Elezioni: i commenti dei Lazionetters

0 Utenti e 14 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Vincelor

*
1361
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6340 il: 12 Feb 2020, 14:56 »
1. I 5S sono stati alleati di Farage ma non conta
2. I 5S hanno approvato i condoni ma non conta
3. Si parlava della Russia, e poi si parla della Cina. Che poi gli Stati Uniti erano irritati con Di Maio per la vicenda della via della seta non conta
4. Bisogna leggere anche cose nuove. Consiglio "The Global Rise of Populism" di Moffitt e "The Digital Party" di Gerbaudo per cominciare
Ogni volta poi citi il PD o Renzi. Ma a me cosa importa? Che c'entra con il fatto se i 5S siano di destra o di sinistra?

Offline FatDanny

*****
17468
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6341 il: 12 Feb 2020, 15:50 »
Partiamo da un presupposto: in italia la sinistra non c'è. viviamo in un paese senza sinistra.
Non è che basta sedere in un ramo del parlamento per essere di sinistra. Le istanze di sinistra ad oggi non hanno rappresentanza politica.
Quindi se leggi il mio post da cui hai iniziato a discutere no, non stavo stabilendo se i 5S sono di sinistra anche perché rispondere è facile: non lo sono.

La cosa che ho detto, anche rimandando a quanto accaduto un anno fa, è semplicemente che hanno più punti di contatto col PD (ragione per cui viene citato) rispetto alla Lega.
Cosa dimostrata non solo dal governo in essere ma anche dalle prospettive future, così come dalla trattativa di un anno fa, saltata unicamente per l'impuntatura di Renzi (ragione n.2 di citazione).

Se tu estrapoli dal mio discorso che affiancare i 5S al PD significa ritenere che siano di sinistra è una tua libera interpretazione basata sul fatto, per me molto discutibile, che il PD sia un partito di sinistra.
Cosa che non trova alcun riscontro non nella ragione che a tuo dire vorrei prendermi ma nelle concrete politiche del PD che possiamo elencare e analizzare una dopo l'altra (ragione n.3 di citazione).

Non è che non conta l'aver approvato condoni, ma è evidente sia stato fatto per un compromesso di governo. Altrimenti dovrei dire che il PRC era un partito liberista perché ha approvato il pacchetto Treu all'epoca del primo governo Prodi, nonostante fosse totalmente alieno alla sua cultura politica!
Riesci a distinguere i tratti peculiari dalle scelte politiche dettate dalle necessità di governo?
O le alleanze europee dettate dalla convenienza?

Questo significa riabilitare i 5S? No.
Significa vederli come partito di sinistra? Meno che mai.

Più semplicemente l'alleanza pd-5S che in molti qui vedevano come innaturale non lo è manco per idea, sono partiti che, in forme diverse, sono su molti temi - PURTROPPO - molto simili.
Purtroppo, perché ciò dimostra ulteriormente come nemmeno il PD possa essere visto come partito di sinistra.
Nel merito, nei fatti, negli argomenti.
A prescindere dalle ragioni.
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6342 il: 12 Feb 2020, 18:54 »
in una democrazia universale, non solo ogni cittadino puo' votare, ma anche diventare politico.

ovvio che incontrera' resistenze, ma val la pena sempre ricordare che la lega ha iniziato poco meno di 30 anni fa, ad esempio.

se ci si metteva per bene ai tempi del voto utile a Rutelli, oggi forse avrebbe lo stesso peso di un PD.

sempre che nel frattempo i cittadini avessero votato le proposte fatte di elezione in elezione, che alla fine a loro rimane l'ultima parola in una democrazia 'one man one vote'.
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6343 il: 14 Feb 2020, 07:27 »
Uno vorrebbe sperare che quello che sta facendo Renzi in questo periodo basti e avanzi per relegare lui e le sue valchirie a percentuali da casapound...

Offline FatDanny

*****
17468
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6344 il: 14 Feb 2020, 09:17 »
Ricordo quando si faceva l'elogio della ministra Bellanova, una di origini umili, contadina, rispettosa del lavoro, etc

Una sequela di cazzate invereconde, una merda al servizio dei padroni che ha fatto danni sia nelle misure agricole che in quelle lavorative (vedi trattativa Almaviva).
Una di cui bisognerebbe ricordarsi il giorno dopo una rivoluzione.
Altro che grande. La peggiore di tutto l'attuale governo. D'altronde se è di Italia viva un motivo ci sarà.

Offline Ranxerox

*****
9821
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6345 il: 14 Feb 2020, 14:53 »
Renzi prima non si reggeva. Adesso è diventato urticante.
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6346 il: 14 Feb 2020, 15:19 »
Renzi là in mezzo è l'unico politico con un minimo di capacità, quantomeno di condizionamento.

Non a caso dopo aver messo fuorigioco Salvini mentre il buon Zinga ci si accordava per andare alle elezioni, visto l'inevitabile flop di Di Maio ora si sta concentrando sul mettere sulla graticola anche Conte.

Tanto, vuoi per cultura politica o vuoi per incapacità, nessuno opera nel pubblico interesse e nessuno è titolare della benchè minima visione politica, quindi in questo contesto non c'è anima vivia in grado di tenergli testa adeguatamente.
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6347 il: 14 Feb 2020, 18:44 »
renzi sta facendo il bullo (perche' di questo parliamo, quando si parla di capacita' di condizionamento), il che ci sta, sia perche' questo governo in pratica l'hanno fatto nascere lui e conte sia perche' la pochezza dei suoi alleati glielo permette. appunto dicevo: uno *vorrebbe sperare* che renzi venisse accantonato, ma di riffa o di raffa temo di trovarmelo sempre in mezzo, oltre che con le sue capacita' di condizionamento anche con le sue gia' note incapacita' governative. perche' i suoi fallimenti non me li sono ancora scordati.
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6348 il: 14 Feb 2020, 20:03 »
Renzi là in mezzo è l'unico politico con un minimo di capacità, quantomeno di condizionamento.

Non a caso dopo aver messo fuorigioco Salvini mentre il buon Zinga ci si accordava per andare alle elezioni, visto l'inevitabile flop di Di Maio ora si sta concentrando sul mettere sulla graticola anche Conte.

Tanto, vuoi per cultura politica o vuoi per incapacità, nessuno opera nel pubblico interesse e nessuno è titolare della benchè minima visione politica, quindi in questo contesto non c'è anima vivia in grado di tenergli testa adeguatamente.

Andreotti del 21 secolo .

STAMMERDA RICACATA .

Purtroppo non sparira' .

Gli ex berlusconiani (elettori) passeranno tutti con lui .

In questi giorni , per me , se la batte con l'olandese dell'inda .

Dove sono spariti tutti gli adepti di quel pd retto da questo emerito pezzo di merda ?

Una di cui bisognerebbe ricordarsi il giorno dopo una rivoluzione (cit) .

E due ...

Romanisti . (non trovo un epiteto peggiore) .

Anzi no .

Romanisti di merda .

Merde al quadrato .

Offline Gio

*****
6566
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6349 il: 14 Feb 2020, 21:13 »
Tutte manfrine. Si stanno preparando, quelli della sinistra, a depredare (per l'ennesima volta in 30 anni) stato ed aziende pubbliche.
E devono deviare l'attenzione dalle trattative per la spartizione.
Sai che caxxo gli frega della prescrizione e dei processi.
Poi, vedrete, a spartizione avvenuta, tornerà la preoccupazione per la terribile avanzata dei fascisti (ora hanno preso ferie) e il problema dei migranti (che ora non esistono più, sono spariti, ma sempre lì stanno, come prima) e tutti contenti. Loro.

Offline Vincelor

*
1361
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6350 il: 15 Feb 2020, 01:42 »
Invece quelli di destra che hanno fatto con lo stato e le aziende pubbliche?

Offline FatDanny

*****
17468
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6351 il: 15 Feb 2020, 08:25 »
Renzi là in mezzo è l'unico politico con un minimo di capacità, quantomeno di condizionamento.


Io invece ritengo certi crediti che alcuni politici detengono una roba del tutto immeritata, favole costruite, forse dal modo in cui li raccontano i giornali, e che costruiscono uno scaltro generale, un purosangue, dove in realtà c'è un mezzo brocco o quasi.

Alcuni esempi: fini, D'Alema ora Renzi.
Fini dopo Fiuggi non ne ha azzeccato MEZZA, ma è rimasto un grande politico grazie alla narrazione di quella svolta.
D'Alema idem, fondato sulla prosopopea della scuola quadri di Frattocchie, ha preso una quantità di cantonate che la metà bastavano e spesso sulla pelle del paese (ma tanto poi bastava dare la colpa a Bertinotti che tanto l'elettorato babbeo di sinistra ce credeva).

Oggi Renzi. Uno che si trova ad avere potere condizionale in un parlamento dai numeri ridicoli.
Però anche qui, notiamo la differenza percettiva derivante da quella mediatica: se turigliatto non vota una missione BELLICA, senza minacciare il governo ma dicendo che lui quello specifico non lo voterà, se il prc pochi anni prima, dopo aver ingoiato e votato la peggio merda, si impunta su PENSIONI e ORARIO DI LAVORO (cioè temi di interesse davvero generale) sono delle merde.
Non se dice che hanno "potere di condizionamento", ma che sono dei pazzi amici di Berlusconi e fini. Del merito non se parla proprio, sono richieste troppo estreme per definizione.
Renzi fa questa scorreggia che probabilmente manco gli riuscirà per avere due nomine di merda tra quelle in delibera ed è un grande politico?


Molti si chiedono come mai la sinistra radicale non ha avuto molti voti in passato.
E secondo voi questo meccanismo non c'entra niente?
Vi siete mai domandati da dove deriva o vi sembra normale?
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6352 il: 15 Feb 2020, 15:13 »
Io invece ritengo certi crediti che alcuni politici detengono una roba del tutto immeritata, favole costruite, forse dal modo in cui li raccontano i giornali, e che costruiscono uno scaltro generale, un purosangue, dove in realtà c'è un mezzo brocco o quasi.

Alcuni esempi: fini, D'Alema ora Renzi.
Fini dopo Fiuggi non ne ha azzeccato MEZZA, ma è rimasto un grande politico grazie alla narrazione di quella svolta.
D'Alema idem, fondato sulla prosopopea della scuola quadri di Frattocchie, ha preso una quantità di cantonate che la metà bastavano e spesso sulla pelle del paese (ma tanto poi bastava dare la colpa a Bertinotti che tanto l'elettorato babbeo di sinistra ce credeva).

Oggi Renzi. Uno che si trova ad avere potere condizionale in un parlamento dai numeri ridicoli.
Però anche qui, notiamo la differenza percettiva derivante da quella mediatica: se turigliatto non vota una missione BELLICA, senza minacciare il governo ma dicendo che lui quello specifico non lo voterà, se il prc pochi anni prima, dopo aver ingoiato e votato la peggio merda, si impunta su PENSIONI e ORARIO DI LAVORO (cioè temi di interesse davvero generale) sono delle merde.
Non se dice che hanno "potere di condizionamento", ma che sono dei pazzi amici di Berlusconi e fini. Del merito non se parla proprio, sono richieste troppo estreme per definizione.
Renzi fa questa scorreggia che probabilmente manco gli riuscirà per avere due nomine di merda tra quelle in delibera ed è un grande politico?


Molti si chiedono come mai la sinistra radicale non ha avuto molti voti in passato.
E secondo voi questo meccanismo non c'entra niente?
Vi siete mai domandati da dove deriva o vi sembra normale?

Semplifico.

Renzi, in petto a Conte, Di Maio, Zingaretti, Salvini, Meloni è un Gigante.

Ricordiamoci tutti che è l’uomo che ha fatto eleggere mattarella fregando anche un certo Berlusconi.

Non a caso anche dopo sue rovinose sconfitte politiche sta dettando l’agenda politica con numeri risibili.

P.s. Turigliatto chi?


Offline FatDanny

*****
17468
Re:Elezioni: i commenti dei Lazionetters
« Risposta #6353 il: 15 Feb 2020, 15:42 »
Ah ora è "turigliatto chi?"

Io ci posso stare ma allora perché questa stessa espressione non veniva usata quando cadde il secondo governo Prodi quando invece veniva raccontato che Franco turigliatto, lui da solo piu o meno come fosse un'impuntatura, era il responsabile della caduta del governo?
Li faceva comodo puntare il ditino verso la sinistra radicale.
Come faceva comodo all'epoca del primo governo Prodi e dello scherzetto di D'Alema (ma il mostro che regalava il paese alle destre era Bertinotti, ovvio. Aveva commesso l'errore di dire "scusate dopo dodici provvedimenti di centro si potrebbe approvare mezzo provvedimento di sinistra visto che teoricamente siamo una coalizione e la parte mia non è manco così piccola?").

Ora però "turigliatto chi".
All'epoca si istigava quasi esplicitamente al linciaggio, lo ricordo bene, oggi manco l'onestà di dire: "si, abbiamo strumentalizzato la cosa perché la prima cosa per importanza era evitare derive antisistema".
Sarebbe più corretto. E invece no, resta solo la [...]lla.

JS Renzi è uno che di grande ha solo la parlantina e l'arroganza.
Ma crede di essere in house of card, si immedesima in maniera sfacciata col protagonista, ma forse non ha capito che la realtà è più complessa di una fiction.
O forse ora l'ha capito, infatti vediamo che fine farà, se sarà il nuovo mazziere o un nuovo mazziato.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod