La Sovranitá

0 Utenti e 7 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline RG-Lazio

*
4098
La Sovranitá
« il: 01 Ott 2022, 12:37 »

Ho notato che in diverse discussioni il fantasma di questo concetto si presenta in tutta la sua apparente scontatezza e opacitá.

Sembra scontato che la sovranitá appartenga in una monarchia al sovrano, in un´ aristocrazia ai nobili in una democrazia al popolo, etc...eppure questa lettura é a dir poco superficiale, non tanto perché sia io a dirlo ma tutto un dibattito sulla sovranitá che da secoli agita giuristi, filosofi, storici e politologi.

"Scolasticamente" si puó parlare di due grandi scuole, formalisti e decisionisti, che fanno capo a 2 mostri della filosofia del diritto: Kelsen e Carl Schmitt. Brutalizzo al massimo il formalismo (personalmente non mi ha mai convinto piú di tanto, ergo non sono preparato ad approfondirlo :beer:). Il Formalismo, o normativismo che dir si voglia, sostiene che ci siano delle norme piú o meno universali che determinano le forme di esercizio del potere attraverso le diverse istituzioni. L´Onu é praticamente un´emanazione delle teorie di Kelsen che se non sbaglio ha preso anche parte ai lavori.

Il decisionismo schmittiano al contrario fonda il potere (sovrano) sulla premessa che "sovrano é, chi decide sullo stato di eccezione". Ossia ad un certo punto, il diritto viene sospeso (prassi normale in guerra...ma non solo...vedi terrorismo in Italia etc.) e il politico agisce direttamente senza prendere in considerazione il legislativo e il giudiziario. A mio modo di vedere la teoria di Schmitt é piú fondata storicamente e materialisticamente.

Due parole su Schmitt. Fu uno degli intellettuali processati a Norimberga, aderí al Partito Nazista attivamente, e contribui alle riforme costituzionali. Grande studioso del diritto romano, in realtá dopo un certo periodo entró in collisione con il nazismo perché contrario allo stato di eccezione permanente in cui il nazismo concepiva l´esercizio del diritto. Come anche Heidegger fu un pó ingenuo per non dire fesso a fidarsi di Hitler. Questo non fa di lui una brava persona, anzi [...] antisemita. Resta un grande studioso.

Partendo da Schmitt parlare di sovranitá popolare é inconsistente. Nessun popolo decide sullo stato di eccezione. Al massimo si puó parlare di una volontá popolare.

Il diritto internazionale, la struttura delle istituzioni internazionali e la loro Gewalt  (termine tedesco che significa sia violenza che potere...ossia il potere di imporre la forza) non hanno forza tale per decidere sullo stato di eccezione. Non possono garantire un bel niente. Schmitt purtroppo aveva ed ha sempre ragione.

Il diritto internazionale potrebbe funzionare, solo e soltanto se avesse a disposizione una Gewalt (e quindi un potere militare internazionale o meglio il potere militare internazionale) che decidesse in merito allo stato di eccezione.

Facciamo un esempio su Italia e Germania (paese in cui sono nato e in cui vivo)...l´arsenale atomico nei rispettivi stati é di proprietá USA, che dispongono di basi militari in entrambi gli stati. Inoltre il 40% delle riserve auree di questi paesi é in USA.
Davvero possiamo credere che i popoli italiano e tedesco possa esprimere una qualche sovranitá? possano decidere sullo stato di eccezione??   

       


Offline Aquila1979

*
3357
Re:La Sovranitá
« Risposta #1 il: 01 Ott 2022, 16:01 »
Bellissimo topic, concordo con il tuo assunto, ma sono davvero poco ferrato sull’argomento. Spero che altri vogliano approfondire, vi leggerò con piacere.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod