Crisi ucraina

0 Utenti e 45 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Aquila1979

*
2399
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4760 il: 13 Mag 2022, 15:15 »
Seriamente, chiudere il gas fa molti più danni a noi che a lui

se fosse così avrebbe già "chiuso i rubinetti" e fine della storia.
nonostante quel che dice qualche professore (al soldo della cina) su twitter l'economia russa dipende dagli idrocarburi.
una specie di arabia saudita con la bomba atomica e il tic imperiale (non che i saud scherzino, in tal senso).

putin, che ha sbagliato molto, non è comunque scemo, e la lezione dell'unione sovietica l'ha imparata a memoria.
se l'occidente non si servirà da lui si servirà da altri, se non oggi, domani.
la russia non apprezza avere un solo cliente (la cina) né la cina apprezzerebbe avere un solo fornitore.
perché se putin non è stupido xi lo è ancora meno, e ha sempre in testa che le rotte petrolifere del medio oriente sono militarmente sotto il controllo usa e quindi in caso di problemi con la russia (inevitabili, come ci insegna la storia) avrebbe solo l'opzione militare.

gli europei hanno un problema tattico, dovuto alla forma di governo.
i russi hanno un problema strategico. se perdono la sponda occidentale si autocastrano.

fate attenzione a iran (già detto) e all'india.
la paura della cina sarà più forte dell'anelito alla terzietà? vedremo. io direi di sì.
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4761 il: 13 Mag 2022, 15:55 »
se la polonia entrasse in ucraina lo farebbe solo con il bollino di approvazione degli usa.
e questo avverrà soltanto se gli usa fossero pronti alla guerra totale.

gli usa punteranno a moltiplicare gli aiuti e a fermare la russia sul terreno, secondo me.

assolutamente si, in caso gli usa avranno dato *enormi* garanzie (come anche alla finlandia, anche solo per fare domanda di ingresso nella nato).
pero' se gli usa non sono pronti alla guerra totale de che stamo a parla', hanno gia' perso...
(per non dire delle decine di pagine di topic buttate  :DD )


se davvero, come a me pare plausibile, le mire di Putin sono di proseguire verso est, prendere Odessa e riunione il sud-est dell'Ucraina con la Transnistria (tagliando l'accesso al mare), inasprendo quindi fino alle estreme conseguenze il conflitto, lasciando aperti diversi scenari, tutti inimmaginabili, mi domando: non è preferibile chiudere il gas, con tutte le conseguenze del caso (uno/due anni di recessione in UE), l'unica vera leva per costringerlo a fermarsi e trattare?

dunque, praticamente tutta europa alla fine paga o paghera' il gas come chiedeva la russia, e quei paesi che non ricevono piu' gas direttamente dalla russia lo ricevono indirettamente. questo secondo me significa che l'opzione "chiudere il gas" semplicemente non esiste nella realta'. noi (nel senso di Italia), che siamo nella posizione migliore per sostituire i russi come fornitori (a livello logistico, non di convenienza), ci metteremo 2 anni a ridurre veramente il consumo di gas russo. e poi comunque non ci "sganceremo" perche' andremo a comprare da fornitori legati alla russia a filo doppio. figurati un paese come la germania che non ha alternative logistiche... nota che i tedeschi dovevano fare un accordo col Qatar ma l'accordo non arriva:
https://dohanews.co/germany-qatar-disagree-over-lng-supply-conditions/
quindi al momento non hanno trovato sostituti per il gas russo nemmeno ad anni da oggi. come fanno a "chiudere il gas"? impossibile.
(interessante che il motivo del contendere fra germania e Qatar e' la durata del contratto: la germania vuole un accordo "breve" e i qatarioti non ci stanno. domanda: perche' la germania vuole un accordo breve?...)
insomma non abbiamo scelta. e questo ovviamente i russi lo sapevano. d'altra parte queste cose danno l'idea delle tempistiche su cui la russia ha fatto i conti in termini di risorse disponibili e di capacita' di resistere alla sanzioni: non giorni o settimane, ma anni. altro che guerra lampo.

sai invece cosa, secondo me, potrebbe innescare una trattativa? un paese europeo che smette di mandare armi. il primo paese che annuncia "basta cosi'" dara' la stura per tutti gli altri e a quel punto biden dovrà' decidere cosa fare per uscirne in piedi (se non vuole entrare lui in guerra). perche' la realta' e' che finche' mandano armi gli europei fanno un favore a lui, non a zelenskyy.

Offline Aquila1979

*
2399
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4762 il: 13 Mag 2022, 15:58 »
sai invece cosa, secondo me, potrebbe innescare una trattativa? un paese europeo che smette di mandare armi. il primo paese che annuncia "basta cosi'" dara' la stura per tutti gli altri e a quel punto biden dovrà' decidere cosa fare per uscirne in piedi (se non vuole entrare lui in guerra). perche' la realta' e' che finche' mandano armi gli europei fanno un favore a lui, non a zelenskyy.

perché putin dovrebbe trattare, a quel punto?

Online FatDanny

*****
26743
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4763 il: 13 Mag 2022, 16:29 »
info utile: si rivede il mercato nero a Mosca.
il dollaro è offerto a 100 rubli, l'euro a 120.
Quasi il doppio del cambio ufficiale (64 e 69)

Offline Aquila1979

*
2399
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4764 il: 13 Mag 2022, 16:32 »
info utile: si rivede il mercato nero a Mosca.
il dollaro è offerto a 100 rubli, l'euro a 120.
Quasi il doppio del cambio ufficiale (64 e 69)

credo che la previsione di -12 per l'economia russa sia generoso.
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4765 il: 13 Mag 2022, 18:04 »
perché putin dovrebbe trattare, a quel punto?

a quel punto: primo, perche' sarebbe una sconfitta epocale per gli americani. secondo, perche' macron e scholz gli stanno offrendo garanzie di ogni tipo. ormai e' chiaro che la russia si prendera' il pezzo piu' importante di ucraina (est+costa del mar nero). aggiungi che l'ingresso dell'ucraina nella nato ormai e' off the table. ma macron, nel discorso di qualche giorno fa sul fatto che ci vorranno 10 anni per l'ingresso dell'ucraina nella EU, ha detto un'altra cosa molto piu' importante: che si formerà' una European Political Community piu' larga della EU fatta da stati con cui i paesi EU potranno cooperare con regole condivise senza che questi entrino nella EU. questa cosa e' fatta per un motivo solo: per chiarire che ci sono dei paesi che non entreranno mai nella EU. e' fatta per tenere fuori, non per mettere dentro. non solo l'ucraina. georgia, Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, moldavia, tutti quelli che la russia vorra'. in pratica gli stanno dicendo: vogliamo restare amici. piu' chiaro di cosi' che deve succedere? qui non e' piu' un problema di capire se i russi stanno accerchiando Severodonetsk. si tratta solo di guardare in faccia alla realta'. non solo putin *a quel punto* tratterà' ma l'accordo sara' un buon accordo (per noi e per i russi).

e qui torniamo agli usa: e' biden il problema, non putin. biden dovrebbe accettare la sconfitta. lo fara'? ha abbastanza armi e uomini in europa da mandarci a cagare e scatenare l'inferno qui da noi. e' con biden che dobbiamo metterci d'accordo, con putin siamo gia' d'accordo. secondo me.


Ah, per chi gongola della NATO che cresce con Finlandia e Svezia, pare che Erdogan abbia detto che lui non le vuole, e per far entrare nuovi membri serve l'unanimità. Il che dimostra nuovamente quanto sia rioma Erdogan, e come  si debba muovere uno statista senza scrupoli (volete il mio aiuto? Il mio voto? Pagate o ciccia, mica come facciamo noi che ci prostituiamo aggratis per ogni cosa). Ma stavolta forse sta tirando troppo la corda...

la nato si e' messa in una situazione complicata con la Finlandia. se entrano, sono problemi. ma se non entrano, cioe' se qualcuno dovesse veramente bloccare l'ingresso della Finlandia, sono problemi molto peggiori, perche' allora la nato dovrebbe sciogliersi immediatamente. avrebbe perso ogni credibilità'. io assumo che la cosa sia gia' decisa, cioe' che la Finlandia entrerà' in modo roboante nella nato. se stessero facendo tutto questo senza essersi preparati, o se dovessero fare melina (cioe' tenere la cosa in cottura a lungo), sarebbe veramente da manicomio.

Offline PARISsn

*****
15856
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4766 il: 13 Mag 2022, 18:30 »
questa  è un  analisi dell' Economist ( non credo lo si possa annoverare tra le testate filo Putin ) e dice che le sanzioni al momento gli stanno facendo un baffo o quasi e che anzi l'economia russa va meglio di quanto si poteva pensare... 8)

https://www.agi.it/economia/news/2022-05-13/economia-russa-poco-scalfita-dalle-sanzioni-the-economist-16709435/
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4767 il: 13 Mag 2022, 18:46 »
ma infatti. il -12 della russia (o anche -15, -18, -20, quello che e') non significa +12 per noi.
noi non ci possiamo regolare (grazie al cielo) sul -12 loro, qualunque cosa significhi in concreto. dobbiamo pensare a noi stessi.

Offline Aquila1979

*
2399
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4768 il: 13 Mag 2022, 20:13 »
ma infatti. il -12 della russia (o anche -15, -18, -20, quello che e') non significa +12 per noi.
noi non ci possiamo regolare (grazie al cielo) sul -12 loro, qualunque cosa significhi in concreto. dobbiamo pensare a noi stessi.

Amico mio, Putin la guerra la persa. Adesso bisogna solo trovare il modo di non farglielo pesare troppo, perché quello sarebbe pericoloso.

Offline PARISsn

*****
15856
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4769 il: 13 Mag 2022, 21:26 »
Amico mio, Putin la guerra la persa. Adesso bisogna solo trovare il modo di non farglielo pesare troppo, perché quello sarebbe pericoloso.

mah...io piuttosto direi che la guerra non l'ha persa ma bensi' non l'ha ancora vinta e per vedere come andra' a finire ci vorra' ancora tempo ( purtroppo ), intanto come dice quell'analisi dell' Economist che  ho postato, Putin puo' sostenere questo ritmo ( di guerra ed economico ) per almeno un altro anno e mezzo, io non so se l'occidente e sopratutto l'UE potranno fare lo stesso, io caro Aquila sono in pensione, ho molto tempo e  mi diverto a cercare  notizie un po ovunque ( e nei limiti del possibile ad accertarle ), ebbene la situazione che si prospetta dal punto di vista energetico per la UE è grave, l' Opec ha gia' fatto sapere che pensare di poter sostituire le forniture russe ( 7 milioni di barili al giorno ) è impossibile, i paesi su cui dovremmo fare affidamento ( parlo dell'Italia ) sono tutt'altro che affidabili, la Libia, unico paese Opec libero da quote e che potrebbe aumentare la sua  produzione, l'ha invece ridotta di un terzo quest'anno per via della guerra civile , l' Algeria produce appena  il 2% del gas  mondiale e che  possa essere una  potente alternativa al gas russo non è pensabile, il Congo, anch'esso in preda a guerra  civile ( 6 paesi dell'OSA hanno appena mandato una forza di interposizione ) ha firmato con noi un " accordo di intenti " , ma ripeto vista la situazione che a breve questi intenti si trasformino in gas è da vedere....nel frattempo di tutto cio' come dice l' Economist continuiamo a pompare  miliardi di dollari nelle casse russe, la Turchia si oppone a Svezia e Finlandia nella NATO ( ci vuole  l'unanimita' per accettare altri paesi ), 5 paesi UE cmq vada  non applicheranno l sanzioni su gas e petrolio, sanzioni che del resto mi pare siano lungi dall'arrivare vista la risoluta opposizione di Austria e Danimarca, il tentennare della Germania ect....ultima cosa di cui si parla  poco  è che  il popolo russo è con Putin molto piu' di quanto lo siano i popolo occidentali, in Italia  il 65% pensa che di dovrebbe smettere  di inviare armi e armare invece seriamente la  diplomazia, negli USA solo il 22% pensa che davvero si sta difendendo la democrazia  ucraina...insomma  io ad oggi dovessi puntare  un euro su chi perdera'   ( e non parlo di territori ma di scelte che  sara' costretta a fare la parte che si trovera' piu' in diffcolta' ) li punterei sull'occidente e non su Putin
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4770 il: 14 Mag 2022, 06:51 »
Amico mio, Putin la guerra la persa. Adesso bisogna solo trovare il modo di non farglielo pesare troppo, perché quello sarebbe pericoloso.

ma si, dai, non te la prendere. a ulteriore riprova:
https://edition.cnn.com/2022/05/13/politics/austin-shoigu-call/index.html
Nota: The call lasted approximately an hour and was at the request of Austin, who used the first call between the two in 84 days to urge Defense Minister Sergei Shoigu to implement an "immediate ceasefire,"
e' assolutamente logico che uno che sta vincendo chiama l'avversario per chiedere un cessate il fuoco, specie dopo aver detto a tutto il mondo “We want to see Russia weakened to the degree that it can’t do the kinds of things that it has done in invading Ukraine". funziona sempre cosi'. si preoccupano perche' andando avanti cosi' si rischia la caduta di mosca.
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4771 il: 14 Mag 2022, 07:39 »
Cose sparse:

1)

C’e’ stato il mitico incontro Usa-Asean cancellato poco dopo l’inizio della guerra in ucraina per mancanza di paesi Asean disposti a partecipare (ne parlammo pure qua). il recoconto e' qua:
https://www.nytimes.com/2022/05/12/us/politics/biden-asian-nations-china.html
Lo scopo, dice il tizio, e’ creare “a united front against China as it increasingly demonstrates its economic and military might around the world”

Risultato:
“the White House announced new investments of about $150 million in the region as part of a series of agreements between the United States and the Association of Southeast Asian Nations, or ASEAN.”
Million con la M, non la B
$150 million uguale zero. Non dico di fare il confronto con l’Ucraina ma con quello che spende la Cina negli stessi paesi (che e’ piu’ o meno quello che spendono gli usa per l’ucraina)
Aspettiamoci casini


2)

https://apnews.com/article/business-china-elections-presidential-philippines-07966d48907ea11a910d8aecbcb8db7b

Nelle filippine si e’ votato e insomma la candidata manchurian (in questo caso americana) ha perso male. ha vinto uno che e’ praticamente un ricercato negli usa. E infatti questo articolo della Associated Press (mecojons) inizia subito chiarendo che siamo davanti a una “further erosion of democracy in Asia” poi premette “If the results stand,” e conclude che il nuovo governo “may accelerate its decay” (della democrazia nelle filippine). Quindi si parte da un repertorio classico ma provato e riprovato, sempre a effetto. Il netto e’: Le filippine sono il paese chiave per gli usa nel pacifico e si sono scelti un presidente che vuole continuare la politica di appeasement nei confronti della cina.
Aspettiamoci casini



3)

Sbaglio o c’e’ stato un certo ricambio di opinionisti nel mainstream?


(Me l’ha segnalato mio fratello, non so chi sia questo tizio)
mi sa che i docenti della cattolica li ho beccati solo io...

Offline Aquila1979

*
2399
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4772 il: 14 Mag 2022, 08:41 »
Biden ha fatto una mossa propagandistica, chiara, semplice, lineare.
“Avete visto che bravo? Io voglio la pace, Putin cattivo no”

Da quello che dici (“siamo d’accordo con Putin”) pare quasi che a noi convenga essere dipendenti dagli idrocarburi russi e che controllino l’esportazione del grano via mare (se arrivassero a Odessa).
È evidente che a noi non conviene invece.
Come è evidente che se Putin avesse il coltello dalla parte del manico i rubinetti del gas li chiuderebbe. Perché non lo fa? Perché l’economia russa (che non vale la Spagna) sta già crollando, e va bene che fuori Mosca sono abituati e hanno il bagno fuori, le strade di terra battuta e se vedono una tv con il tubo catodico se la fregano, però se si arriva al collasso si incazzano pure loro.

Gli USA possono armare l’Ucraina con altri centinaia di miliardi di dollari nei prossimi 2 anni. Putin può permetterselo? Può darsi di sì eh. Ma intanto deve scoprire il fianco libico. Altri 3 mesi e deve mollare la Siria. Altri 6 e il prezioso lavoro fatto in Africa va a farsi benedire…

Ottimo il lavoro che sta facendo la Cina in Asia. Quali accordi militari ha nell’area? L’appeasement è importante, è una bella cosa, ma alla fine dei conti l’India le esercitazioni congiunte le fa con gli USA. Il Giappone idem…

Si confonde troppo facilmente la cronaca con la storia, come se si guardasse a Sigonella come a un punto di svolta.

Online Splash

*****
35953
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4773 il: 14 Mag 2022, 09:09 »
Intanto l`India ha bloccato l`esportazione del grano all`estero...
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4774 il: 14 Mag 2022, 09:58 »
Biden ha fatto una mossa propagandistica, chiara, semplice, lineare.
“Avete visto che bravo? Io voglio la pace, Putin cattivo no”

Da quello che dici (“siamo d’accordo con Putin”) pare quasi che a noi convenga essere dipendenti dagli idrocarburi russi e che controllino l’esportazione del grano via mare (se arrivassero a Odessa).
È evidente che a noi non conviene invece.
Come è evidente che se Putin avesse il coltello dalla parte del manico i rubinetti del gas li chiuderebbe. Perché non lo fa? Perché l’economia russa (che non vale la Spagna) sta già crollando, e va bene che fuori Mosca sono abituati e hanno il bagno fuori, le strade di terra battuta e se vedono una tv con il tubo catodico se la fregano, però se si arriva al collasso si incazzano pure loro.

Gli USA possono armare l’Ucraina con altri centinaia di miliardi di dollari nei prossimi 2 anni. Putin può permetterselo? Può darsi di sì eh. Ma intanto deve scoprire il fianco libico. Altri 3 mesi e deve mollare la Siria. Altri 6 e il prezioso lavoro fatto in Africa va a farsi benedire…

Ottimo il lavoro che sta facendo la Cina in Asia. Quali accordi militari ha nell’area? L’appeasement è importante, è una bella cosa, ma alla fine dei conti l’India le esercitazioni congiunte le fa con gli USA. Il Giappone idem…

Si confonde troppo facilmente la cronaca con la storia, come se si guardasse a Sigonella come a un punto di svolta.



Mmmm… Guarda, e’ certamente una partita lunga, complicata, ci sono molte variabili, puo’ darsi che stia confondendo la cronaca con la storia come dici. Pero’ con la realta’ che ho davanti fatico veramente molto a considerare “l’economia russa non vale la Spagna” evidenza di qualunque cosa…
Poi: penso che Macron e Scholz (siamo chiari) stiano offrendo garanzie a Putin per chiudere la questione. Questo spiega i rapporti ghiacciati con Biden, che ovviamente sa benissimo cosa sta succedendo. E, ripeto, a meno che gli Usa non trovino un nuovo proxy per la guerra alla russia o intervengano loro direttamente in modo molto piu’ massiccio, Putin porterà’ a casa quello che vuole (un pezzo di ucraina, Ukraina fuori da Nato e anche da Eu, e patto di reciproco “rispetto” fra principali paesi Eu e russia nel continente europeo; nota che anche gli Ucraini sanno benissimo cosa sta succedendo). E i commerci continueranno come prima della guerra (perche’ le sanzioni li hanno rallentati solo per un periodo molto breve) con beneficio reciproco. Certo non succedera’ in un giorno o in una settimana, ci vorra’ un po’ di tempo (non infinito). Ma secondo me andra’ cosi’ (ripeto, a meno che gli Usa non trovino un nuovo proxy per la guerra alla russia o intervengano loro direttamente in modo molto piu’ massiccio). E a noi converrebbe, eccome se converrebbe. Si chiamano affari. Si chiama mettersi d’accordo. Certo, se invece il commercio vuoi controllarlo tu anche se la materia prima e’ di qualcun altro, allora e’ un problema…
Poi: Putin non chiude i rubinetti perche’ non ha senso farlo, visto che noi non possiamo rinunciare. In piu’ questa cosa ha tenuto vivo il dialogo con i due paesi europei piu’ importanti. Al momento e’ cosi’. Non e’ complicato. Tu invece sei sicuro di aver capito bene cosa e’ successo in questi due mesi intorno al gas?
Poi dici: gli usa possono armare tutti per anni. Si, forse si. Pero’ se non vogliono farlo loro gli serve qualcuno che quelle armi le  imbracci. Gia’ adesso, dopo meno di 3 mesi, cercano un sostituto degli ucraini. La mia domanda e’: lo troveranno? Sempre? Poi hanno anche una situazione interna, di cui non si parla mai. La situazione economica della Russia e’ sempre presente nelle tue analisi, quella nostra mai. Perche’? Chi ti dice che potranno (potremo) spendere centinaia di miliardi per anni in Ucraina? Dici che e’ evidente ma io di evidenze in quello che scrivi ne vedo veramente poche. Capisco invece che gli Usa possono alzare il livello, e che a un certo punto probabilmente dovranno farlo. Proprio perche’ le cose non vanno come vogliono.
Poi: sulla Cina, che ti devo dire?, vedremo. Tu parli di accordi militari come se i Giapponesi (o i coreani o che ne so) fossero pronti a fare guerra alla cina per proxy per conto degli Usa… sono anni che i due principali invesitori in Cina del pianeta (nel senso di mettere soldi in Cina per fare affari con i cinesi dentro la Cina) sono il Giappone e la Germania. Anni. Parliamo di una valanga di denaro. Insomma i nostri investimenti si sono spostati in Asia da 20 anni. Queste cose non e’ che succederanno, sono gia’ successe, e’ gia’ cosi’. Secondo te a un certo punto questi (e altri) dovrebbero buttare tutto all’aria perche’ gli americani vogliono tenere Taiwan?… Sara’ come dici eh, ma personalmente ne dubito. Follow the money.

Offline Aquila1979

*
2399
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4775 il: 14 Mag 2022, 12:18 »
Follow the money.

Io ho ben capito il tuo punto di vista.
La questione è che io non sono affatto convinto che sia questa la chiave. FD mi perdonerà l’imprecisione ma c’è molto di storiografia marxista spuria in questo modo di intelligere gli eventi.

la prima guerra mondiale sembrava impossibile per via dei legami anglo-tedeschi. sappiamo come è andata a finire.
gli interessi strategici, quelli immutabili, dividono la cina dai vicini, e questo non cambierà né oggi né mai, almeno fino a quando esisteranno gli stati.

l’illusione cinese sta tutta nel desiderio di avvinghiare il mondo attraverso i gangli dei rapporti economici.
che è un po’ l’illusione tedesca di domare l’orso grazie agli interscambi.

credi davvero che il Giappone possa accettare che la Cina acquisisca una piattaforma per l’invasione del sol levante?

esiste un solo posto al mondo in cui gli usa rischierebbero la guerra nucleare, ed è Taiwan, crocevia del dominio mondiale.

ps anche Kharkiv è un diversivo come Kiev?

Offline Aquila1979

*
2399
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4776 il: 14 Mag 2022, 18:58 »

Offline LaFonte

*
1229
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4777 il: 15 Mag 2022, 00:09 »
Aquila, chiedi perchè Putin non ha ancora chiuso i rubinetti:
1) dire come scrivevo "fa più male a noi che a lui" non significa dire "gli fa il solletico". Significa che anche a lui fa male quindi anche a lui conviene continuare a vendere quel che può (anche perchè ci costa 4-5 volte più che nel 2019 e quindi gli basta venderne meno per recuperare molto della perdita)
2) perchè così fa il gesto di tendere la mano. Sa perfettamente (e lo ripetono industriali e politici tedeschi) che chiudere totalmente ammazzerebbe l'economia tedesca e causerebbe danni molto seri, che non sarebbero dimenticati facilmente, e spera di chiuderla velocemente e con sanzioni rimosse a breve
3) perchè se non lo chiude adesso lo può sempre chiudere domani. Ho letto tweet che riferivano di interviste di alti papaveri russi che dicevano che non ci sono problemi a continuare la guerra fino all'inverno, e che a quel punto chiudendo i rubinetti del gas l'occidente dovrà scendere a patti. Il che è vero.

Sul sistema missilistico israeliano, se è come gli obici americani consegnati senza il sistema di puntamento per il timore che finiscano in mano russa (cosa peraltro già avvenuta) non credo farà grande differenza. A proposito di Israele, tu continui a vagheggiare di un Iran che diventa amicone degli USA. Non capisco da cosa trai questa idea, visto che Israele sta bombardando obiettivi iraniani in Siria ogni giorno da un pò, non mi pare esattamente una buona idea per farsi amico l'Iran, anzi. E se mai in un universo parallelo l'Iran diventasse amico degli USA, il giorno dopo l'Arabia Saudita diventerebbe amica della Russia.

Ah, convinciti pure che Putin ha già perso, ne riparliamo presto, scommetto quel che vuoi. L'Ucraina sta raschiando il fondo del barile come uomini (ci sono video di gente coi capelli bianchi morta in trincea o presa prigioniera), di soldati esperti non ne ha quasi più, la Russia può mobilitare centinaia di migliaia di soldati (l'altroieri sono partiti altri 600 dalla Cecenia). Le armi più moderne non ti fanno nulla se le metti in mano a gente che non sa neanche tenerle in mano.
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4778 il: 15 Mag 2022, 01:03 »
Putin ha rovinato pure ESC22...
 :stop 8)

Offline olympia

*
8317
Re:Crisi ucraina
« Risposta #4779 il: 15 Mag 2022, 01:14 »
Putin ha rovinato pure ESC22...
 :stop 8)
Per me stanno rosicando parecchio.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod