij, Candreva e Djordjevic (e avevamo solo il campionato); arbitraggi di merda in sequenza.
Ma la rosa valeva il settimo posto e siamo arrivati secondi grazie alla serie di coincidenze astrali, come no. Un pugno in faccia a tecnico, giocatori e società. Una grande stagione da parte di tutti declassata a una serie di coincidenze astrali.
Re:Controcorrente
« Risposta #105 il: 22 Set 2015, 19:55 »
Ah le nostre fortunate coincidenze astrali : infortunio di Gentiletti alla seconda partita; infortuni relativamente gravi a Biglia, De Vrij, Candreva e Djordjevic (e avevamo solo il campionato); arbitraggi di merda in sequenza.
Ma la rosa valeva il settimo posto e siamo arrivati secondi grazie alla serie di coincidenze astrali, come no. Un pugno in faccia a tecnico, giocatori e società. Una grande stagione da parte di tutti declassata a una serie di coincidenze astrali.


fu un misto di culo, intrallazzi in lega del gestore, partite comprate e patti scellerati con messer satanasso

Offline Giako77

*
5860
Re:Controcorrente
« Risposta #106 il: 22 Set 2015, 20:08 »
siamo una bella squadra, con una buona rosa, ottime individualità, buoni prospetti e margini di crescita

tutto questo a breve sarà un brutto ricordo

segnatevelo!

Sottoscrivo, segnate anche me...

Offline sergione

*
2540
Re:Controcorrente
« Risposta #107 il: 22 Set 2015, 20:11 »

fu un misto di culo, intrallazzi in lega del gestore, partite comprate e patti scellerati con messer satanasso
Una cosa del genere non avrebbe il coraggio di dirla neanche un tifoso romanista.
L'anno scorso eravamo i piu' forti dopo la Juve, altro che culo e intrallazzi.
Re:Controcorrente
« Risposta #108 il: 22 Set 2015, 20:12 »
Una cosa del genere non avrebbe il coraggio di dirla neanche un tifoso romanista.
L'anno scorso eravamo i piu' forti dopo la Juve, altro che culo e intrallazzi.

ehm...mi sa che non hai capito  :)

Offline Sonni Boi

*****
15684
Re:Controcorrente
« Risposta #109 il: 22 Set 2015, 20:18 »
Il problema per me e' che si è totalmente sopravvalutata la rosa. Lo scorso anno eravamo da 5-7 posto e per una serie di coincidenze astrali siamo quasi arrivati secondi. Ma la rosa era e restava da settimo posto. Una società seria ed accorta doveva sapere e puntellare la rosa laddove c'era più necessità (vice biglia  terzini destro e sinistro, attaccante) scegliendo almeno 3 titolari. Tutto questo non si è' fatto ed anzi, si e' gestito malissimo l'esistente distruggendo il gruppo creatosi e facendo arrabbiare più o meno tutti.
Il risultato e' che il povero Pioli ha smesso di essere il condottiero per essere invece visto come l'allenatore aziendalista perdente.
Il giocattolo si e' rotto...

Ma tra le fortunate coincidenze astrali ci stanno pure il crociato di Gentiletti, la caviglia frantumata di Djordjevic, gli infortuni in sequenza di De Vrij e Biglia negli ultimi 2 mesi, gli arbitraggi killer delle ultime giornate, quelli in serie in favore delle merde e i loro avversari che se scansano (la "spazzata" di Widmer e "l'assist" di Roncaglia: 4 punti regalati)?

Ammazza, che culo che c'avemo avuto.
Re:Controcorrente
« Risposta #110 il: 22 Set 2015, 23:35 »
Ma tra le fortunate coincidenze astrali ci stanno pure il crociato di Gentiletti, la caviglia frantumata di Djordjevic, gli infortuni in sequenza di De Vrij e Biglia negli ultimi 2 mesi, gli arbitraggi killer delle ultime giornate, quelli in serie in favore delle merde e i loro avversari che se scansano (la "spazzata" di Widmer e "l'assist" di Roncaglia: 4 punti regalati)?


Le coincidenze a strali.
Tutte in faccia l'amo prese.
Re:Controcorrente
« Risposta #111 il: 22 Set 2015, 23:37 »
Che tu non lo sai, MH, ma quando i pali al tiro de Djordjevic tremavano in sequenza Saturno era a favore.
Pensa se era contro.

Offline Ranxerox

*****
12644
Re:Controcorrente
« Risposta #112 il: 22 Set 2015, 23:47 »
Ah le nostre fortunate coincidenze astrali : infortunio di Gentiletti alla seconda partita; infortuni relativamente gravi a Biglia, De Vrij, Candreva e Djordjevic (e avevamo solo il campionato); arbitraggi di merda in sequenza.
Ma la rosa valeva il settimo posto e siamo arrivati secondi grazie alla serie di coincidenze astrali, come no. Un pugno in faccia a tecnico, giocatori e società. Una grande stagione da parte di tutti declassata a una serie di coincidenze astrali.

Quindi diventa evidente che quando le cose vanno oltre le aspettative il merito e' di:
Coincidenze astrali favorevoli
Capacita' del mister
Top player che giocano da top player
La spinta di una grande tifoseria
La contestazione


Quando invece vanno al di sotto delle aspettative la colpa è di:
Lotito e Tare

Sarà vero pure questo.
Re:Controcorrente
« Risposta #113 il: 22 Set 2015, 23:53 »
Sottoscrivo, segnate anche me...
Anche me!  :ssl :ssl :ssl

Offline Ranxerox

*****
12644
Re:Controcorrente
« Risposta #114 il: 23 Set 2015, 00:42 »
Concordo.
Magno, qualche domanda:
L'ipotesi che te se so' scocciati simultaneamente tutti e due i centravanti titolari di cui uno per due mesi e con dubbie capacità di ripresa  vista l'età, la possiamo eventualmente considerare come logica? O è proprio campata in aria?
Cioè se Klose e Djordjevic nun se scocciavano togheter, secondo te, Matri arrivava? Ovvero il terzo centravanti in una squadra che gioca con un solo centravanti di ruolo?
SMS toglierà il posto a Lulic o ne sarà la riserva nel turn-over, è stato preso per quello visto che Lulic non rinnova il contratto quindi è sul mercato. Già da quello scorso peraltro. L'unico degli undici titolari dello scorso anno in bilico. È logico come acquisto quello di SMS?
Pioli ha chiesto un altro attaccante esterno (Kishna) in modo da averne due per lato per fare turn over (Felipe / Candreva "titolari" e Keita/Kishna "riserve"), è logico come acquisto?
Visto che uscivano Cana (manco a li cani), Ciani (mamma mia che pippa) e Novaretti (limortacci tua e  'n'do' stai) il riscatto di Mauricio e l'acquisto di Hoedt come quarto centrale erano logici?
La crescita esponenziale di Cataldi e le buone prove fornite in assenza di Biglia potevano far pensare che poteva reggere botta? Nelle gerarchie aveva sopravanzato nientepopodimeno che Ledesma. Può essere che erano convinti che ormai era entrato nell'ottica del ruolo?
Radu, Lulic, Braafheid, Seck e nel caso Konko, ti davano garanzia di copertura del ruolo di terzino, nel mentre, per tutto il ritiro, sperimentavi un modulo senza terzino?

In realta' una logica condivisa tra mister e società forse c'era.
Che potevano essere fatte cose differenti o acquisti di un livello superiore e' lapalissiano.
La valutazione del mercato in questo momento può essere condizionata dai risultati negativi perché più o meno tutti stanno giocando sotto i loro standard.
Magari con una squadra che gioca meglio e s'assesta, vengono fuori i reali valori dei singoli e le valutazioni potrebbero cambiare.
Non è difficile che succeda perché è già successo, con F. Anderson e Biglia per esempio non più di un anno fa.
Da deludenti oggetti misteriosi con Reja, a uomini decisivi per la favorevole congiunzione astrale lo scorso anno.

Quelli che elenca Property sono i ruoli che lui e tutti i tifosi (perché se lo pensa lui vuol dire che lo pensano tutti) ritenessero fossero i ruoli da coprire.
E visto che non sono stati coperti, in base alla sua opinione il mercato è evidentemente illogico.
A) non c'è nessuna controprova che la squadra avrebbe comunque funzionato.
B) magari Pioli ha concordato con la società il mercato quindi hanno deciso che erano altri i ruoli da coprire.
C) Pioli ha parlato in questa stagione prima, durante e dopo dal ritiro in poi.
Avesse mai detto una mezza parola sul mercato illogico o a cazzo di cane o sulla dabbenaggine della società. Ma manco un ammiccamento, un doppio senso, un accenno.
 O è un pavido o è un leccaculo o, più semplicemente, avevano condiviso le scelte e le strategie secondo le loro valutazioni, concordando sul fatto che mantenere la rosa dei titolari senza cessioni pesanti avrebbe garantito una certa continuità di risultati.
Ragionamenti che fai sulla carta in previsione di quello che ipotizzi sarà lo sviluppo della stagione e sulla scia di una annata eccezionale.
Può essere che sia andata così?
Nessuna illogicità ma solo qualche valutazione sbagliata.

Offline gentlemen

*
13644
Re:Controcorrente
« Risposta #115 il: 23 Set 2015, 03:30 »
Il processo di involuzione  della Lazio è  dovuto al 90 percento ad un grosso deficit di autostima  e sicurezza dei propri mezzi, che è  andato via via aumentando, a causa di costanti e continui risultati negativi nelle partite importanti o decisivi. Superfluo elencare questi passaggi in negativo,  in quanto già  l'ho già  scritto, ma è  sufficiente pensare che negli scontri diretti, vittoria rocambolesca a Napoli in campionato e in coppa Italia a parte, non abbiamo mai vinto, ed ecco che man mano questo sensi di autostima è  andato sempre diminuendo; l'errore del pur bravo ed sudare Pioli è  stato quello di cercare di invertire la rotta non continuando con la filosofia e con il modo in cui la squadra giocava e si identificava, magari migliorando qualcosa,  ma  cambiando sistema di gioco e compiti dei giocatori stessi, la stessa finale di coppa Italia è  stata affrontare tata con la difesa a 3, che poi è  a 5, perché  con la Juventus avevamo preso delle sberle nei due precedenti  match, e questo, se nel breve ha dato qualche finto esito positivo, ovvero evitare  di subire imbarcato,  dall'altro ha comunque tolto certezze alla squadra, che aveva costruito le proprie vittorie, ma che anche nelle sconfitte aveva comunque alimentata un'elevata autostima, identificandosi come  la squadra che meglio interpretava il calcio moderno e dinamico.
La vigilia, l'attesa,  la tensione e la grossa responsabilità per l'importanza  dei traguardi che man mano si puntava ha tolto quella leggerezza, la naturalità  di crescita della squadra e del tecnico stesso, che, per assurdo, proprio all'apice  di tanti risultati positivi, venuti con ottime prestazioni,  veniva meno, ed infatti le ultime vittorie, quella di Cagliari e quella interna contro l'Empoli, anche se avvenuta con ampio scarto di reti, già  lasciano rape lare prestazioni meno brillanti e leggere, ed infatti da quel momento in  poi , anche in un contesto di assoluto entusiasmo, la Lazio ha incominciato una palese fase calante, ed infatti nelle ultime 8 partite si è  vinto solo contro il retrocesso Parma, unica vittoria abbastanza convincente, ed in modo striminzito e rocambolesco,  e sicuramente non giocando come finora aveva fatto, contro Samp e Napoli,  intervallate dalla sconfitta in finale di coppa Italia,  dove Pioli schierò  una squadra più  attenta  non far giocare l'avversario  che a produrre gioco, e se la cosa poteva sembrare  funziona Ale,  dall'altro era in contraddizione con il lavoro di un anno.
A questo punto magari il caso, o la fortuna, poteva darci una mano, di certo una vittoria in finale,  o nel derby, e Co seguente secondo posto, avrebbero dato un enorme e decisivo elemento di autostima e consapevolezza delle proprie forze, con la fondamentale consacrazione o di un Trofeo o di un risultato eccezionale.
Invece così  non è  andata, il duello x il secondo posto lo si è  perso contro la Roma,  cosa  che naturalmente amplifica in bene o in male.
Pronti via, nuova stagione, con due appuntamenti importanti,  finale persa in Cina, e sopratutto  sogno, soprattutto x i giocatori,  Champions sfumato, nonostante una discreta partita d'andata  e vittoria  che lasciava ben sperare, ma già  nella prima a partita era palese che ai Nostri tremassero le gambe, i tedeschi parevano da subito, non certo più  forti tecnicamente e tatticamente, ma più  sicuri di sé,  compatti, più  squadra, e solo per puro caso fortuna, abbiamovinto, al ritorno invece, anche complici gli infortuni di uomini chiave, la fortuna non ci ha accompagnato, complice, secondo me, anche la scelta del Mister, che, consapevole delle nostre difficoltà,  e sotto il peso dell'importanza dell'obiettivo da raggiungere, cambiava modo e modulo di gioco, togliendo quelle poche certezze alla squadra, magari sperando in una difesa più  efficace e ridando in qualche efficace ripartenza, forti del goal di vantaggio dell'andata;  purtroppo è  andata male, l'autostima è  scesa ancor di più,  gli ultimi risultati, che poi nel totale non sono stati neanche  disastrosi,  viste le due vittorie interne, hanno palesato questa deficit.......cosa fare ora, o meglio cosa devono fare società  e Mister ?
DARE CERTEZZE !!!
La società  deve proteggere tecnico, se crede in lui, e squadra, ed il tecnico deve evitare di mandare in confusione ulteriore, con inutili e dannosi esperimenti, come ahimè  avvenuti nel precampionato, sprecandolo,  ma rinforzare anche le seppur poche certezze, affermare la nostra identità  di gioco, anche a fronte delle assenze, meglio far giocare un giovanissimo in u  ruolo, ma assolutamente non mutare sistema di gioco, che non sia nella corde e ne DNA dei nostri giocatori.
Quindi nessun giocatore fuori ruolo, nessun  tiro al piccione,  cercando responsabilità  nei singoli, ma riaffermare identità  di gioco della squadra, ed efficace lavoro psicologico sui ragazzi.
A noi ha fatto arrabbiare, ma quando l'ottimo  Tare diceva, lo scorso anno, che l'obiettivo, per la squadra che si costruiva, era la qualificazione in EL, aveva ragione, la CL, da un punto di vista sportivo, per come è  composta la nostra rosa, e questi erano i progetti della società,  avrebbe sicuramente frenato la crescita di alcuni giovani giocatori, perché  mentre in EL puoi schierare un Kishna o Milinkovjc, in CL avremmo, noi e gli interessati, voluto sempre i titolari, a scapito sia del campionato, ma soprattutto della crescita della squadra, con il pericolo di qualche grossa sveglia......io voglio impormi l'ottimismo, ora si vede la bravura di Pioli, la sua capacità  o meno di condurre e guidare una grande squadra.
Spogliatoio, fascia,  mercato sono magari cose che hanno contribuito in minima parte,  ma il vero motivo sono i risultati negativi, e l'abbassamento  di autostima del gruppo, quasi come se avessero,  erroneamente,  consapevolizzato che   q le cose andranno male.
Contestazioni ed altre cavolate sono solo dannose, per cui Forza Mister e Forza Ragazzi.

 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod