Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...

0 Utenti e 10 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #40 il: 29 Set 2015, 00:28 »
era un cazzotto in piena faccia

ennò, sbagli, enzì
mica era un pugile
cioè, lo era, ma non in quel momento
mica è colpa sua
è stata na cosa tipo che una farfalla ha sbattuto le ali in cina e una donna è cascata in una fermata della metro di roma
solo sfortuna
ci sta

Offline Lux67

*
1068
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #41 il: 29 Set 2015, 00:53 »
Bisogna tornare alla certezza della pena. Commetti un crimine? Il tuo posto è la galera.
Dai un cazzotto od una spinta e la persona muore. Ti fai 10 anni di gabbio.
Investi qualcuno con la macchina? Stai in galera.
Questi indulti e queste amnistie non si sopportano più. Questa storia che si deve puntare al reinserimento sociale crea solo recidivi che sono pericolosi per le persone per bene.
Hai commesso un grave crimine? Stai in galera perchè devi espiare la tua pena, per la sicurezza delle persone per bene e per mostrare a tutti la fine che fanno le mele marcie. :p

Offline laziAle82

*****
11472
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #42 il: 29 Set 2015, 01:06 »
In barba a tutte le statistiche del mondo moderno che dicono,
Invece, che più lunga è la pena, più alto il tasso di recidive..

Offline Lux67

*
1068
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #43 il: 29 Set 2015, 01:11 »
In barba a tutte le statistiche del mondo moderno che dicono,
Invece, che più lunga è la pena, più alto il tasso di recidive..
Lux67 non bisogna sempre prenderlo sul serio. A volte si vuole divertire.
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #44 il: 29 Set 2015, 01:55 »
un po' come la coscienza
anche se quella effettivamente è meglio avercela a fasi alterne, qualche volta fa comodo

Si può sempre diventare più umani. O almeno provacce.
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #45 il: 29 Set 2015, 02:08 »
Si può sempre diventare più umani. O almeno provacce.

io, che non sono umano affatto, prenderei chi sfiora una donna tipo questo qua e lo metterei in un posto da cui vedere il sole a scacchi se non per sempre quasi
ma effettivamente io non sò umano e lo so, lo ammetto
bisogna considerà le attenuanti, le fatalità, finanche le origini geopolitiche
o almeno così mi pare d'aver colto, altrimenti si disillude la gente

Offline sharp

*****
21484
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #46 il: 29 Set 2015, 05:02 »
@ cartesio
guarda se per te era una manata(Maricica casca di peso sviene quando la colpisce),
e guarda quello che fa lui dopo averla vista immobile per terra (metti a schermo intero altrimenti non si vede bene)


https://www.youtube.com/watch?v=RgKRRzuYfJw


un appunto :
io non sto dicendo che lo stro_nzo debba marcire in galera (e lo stesso vale per chi investe e scappa) , ed il reinserimento sociale è imho cosa giusta (partendo che chi fa determinate valutazioni sia persona con le competenze adatte), solo che il tizio in questione è un grandissimo stro_nzo, guarda se l'avesse soccorsa avrei anche capito (non giustificato) un attimo di rabbia (di cui comunque è giusto pagare le conseguenze), sicuramente Maricica sarebbe morta lo stesso,credo che la sua fine sia stata segnata già al momento dell'impatto al suolo, ma pensate invece se quei minuti guadagnati fossero serviti.

Offline laziAle82

*****
11472
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #47 il: 29 Set 2015, 08:01 »

Lux67 non bisogna sempre prenderlo sul serio. A volte si vuole divertire.

Se ho frainteso i toni me ne superScuso..

Offline Sonni Boi

*****
15063
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #48 il: 29 Set 2015, 08:28 »
@ cartesio
guarda se per te era una manata(Maricica casca di peso sviene quando la colpisce),
e guarda quello che fa lui dopo averla vista immobile per terra (metti a schermo intero altrimenti non si vede bene)


https://www.youtube.com/watch?v=RgKRRzuYfJw

2 cose

Prima di tutto, è da notare come è proprio lo [...] che fa per, come si dice a Roma, "partire de capoccia" alla signora, che in maniera instintiva - come fosse un riflesso - gli da uno schiaffo. E poi dopo quello è un pugno bello e buono, altro che manata.

Secondo, a me fa ribrezzo anche vedere quanto tempo passa prima che qualcuno soccorra la signora. Almeno una decina di persone la vedono stesa a terra esanime e fanno finta di niente.

Io non lo so che c'avemo in testa tutti quanti.

Offline FatDanny

*****
19975
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #49 il: 29 Set 2015, 10:52 »
...

sei poco credibile se come fonte citi uno dei principali diffusori di razzismo nella città di Roma.


Pur trovando agghiacciante quello che è accaduto, attenderò un caso inverso e mi godrò lo spettacolo assolutamente simmetrico della minimizzazione in favore del "migrante". Come se tutti i crimini non fossero odiosi


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

vedi il punto è proprio non cogliere la differenza qualitativa tra le due affermazioni.
Nessuno minimizza il comportamento di un non-italiano che uccide, non ho mai sentito dire, ad esempio nel caso dell'investimento avvenuto a primavalle "non l'hanno uccisa apposta, è un omicidio preterintenzionale, povero rom, è stato un caso tragico".
Ma si denuncia il tentativo di generalizzare un comportamento criminale ad un intero gruppo sociale (ben espresso dal titolo de Il Tempo "benvenuti a Rom"), affermando che il problema dei pirati della strada non riguarda un gruppo sociale in particolare.

Quindi per essere vera la tua analogia l'affermazione speculare nel caso di primavalle a quanto oggi viene scritto qui sarebbe, come detto prima "non l'hanno uccisa apposta, volevano solo correre in macchina come tanti ragazzi".
Ma non mi pare che sbracchio o qualcun altro abbia mai sostenuto questo, nessun "buonista" si è speso nell'apologia dei pirati della strada, come avrebbe fatto il messaggero se invece si fosse trattato di un italiano.

Oppure, prendendo il caso in oggetto, l'affermazione speculare nel caso di Maricica applicata in analogia al caso della Balduina sarebbe dovuta essere "tutti gli italiani sono killer violenti che pestano le donne". Ma non mi pare che sbracchio o qualcun altro stia sostenendo questo (come dovremmo invece fare applicando la logica ferrea dei vari comunicatori da strapazzo, messaggero in primis).

Quando si tratta dell'italiano ci si concentra sul comportamento individuale e si relativizza (altro caso quello del tassista stupratore, di cui si è sottolineato negli articoli il suo passato tragico e problematico)
Quando si tratta di persone percepite come non-italiane il comportamento individuale diviene comportamento sociale, caratterizzante.

Quindi il rovesciamento a cui alludi non solo è del tutto fallace se applicato ai presunti "buonisti nei confronti dei migranti", ma in realtà è del tutto interno ai difensori della patria.
I quali dai comportamenti individuali dei migranti desumono comportamenti sociali, mentre si cimentano con gran fatica a relativizzare i comportamenti individuali degli italiani per sfuggire alla loro stessa logica.

In ambedue i casi è ben presente la matrice razzista che li accompagna.

Offline Gio

*****
6980
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #50 il: 29 Set 2015, 11:49 »
Qui, però, non ci sono opinioni.
C'é una sentenza del giudice ed un provvedimento successivo di un altro giudice.
Quindi uno può pensarla come vuole, ma la veritá giudiziaria, fino a eventuale decisione differente, é una sola e deve essere rispettata, anche se non piace.
Se non la si rispetta, allora poi vale tutto. Per tutti.

Offline FatDanny

*****
19975
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #51 il: 29 Set 2015, 12:00 »

Se non la si rispetta, allora poi vale tutto. Per tutti.


Ben detto.
perché se tu pensi che io possa rispettare il fatto che si condanni a 3 anni e 6 mesi (6 mesi di carcere effettivi) chi uccide Federico Aldrovandi e si diano 10 anni a chi rompe una vetrina sei fuori strada.

Quindi credo proprio che lo stesso criterio lo applicherò a questo caso.
Nessun rispetto. Fortunatamente ho ancora una testa per valutare.

Online cartesio

*****
19414
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #52 il: 29 Set 2015, 12:01 »
Quando avrò tempo risponderò a chi ragiona, su tutti Sharp che tra l'altro porta l'esempio più vicino a come la vedo io, il tizio che fa un incidente e scappa lasciando i feriti in mezzo alla strada.
Però mi prendo un minuto per rispondere a questo:

sei poco credibile se come fonte citi uno dei principali diffusori di razzismo nella città di Roma.

Io sono poco credibile? A parte che non vivo a Roma e non leggo il Messaggero, ma in questa discussione conta portare dati ed informazioni. Li ho trovati su quella pagina, in cui si cita un'autopsia.
L'unica cosa che conta è: informazione vera o falsa?
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #53 il: 29 Set 2015, 12:04 »
Ben detto.
perché se tu pensi che io possa rispettare il fatto che si condanni a 3 anni e 6 mesi (6 mesi di carcere effettivi) chi uccide Federico Aldrovandi e si diano 10 anni a chi rompe una vetrina sei fuori strada.

Quindi credo proprio che lo stesso criterio lo applicherò a questo caso.
Nessun rispetto. Fortunatamente ho ancora una testa per valutare.

Riveniamo alla stessa questione dibattuta sul caso Scattone.
Criticare una sentenza é legittimo, non rispettarla é un'altra cosa.
Senno' é la jungla.

Offline FatDanny

*****
19975
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #54 il: 29 Set 2015, 12:11 »
E' GIA' la jungla.

Non è che se domani nella giungla si stabiliscono delle leggi che poi vengono sistematicamente aggirate, questa diviene più civile. Resta giungla.
E se l'esploratore prova a non essere sbranato mostrando alla tigre il codice da lui scritto è lui l'ingenuo, non la tigre che se ne disinteressa.
E infatti a prova provata di questo, ci sono assassini che tornano al lavoro dopo 6 mesi (per altro facendo un lavoro delicato come quello della pubblica sicurezza) e danneggiatori di vetrine che marciscono in carcere per anni.
Persone responsabili di tumori di centinaia di persone che al massimo pagano una multa e ladruncoli che se beccano 10 anni.

Se questa non è la jungla, dove il più forte se magna il più debole, che è?
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #55 il: 29 Set 2015, 12:19 »
E' GIA' la jungla.

Non è che se domani nella giungla si stabiliscono delle leggi che poi vengono sistematicamente aggirate, questa diviene più civile. Resta giungla.
E se l'esploratore prova a non essere sbranato mostrando alla tigre il codice da lui scritto è lui l'ingenuo, non la tigre.
E infatti a prova provata di questo, ci sono assassini che tornano al lavoro dopo 6 mesi (per altro facendo un lavoro delicato) e danneggiatori di vetrine che marciscono in carcere per anni.
Persone responsabili di tumori di centinaia di persone che al massimo pagano una multa e ladruncoli che se beccano 10 anni.

Se questa non è la jungla, che è?

Un sistema migliorabile.
Ma non con il rifiuto e il non rispetto delle sentenze.
Anche perché, e anche questa é la prova provata, alla fine finisce sempre in culo ai più deboli.
O si finisce in giustizia sommaria, che é peggio.

Nel caso in questione, giusto per essere IT, c'é stata una sentenza del tribunale che ha condannato a 8 anni l'imputato per omicidio preterintenzionale. Ora é in semiliberta e annaffia campi da tennis.
Annaffia campi da tennis.
Non vedo lo scandalo.

Offline FatDanny

*****
19975
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #56 il: 29 Set 2015, 12:28 »
Nel caso in questione infatti io non trovo nulla di male che innaffi campi da tennis.
io gli avrei fatto fare un lavoro socialmente più utile, ma va benissimo anche così.
Sono intervenuto nella discussione in valutazione del fatto, che mi sembrava relativizzato da alcuni interventi, non nella congruità dell'attuale pena.
Preferisco che questo individuo lavori per la società in qualche modo, piuttosto che farlo marcire in cella.
La mia valutazione del carcere è sostanzialmente negativa e, questo si, non fa differenze tra i vari condannati.
Perché il carcere è inutile in termini generali (oltre a riprodurre specularmente le differenze di condizione sociale, con il ricco che mantiene una condizione accettabile e il povero condannato a condizioni disumane).

Finisce in culo ai più deboli finché non diventano i più forti, IB.
La migliorabilità di cui parli mi sembra sia rimasta estremamente astratta nei 150 anni di vita della nostra nazione (e in quella di tante altre). Soprattutto in questo campo, dove li vedi questi miglioramenti?
La differenza sta solo nella percezione del pericolo da parte dei più forti.
Se il pericolo è maggiore, come in passato, la repressione aumenta. Se è minore, lascia degli spazi di tolleranza (ma non per amore liberale, quanto per puro calcolo).
Non mi pare si scampi da questa regola, oggi come 100 anni fa.

Non vedo migliorabilità, solo dominio. E il dominio si supera solo rompendone il giogo.
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #57 il: 29 Set 2015, 12:52 »
i tre casi presi in considerazione sono burtone scattone schettino ma a questo punto ci metterei pure speziale tutti e quattro casi di persone che la mattina si sono svegliati tutti contenti e la sera avevano uno o più morti sulla coscienza di conseguenza omicidi preterintenzionali per me non so se tutti lo sono anche per la giustizia
alcuni giuristi secondo me illuminati dopo la liturgia del processo ritengono che la pena diventa necessaria solo in caso di pericolosità del reo, in poche parole il processo dovrebbe dare soddisfazione ai parenti della vittima e allo stesso tempo far comprendere l'errore al colpevole
senza per questo rinchiudere un uomo in gabbia
ovviamente è una visione non da tutti apprezzata ma che ha anche dei vantaggi
in primo luogo non spezzi due vite e la vita che resta la porti su una strada con un percorso di crescita che può solo migliorarla anche in rapporto con chi ha colpito vedi i parenti della vittima
il carcere non è mai stato uno strumento di crescita ma di contenimento anche se si sono inventati questa palla
se qualcuno ha avuto modo di conoscerlo sa che è molto più brutto di quello che si immagina, il tempo non viene impiegato perché non ha valore e a quel punto blocchi qualsiasi processo di crescita aggiungendo a questo anche se alcuni ne possono essere contenti situazioni di igiene e promiscuità molto difficili
ironia reputo più utile il carcere (carceri molto diversi da quelle che abbiamo) per i reati contro il patrimonio ad esempio valentino rossi un paio di settimane col sole a scacchi glieli farei fare, in primo luogo perché non patteggi e dalla volta prossima denunci tutto
poi per me e comprendo che è una esagerazione anche gli omicidi volontari possono essere gestiti meglio fuori dalle mura di un carcere ma non è questo l'argomento   

Online cartesio

*****
19414
Re:Il killer di Maricica annaffia campi sportivi...
« Risposta #58 il: 29 Set 2015, 14:24 »

Nel caso in questione, giusto per essere IT, c'é stata una sentenza del tribunale che ha condannato a 8 anni l'imputato per omicidio preterintenzionale.

Un anno e quattro mesi in meno di Spaccarotella, che uccise un uomo in circostanze molto diverse. E io vedo una gran differenza tra uno che prende tranquillamente la mira con una pistola ed un'altro che in per un accesso di rabbia o di paura colpisce a mani nude un'altra persona.

Ho guardato anche il video segnalato da Sharp, allucinante (il video) per i comportamenti che mostra, da Burtone che colpisce l'infermiera e se ne va tranquillamente dopo aver raccolto le sue cose, al tipo che lo ferma  e nonostante veda lei stesa per terra pensa solo a fermare Burtone, alla vecchietta che guarda e passa, come altri passanti. Dal video non riesco a capire se la mano fosse chiusa o no - pugno o manata - ma non fa molta differenza, Burtone l'ha colpita. La gravità del colpo, al di là della forza con cui viene inferto, dipende dalle conseguenze. Anche lei aveva colpito lui, ma non lo consideriamo perché non gli ha fatto niente (crediamo). Almeno fisicamente. Non so se lei sia svenuta o sia solo caduta, momentaneamente stordita, battendo la testa. Queste cose non si capiscono da un filmato di cattiva qualità.

E non so se qualcuno abbia osservato che fino al momento del colpo di Burtone era lei da denunciare, non lui.

Questa frase, che isolo intenzionalmente, genererà una quantità di commenti scandalizzati, perché non conta quel che è successo, ma il significato che ha in relazione ai vari moralismi che agitano la piazza, anche quella virtuale in cui ci esprimiamo. Quello che mi spaventa di più, ed il motivo per cui continuo a scrivere in questa discussione, è l'indifferenza di tanti per le persone, che vengono usate come strumenti da incasellare in ruoli prefissati. L'immigrato, il razzista, il giustiziere. Le persone reali passano in secondo piano, vengono usate come attori di una rappresentazione che in realtà è un scontro tra gruppi che passa sulle loro teste.

Io non posso accettarlo.

 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod