Governo Meloni

0 Utenti e 74 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Re:Governo Meloni
« Risposta #1980 il: 11 Lug 2024, 19:28 »
una delle cose più inutili .

dove atterri ?

al Leonardo da vinci o a Fiumicino ?

Bergamo o Caravaggio ?

far contenti 4 cog/ioni .

non vi incazzate ...

Offline radar

*****
9368
Re:Governo Meloni
« Risposta #1981 il: 11 Lug 2024, 19:39 »
Beh inutile non lo so, i miei ex colleghi all'estero da stamattina non fanno che prendermi per il culo per questa storia...
E il bello è che hanno ragione nel farlo

Offline PARISsn

*****
21263
Re:Governo Meloni
« Risposta #1982 il: 11 Lug 2024, 20:02 »
da https://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=123293&fr=n

Le “composizioni per uso orale di cannabidiolo” tra le sostanze stupefacenti. Il decreto in GU tra le critiche di produttori e associazioni
di G.R.
Il decreto arriva dopo la sospensiva del Tar Lazio del 5 ottobre 2023. In sintesi, il cannabidiolo, estratto ottenuto dalla cannabis, entra nella tabella degli stupefacenti e non potrà più essere venduto nei negozi, nelle erboristerie e nei tabaccai (ad esempio sotto forma di olio in gocce), ma solo nelle farmacie con ricetta medica non ripetibile. Critiche dall'Associazione Imprenditori canapa Italia e Luca Coscioni per la mancata considerazione della raccomandazioni dell'Oms


Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 157 del 6 luglio il Decreto del Ministero della Salute 27 giugno 2024 che inserisce le "composizioni per somministrazione ad uso orale di cannabidiolo ottenuto da estratti di cannabis" nella tabella delle sostanze stupefacenti.
Il decreto arriva dopo la sospensiva del Tar Lazio del 5 ottobre 2023. In sintesi, il cannabidiolo, estratto ottenuto dalla cannabis, entra nella tabella degli stupefacenti e non potrà più essere venduto nei negozi, nelle erboristerie e nei tabaccai (ad esempio sotto forma di olio in gocce), ma solo nelle farmacie con ricetta medica non ripetibile.

Il Decreto del 27 giugno 2024 è solo l’ultimo di una serie di provvedimenti e pareri istituzionali che hanno avuto inizio nel 2020. Già il 1° ottobre 2020, un decreto simile aveva cercato di aggiornare le tabelle contenenti le sostanze stupefacenti e psicotrope, includendo il CBD nella sezione B della tabella dei medicinali, soggetto quindi a prescrizione medica non ripetibile. Tuttavia, l’entrata in vigore di questo decreto è stata sospesa il 28 ottobre 2020, a causa delle richieste di ulteriori approfondimenti tecnici da parte delle autorità sanitarie.

Il 7 agosto 2023, un ulteriore decreto ministeriale è stato emesso per revocare la sospensione del 2020 e ripristinare l’inserimento del Cbd nella tabella B. Tuttavia, anche questo decreto, come dicevamo, è stato sospeso dal Tar del Lazio che ha accolto l'istanza cautelare di sospensione del decreto, rilevando che la motivazione del decreto “appare priva della richiesta integrazione istruttoria da parte del Consiglio Superiore di Sanità e non sufficientemente chiara in ordine ai concreti pericoli di induzione di dipendenza fisica o psichica”.

In esecuzione dell’ordine del giudice, il Ministero della Salute ha rinnovato l’istruttoria, inviando una nuova richiesta di parere sia all’Istituto superiore di sanità che al Consiglio Superiore di Sanità. I pareri aggiornati hanno confermato la necessità di inserire il Cbd nella tabella B dei medicinali​.

A complicare ulteriormente la questione c'è poi la posizione dell'Oms che, nel 2017 raccomandava ufficialmente che il Cbd non fosse classificato a livello internazionale come sostanza controllata, e una sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea del 2020 con la quale si chiariva che un divieto di commercializzazione del Cbd può essere adottato “soltanto qualora tale rischio risulti sufficientemente dimostrato”.

L'associazione Imprenditori canapa Italia ha annunciato che chiederà immediatamente e formalmente i pareri dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e del Consiglio Superiore di Sanità (Css). "Se questi pareri sono favorevoli all’inserimento del Cbd nella tabella B dei medicinali, contrasteremo tali decisioni, poiché vanno in direzione contraria a tutta la letteratura scientifica disponibile e contro le disposizioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) e della comunità europea sulla sicurezza del cannabidiolo. Le evidenze scientifiche internazionali, comprese quelle dell’Oms, dimostrano chiaramente che il Cbd è una sostanza sicura senza rischio di abuso e dipendenza"​.

"Solleviamo inoltre - prosegue l'Associazione - seri dubbi sul fatto che questa serie di manovre legislative possa essere volta a favorire indebitamente le case farmaceutiche, consegnando loro un mercato dal grande potenziale economico. Questa preoccupazione nasce dall’apparente intenzione del governo di restringere l’accesso al Cbd attraverso la medicalizzazione forzata, un’azione che sembra avvantaggiare esclusivamente le grandi aziende farmaceutiche a discapito dei piccoli produttori e degli operatori del settore della canapa".


"Alla luce dei recenti sviluppi - un significativo passo indietro per l'industria della canapa in Italia​ - chiederemo immediatamente e formalmente i pareri dell'Istituto superiore di sanità (Iss) e del Consiglio superiore di sanità (Css). Se questi pareri sono favorevoli all'inserimento del cannabidiolo (Cbd) nella tabella B dei medicinali, contrasteremo tali decisioni, poiché vanno in direzione contraria a tutta la letteratura scientifica disponibile e contro le disposizioni dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e della comunità europea sulla sicurezza del cannabidiolo. Le evidenze scientifiche internazionali, comprese quelle dell'Oms, dimostrano chiaramente che il Cbd è una sostanza sicura senza rischio di abuso e dipendenza". Così l'Ici, associazione Imprenditori canapa Italia, interviene in una nota dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto del ministero della Salute che include il cannabidiolo nella tabella delle sostanze stupefacenti e psicotrope.
"Solleviamo inoltre seri dubbi - rimarcano gli imprenditori - sul fatto che questa serie di manovre legislative possa essere volta a favorire indebitamente le case farmaceutiche, consegnando loro un mercato dal grande potenziale economico. Questa preoccupazione nasce dall'apparente intenzione del Governo di restringere l'accesso al Cbd attraverso la medicalizzazione forzata, un'azione che sembra avvantaggiare esclusivamente le grandi aziende farmaceutiche a discapito dei piccoli produttori e degli operatori del settore della canapa".

Critica anche l'Associazione Luca Coscioni. "A parte la totale mancanza di considerazione per le raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e l'abbondante letteratura scientifica che da decenni prevedono il Cbd come terapia prescrivibile per molte condizioni, Il Ministro Schillaci sembrerebbe essersi assunto la responsabilità di forzare la mano, bloccatagli per almeno un paio di volte dal TAR del Lazio, che aveva fissato per il 16 settembre 2024 la decisione finale del ricorso presentato un anno fa da alcune organizzazioni che producono cannabis. Se così fosse sarebbe solo un terzo motivo per cui questa decisione va messa in mora", commenta Marco Perduca, dell'Associazione Luca Coscioni ed ex Senatore e Presidente del Referendum Cannabis.

"La giustificazione del Ministro sarebbe l'aver ricevuto nel mese di maggio una nuova istruttoria da parte dell'Istituto superiore di sanità e dal Consiglio superiore di sanità di cui naturalmente non si rintraccia neanche l'indice degli studi consultato. Considerare stupefacente una molecola al centro di raccomandazioni internazionali perché efficace nel trattamento di diverse condizioni, dall'epilessia minorile a spasmi muscolari andrà ad aggiungere ulteriori ostacoli burocratici allo stigma che purtroppo ancora accompagna l'uso medico della cannabis e la sua cronica mancanza sul mercato italiano colpendo decine di piccole e medie imprese cresciute negli anni. Il decreto entrerà in vigore il 27 luglio, occorrerà approfondire se è andata veramente così perché si tratterebbe di un precedente molto grave", conclude Perduca.

Giovanni Rodriquez

e poi che non sfugga un ulteriore particolare e cioe' che se devi andare in farmacia con la ricetta automaticamente ti schedano da qualche parte come consumatore  ;)

Offline hafssol

*
8598
Re:Governo Meloni
« Risposta #1983 il: 11 Lug 2024, 20:56 »
e poi che non sfugga un ulteriore particolare e cioe' che se devi andare in farmacia con la ricetta automaticamente ti schedano da qualche parte come consumatore  ;)

Paradossalmente, potrebbe essere un primo passo verso la legalizzazione e la distribuzione di Stato.
Ovviamente lo intendo solo a livello organizzativo e procedurale, perché è senz'altro quanto di più lontano dalle menti (?) dei nostri governanti.
Re:Governo Meloni
« Risposta #1984 il: 12 Lug 2024, 08:53 »
Poi dite che il governo meloni non fa nulla....
L'innominabile ministro delle infrastrutture ha appena detto che ENAC ha avviato le procedure per intitolare Malpensa a Berlusconi.

Le priorità del governo meloni.

Io mi aspetto un bel "Aeroporto Internazionale Punta Raisi-Totò Riina", tanto uno più uno meno....

A momenti lo battezzavano  :o

https://www.ilfattoquotidiano.it/2024/07/11/malpensa-aereo-della-compagnia-cilena-latam-urta-la-pista-per-centinaia-di-metri-durante-il-decollo-costretto-allatterraggio-demergenza/7620505/

Offline vaz

*****
55386
Re:Governo Meloni
« Risposta #1985 il: 12 Lug 2024, 09:35 »
Re:Governo Meloni
« Risposta #1986 il: 12 Lug 2024, 10:15 »
Questo siamo come Paese

https://www.facebook.com/share/v/FcTCFj9AUks2b4wB/

Orrore e Paura




Ai tempi del fascismo non sapevo di vivere ai tempi del fascismo
Hans Magnus Enzesberger (1929 – 2022)

(è un esempio eh, chiamatelo come volete questo nostro governo e il progetto di società che ha)

Offline mr_steed

*
6943
Re:Governo Meloni
« Risposta #1987 il: 12 Lug 2024, 15:04 »
https://www.open.online/2024/07/12/chico-forti-minacce-di-giacomo-polizia-spp-reazione/

Chico Forti, oltre a Lucarelli e Travaglio anche il sindacalista del Spp Di Giacomo: «Non sono preoccupato, ma a breve uscirà dal carcere»

«In Italia chi è condannato per omicidio resta in carcere non meno di 22 anni, lui negli Stati Uniti, dove non ha mai creato problemi per cattiva condotta, si è già fatto 25 anni. Non è assolutamente vero che l’Italia debba attenersi alle applicazioni degli altri Stati: in Italia si applica solo la legge italiana e lui ora è sotto la competenza del magistrato di sorveglianza.».

CF futuro candidato alle prox europee? o magari anche prima?
Re:Governo Meloni
« Risposta #1988 il: 18 Lug 2024, 00:23 »
Stavo cercando se ci fosse un topic apposito, ma non l'ho trovato.
Nel dubbio lo metto qui (in qualche modo, se vogliamo, è in tema)...

Caracas, il gatto randagio legato ai binari e schiacciato dal treno nella stazione di Roma Tuscolana

È morto schiacciato dal treno della stazione Tuscolana di Roma, dopo essere stato legato ai binari. ‘Caracas’ era un gattino randagio, molto socievole che forse si è fidato troppo. "Un gatto di quartiere", lo definiscono su Facebook ‘Mici di Villa Lais' sulla loro pagina, annunciando anche la fiaccolata di oggi pomeriggio per manifestare “contro tutta la violenza che stiamo vedendo negli ultimi periodi su dei poveri animali innocenti”.

Comune parte civile
"Rimango attonita dalla lettura quasi irreale di una notizia apparsa su 'Repubblica' e che testimonia come questa scia di sangue continui a macchiare la nostra Capitale. Dopo il cane Giorgio, leggiamo di una nuova vittima della cattiveria degli uomini: ‘Caracas’, un gattino molto amato nel quartiere Mandrione, è stato legato ai binari della stazione Tuscolana e ucciso dal passaggio di un treno".

Così in una nota la Garante per la tutela e il benessere degli animali di Roma Capitale Patrizia Prestipino. “Un'ennesima barbarie, un vero e proprio orrore, che ha procurato ancora una vittima incapace di difendersi e completamente in balia della violenza degli uomini - aggiunge -In qualità di Garante per la tutela e il benessere degli animali di Roma Capitale chiedo al Comune di Roma di costituirsi parte civile. Faccio appello alla sensibilità dei romani, che in molti dimostrano da sempre di avere a cuore gli animali della nostra città, e chiedo la loro numerosa partecipazione alla fiaccolata organizzata per ricordare il gattino”.

La fiaccolata per Caracas e contro la violenza verso gli animali
L'indignazione dei residenti che lo conoscevano ha portato all'organizzazione di una fiaccolata. Come comunicato sul profilo FB dei 'Mici di Villa Lais', si partirà alle 19 da via Deruta - all'entrata della villa - passando per via del Mandrione per poi arrivare in via Casilina vecchia".


https://www.rainews.it/articoli/2024/07/caracas-il-gatto-legato-ai-binari-e-ucciso-dal-treno-a-roma-prestipino-comune-sia-parte-civile-roma-capitale-patrizia--mandrione-fiaccolata--ee414076-2b0f-4ec7-8c18-93796a8882c6.html

Non so è solo un mio sentore ma il tema delle violenze sugli animali inizia a diventare sempre più preoccupante. Ormai episodi del genere sono all'ordine del giorno (considerando che ce ne sono tantissimi che non diventano notizia e che rimangono nascosti o mai scoperti).

Non credo che la repressione di per sé basti (anche se inasprire le pene per certi reati, male non sarebbe) e credo invece che sia anche se non soprattutto un problema "pedagogico" (a vari livelli).

Online kurt

*****
6898
Re:Governo Meloni
« Risposta #1989 il: 18 Lug 2024, 22:02 »
[...] pezzi di merda. Speriamo che il karma infierisca dolorosamente su questi rifiuti umani.

Offline radar

*****
9368
Re:Governo Meloni
« Risposta #1990 il: 19 Lug 2024, 08:42 »
Mi unisco alle invocazioni di sofferenze atroci per questi pezzi di sterco, devo però dire che col governo meloni, dal quale sono distante non anni luce ma galassie intere, c'entra ben poco anzi nulla
Re:Governo Meloni
« Risposta #1991 il: 19 Lug 2024, 08:45 »
Anche io forse sono off topic, ma forse neanche tanto.
Il PD ha rivotato un'altra volta la Von Der Leyen?
Cioe ha rivotato quella pezza di merda serva degli americani che vorrebbe la guerra dentro i confini russi? Quella merda che ha avallato l'assassinio di 16000 bambini in palestina?
Il vomito...

Offline radar

*****
9368
Re:Governo Meloni
« Risposta #1992 il: 19 Lug 2024, 08:54 »
Questa cosa meriterebbe un topic dedicato

Offline Rorschach

*****
13005
Re:Governo Meloni
« Risposta #1993 il: 19 Lug 2024, 09:07 »
[...]
Non so è solo un mio sentore ma il tema delle violenze sugli animali inizia a diventare sempre più preoccupante. Ormai episodi del genere sono all'ordine del giorno (considerando che ce ne sono tantissimi che non diventano notizia e che rimangono nascosti o mai scoperti).
[...]

Non possiamo avere dati oggettivi perchè le violenze sugli animali non sono mai state documentate in assenza di denunce, quindi non possiamo che discettarne in via del tutto soggettiva.
Io credo che, semplicemente, oggi ci sia una sensibilità diversa e quindi questi episodi abbiano più risalto.

OT
Quanto cambierebbe la nostra percezione di immigrati e clochard se i mass media ci proponessero costantemente degli approfondimenti sulle loro origini, le situazioni che hanno dovuto affrontare e come lottano costantemente per tenersi a galla?
EOT
Re:Governo Meloni
« Risposta #1994 il: 20 Lug 2024, 21:45 »
Non possiamo avere dati oggettivi perchè le violenze sugli animali non sono mai state documentate in assenza di denunce, quindi non possiamo che discettarne in via del tutto soggettiva.
Io credo che, semplicemente, oggi ci sia una sensibilità diversa e quindi questi episodi abbiano più risalto.

OT
Quanto cambierebbe la nostra percezione di immigrati e clochard se i mass media ci proponessero costantemente degli approfondimenti sulle loro origini, le situazioni che hanno dovuto affrontare e come lottano costantemente per tenersi a galla?
EOT

Concordo sul fatto che oggi vi sia una sensibilità diversa sul tema. Ma credo anche che la questione dei maltrattamenti o comunque della violenza gratuita sia un fenomeno relativamente nuovo (accentuatosi in maniera clamorosa con l'avvento dei social o comunque con la loro capillare diffusione). Penso ad esempio alla generazione dei nostri nonni (i miei sono nati negli anni '30), di certo non era una generazione "animalista" ma ecco non ce li vedo a torturare un animale indifeso per il solo gusto di farlo (o mostrarlo). Lo stesso dicasi, molto probabilmente, anche per la generazione dei nostri genitori.
Noi ovviamente parliamo dell'Italia, ma il problema non è certamente solo il nostro. Nel deep web se uno si mette a cercare un attimo (e vi sconsiglio di farlo) girano dei video terrificanti provenienti da tutto il mondo. Probabilmente è proprio questa cosa del mostrare le proprie "gesta" che incentiva certe dinamiche. Di certo è un tema complesso (e si, probabilmente meriterebbe un topic a parte).

Ti rispondo anche al tema che hai lanciato nel OT (ma che tanto OT non è)...

Secondo me, purtroppo, cambierebbe poco/nulla. Il livello di "cattivismo" raggiunto da alcuni è tale che troverebbero comunque il modo o di sminuire le sofferenze altrui o peggio ancora di fregarsene proprio (e di vantarsi di ciò). Figuriamoci se certa gentaglia possa essere in grado di provare un minimo di empatia verso gli altri (anche a fronte dei racconti di vita dei diretti interessati).
Faccio un semplicissimo esempio. Tutti quanti voi immagino abbiate visto il video di quel camionista che prende a cinghiate dei migranti (donne prevalentemente) nascosti nel suo camion. Ebbene il 90% dei commenti che si leggono sul web sono del tenore de "ha fatto bene", "troppo poco" e robe varie.
Personalmente penso che l'unico modo per far si che certi soggetti possano avere una possibilità di sviluppare una certa consapevolezza sulle sofferenze altrui sarebbe quello di fargliele vivere direttamente (e ovviamente è da intendersi come una provocazione).
Re:Governo Meloni
« Risposta #1995 il: 21 Lug 2024, 15:43 »
E' l'altra faccia della medaglia .

vecchia discussione di molti anni fa sempre su LN .

la faccia di quelli che considerano l'animale di casa come un figlio .

contrapposta a quelli che considerano un animale come un soprammobile .

oppure se volete , per estremizzare , quelli che scaricano sugli animali quella violenza , latente , che non hanno il coraggio o la pazzia , di scaricare su un essere umano .

il tutto amplificato dal numero sempre maggiore di animali domestici e sempre meno bambini .

soprattutto in città .

giustamente noi siamo diversi dai nostri figli e molto diversi dai genitori , per non parlare dei nonni .

Sugli animali , imho , si sta perdendo la cultura contadina .

ne di dx ne di SN .

Offline arturo

*****
15066
Re:Governo Meloni
« Risposta #1996 il: 21 Lug 2024, 18:00 »
Esattamente.
L'animale è animale e, come diceva mia nonna, " il cristiano è cristiano"
Re:Governo Meloni
« Risposta #1997 il: Oggi alle 01:43 »
Esattamente.
L'animale è animale e, come diceva mia nonna, " il cristiano è cristiano"

Ni.
Cioè di base il rispetto per la vita umana verrà anche prima di tutto, ma il rispetto per tutte le creature (e in generale per la natura) sarebbe anch'esso dovuto.
Comunque si, di sicuro è un tema complesso (e di certo OT).
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod