Scudetto 1914-15, una strana storia.

0 Utenti e 9 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Sonni Boi

*****
14317
Re:Scudetto 1914-15, una strana storia.
« Risposta #1600 il: 27 Ago 2019, 18:58 »
L'accorpamento con altri casi ci sta danneggiando non poco.
Ho paura che faranno un bel mappazzone che cadrà in un nulla di fatto.
Speriamo di no.

L'accorpamento è stato fatto proprio per quello.

Pari e patta, non damo un cazzo a nessuno, e la chiudiamo qua una volta per tutte.

Offline FeverDog

*****
5883
Re:Scudetto 1914-15, una strana storia.
« Risposta #1601 il: 27 Ago 2019, 18:59 »
L'accorpamento è stato fatto proprio per quello.

Pari e patta, non damo un cazzo a nessuno, e la chiudiamo qua una volta per tutte.
Immagino, sarei curioso di sapere se gli altri casi sono fondati o sono stati creati ad hoc.
Non mi stupirei della seconda opzione.

Offline kurt

*****
4211
Re:Scudetto 1914-15, una strana storia.
« Risposta #1602 il: 27 Ago 2019, 20:03 »
Immagino, sarei curioso di sapere se gli altri casi sono fondati o sono stati creati ad hoc.
Non mi stupirei della seconda opzione.
No, sono questioni che si trascinano da decenni, se ne è discusso, sono tutti contenziosi nati prima della II guerra mondiale. Il problema è che o non hanno motivo di esistere o comunque non sono equiparabili alla situazione della Lazio. Se ci affossano la nostra richiesta, buttandola in caciara solo per mantenere lo status quo, è una palese ingiustizia.

Offline Blueline

*
4398
blog of life
Re:Scudetto 1914-15, una strana storia.
« Risposta #1603 il: 28 Ago 2019, 11:51 »
L'accorpamento è stato fatto proprio per quello.

Pari e patta, non damo un cazzo a nessuno, e la chiudiamo qua una volta per tutte.
Una giustizia che funziona per accorpamenti è da veramente da barzelletta...
Re:Scudetto 1914-15, una strana storia.
« Risposta #1604 il: 28 Ago 2019, 12:10 »
Non c’è nessun motivo perché non venga accolta la richiesta ex-aequo. Ma che se vogliono inventa’.
Io quello scudetto lo ritengo già un po’ nostro. Se non verrà fatta giustizia sarò il primo a comprare maglia 1915 e me ce metto lo scudo sopra. In più bandierone tricolore 1915 allo stadio.
Sai che me frega.

Offline Dissi

*****
16089
Re:Scudetto 1914-15, una strana storia.
« Risposta #1605 il: 28 Ago 2019, 12:32 »
quando finisce il mandato di malagò?

Offline BomberMax

*****
19579
Re:Scudetto 1914-15, una strana storia.
« Risposta #1606 il: 28 Ago 2019, 13:00 »
quando finisce il mandato di malagò?


quando l'arrestano, forse

Offline Salohcin

*****
5647
Re:Scudetto 1914-15, una strana storia.
« Risposta #1607 il: 17 Set 2019, 11:37 »
No news, good news?
Re:Scudetto 1914-15, una strana storia.
« Risposta #1608 il: 09 Ott 2019, 11:31 »
Oggi articolo a tutta pagina su Tuttosport
Re:Scudetto 1914-15, una strana storia.
« Risposta #1609 il: 09 Ott 2019, 11:35 »
Oggi articolo a tutta pagina su Tuttosport
«LA LAZIO FU DISCRIMINATA»
Scudetto 1915: MIGNOGNA: «GLI ULTIMI DOCUMENTI DEPOSITATI IN FIGC
DIMOSTRANO DISPARITÀ DI TRATTAMENTO TRA NORD E SUD»

CLAUDIO CHIARINI - TORINO
La vicenda ormai nota con
l’hashtag #Scudetto1915LazioTricolore
si arricchisce di
un nuovo capitolo. L’avvocato Gian Luca Mignogna,
promotore dell’iniziativa per l’assegnazione
ex aequo dello Scudetto 1915 a Genoa
e Lazio, ha integrato la documentazione
già depositata in Figc in vista dell’emissione
del parere della Commissione Storica
nominata dal Consiglio Federale il 30 maggio
2019, con degli ulteriori documenti che
dimostrerebbero come la Lazio in quegli
anni subì un grave pregiudizio territoriale.
LA STORIA
Per fare chiarezza occorre risalire al 31 agosto
1912, data in cui la Figc approvò il “Progetto
Valvassori-Faroppa”, che per la prima
volta ammetteva al Campionato di Prima
Categoria le squadre centro-meridionali e
stabiliva che il titolo di Campione d’Italia sarebbe
stato assegnato con una Finalissima
Nazionale da disputarsi tra la squadra Campione
del Nord e quella Campione del Centro-
Sud. «Tale riforma - scrive l’avv. Mignogna
- fu approvata nonostante l’ostracismo
dei club settentrionali, ma si rivelò comunque
pregiudizievole dei diritti di “par condicio”
dei club centro-meridionali, poiché
la squadra Campione del Centro-Sud risultava
suo malgrado costretta a sospendere
la propria attività agonistica per mesi
in attesa di conoscere la vincitrice settentrionale
e, pertanto, a disputare la Finalissima
Nazionale in condizioni di forma certamente
impari rispetto a quelle della propria
avversaria. Nel Campionato di Prima
Categoria 1912-13, infatti, la Lazio divenne
Campione dell’Italia Centro-Meridionale
il 30 marzo1913, ma dovette disputare
la finalissima nazionale contro la Pro Vercelli
solamente due mesi dopo, il 01 giugno
1913, in partita unica e per di più dovendosi
recare sul campo neutro di Genova con
tutte le note difficoltà di collegamento logistico,
stradale e ferroviario del tempo. Nella
stagione successiva, parimenti, la Lazio si
confermò Campione dell’Italia Centro-Meridionale
il 10 maggio 1914, ma fu costretta
a disputare la finalissima nazionale contro
il Casale recandosi a Casale Monferrato il 05
luglio 1914 per il match di andata ed ospitando
i nerostellati a Roma il 12 luglio 1914
per la sfida di ritorno».

LA PROTESTA
In entrambe le finali i giocatori della Lazio i
quali, ricordiamolo, erano dilettanti, ognuno
con il proprio lavoro extra calcistico, giunsero
al decisivo appuntamento dopo aver
atteso ben due mesi senza poter disputare
partite ufficiali e palesemente fuori forma
rispetto alle avversarie, che avevano appena
finito di giocare il Campionato del Nord.
Fu per questo motivo che le società calcistiche
romane, come riporta “Il Messaggero”
del 31 luglio1914, si riunirono per sollevare
vibranti contestazioni all’Assemblea della
Federcalcio del 02 agosto 1914 allo scopo
di protestare per «l’abbandono in cui furono
lasciate le società centrali e meridionali
», ottenere che «le date dei giorni siano stabilite
in modo che il campionato settentrionale
e quello centrale-meridionale abbiano
termine contemporaneamente» e chiedere
l’approvazione di modifiche regolamentari
affinché «alle semifinali e alle finali deb-

bono essere ammesse le due prime squadre
classificate».
LE NOVITÀ
Tali richieste furono immediatamente accolte
dalla Figc che, come riporta “Il Calcio - Il
Bollettino Ufficiale della Figc 1914-15”, per il
Campionato 1914-15 stabili che:
1) al Girone Finale dell’Italia Centrale fossero
finalmente ammesse le prime due classificate
del Girone Toscano (Pisa e Lucca) e
le prime due classificate del Girone Laziale
(Lazio e Roman);
2) per la prima volta fu prevista la conclusione
contestuale del campionato settentrionale
e del campionato centro-meridionale;
3) in data 23 Maggio 1915 avrebbe definito
date e termini della Finalissima Nazionale
per l’assegnazione dello Scudetto.
La Figc però il 22 Maggio 1915 indisse la
“sospensione bellica” dei campionati, «con
la conseguenza - continua Mignogna - che

la Finalissima Nazionale 1914-15 non fu mai
più disputata e la Lazio tornò a subire il pregiudizio
del “settentrionalismo” dell’epoca
poiché, in circostanze tuttora ignote ed in difetto
di ogni requisito formale, il Genoa risultò
successivamente aggiudicatario d’ufficio
del titolo di Campione d’Italia 1914-15
senza alcun presupposto di ordine sportivo
e senza alcuna delibera di ordine federale.
Tale grave forma di discriminazione territoriale
si manifestò e si reiterò anche successivamente
a tale periodo bellico e post-bellico,
allorquando la storiografia nazionale prevalente
cominciò a romanzare che l’assegnazione
d’ufficio a favore del genoani sarebbe
stata adottata tra il 1919 ed il 1921, circostanza
poi inconfutabilmente smentita dai
reperti documentali rinvenuti e già prodotti
agli atti del procedimento di riesame (Annuario
Italiano del Giuoco del Calcio 1926-
1927, pag. 63, edito dalla FIGC nel 1928, che
attesta ufficialmente come il Campionato
1914-15 a tale data non risultasse ancora
assegnato). Non solo. Nello stesso senso
più di qualche perplessità, infine, desta l’incresciosa
circostanza che “L’Italia Sportiva”,
quotidiano dell’epoca che nel 1920 fu organo
ufficiale della Figc e scrisse nero su bianco
che la Lazio 1914-15 fu Campione dell’Italia
Centro-Meridionale».
PAR CONDICIO
La conclusione alla quale giunge l’avv Mignogna
è condivisibile da tutti coloro che hanno
a cuore i veri valori dello Sport: «Fino a
prova contraria nello sport soltanto il campo
di gioco e la disputa di match in condizioni
di “par condicio” agonistico-regolamentaria
possono determinare il risultato e l’esito
di una competizione, come chiaramente è
dato evincersi dal buon senso e dai più basilari
principi olimpici. La storiografia tradizionale
successiva al Campionato di Prima
Categoria 1914-15, al contrario, ha sempre
tentato di giustificare la presunta assegnazione
d’ufficio del titolo di “Campione d’Italia
1914-15” al Genoa sulla base di censurabili
considerazioni a carattere discriminatorio,
antisportivo e aprioristico, finalizzate
ad enfatizzare oltremisura il divario tecnico
sussistente tra i club del Nord ed i club del
Centro-Sud. Tale forzatura è stata attuata e
reiterata strumentalizzando le “posizioni
dominanti” su cui in passato hanno potuto
contare le società settentrionali a livello politico,
istituzionale e mediatico».
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod