il vino del contadino

0 Utenti e 4 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline FatDanny

*****
29211
Re:il vino del contadino
« Risposta #40 il: 19 Ago 2022, 12:49 »
beh, sull'Amarone però possiamo pure capirlo

(amo particolarmente i vini della Valpolicella)

Offline Sonni Boi

*****
15892
Re:il vino del contadino
« Risposta #41 il: 19 Ago 2022, 12:58 »
@sonni concordo con la tua risposta. In effetti la solforosa è una semplificazione. Sono d’accordo anche sul fatto che in media oggi si beva molto meglio di anni fa. Secondo me anche perché i nuovi vignaioli partono da più conoscenza di base. A settembre starò in vigna per fare analisi di terroir e prodotto iniziale, i ragazzi con cui lavoro sono metodici che manco Walter white.

Mi ero perso questo commento.

Ti andrebbe di spiegarmi, anche con qualche accenno tecnico, che tipo di studio andrai a fare?

Online arturo

*****
13205
Re:il vino del contadino
« Risposta #42 il: 19 Ago 2022, 13:09 »
beh, sull'Amarone però possiamo pure capirlo

(amo particolarmente i vini della Valpolicella)

E chiamalo fesso , iglone.  :=))

Online vaz

*****
49558
Re:il vino del contadino
« Risposta #43 il: 19 Ago 2022, 13:13 »
Sul terroir, facciamo analisi metabolomica ogni 4 mesi. In poche parole, mappiamo la quantità di alcuni aminoacidi (un esempio è l’omocisteina, precursore di molte specie di antiossidanti naturali). Sul prodotto iniziale, io mi occupo perlopiu di valutazione iniziale e mediana del mosto (in particolar modo acido tartarico malico e citrico. Faccio inoltre analisi molecolare e metabolomica).

L’analisi terroir l’abbiamo trovata fondamentale. Cambiando leggermente i nutrienti la qualità finale è incrementata un botto, tra il 2019 ed il 2021.

Online arturo

*****
13205
Re:il vino del contadino
« Risposta #44 il: 19 Ago 2022, 13:15 »
Tiè !  Altro che il vino del contadino ....

ES , fatte vivo. :=))

Offline Sonni Boi

*****
15892
Re:il vino del contadino
« Risposta #45 il: 19 Ago 2022, 13:23 »
Sul terroir, facciamo analisi metabolomica ogni 4 mesi. In poche parole, mappiamo la quantità di alcuni aminoacidi (un esempio è l’omocisteina, precursore di molte specie di antiossidanti naturali). Sul prodotto iniziale, io mi occupo perlopiu di valutazione iniziale e mediana del mosto (in particolar modo acido tartarico malico e citrico. Faccio inoltre analisi molecolare e metabolomica).

L’analisi terroir l’abbiamo trovata fondamentale. Cambiando leggermente i nutrienti la qualità finale è incrementata un botto, tra il 2019 ed il 2021.

Molto interessante, grazie  ;)

Online Dissi

*****
20006
Re:il vino del contadino
« Risposta #46 il: 19 Ago 2022, 14:02 »
Molto interessante, grazie  ;)

OT
Sonni, questo topic mi procura una decisa distonia data dal tua competenza e conoscenza che cozza decisamente con il tuo avatar.
Vedere uno con la faccia di un cerebroleso (che comprerà il cartone da 5lt di tavernello) disquisire con così tanta competenza mi impone di resettare il mio cervello ogni volta per rendermi conto che non è lui che parla. 😁😁😁😁

Offline FatDanny

*****
29211
Re:il vino del contadino
« Risposta #47 il: 19 Ago 2022, 14:05 »
sai che ho la stessa sensazione?
:lol:

Sonni, cambia avatar!

Online zorba

*****
7893
Re:il vino del contadino
« Risposta #48 il: 19 Ago 2022, 14:08 »
beh, sull'Amarone però possiamo pure capirlo

(amo particolarmente i vini della Valpolicella)

Ho avuto la possibilità di assaggiare il risotto omonimo, in un recente viaggio a Verona.

Una delizia.

Offline Sonni Boi

*****
15892
Re:il vino del contadino
« Risposta #49 il: 19 Ago 2022, 14:39 »
OT
Sonni, questo topic mi procura una decisa distonia data dal tua competenza e conoscenza che cozza decisamente con il tuo avatar.
Vedere uno con la faccia di un cerebroleso (che comprerà il cartone da 5lt di tavernello) disquisire con così tanta competenza mi impone di resettare il mio cervello ogni volta per rendermi conto che non è lui che parla. 😁😁😁😁

 :lol:

Mi dispiace, ma l'avatar non si tocca  :nono: :diab:


Ecco, l'amarone è uno di quei vini di cui io quasi mai riesco ad andare oltre il mezzo bicchiere. Alta gradazione alcolica, spesso eccessiva concentrazione e sentori di frutta surmatura se non proprio cotta me lo rendono quasi sgradevole, a meno che non sia bilanciato da una notevolissima acidità che apporti un po' di freschezza.

Online vaz

*****
49558
Re:il vino del contadino
« Risposta #50 il: 19 Ago 2022, 14:40 »


Ecco, l'amarone è uno di quei vini in cui io quasi mai riesco ad andare oltre il mezzo bicchiere. Alta gradazione alcolica, spesso eccessiva concentrazione e sentori di frutta surmatura se non proprio cotta me lo rendono quasi sgradevole, a meno che non sia bilanciato da una notevolissima acidità che apporti un po' di freschezza.

idem, andremmo d'accordo sul bere mi sa

io con la canicola sto praticamente bevendo solo pet-nat (pure se alcuni...mammamia)

Offline FatDanny

*****
29211
Re:il vino del contadino
« Risposta #51 il: 19 Ago 2022, 14:50 »
beh sicuramente l'Amarone non è un vino di cui sfonnasse.
é un vino di cui bere un bicchiere, non una bottiglia.

Comunque se devo comprare un vino da tavola, prescindendo quindi dal famoso contadino, ad oggi io compro il rosso della valpolicella della Cantina di Negrar, che tra i vini "da supermercato" ha un buon rapporto qualità/prezzo.
Re:il vino del contadino
« Risposta #52 il: 19 Ago 2022, 16:13 »
beh sicuramente l'Amarone non è un vino di cui sfonnasse.
é un vino di cui bere un bicchiere, non una bottiglia.

Comunque se devo comprare un vino da tavola, prescindendo quindi dal famoso contadino, ad oggi io compro il rosso della valpolicella della Cantina di Negrar, che tra i vini "da supermercato" ha un buon rapporto qualità/prezzo.

Da non bevitore, trovo molto buono il primitivo: che ne pensate?

Offline FatDanny

*****
29211
Re:il vino del contadino
« Risposta #53 il: 19 Ago 2022, 16:34 »
vale lo stesso discorso dell'Amarone.
è un vino molto forte, difficile da bere a tavola.
Mentre un bicchiere lontano dai pasti, magari accompagnato ad un formaggio stagionato, per me è gradevole.

Offline LaFonte

*
1415
Re:il vino del contadino
« Risposta #54 il: 19 Ago 2022, 17:42 »
Se sul forum è ammessa la pubblicità, chiedo sommessamente consigli sul Lambrusco. Esiste ancora qualcuno che produce lambrusco di qualità, e come si chiama?

FD, il vino del contadino a me piace perchè è buono (ne ho sentiti alcuni pre covid che davano il giro a quelli blasonati... almeno per il mio palato). A te piace per l'effetto nostalgia. Un pò come la musica anni 60-70 cantata live da autori 80enni, che viene apprezzata da chi era giovane ai tempi per le emozioni che dà, non per la qualità intrinseca di come la cantano oggi.
Re:il vino del contadino
« Risposta #55 il: 19 Ago 2022, 17:58 »
io bevo quasi solo bianchi in realtà

e mi sono appassionato alla rinascita e conversione dei vini laziali, le nuove generazioni appunto

Offline trax_2400

*****
13871
Re:il vino del contadino
« Risposta #56 il: 19 Ago 2022, 18:12 »
io bevo quasi solo bianchi in realtà

e mi sono appassionato alla rinascita e conversione dei vini laziali, le nuove generazioni appunto
Ti perdi il Cesanese del Piglio ...
Re:il vino del contadino
« Risposta #57 il: 19 Ago 2022, 18:22 »
nell'area di Bolgheri

Ho un cliente in quella zona.
Ottimo « domaine », che stiamo valorizzando.
Probabilmente dovrò andarci in settembre.

Online vaz

*****
49558
Re:il vino del contadino
« Risposta #58 il: 19 Ago 2022, 18:26 »
@LaFonte

Camillo Donati
Marco Lanzotti (anche se un po’ più sperimentale)
Vigneto Saetti
Ah e dimenticavo Cá de Noci

Online bizio67

*
15488
Re:il vino del contadino
« Risposta #59 il: 19 Ago 2022, 18:29 »
A proposito di Cesanese segnalo Divago e Calitro
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod