Arrestato il boss Matteo Messina Denaro

0 Utenti e 6 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Online FatDanny

*****
30770
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #20 il: 17 Gen 2023, 18:24 »
Faceva shopping al centro di Palermo, selfie con medici infermieri e pazienti, a cui regalava l'olio, girava tranquillamente nel suo quartiere, faceva il piacione ed era contornato da donne.
Una latitanza tutt'altro che privativa.
Nessun intervento di chirurgia plastica, evidentemente non serviva.

Questa è la mafia. Questo è il para-stato che parla continuamente con lo stato. Non c'è bisogno di una trattativa ad hoc perché la comunicazione non si interrompe mai. Anche perché in certi casi è vera e propria compenetrazione.


La polizia oggi prende un ubriacone polacco autore di un'aggressione tramite il riconoscimento facciale in un'altra città, all'ultimo [...] di paese lo sanno in mezza provincia e ci vogliamo raccontare che in questo caso c'è stato il grande arresto.
Guarda caso mentre l'ergastolo ostativo era in discussione e il 41 bis criticato.
Guarda caso nel momento in cui le condizioni di Messina denaro si sono aggravate.
Guarda caso con anticipazione in intervista televisiva precisa e puntuale.

l'Italia, il paese delle coincidenze
Se questo è stato un grande arresto e non un qualcosa avvenuto col benestare mafioso io sono Dio.
Non un profeta eh, sono direttamente il Grande Capo.

Online Goceano

*****
3813
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #21 il: 17 Gen 2023, 18:56 »
Come al solito devono spettacolarizzare un arresto, sto viziaccio demmerda non se lo levano mai, tra l'altro hanno fatto una figura di merda e fatto fare allo Stato una figura di merda mondiale perchè è stato preso (chissà come) quando volevano loro, perchè prima gli faceva comodo fuori, comè stato per Provenzano, davvero volemo crede alla favoletta che i servizi segreti non sapevano dove stava?
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #22 il: 17 Gen 2023, 19:45 »
Faceva shopping al centro di Palermo, selfie con medici infermieri e pazienti, a cui regalava l'olio, girava tranquillamente nel suo quartiere, faceva il piacione ed era contornato da donne.
Una latitanza tutt'altro che privativa.
Nessun intervento di chirurgia plastica, evidentemente non serviva.

Questa è la mafia. Questo è il para-stato che parla continuamente con lo stato. Non c'è bisogno di una trattativa ad hoc perché la comunicazione non si interrompe mai. Anche perché in certi casi è vera e propria compenetrazione.


La polizia oggi prende un ubriacone polacco autore di un'aggressione tramite il riconoscimento facciale in un'altra città, all'ultimo [...] di paese lo sanno in mezza provincia e ci vogliamo raccontare che in questo caso c'è stato il grande arresto.
Guarda caso mentre l'ergastolo ostativo era in discussione e il 41 bis criticato.
Guarda caso nel momento in cui le condizioni di Messina denaro si sono aggravate.
Guarda caso con anticipazione in intervista televisiva precisa e puntuale.

l'Italia, il paese delle coincidenze
Se questo è stato un grande arresto e non un qualcosa avvenuto col benestare mafioso io sono Dio.
Non un profeta eh, sono direttamente il Grande Capo.

Non faceva una latitanza alla Provenzano, ma non sibaritica e sfacciatamente alla luce del sole come riporti. Almeno, non mi risulta sia stata raccontata così. Non enfatizzerei più di tanto l'olio agli infermieri in Clinica e i selfie coi medici (sarebbe stato strano non l'avesse fatto, dato il tipo di affettuosa socialità che, ancora oggi, si vive frequentemente in quel sud).

Quanto all'intervista, attenzione a dare credito a mentitori seriali e collusi con pezzi di mafia, alla disperata ricerca di soldi. Baiardo mi ricorda molto insider lazio.

Campobello di Mazara è un posto minuscolo, già commissariato un paio di volte - se non sbaglio - per mafia. E' ovvio che MMD trovasse rifugio nel trapanese, il cuore del suo potere. Ed è ovvio, per chi conosce la Sicilia, da terra da cui partirono i miei genitori alla fine degli anni '50 e che io conosco abbastanza bene, che perforare il muro della paura è compito arduo.

Io non sono stupito della latitanza di MMD, io sono stupito dal fatto che esistano decine, centinaia di mafiosi affiliati in Sicilia, che vivono davvero alla luce del sole e impunemente. Ossia, senza che la questione mafiosa sia davvero al centro dell'agenda politica del Paese (e non lo è da molto tempo).

Questo è il terribile prodotto storico della mala gestio da accollare alla storia dell'unificazione, alla politica dal dopoguerra ad oggi e alla fragilità dei Siciliani tutti, che hanno le loro colpe individuali.

Non credo faccia bene alimentare dubbi e meta-letture. Io, fino a prova contraria, sto  con il gen. Luzi: non ci sono misteri, né segreti inconfessabili. Abbiamo indagato per anni e anni e abbiamo lavorato per fargli terra bruciata intorno. Fino a questo risultato straordinario che deve essere dedicato a tutte le vittime di mafia.

Online FatDanny

*****
30770
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #23 il: 17 Gen 2023, 20:08 »
Ma non se ne stava rintanato a mazzara suvvia. Se ne andava al centro di Palermo, con la sua faccia, a fare acquisti costosi.
E la questione non è come sia possibile che nessuno abbia parlato dei compaesani ma come mai nessuna telecamera l'abbia mai filmato, lui, il più ricercato, quando sono riusciti a pizzicare un anonimo alcolista polacco che aveva pure cambiato città appena pochi giorni fa.
A me pare un po' come gli ululati allo stadio e il segreto di pulcinella sulle identificazioni.

Invece io sono proprio contrario alla celebrazione a tutti i costi perché sennò sembra un torto alle vittime di mafia.
Invece proprio a nome loro occorre porre domande, sennò è una pagliacciata.
La mafia non è Messina denaro ma un potere. E quel potere mi sembra vivo e vegeto non solo nelle modalità in cui è avvenuta questa cattura ma proprio in come stava in latitanza.
E NON per i compaesani.
La cosa più paradossale è oggi vedere pure gli articoli contro i paesani omertosi.
Gli articoli vanno fatti contro la polizia, la magistratura, la politica, non i paesani di Mazara.
Diteci come cazzo sono stati possibili questi trent'anni invece di fare le foto ricordo e farvi belli quando dovreste nascondervi.
Altro che memoria di Falcone e Borsellino
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #24 il: 17 Gen 2023, 20:14 »
Ma non se ne stava rintanato a mazzara suvvia. Se ne andava al centro di Palermo, con la sua faccia, a fare acquisti costosi.
E la questione non è come sia possibile che nessuno abbia parlato dei compaesani ma come mai nessuna telecamera l'abbia mai filmato, lui, il più ricercato, quando sono riusciti a pizzicare un anonimo alcolista polacco che aveva pure cambiato città appena pochi giorni fa.
A me pare un po' come gli ululati allo stadio e il segreto di pulcinella sulle identificazioni.

Invece io sono proprio contrario alla celebrazione a tutti i costi perché sennò sembra un torto alle vittime di mafia.
Invece proprio a nome loro occorre porre domande, sennò è una pagliacciata.
La mafia non è Messina denaro ma un potere. E quel potere mi sembra vivo e vegeto non solo nelle modalità in cui è avvenuta questa cattura ma proprio in come stava in latitanza.
E NON per i compaesani.
La cosa più paradossale è oggi vedere pure gli articoli contro i paesani omertosi.
Gli articoli vanno fatti contro la polizia, la magistratura, la politica, non i paesani di Mazara.

Hai ragione, certo, le domande su una latitanza di 30 anni vanno fatte e gridandole col megafono. Magari invertirei l'ordine: politica, magistratura e polizia.

Ma non sottovalutare "i paesani", che sono - non il singolo, l'umile, il giustamente spaventato e timido individuo, ma la comunità regionale - il contesto, la cornice di tutto quanto sopra.

Però credo che questa cattura sia "genuina". Il che non toglie una virgola all'urgenza degli altri temi.
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #25 il: 17 Gen 2023, 21:06 »
Come al solito devono spettacolarizzare un arresto, sto viziaccio demmerda non se lo levano mai, tra l'altro hanno fatto una figura di merda e fatto fare allo Stato una figura di merda mondiale perchè è stato preso (chissà come) quando volevano loro, perchè prima gli faceva comodo fuori, comè stato per Provenzano, davvero volemo crede alla favoletta che i servizi segreti non sapevano dove stava?

Beh così certo è win-win.

Se non lo prendi è perché non sei in grado di prenderlo.

Se lo prendi è perché te lo han fatto prendere.. troppo facile

Adesso vale tutto. Possiamo dare il via a tutte le tesi complottistiche più disparate.

Tanto nessuno di noi conosce la verità. Può essere tutto ed il contrario

Io mi prendo gli applausi e gli abbracci dei palermitani ai carabinieri (magari tutto finto pure quello, vai a sape')

Online FatDanny

*****
30770
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #26 il: 18 Gen 2023, 07:21 »
Sossodisfazioni oh.
In effetti dopo l'atroce guerra palermitani-arma dei carabinieri durata così tanti anni, un gesto distensivo riscalda il cuore...

Online FatDanny

*****
30770
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #27 il: 18 Gen 2023, 17:40 »
Casarini dixit.
E davvero c'è ben poco da aggiungere

Ieri a "Cartabianca" Pif si è incazzato molto per le dichiarazioni di un tizio di Castelvetrano che intervistato ha detto:"sbagliato arrestare Messina Denaro, ci hanno mangiato tutti per 30 anni e ora lo arrestano?". Il solito qualunquismo misto a sudditanza ai potenti sanguinari, fatti diventare miti anche dalla società dello spettacolo nella quale, sempre e in ogni circostanza, siamo immersi. Certo. E l'incazzatura di Pif la comprendo, la conosco perché tanti amici e amiche siciliani me la trasmettono, gli e' cresciuta dentro lungo questi 30 anni, nata in mezzo ad ammazzamenti, stragi e appunto, qualunquistica omertà. Mentre Pif mandava affanculo il signor nessuno di Castelvetrano, in studio il giudice Di Matteo misurava le parole per cercare di non dire ma di far capire, che il problema sta nello Stato, e non nei cittadini di Castelvetrano. O meglio. Che sta prima, e in maniera enormemente più importante, dentro lo Stato. Mi è apparsa come una scena surreale, come tutta questa vicenda e la sua narrazione complementare ma contrapposta. È da quando questa meravigliosa terra mi ospita, più di un decennio, che a fasi alterne respiro quest'aria. Come se tutti sapessero tutto, ma alla fine si arrendessero all'idea che il " gioco di ruolo" imposto non si possa cambiare. Ad esempio se Pif si fosse soffermato sulle esternazioni classiche e banali del signor nessuno, non sulla prima parte ma sulla seconda "ci hanno mangiato tutti per 30 anni", forse avrebbe giovato di più. Voglio dire che se uno si guarda attorno, quale è il messaggio che riceve da poteri, istituzioni, da coloro che incarnano lo Stato e ne esercitano i poteri? Che uno stragista massone, pieno di soldi perché inserito nel business dopo l'accumulazione originaria fatta attraverso omicidi ed edilizia, narcotraffico e racket, poteva andarsene indisturbato dove gli pareva, e stare anche a casa sua, per decenni, come avvenuto per gli altri capi. E dunque, al signor nessuno, chi glielo ha insegnato che le cose devono andare così? Le carceri italiane sono strapiene di poveracci e il motto in Italia è: se delinqui per poco vai in galera e buttano la chiave, se invece hai il giro grosso, puoi stare tranquillo. Ho sempre avuto una allergia naturale alla mistica della legalità. Se lo Stato non è più "stato di diritto", cioè non rispetta per primo e anch'esso leggi e costituzione, da dove trae origine la giustezza della legalità? Da principi morali, individualmente assunti, da valori pregressi che ognuno pero' si forma autonomamente e diversamente, ma in termini sociali, quale sarebbe la sua ragione in assenza del suo fondamento? Per non vivere nella jungla mi si dirà. Certo, ma questa è una jungla. Altrimenti se non lo fosse, si sarebbero individuati i responsabili della morte di Falcone e Borsellino, che quando hanno sfiorato lo Stato, sono stati ammazzati. Sono stati i Corleonesi da soli? È stato quel relitto umano vestito di lusso che abitava a Campobello di Mazara? Non ci crede, giustamente, assolutamente nessuno al mondo. E allora, perché non rompere il "gioco di ruolo", e rifiutare questa ennesima messa in scena? Badate, quello che scrivo qui lo dicono o lo pensano tutti o quasi. Anche quelli che, per ragioni di Stato, giurano il contrario. E sono pronti a bollare come banalità, massimalismo e complottismo queste posizioni. Ma non reggerebbero un confronto che abbia al centro i fatti, la realtà, la maledetta concretezza degli accadimenti. Spostano il focus. Costruiscono i miti, "diabolik", "l'imprendibile" , la "primula rossa" e il viagra, il rolex, il covo, i segreti. Fanno i blitz in 100 quando sarebbero bastati dieci. Ci rendiamo conto che in questi anni, e lo dicono magistrati che poi sono stati "stoppati" non da chissà chi, ma ad esempio da un ex sottosegretario agli interni che si è consegnato a novembre per scontare o suoi 6 anni, che il super ricercato andava avanti e indietro in Venezuela, in Spagna, in Inghilterra, in Germania e abitava a casa sua? Ma secondo voi, in giro per il mondo uno che è ricercato anche dall'FBI, come poteva andarci con la sua faccia, se non con una copertura dei servizi? Come passava le dogane? Prendeva aerei di linea? O pensiamo che ci andasse in auto con il commerciante di olive di Campobello? Quel verme che adesso, dopo 30 anni, è Stato ancora utile, avrà si e no un anno di vita. Così dicono i medici. I suoi affari li ha fatti, e ha vissuto come ha voluto. Mi fa ridere che ogni particolare diventi eclatante, pur di non parlare dello Stato e dei suoi apparati: aveva il viagra nel covo, e conservava gli scontrini. Certo, perche' li scaricava magari come spese aziendali.
Quindi come Pif, dico anch'io Vaffanculo. Ma non al signor nessuno di Castelvetrano, ma a quello Stato che ha seppellito lo stato di diritto, insieme a un sacco di gente innocente. Le celebrazioni di "vittoria" di questi giorni del potere politico, mi appaiono come un macabro sfregio a chi è morto perché ha osato cercare la verità.

Online Aquila1979

*
3575
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #28 il: 18 Gen 2023, 17:55 »
molte cose ineccepibili, che vi ci vorrei vedere nel paese di messina denaro a denunciarlo

Offline pan

*
4119
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #29 il: 18 Gen 2023, 19:23 »
tanto ci sarebbe da parlare, che ci vorrebbero giorni interi.
ci sono vari tipi di omertà.
l'omertà di chi vuole salva la vita.
come dissi una volta, mi colpiva da piccola quando i continentali giudicavano i palermitani che, intervistati da professionalissimi giornalisti che finito il lavoro prendevano l'aereo e se ne tornavano con meno di un'ora nella civilissima Roma, si indignavano al "nenti sacciu e nenti vitti" di proverbiale memoria. e certo. come fosse facile, soprattutto in quegli anni in cui morivano centinaie di persone all'anno, sindacalisti, brave persone, giudici, politici ma anche manovalanza di mafia e quindi cugini di terzo grado, parenti acquisiti, passanti innocenti, rispondere al bravo giornalista. sì, aspetta che ti racconto quello che ho visto, presumo, o so. quanti intellettuali illustri dagli anni 60 per le strade di Palermo con reportage sulla nostra ignoranza, indifferenza, codardia.
quindi, paura. che avrebbe avuto anche un altoatesino. o presumo un romano a cui avessero chiesto testimonianze sulla banda della magliana.

l'omertà da connivenza diretta.
mi piace il modello mafioso, porta droga, denaro, potere e quindi lo sposo. non parliamo dei picciotti senza soldi facilmente coartabili allo zen, quello ha ragione fat danny, persone educabili e innocenti, se ci fossero cultura, strutture, giardini, lavoro. è gente che ha fatto una scelta ed è colpevole insieme allo Stato che se ne è lavato le mani (vedasi i picciotti di cui sopra) lasciando la città nella merda. sono i notabili, gli avvocati, i medici, i dirigenti regionali che aderiscono e portano avanti la macchina, da sempre. sono quelli che si vantano di essere "fini", con la vita fine, il circolo giusto, il club, le ville, gli appartamenti di lusso. tanto il disprezzo (anche della società, continentale e non) va poi al "tascio" di periferia.

l'omertà da connivenza indiretta.
e qui il discorso si fa delicatissimo. Pif. è sincero nella sua indignazione, il suo film mi è piaciuto tanto perchè si vede che è stato scritto da uno che ha respirato quegli anni, è figlio di quella Palermo, come me, similare generazione, non è il ragazzo nato dopo gli anni 90, che ha vissuto e respirato altro e non potrà capire mai i dettagli, le sottigliezze, quelle che aveva capito anche Falcone, immerso in quel contesto e con il quale sapeva "dialogare". il dolore, la frustrazione, le sere tetre, i sabati inesistenti, la città divisa in due, quella bene, chiusa nei propri appartamenti e quella vecchia, fatiscente, misera del centro storico.
però Pif... anche meno. il paesano di castelvetrano, ignorante o forse spaventato, ha detto un'ovvia castroneria ma tu, io, i nostri genitori e una vastissima parte della Palermo diciamo bene di cui noi facciamo parte non siamo esenti, anche se indirettamente, come ho specificato. dove vivevi da ragazzino (io lo so) e penso anche adesso Pif? dove vivevo io? dove vivevano financo tutti i giudici, da Falcone a Borsellino. Tutti nell'oasi, quadrante Malaspina/Notarbartolo/Sciuti/Libertà, quei bei palazzoni che hanno preso il posto di campagne e giardini, villette e palazzetti liberty asfaltati per permettere ai costruttori mafiosi di ridisegnare la città. Tutti quei quadranti, tutti quei palazzi e condomini erano costruiti da Ciccio Vassallo e tutta la città, tutti i palermitani lo sapevano. le nostre belle stanze e salotti erano intrisi di sangue, anche tu Pif con il tuo stile di vita o scelte, che ci siamo trovati apparecchiati non dico di no, hai contribuito alla merda. non dico sia colpa nostra, non è che non potevi vivere o una coppia sposata non acquistare casa, non tutti con sofferenza hanno deciso anche per questo di andare via (i miei genitori, non sono andati via per necessità lavorativa ma per scelta) ma siamo tutti, di quella generazione, anche inconsapevolmente, fusi a quel modus, a quelle dinamiche. ecco perchè, un po' meno.

Online FatDanny

*****
30770
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #30 il: 18 Gen 2023, 19:45 »
molte cose ineccepibili, che vi ci vorrei vedere nel paese di messina denaro a denunciarlo

Ma è esattamente quel che dice lui rivolto a pif.
Invece di prendertela con l'uomo qualunque, prenditela con lo Stato  - ossia con l'unico potere che come tale può mettersi alla pari - e con chi al suo interno "ci ha mangiato 30 anni".

Pur ammettendo lui stesso che il moto di pif lo capisce.

Online Aquila1979

*
3575
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #31 il: 18 Gen 2023, 22:16 »
Ma è esattamente quel che dice lui rivolto a pif.
Invece di prendertela con l'uomo qualunque, prenditela con lo Stato  - ossia con l'unico potere che come tale può mettersi alla pari - e con chi al suo interno "ci ha mangiato 30 anni".

Pur ammettendo lui stesso che il moto di pif lo capisce.

Avevo capito il senso e condividevo: facile dire “denunciare”, se poi si vive in quel contesto
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #32 il: 19 Gen 2023, 01:06 »
Ho appena finito di vedere lo speciale di Andrea Purgatori su LA7 .

Dopo , sempre dopo , quando MMD è stato preso .

Ha ragione Pan , è facile prendersela con l'omerta di "basso rango" .

Lo sappiamo tutti cosa e perché ci sono stati certi fatti in Italia dal 45 in poi .

Ma nessuno lo dice chiaramente .

A me quello che fa schifo non è la "real politik" ma l'elogio incondizionato ad essa .

E lo vedo anche qui .

Poi però non andate in prima fila a piangere gli eroi .

Sono quelli che in nome della Giustizia non si sono piegati alla real politik .

Ma lo "stato" non si tocca neanche per ripulirlo da certa merda e la trattativa è una cazzata , appunto l'elogio della real politik .

Aggiunta : qualcuno più cinico potrebbe parlare di danni collaterali anziché di real politik . Non lo dice perché farebbe schifo anche a se stesso .
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #33 il: 19 Gen 2023, 07:59 »
La "trattativa Stato-mafia" è fumo negli occhi. Non ci sono Stato e Mafia a trattare ma persone che hanno ruoli importanti nello Stato e la mafia, ognuno per i propri interessi.

Altrimenti sembra la trattativa sia nell'interesse dello Stato
Re:Arrestato il boss Matteo Messina Denaro
« Risposta #34 il: 19 Gen 2023, 13:06 »
La "trattativa Stato-mafia" è fumo negli occhi. Non ci sono Stato e Mafia a trattare ma persone che hanno ruoli importanti nello Stato e la mafia, ognuno per i propri interessi.

Altrimenti sembra la trattativa sia nell'interesse dello Stato

Basta leggere la sentenza .

Una parte dello stato assolve un'altra parte dello stato .

Però lo "stato" pretende che il vicino di casa denunci direttamente uno come MMD .

E tutto nel silenzio generale , in primis dalla comunicazione mainstream .

Che belli gli studenti che scendono in piazza per l'arresto.

Gli stessi studenti che se scendono in piazza x altri motivi vengono manganellati.

E poi non ci sono interessi dello "stato" ?

 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod