Vanished

0 Utenti e 34 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Vanished
« il: 28 Mag 2013, 12:30 »
Quanto successo domenica travalica il mero significato sportivo, travalica anche una superiorità cittadina che in questi ultimi tempi era acclarata e appena offuscata (ma ancor mi rode) dallo scialbo finale di campionato. E' stata una battaglia di civilità, anzi di civilità contro inciviltà. Abbiamo vinto per noi, ovviamente, ma abbiamo vinto per una città, per una regione, per uno sport.

I laziali sono tifosi di calcio. Meglio, peggio di tanti altri? Non so, per me la risposta è ovvia, ma anche un tifoso della Spal, della Pro Patria o del Torino mi può opporre la sua storia, la sua tradizione, la sua passione, i piccoli o grandi drammi della sua squadra. Come noi. E il fatto di aver vinto più o meno non conta poi tanto. Se tifi Spal lo sai che nella tua storia non vincerai mai una ceppa, ma l'ansia della domenica, l'adrenalina del gol, la sofferenza fisica della sconfitta sono le stesse nostre. E degli juventini, o dei madrilisti.

Loro no. Loro sono un'eccezione. Loro sono nati non si sa come, ed infatti non è un tasto su cui battono molto. Ma cosa importa? Loro sono unici eredi udite udite dell'Impero Romano, sono i diretti discendenti dei Cesari, a loro li ha tenuti a battesimo Romolo, loro hanno i colori della città, loro hanno la lupa, loro sono i Padroni. Il loro rapporto con la città è sgrammaticato e violento, per loro Roma (maiuscolo) altro non è che un enorme tazebao su cui spargere indelebilmente la loro confusa retorica, in cui il gladiatore si mescola al legionario, l'Impero ai sette re, in cui Francesco (il papa) si chiama così per Francesco (l'ottuso); per loro il suddetto ottuso non è un buon giocatore (che forse altrove avrebbe potuto raccogliere i successi che per l'indubbia classe avrebbe meritato, ma che il ventre molle, condiscendente e servile dei suoi autonominatisi sudditi gli ha impedito di ottenere, preferendo un coccolato e sicuro ambiente, foderato di euro e delle genuflessioni del popolo bue) ma un indiscusso Re del Calcio, Il campione cui solo l'invidia e i giochetti del Potere hanno impedito di conquistare, anno dopo anno, gli Inevitabili Palloni d'Oro.

Per loro non era importante che la società navigasse sul pericoloso orlo di un baratro (anche se in fondo c'erano soffici cuscini forniti dalla loro proprietaria, una Banca oppure - a scelta - un'accozzaglia di ammerigani che neanche la nostra fantasia più sfrenata sarebbe riuscita ad inventare), ogni ridimensionamento passava sotto il nome di Progetto, ogni allenatore usa-e-getta al momento del suo insediamento era un Insegnante di calcio, un Punto di Riferimento per le generazioni a venire, ogni pischello gettato in campo perché i più forti se n'erano andati era il Futuro del Calcio (italiano, mondiale, fate voi).

Non so cos'è che ha originato questo scollamento così evidente dalla realtà, quale progetto era alla base di questo colossale inganno. So, sappiamo, chi vi ha contribuito, un apparato mediatico senza precedenti, con ramificazioni ovunque, una commistura trasversale politico-economica impressionante, e lo abbiamo visto alle ultime elezioni, con due candidati dichiaratamente giallozozzi ed uno che - arrivando da fuori - era ovviamente romanista anche lui, imbonitore del popolo bue di cui sopra, un generone di palazzinari (perché a Roma il palazzinaro non va mai fuori moda) e di maitre-à-penser alla Costanzo, spalmati in tutte le redazioni locali di tutti i principali quotidiani. Senza eccezione.

Un mondo bello, in cui tutto andava bene anche quando andava male, perché lo dicevano i giornali, le radio, lo dicevano i calciatori tutti il cui sogno era quello di giocare col boro o gli attori che capitavano qua, cooptati alla corte giallozozza tramite sciarpette malandrine messe al collo dalla sanipoli di turno. La roma era Roma. Era robba loro, era una città che potevano insudiciare, in cui ogni atto di prevaricazione era visto con benevolenza e la polvere nascosta premurosamente sotto il tappeto da una stampa compiacente. Era il mondo delle puncicate e dei regazzi.

E noi? Poco funzionali al loro progetto, fastidiosi e scomodi, e poi ci abbiamo spesso messo anche del nostro, eravamo là, relegati ai margini del loro Scintillante Mondo. I burini, gli unidiciannidibbì, er trattore, quelli che hanno portato er cacio a Roma, che anche nel 2013 fa tanto ride anche nei salotti bene.

Poi il 26 maggio 2013 è successo qualcosa. Uno slavo, sicuramente zingaro, tale Lalic, Ilic, non mi ricordo bene, con il chiodo appuntito di uno scarpino ha fatto scoppiare la bolla in cui vivevano, tiepidi e sicuri. L'Inevitabile è stato Evitato. La Coppa, alzata loro in faccia (diciamo che di coppe alzate in faccia a casa loro ne hanno viste mica poche, dal Liverpool, all'Inter un paio di volte, al Toro di Marchegiani, ma mai e poi mai da un Laziale), ha fatto rivinosamente crollare tutte le loro certezze. Evitato l'inevitabile, senza più un supporto dei media, fuggiti a gambe levate quando hanno sentito puzza di sconfitta, si sono trovati soli. Soli e desolati, finite le parole d'ordine, abbandonati a se stessi, impauriti e piangenti. Come in Matrix, si sono accorti che il mondo al di fuori non era quello che credevano. Manco per niente.

Avevano già preparate le magliette, le sciarpette. Era tutto pronto, il Circo Massimo, il Colosseo, camion pieni di vernice erano in garage e scaldavano i motori per raggiungere ogni remoto angolo della città e dipingerla dei colori della peperonata, incuranti se si fosse trattato di macchine, marciapiedi, scale condominiali o l'Arco di Costantino. Le bandiere con la stella erano già pronte ad adornare ogni balcone, striscioni perculeggianti stavano per calare dal Colosseo o dal Pincio. Si preparavano piccoli e grandi soprusi, come quelli di dodici anni fa, macchine fermate a posti di blocco improvvisati, caroselli a qualsiasi ora, magari qualche piccola puncicatina che male non faceva. Tanto, so' regazzi. La città è loro, un po' di goliardia, che sarà mai.

Non abbiamo salvato noi stessi. Noi abbiamo la scorza dura, siamo abituati, ce lo avrebbero sgrullato come hanno sempre fatto. Abbiamo salvato una città. Ieri, oggi, domani, si può camminare respirando aria pura, guardare i monumenti senza temere di vederli danneggiati da orde che sennò la festa non proseguisce, abbiamo ripulito l'etere da donnine a tette nude una gialla ed una rossa, da improvvisati neo-politici, neo-attori, neo-tutto che si riscoprono la maglietta della salute giallozozza nel momento della vittoria. Come diceva il saggio, bisogna saper perdere. Loro, che non si regolano mai, non sapendo vincere non sanno neanche perdere.

Vanished. Svaniti. Evaporati. Roma è tornata una città vivibile, con i suoi tanti, tantissimi problemi di ogni giorno, cui uno zingaro dalle orecchie a Coppa dei Campioni ha evitato un doloroso, pesante, cromaticamente irritante, sgradevole, volgare aggravio.
Ringraziateci, romani, che noi se semo rigraziati da soli. Domenica.


Offline paolo71

*****
19705
Re:Vanished
« Risposta #1 il: 28 Mag 2013, 12:36 »
te stavo ad aspettà

...grazie

Offline reds1984

*
5012
Re:Vanished
« Risposta #2 il: 28 Mag 2013, 12:38 »
...

chiamate de martino e fategli mettere questo articolo sulla home page del sito web della lazio. è urgente.

Offline Zoppo

*****
17747
Re:Vanished
« Risposta #3 il: 28 Mag 2013, 12:38 »
 :hail:

Offline uforobot

*
2247
Re:Vanished
« Risposta #4 il: 28 Mag 2013, 12:39 »
E infatti mentre andavo verso ponte milvio c'era un ragazzo che gridava: LIBERI, SIAMO LIBERIIIIIIIIII
e mi ha ricordato l'sms che ho inviato ai miei amici dopo roma samp di pazzini: LIBERAZIONE.
 :ssl
Re:Vanished
« Risposta #5 il: 28 Mag 2013, 12:42 »
Ringraziateci, romani, che noi se semo rigraziati da soli. Domenica.
e io te ringrazio di nuovo. Su sto forum ce sta gente eccezionale.

Offline Jeffry

*****
13091
Re:Vanished
« Risposta #6 il: 28 Mag 2013, 12:42 »
Grande.
Gli sms che ho mandato al triplice fischio recitavano proprio...
Roma è salva!

 ;)

Offline Alexia68

*****
7195
Re:Vanished
« Risposta #7 il: 28 Mag 2013, 12:46 »
ah finalmente, non c'è festa senza GuyMontag  :since
Re:Vanished
« Risposta #8 il: 28 Mag 2013, 12:46 »
chiamate de martino e fategli mettere questo articolo sulla home page del sito web della lazio. è urgente.

condivido, quantomeno preghiamo i moderatoratori di metterlo in home page qui su LN!
Re:Vanished
« Risposta #9 il: 28 Mag 2013, 12:47 »
Bellissimo Guy!

 :band2:

Offline _JS1989_

*
5257
Re:Vanished
« Risposta #10 il: 28 Mag 2013, 12:54 »
Quanto successo domenica travalica il mero significato sportivo, travalica anche una superiorità cittadina che in questi ultimi tempi era acclarata e appena offuscata (ma ancor mi rode) dallo scialbo finale di campionato. E' stata una battaglia di civilità, anzi di civilità contro inciviltà. Abbiamo vinto per noi, ovviamente, ma abbiamo vinto per una città, per una regione, per uno sport.

I laziali sono tifosi di calcio. Meglio, peggio di tanti altri? Non so, per me la risposta è ovvia, ma anche un tifoso della Spal, della Pro Patria o del Torino mi può opporre la sua storia, la sua tradizione, la sua passione, i piccoli o grandi drammi della sua squadra. Come noi. E il fatto di aver vinto più o meno non conta poi tanto. Se tifi Spal lo sai che nella tua storia non vincerai mai una ceppa, ma l'ansia della domenica, l'adrenalina del gol, la sofferenza fisica della sconfitta sono le stesse nostre. E degli juventini, o dei madrilisti.

Loro no. Loro sono un'eccezione. Loro sono nati non si sa come, ed infatti non è un tasto su cui battono molto. Ma cosa importa? Loro sono unici eredi udite udite dell'Impero Romano, sono i diretti discendenti dei Cesari, a loro li ha tenuti a battesimo Romolo, loro hanno i colori della città, loro hanno la lupa, loro sono i Padroni. Il loro rapporto con la città è sgrammaticato e violento, per loro Roma (maiuscolo) altro non è che un enorme tazebao su cui spargere indelebilmente la loro confusa retorica, in cui il gladiatore si mescola al legionario, l'Impero ai sette re, in cui Francesco (il papa) si chiama così per Francesco (l'ottuso); per loro il suddetto ottuso non è un buon giocatore (che forse altrove avrebbe potuto raccogliere i successi che per l'indubbia classe avrebbe meritato, ma che il ventre molle, condiscendente e servile dei suoi autonominatisi sudditi gli ha impedito di ottenere, preferendo un coccolato e sicuro ambiente, foderato di euro e delle genuflessioni del popolo bue) ma un indiscusso Re del Calcio, Il campione cui solo l'invidia e i giochetti del Potere hanno impedito di conquistare, anno dopo anno, gli Inevitabili Palloni d'Oro.

Per loro non era importante che la società navigasse sul pericoloso orlo di un baratro (anche se in fondo c'erano soffici cuscini forniti dalla loro proprietaria, una Banca oppure - a scelta - un'accozzaglia di ammerigani che neanche la nostra fantasia più sfrenata sarebbe riuscita ad inventare), ogni ridimensionamento passava sotto il nome di Progetto, ogni allenatore usa-e-getta al momento del suo insediamento era un Insegnante di calcio, un Punto di Riferimento per le generazioni a venire, ogni pischello gettato in campo perché i più forti se n'erano andati era il Futuro del Calcio (italiano, mondiale, fate voi).

Non so cos'è che ha originato questo scollamento così evidente dalla realtà, quale progetto era alla base di questo colossale inganno. So, sappiamo, chi vi ha contribuito, un apparato mediatico senza precedenti, con ramificazioni ovunque, una commistura trasversale politico-economica impressionante, e lo abbiamo visto alle ultime elezioni, con due candidati dichiaratamente giallozozzi ed uno che - arrivando da fuori - era ovviamente romanista anche lui, imbonitore del popolo bue di cui sopra, un generone di palazzinari (perché a Roma il palazzinaro non va mai fuori moda) e di maitre-à-penser alla Costanzo, spalmati in tutte le redazioni locali di tutti i principali quotidiani. Senza eccezione.

Un mondo bello, in cui tutto andava bene anche quando andava male, perché lo dicevano i giornali, le radio, lo dicevano i calciatori tutti il cui sogno era quello di giocare col boro o gli attori che capitavano qua, cooptati alla corte giallozozza tramite sciarpette malandrine messe al collo dalla sanipoli di turno. La roma era Roma. Era robba loro, era una città che potevano insudiciare, in cui ogni atto di prevaricazione era visto con benevolenza e la polvere nascosta premurosamente sotto il tappeto da una stampa compiacente. Era il mondo delle puncicate e dei regazzi.

E noi? Poco funzionali al loro progetto, fastidiosi e scomodi, e poi ci abbiamo spesso messo anche del nostro, eravamo là, relegati ai margini del loro Scintillante Mondo. I burini, gli unidiciannidibbì, er trattore, quelli che hanno portato er cacio a Roma, che anche nel 2013 fa tanto ride anche nei salotti bene.

Poi il 26 maggio 2013 è successo qualcosa. Uno slavo, sicuramente zingaro, tale Lalic, Ilic, non mi ricordo bene, con il chiodo appuntito di uno scarpino ha fatto scoppiare la bolla in cui vivevano, tiepidi e sicuri. L'Inevitabile è stato Evitato. La Coppa, alzata loro in faccia (diciamo che di coppe alzate in faccia a casa loro ne hanno viste mica poche, dal Liverpool, all'Inter un paio di volte, al Toro di Marchegiani, ma mai e poi mai da un Laziale), ha fatto rivinosamente crollare tutte le loro certezze. Evitato l'inevitabile, senza più un supporto dei media, fuggiti a gambe levate quando hanno sentito puzza di sconfitta, si sono trovati soli. Soli e desolati, finite le parole d'ordine, abbandonati a se stessi, impauriti e piangenti. Come in Matrix, si sono accorti che il mondo al di fuori non era quello che credevano. Manco per niente.

Avevano già preparate le magliette, le sciarpette. Era tutto pronto, il Circo Massimo, il Colosseo, camion pieni di vernice erano in garage e scaldavano i motori per raggiungere ogni remoto angolo della città e dipingerla dei colori della peperonata, incuranti se si fosse trattato di macchine, marciapiedi, scale condominiali o l'Arco di Costantino. Le bandiere con la stella erano già pronte ad adornare ogni balcone, striscioni perculeggianti stavano per calare dal Colosseo o dal Pincio. Si preparavano piccoli e grandi soprusi, come quelli di dodici anni fa, macchine fermate a posti di blocco improvvisati, caroselli a qualsiasi ora, magari qualche piccola puncicatina che male non faceva. Tanto, so' regazzi. La città è loro, un po' di goliardia, che sarà mai.

Non abbiamo salvato noi stessi. Noi abbiamo la scorza dura, siamo abituati, ce lo avrebbero sgrullato come hanno sempre fatto. Abbiamo salvato una città. Ieri, oggi, domani, si può camminare respirando aria pura, guardare i monumenti senza temere di vederli danneggiati da orde che sennò la festa non proseguisce, abbiamo ripulito l'etere da donnine a tette nude una gialla ed una rossa, da improvvisati neo-politici, neo-attori, neo-tutto che si riscoprono la maglietta della salute giallozozza nel momento della vittoria. Come diceva il saggio, bisogna saper perdere. Loro, che non si regolano mai, non sapendo vincere non sanno neanche perdere.

Vanished. Svaniti. Evaporati. Roma è tornata una città vivibile, con i suoi tanti, tantissimi problemi di ogni giorno, cui uno zingaro dalle orecchie a Coppa dei Campioni ha evitato un doloroso, pesante, cromaticamente irritante, sgradevole, volgare aggravio.
Ringraziateci, romani, che noi se semo rigraziati da soli. Domenica.

 :since :band1: :band2: :band3: :band5: :band6: :bandes: :band7: :band8: :band9: :band11: :band12: :bakar:

Offline ian

*
7680

Offline ian

Re:Vanished
« Risposta #11 il: 28 Mag 2013, 12:54 »
Ennamo

Offline Tarallo

*****
111509
Re:Vanished
« Risposta #12 il: 28 Mag 2013, 12:55 »
Bella Guy. Aggiornaci sulle possibilita' di salvezza eterna di Roma.
Re:Vanished
« Risposta #13 il: 28 Mag 2013, 12:56 »
Posso pubblicare su twitter e FB? Guy questo è un capolavoro ogni persona sulla faccia della terra dovrebbe leggerlo...
Re:Vanished
« Risposta #14 il: 28 Mag 2013, 12:59 »
Posso pubblicare su twitter e FB? Guy questo è un capolavoro ogni persona sulla faccia della terra dovrebbe leggerlo...

Volentieri però correggi [...] Ringraziateci, romani, che noi se semo ringraziati da soli. Domenica. [...] Sti cazzi de refusi...
Re:Vanished
« Risposta #15 il: 28 Mag 2013, 13:03 »
Volentieri però correggi [...] Ringraziateci, romani, che noi se semo ringraziati da soli. Domenica. [...] Sti cazzi de refusi...
Vado allora, grazie, merita un'attenta lettura da parte di tutti!

Offline loquace

*
3791
Re:Vanished
« Risposta #16 il: 28 Mag 2013, 13:04 »
Tutto bellissimo... tranne la parentesi sul cappetano...
A mio avviso il boro non avrebbe vinto granchè manco altrove...anzi se fosse andato al real avrebbe fatto le fortune dell'atletico e allo united del city...
Al massimo avrebbe vinto qualche ciavatta d'oro a forza de rigori contro murcia e recreativo o wigan e qpr...
E avrebbe raggiunto El Torpe Julio Salinas nella hit dei marcatori spagnoli avendo giocato il doppio delle partite...

Offline Dokblu

*****
1121
Re:Vanished
« Risposta #17 il: 28 Mag 2013, 13:04 »
Posso pubblicare su twitter e FB? Guy questo è un capolavoro ogni persona sulla faccia della terra dovrebbe leggerlo...

Lo faccio pure io :-)

Online arturo

*****
15066
Re:Vanished
« Risposta #18 il: 28 Mag 2013, 13:05 »
Grande Guy!
Re:Vanished
« Risposta #19 il: 28 Mag 2013, 13:07 »
te stavo ad aspettà

...grazie

Pure io ....

grazie Guy .... 


 :since :since :since :since :since :since :since :since :ssl :ssl :ssl :ssl :ssl :ssl :ssl :ssl :ssl :ssl
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod