coronavirus

0 Utenti e 14 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline vaz

*****
49118
Re:coronavirus
« Risposta #19440 il: 26 Lug 2022, 18:13 »
Finalmente l’enigma dell’origine del virus è stata svelata

https://twitter.com/angie_rasmussen/status/1551937826580824070?s=24&t=8ei8_OkDRoaKOuANiYVxQw

Non è un laboratorio 😀

Offline cartesio

*****
20624
Re:coronavirus
« Risposta #19441 il: 27 Lug 2022, 12:52 »
Link all’articolo:  https://www.science.org/doi/10.1126/science.abp8715

Conclusione dell’abstract:

Determining the epicenter of the COVID-19 pandemic at a neighborhood- rather than city-level could help resolve if SARS-CoV-2 had a zoonotic origin, similar to SARS-CoV-1 (20). In this study, we obtained data from a range of sources to test the hypothesis that the COVID-19 pandemic began at the Huanan market. Despite limited testing of live wildlife sold at the market, collectively, our results provide evidence that the Huanan market was the early epicenter of the COVID-19 pandemic and suggest that SARS-CoV-2 likely emerged from the live wildlife trade in China. However, events upstream of the market, as well as exact circumstances at the market, remain obscure, highlighting the need for further studies to understand and lower the risk of future pandemics.

Meglio leggere Science che Twitter.

Offline vaz

*****
49118
Re:coronavirus
« Risposta #19442 il: 27 Lug 2022, 13:38 »
L’ho letto benissimo science. Posto Twitter per fare un favore mettendo il riassunto.
Riassunto fatto dall’autrice del paper, tra l’altro.

Ma agli highlights di cartesio, non la si fa.

Veramente, perle ai porci. Viva il virus

Online Tarallo

*****
101252
Re:coronavirus
« Risposta #19443 il: 27 Lug 2022, 13:39 »
Vaz, leggi Science ogni tanto, molla sti social.

Offline LaFonte

*
1314
Re:coronavirus
« Risposta #19444 il: 28 Lug 2022, 19:53 »
Mollate Science e leggete me: ho una domanda, quando si può dire seuna persona ha ancora strascichi di covid o ha il long covid?
Mi mamma ha preso omicron un mese fa, molto blando, mai febbre, solo tosse e si è curata con antinfiammatori. Si è negativizzata dopo una decina di giorni ma ha ancora tosse, quasi solo di notte e appena alzata, ma insistente e fastidiosa.

Offline LaFonte

*
1314
Re:coronavirus
« Risposta #19445 il: 28 Lug 2022, 19:56 »
Altra domanda per Vaz e Tarallo: e di Bassetti che dice che bisogna cambiare il modo in cui si conteggiano i morti di covid perchè se si insiste a contare i morti 'con' come morti 'di' si dà un messaggio sbagliato, che ne pensate?

Online Tarallo

*****
101252
Re:coronavirus
« Risposta #19446 il: 28 Lug 2022, 19:57 »
Postai tempo addietro la definizione di Long Covid del WHO (mo valla a trova’) e deve abbastanza necessariamente includere elementi di natura sindromica. Per ora a mio avviso si resta nell’ambito degli strascichi.
Facce sape’.
Re:coronavirus
« Risposta #19447 il: 28 Lug 2022, 20:33 »
Altra domanda per Vaz e Tarallo: e di Bassetti che dice che bisogna cambiare il modo in cui si conteggiano i morti di covid perchè se si insiste a contare i morti 'con' come morti 'di' si dà un messaggio sbagliato, che ne pensate?

penso che sarebbe ora!

Ma finché non verrà emanato il decreto attuativo di quanto previsto dal DL 34/2020 ("Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19"), in particolare dall'articolo 12 "Accelerazione  dell'acquisizione  delle  informazioni  relative  alle nascite e ai decessi"

 :wink2: :rotfl2: :rotfl2: :rotfl2:

scusate ma le parti in grassetto mi fanno sganasciare... il Decreto Legge 34 è del maggio 2020, scritto pertanto in piena prima ondata della pandemia, doveva servire a rendere il Paese pronto in caso di seconda ondata... Siamo a fine luglio 2022, quante ne abbiamo avute di ondate? Quante ne avremo prima che il decreto ministeriale attuativo verrà emanato e poi sarà effettivamente operativo?

Nel frattempo abbiamo avuto il sedicente "Governo dei migliori", con draghi, letta, salvini, renzi, eccetera, che non hanno fatto altro che autoincensarsi e dire quanto fossero incompetenti quelli che hanno spodestato... (ops, non sono uno che sostiene e apprezza il M5S, solo tanto schifo per l'arroganza e l'incoerenza di altri)



scusate, dove eravamo rimasti?
Ah, all'attuazione dell'articolo 12 ("Accelerazione  dell'acquisizione  delle  informazioni  relative  alle nascite e ai decessi") del DL 34/2020 ("Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19")

:rotfl2: :rotfl2: :rotfl2:
(scusate ancora, è più forte di me)

orbene, fino a che i medici non dovranno certificare le cause di morte su una piattaforma online ma possono/devono farlo su un certificato cartaceo i tempi per conoscere i profili di mortalità giornaliera a livello nazionale saranno necessariamente lunghi e poco compatibili con le esigenze della Sorveglianza sanitaria.

Re:coronavirus
« Risposta #19448 il: 28 Lug 2022, 20:35 »
Una mia ipotesi sul numero di decessi di questi giorni, personale e tutta da verificare, è che in queste settimane c'è il classico e drammatico aumento della mortalità a causa del persistere di periodi con picchi di caldo e questo si va a mescolare con un probabile contemporaneo aumento dei morti "per" covid. Ma quello che possiamo misurare è solo l'aumento dei morti totali e quelli dei morti "con" covid, che in una fase di contagi molto diffusi è chiaro che contiene quote consistenti anche di morti "per" altre cause.

Mi aspetto quindi quote diverse rispetto a quanto capitato durante la prima ondata della pandemia, quando i contagi non erano così tanti diffusi e i morti "con" covid erano nella strastrastragande maggioranza morti "per" covid:

(da https://www.istat.it/it/files//2020/07/Report_ISS_Istat_Cause-di-morte-Covid.pdf)
- Sono state analizzate le informazioni riportate dai medici in 4.942 schede di morte, di soggetti diagnosticati microbiologicamente con test positivo al SARS-CoV-2 (il 15,6% del totale dei decessi notificati al Sistema di Sorveglianza Integrata ISS fino al 25 maggio). Nelle schede di morte sono certificate, oltre a COVID-19, quelle condizioni e malattie che hanno avuto un ruolo nel determinare il decesso.
- COVID-19 è la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi di persone positive al test SARS-CoV-2, mentre per il restante 11% le cause di decesso sono le malattie cardiovascolari (4,6%), i tumori (2,4%), le malattie del sistema respiratorio (1%), il diabete (0,6%), le demenze e le malattie dell’apparato digerente (rispettivamente 0,6% e 0,5%).
- La quota di deceduti in cui COVID-19 è la causa direttamente responsabile della morte varia in base all’età, raggiungendo il valore massimo del 92% nella classe 60-69 anni e il minimo (82%) nelle persone di età inferiore ai 50 anni.


e
(da https://www.istat.it/it/archivio/256854)
Nei mesi di marzo-aprile 2020 i decessi in eccesso sono stati 49mila rispetto alla media degli stessi mesi nei cinque anni precedenti. Il 60% è attribuibile al Covid-19 (29.210), il 10% a polmoniti e il 30% ad altre cause

oltre a
https://www.istat.it/it/files//2021/04/CauseMortePrima_PandemiaCard2.pdf
Re:coronavirus
« Risposta #19449 il: 29 Lug 2022, 15:43 »
Eh?!!!!

PESARO - Per la prima volta in Italia si approfondirà il contenuto dei vaccini a mRNA. Il Tribunale di Pesaro, infatti, ha ammesso la Consulenza tecnica e si procederà all’analisi. L’avvocatessa Nicoletta Morante sta seguendo un caso in sede civile e ha aperto a questo accertamento. Riguarda un 50enne che aveva già contratto il Covid e non vuole sottoporsi al vaccino per andare al lavoro. Scatta il ricorso davanti al giudice.

L’esperto

«Grazie alla consulenza del dottore Raffaele Ansovini, marchigiano, il ricorrente, un libero professionista di Pesaro, ultra 50enne, già guarito da infezione Covid, ingiustamente (così sosteniamo) limitato nelle propria professione e libertà di circolazione, oltre che colpito da sanzione amministrativa per violazione dell’obbligo vaccinale, ha illustrato al Tribunale le proprie perplessità in ordine alla somministrazione di vaccini a mRNA, chiedendo di accertare se corrisponde a buona scienza medica vaccinare i guariti. Volevamo capire se il consenso informato alla cui firma sarebbe obbligato sia compatibile con l’obbligatorietà, se siano presenti eccipienti ad uso non umano o dannosi per la salute o enzimi già ritrovati in analisi recentemente pubblicate in una rivista scientifica statunitense in calce alla relazione del dr. Ansovini, già redatta proprio per questo giudizio. Il Tribunale di Pesaro, accogliendo il ricorso, ha quindi disposto l’accertamento tecnico richiesto sull’analisi del contenuto dei vaccini a mRNA».


La tesi difensiva

La tesi dello specialista nel contenzioso civile si fonda sull’analisi delle funzionalità dell’mRNA e degli enzimi rilevati con le analisi. Nella relazione Ansovini spiega: «Nel nucleo vi è il Dna nucleare, nei mitocondri vi è quello mitocondriale. Al suo apparire il Covid-19 si è espresso in tre modi: 5-7% dei pazienti con gravi polmoniti, necessità di terapia intensiva con alta incidenza di prognosi infausta. 35-40% ricoveri ospedalieri bisognosi di continuo monitoraggio diagnostico e terapeutico. 60% asintomatici. Com’è possibile che un virus abbia un comportamento così marcatamente disomogeneo? Il Covid-19 o per evoluzione naturale o per mano umana è capace d’inserire il suo genoma ad RNA anche nel DNA mitocondriale e quando lo fa mostra il peggio di sé. Ciò premesso che fanno i vaccini ad mRNA di Pfizer e Moderna? Integrano anche essi l’RNA virale del covid-19 nel genoma mitocondriale occupando così la sede che, se occupata dal virus, scatena la sua sindrome severa. Così operando i vaccini ad mRNA, prima di tutto non hanno la conformazione funzionale dichiarata, ed, in secondo luogo pur creando una risposta anticorpale, la stessa risulta inefficace».


La spiegazione

Continua lo specialista: «Di questo anomalo percorso vaccinale ne pagano, alla lunga, le conseguenze le figure dei linfociti CD+19 che diventano afunzionali nonché percentualmente meno presenti. Bisogna notare che per fare un vaccino con funzioni mimetiche/topiche prettamente cellulari bisognava sapere da subito che SARS-Cov2 si poteva integrare anche nel DNA miticondriale; ma nessuno l’ha mai detto. A questo punto è doveroso vedere veramente di che pasta sono fatti». L’avvocatessa Morante chiude: «C’è un caso simile anche a Trento promosso da un odontoiatra. Pesaro può essere un apripista a livello italiano».
Re:coronavirus
« Risposta #19450 il: 29 Lug 2022, 16:55 »
Una mia ipotesi sul numero di decessi di questi giorni, personale e tutta da verificare, è che in queste settimane c'è il classico e drammatico aumento della mortalità a causa del persistere di periodi con picchi di caldo e questo si va a mescolare con un probabile contemporaneo aumento dei morti "per" covid. Ma quello che possiamo misurare è solo l'aumento dei morti totali e quelli dei morti "con" covid, che in una fase di contagi molto diffusi è chiaro che contiene quote consistenti anche di morti "per" altre cause.

Mi aspetto quindi quote diverse rispetto a quanto capitato durante la prima ondata della pandemia, quando i contagi non erano così tanti diffusi e i morti "con" covid erano nella strastrastragande maggioranza morti "per" covid:

(da https://www.istat.it/it/files//2020/07/Report_ISS_Istat_Cause-di-morte-Covid.pdf)
- Sono state analizzate le informazioni riportate dai medici in 4.942 schede di morte, di soggetti diagnosticati microbiologicamente con test positivo al SARS-CoV-2 (il 15,6% del totale dei decessi notificati al Sistema di Sorveglianza Integrata ISS fino al 25 maggio). Nelle schede di morte sono certificate, oltre a COVID-19, quelle condizioni e malattie che hanno avuto un ruolo nel determinare il decesso.
- COVID-19 è la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi di persone positive al test SARS-CoV-2, mentre per il restante 11% le cause di decesso sono le malattie cardiovascolari (4,6%), i tumori (2,4%), le malattie del sistema respiratorio (1%), il diabete (0,6%), le demenze e le malattie dell’apparato digerente (rispettivamente 0,6% e 0,5%).
- La quota di deceduti in cui COVID-19 è la causa direttamente responsabile della morte varia in base all’età, raggiungendo il valore massimo del 92% nella classe 60-69 anni e il minimo (82%) nelle persone di età inferiore ai 50 anni.


e
(da https://www.istat.it/it/archivio/256854)
Nei mesi di marzo-aprile 2020 i decessi in eccesso sono stati 49mila rispetto alla media degli stessi mesi nei cinque anni precedenti. Il 60% è attribuibile al Covid-19 (29.210), il 10% a polmoniti e il 30% ad altre cause

oltre a
https://www.istat.it/it/files//2021/04/CauseMortePrima_PandemiaCard2.pdf
MisterFaro, non mi ricordo se sei medico. Se si hai sicuramente redatto qualche certificato istat di decesso. Così come sono impostati, secondo me, danno adito a tantissimi errori di cause di morte.

Offline Blueline

*
5978
blog of life
Re:coronavirus
« Risposta #19451 il: 29 Lug 2022, 17:34 »
Penso che se una persona finisce in ospedale per covid per poi morirne, vada sempre conteggiato.

Stiamo scendendo ma è prevista un'altra risalita(per il paragone col Portogallo): qualcuno può delucidare meglio(o meglio, smentire)?
Re:coronavirus
« Risposta #19452 il: 29 Lug 2022, 18:30 »
MisterFaro, non mi ricordo se sei medico. Se si hai sicuramente redatto qualche certificato istat di decesso. Così come sono impostati, secondo me, danno adito a tantissimi errori di cause di morte.

Non sono medico, sono uno statistico, uso quei dati.

I modelli per la denuncia delle cause di morte sono basati sullo standard internazionale indicato dall'OMS; come tutti i modelli hanno dei pro e dei contro, a quali errori porta la loro impostazione? Come suggerisci di migliorarli?

Se pensiamo che la discussione sia troppo specifica e annoierebbe gli altri possiamo spostarci in pvt, mi interessa molto questa questione

Offline LaFonte

*
1314
Re:coronavirus
« Risposta #19453 il: 31 Lug 2022, 23:58 »
Non sono medico, sono uno statistico, uso quei dati.

I modelli per la denuncia delle cause di morte sono basati sullo standard internazionale indicato dall'OMS; come tutti i modelli hanno dei pro e dei contro, a quali errori porta la loro impostazione? Come suggerisci di migliorarli?

Se pensiamo che la discussione sia troppo specifica e annoierebbe gli altri possiamo spostarci in pvt, mi interessa molto questa questione

Io sono pure interessata anche se non ne capisco molto. Più che altro mi interessa capire se la via di conteggio seguita in Italia sia molto diversa da quella seguita all'estero, aldilà dei modelli formalmente identici. Se infatti viene interpretato diversamente 'cosa' scrivere nella stessa casella, il risultato cambia.
Da qualche parte avevo letto che ci sono Stati che non considerano morti 'per' i ricoverati che muoiono dopo X giorni dal ricovero, per dire.
Sulla questione delle 'misure urgenti', temo che il problema sia l'integrazione della famosa scheda nell'ANPR, con il team dell'AGID che al momento è impegnato in mille altri progetti, ma magari sbaglio.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod