occupazione case di proprietà

0 Utenti e 26 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Giako77

*
7630
Re:occupazione case di proprietà
« Risposta #100 il: 18 Nov 2023, 18:21 »

Il libero mercato e il capitalismo crea solo barbarie. La casa come bene primario non può essere soggetto a libero mercato, come il pane e gli altri generi di prima necessità. Ci hanno raccontato la più grande balla della storia quando hanno detto (con il centrosinistra in prima fila) che grazie al mercato e alla libera concorrenza si sarebbero addirittura abbassati i prezzi. E così non è successo per la casa, energia e generi alimentari generi di prima necessità soggetti a continue speculazioni di mercato e giochi di borsa e finanziari che paghiamo con il nostro continuo impoverimento e che per altri si traducono in grandissimi profitti.

Gio dice che si dovrebbe premiare chi affitta abbassando le tasse a chi lo fa. Giustissimo. Il problema è che questa legge esiste e si chiama canone concordato che permette il taglio delle imposte del 25% (mi sembra, forse anche di più) se si rispettano certi criteri. Il problema sono i sindacati corrotti come CGIL CISL E UIL (SUNIA, SICET e UNIAT + Unione Inquilini di area rif.com) che firmano accordi territoriali, per esempio a Roma, in cui il canone concordato coincide col prezzo di mercato! A differenza nostra (ASIA - USB) che ci siamo rifiutati e abbiamo dato battaglia. Quindi oggi puoi affittare casa a prezzi di mercato e ottieni pure uno sconto fiscale che porta meno entrate al comune e quindi meno servizi. DA PAZZI!!! E ovviamente firmare questi accordi ti da la possibilità ai sindacati firmatari, quindi non a noi, di controfirmare questi contratti di affitto per 150€ l'uno. Noi ne andiamo orgogliosi ovviamente.

Detto questo ci sarebbe anche un'altra legge, quella più importante ossia la Costituzione, che ci dice che la proprietà privata è sacrosanta ma nei limiti della funzione che deve svolgere.
Quindi se sono proprietario di 2,10 o 100 appartamenti non vero manco per il cazzo che posso fare come cazzo mi pare se non svolge la funzione sociale per cui quella proprietà è garantita. E infatti grazie a questo ci sono state a Roma negli anni 2000 le famose requisizioni di Medici e Catarci (presidenti municipali) a grandi proprietà per metterci gli sfrattati


Offline Giako77

*
7630
Re:occupazione case di proprietà
« Risposta #101 il: 18 Nov 2023, 18:48 »
Scusate il doppio post ma volevo distinguere la mia piccola analisi sul mercato della casa con la mia vicenda personale visto che qualcuno me l'ha chiesto e non ho mai risposto perché mi è sfuggito.

Dopo tanti anni che ne parlo sì sono ancora qui e scrivo da qui dall'ex scuola al prenestino. Nel frattempo è successo che in cambio di una possibile trattativa stiamo pagando circa 200€ al mese, la trattativa va avanti da 2-3 anni. Non conosco i dettagli perché ormai non faccio più il sindacalista della casa ma mi occupo del lavoro. Da quel che ho capito o accenderemo un mutuo (che poi in qualche modo ci verrà restituito scontando il canone) per la ristrutturazione del palazzo oppure lo farà il comune e poi noi pagheremo un affitto al comune. Oppure una via di mezzo.

Invece lo spazio culturale che era sotto ha riconsegnato le chiavi al comune ed è stato sigillato ed è in balìa di topi e blatte. I costi di affitto erano impossibili da sostenere per chi vuole fare un'attività socioculturale e non imprenditoriale. Tutto questo in nome di una legalità validissima per chi non ha soldi e al contrario per chi ne ha tanti, vedere post precedente. Si è preferito lasciarlo in mano a topi e blatte anziché ad una esperienza, certamente illegale ed abusiva, che dava spazio ad artisti e produceva cultura e aggregazione

Online FatDanny

*****
37110
Re:occupazione case di proprietà
« Risposta #102 il: 13 Dic 2023, 09:00 »
Oggi paginone sul Fatto Quotidiano di grande rilievo, perché snocciola alcuni numerelli importanti.

In Italia:
10 mln  di case sfitte
25% di media, fino al 75% nelle  aree interne.
Milano, tra quelle che ne ha meno, comunque ha il 12% di case  sfitte (oltre una ogni dieci).

Intanto i  mutui schizzano in  modo  inverosimile e l'affitto non  è un'alternativa (costa 33% in più)


Ecco un tipico  esempio delle distorsioni immonde della proprietà privata.  La merda dell'accumulazione.
Con questa mole immensa di case sfitte si continua a costruire, con gravi danni ambientali, e migliaia di famiglie continuano a  restare senza casa e per giunta viene fatta della loro condizione una colpa in caso occupino ("e che so scemo  io che mi  sono fatto un mutuo") senza minimamente considerare l'impossibilità di molti, per redditi  percepiti, di avere alternative.


Questo è.
L'unica cosa da fare in un contesto del genere è la requisizione dello sfitto volto ad affittare  a prezzi popolari. In questo modo calerebbero drasticamente prezzi delle  case e degli  affitti.
La lobby del mattone va massacrata. Purtroppo  il blocco edilizio in  italia è un segmento sociale immenso e che prende anche la piccola proprietà, quella delle seconde case, terrorizzata  da qualsiasi intervento in materia.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod