Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa

0 Utenti e 13 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #60 il: 20 Dic 2019, 17:14 »
Hai ragione.
Andate avanti, vi leggo volentieri.

Online PARISsn

*****
13024
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #61 il: 20 Dic 2019, 17:49 »
un paio di giorni fa fuori dall'hip hop di mio figlio (che si debba considerare hip hop uno sport mi disturba) 3 militari parlavano di pensioni, non erano in divisa ma si capiva, probabilmente di marina, non gli andava bene l'età della pensione ma ad un certo punto uno ha detto "pensate un po', solo pochi anni fa eravamo tutti e tre in pensione a 52 anni" mi è venuto spontaneo, portando via mio figlio, dirgli che andando in pensione a 52 anni sarebbero stati i loro figli a pagargli la pensione
io andrò in pensione a 67 anni, a quale età è giusto fare battaglie per l'età pensionabile??

per me non c'e nessuna eta' giusta o sbagliata...è sbagliato proprio il presupposto di legare la pensione all' eta' invece che a  un tot anni di contribuzione...si dovrebbe determinare il numero di anni che uno deve lavorare per aver diritto alla pensione...40?, 41?, 42?, 43? bene...se inizi a lavorare a 20 anni, a 63 vai in pensione...se inizi a 18 ci vai a 61, se inizi a 16 ci vai a 59....dopodiche' per giustizia sociale va fissato anche un massimale di eta' per lavorare ( chiaramente non obbligatorio ) 65..66...67...nel senso che uno arrivato a quel massimale di eta'...se anche non ha raggiunto il max della contribuzione  puo' andare in pensione e verra' retribuito per gli anni che ha lavorato...si determina  il massimale a 67 anni? ok...uno che  inizia a lavorare a 40anni...a 67 puo' andare in pensione con 27 anni di contributi...per rientrare nel discorso diciamo che la sinistra si è troppo adagiata sulla legge Fornero che per  molti ( quasi tutti e in tutte le categorie di lavoratori....dagli impiegati di banca agli operai ) è sembrata ingiusta...conosco tanta gente orientata a sinistra che  pure ha applaudito alla Quota 100...quello pensionistico è un settore in cui serie proposte che non tornano alle baby pensioni ma consentano alle persone di non dover lavorare fino alla soglia dei 70 anni, portano voti ...
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #62 il: 20 Dic 2019, 17:58 »
tutti gli indicatori, occidente, paesi ex comunisti, asia, terzo mondo, ecc segnano un miglioramento delle condizioni di benessere
dove si è rimasti indietro è perchè si fatica ad inserirsi nella globalizzazione: più multinazionali più salute, più euguaglianza, più diritti

questa l’equazione
la dimostrazione la lasciamo come compito per le vacanzr

Online FatDanny

*****
20033
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #63 il: 20 Dic 2019, 18:31 »
Peccato che sia falsa.
Gli indicatori ci dicono che la diseguaglianza è in crescita (indice di Gini, fonte istat), che sempre più famiglie entrano nella condizione di povertà relativa e assoluta (fonte istat), negli Stati Uniti le aree povere metropolitane hanno difficoltà ad accedere a cibo sano, vivono di junk food, parliamo di 25 mln di persone, quasi il 10% della popolazione statunitense (fonte USDA). CIBO JIMMY, cazzo, non un bel mobile, una bella auto, non accedono a del fottuto cibo che non sia merda nello stesso paese in cui registrano profitti a nove zeri e c'è una quantità di cibo sprecato da sfamare una nazione di dimensioni medie e tu parli di benessere in aumento? :lol:

Ma andiamo avanti: nel 2015 UN MILIONE di italiani in più ha rinunciato a curarsi (da 12 a 13 mln) per ragioni economiche (fonte istat) e viviamo un incredibile analfabetismo di ritorno in cui l'80% degli italiani non comprende pienamente quel che legge in un testo mediamente complesso (fonte istat).

Questi i dati, mi sono limitato a quelli italiani ma potrei andare oltre e avremmo risultati sostanzialmente analoghi. hai qualcosa da dire anche sull'istat? Che dati hai tu? Te lo dico io, dati che guardano solo al reddito medio, OVVIAMENTE in costante aumento. In primo luogo perché è una media (quindi non tiene conto delle diseguaglianze, come il procapite) in secondo luogo non tieni conto, non avendo mai studiato l'economia (il tuo passato marxista è una delle tue fake news, al massimo te ce davi un tono) non sai che la ricchezza è un rapporto relativo, non assoluto, per la natura stessa dello strumento moneta quindi se la distanza tra le parti aumenta puoi essere nominalmente più ricco ma sostanzialmente più povero.

Questo dovrebbe portare te e i "progressisti" a venirci a chiedere "vi prego, spiegateci il mondo perché noi proprio non l'abbiamo capito" invece di parlare di dati che non conoscete per confermare la favoletta di chi governa questo mondo.

Ma la cosa veramente grave è come vi definite. Progressisti.
Voi truffate le persone peggio degli altri. Siete più funzionali degli altri ai ricchi perche disarmate la gente, con parole suadenti e argomenti convincenti se non si conosce la realtà raccontate frottole e questa discussione lo dimostra pienamente.
Raccontate una realtà a tutto vantaggio loro: ma no, non sono così ricchi come si direbbe, non li invidiare, e poi dai, guarda che alla fine sto sistema ti dà dei veri vantaggi, ti fa stare bene per cui non ti lamentare e lavora per fare meglio. Per diventare come loro.

Il progressismo :lol:

Un tempo con te mi incazzavo. E sbagliavo. Davanti a questa roba tocca solo ridere. Prima mostrare i dati reali, poi ridere a crepapelle perché così ci si rapporta ai tirapiedi, a chi fa il lavoro sporco e magari nemmeno ne è consapevole.
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #64 il: 20 Dic 2019, 18:44 »
cherry picking su cose marginali

cerca death birth rate globale
life expectancy
ecc

hai tutto natale, prendi tempo

Online FatDanny

*****
20033
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #65 il: 20 Dic 2019, 18:53 »
Cose marginali :lol:
Ma guarda che sei forte eh.
Cose marginali, piccole distorsioni Ve?
Io ti porto indicatori generali e tu ripeti a memoria le tue parole chiave: l'indice di Gini non può essere cherry picking per definizione, ma capisco che questo tu non puoi capirlo.

Meno male che i tuoi dati sono affidabili, mica come Oxfam
https://bmcpublichealth.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12889-018-5058-9
:lol:

Ma leggi anche qui va:
https://www.repubblica.it/salute/ricerca/2017/07/18/news/aspettativa_di_vita_uomo_si_sta_fermando-171064947/

Nemmeno mi serve arrivare a parlare del fatto che un indicatore sulla lunghezza della vita non è indice di benessere che è, per definizione, un aspetto qualitativo.

Quando la realtà non piace i progressisti la negano per vivere in un mondo dove il capitalismo è una roba bellissima.
Anche questa sarà una caratteristica del progresso :lol:
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #66 il: 20 Dic 2019, 18:57 »
dammi tempo ti dico
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #67 il: 20 Dic 2019, 19:00 »
btw, al volo, seriamente quell’articolo di repubblica ti dice qualcosa? capisci la parola “rallentando”?

Online FatDanny

*****
20033
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #68 il: 20 Dic 2019, 19:05 »
Forse l'hai letto talmente veloce da non aver letto delle ragioni.
Comunque aspetto i tuoi dati, non è la prima volta che li aspetto.
Vai vai, prova a dimostrare che dobbiamo ringraziare i ricchi.
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #69 il: 20 Dic 2019, 20:14 »
Ok, nei miei 12 giorni di ferie (grazie capitalismo) per Natale (grazie religione) volevo macinare dati e tirare fuori un report definitivo.

Ma dopo pochissimo cercare trovo (grazie Internet) che qualcuno lo ha già fatto. E "che qualcuno"! Banalmente la più autorevole e rispettabile università del mondo: la Oxford University.
Letteralemte oro colato.
Migliaia di dati la storia dice una sola cosa: tutti gli indicatori sono migliorati enormemente negli ultimi decenni.

https://ourworldindata.org/

Online FatDanny

*****
20033
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #70 il: 20 Dic 2019, 20:28 »
Cioè tu ti permetti di giudicare un report come quello di ofxam basandoti su uno straccio di esempio di indebitamento privato (una supercazzola incredibile quella dello studente di Harvard, ma proprio una roba da certificazione di incompetenza o di malafede, come molti dei detrattori di Oxfam d'altronde), arrogandoti il diritto senza la benché minima competenza di dire che è carta straccia e poi per rispondere a dati che ho riportato puntualmente da fonti statistiche ufficiali ysi un sito realizzato alla Oxford university senza nemmeno degnarti di indicare a quali indicatori o grafici o dati fai riferimento?

Cioè Oxfam che deriva i suoi report da statistiche ufficiali sono cialtroni in cerca di click e tu metti un sito e siccome è fatto alla Oxford hai dimostrato qualcosa?

:lol: :lol: :lol: :lol:

Dai Jimmy, guarda che se non ti impegni fai una figuraccia di quelle incredibili, come, non so se noti, stai facendo quest'oggi.
Almeno rendimelo difficile dimostrare di avere ragione. Nel merito come sul tuo progressismo :lol:
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #71 il: 20 Dic 2019, 20:34 »
Ci sono le fonti in ogni grafico. E' Oxford, no Oxfam...
Dai Danny, smetti di pigliare per il culo o mi fai incazzare. Vatti a vedere i report, sono tutti chiarissimi.

Online FatDanny

*****
20033
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #72 il: 20 Dic 2019, 20:52 »
QUALI?
1) sono semplici grafici, non report. Qualitativamente non c'è paragone, è come mettere a confronto un abstract con una tesi di dottorato.

2) parlano di qualsiasi cosa, sono svariate pagine di grafici sui più svariati argomenti, anche su cose che col nostro discorso non ci azzeccano nulla, quindi nella loro complessità non dimostrano assolutamente nulla di quanto dici. quindi o ci fai il piacere di indicare quali tra quei semplici grafici (in confronto ad un rapporto intero) dimostrerebbero quel che affermi oppure la tua è l'ennesima supercazzola.

Cioè tu il rapporto oxfam, una roba di svariate pagine e fonti non te lo sei letto manco per sbaglio, non ci prendere per il culo per favore, altrimenti vedresti che ha una nota metodologica che altro che la fonte citata al margine di un grafichello.
Hai fatto la tua ricerchina Google sulle critiche al rapporto e ce l'hai schiaffata in un post.
A te interessa solo tenere il punto, ma dell'argomento non ne sai niente di niente.

E siamo alla quarta caratteristica del progressismo contemporaneo :lol:
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #73 il: 20 Dic 2019, 21:52 »
Ignorando disperati tentativi di tenere vivo il proprio mondo immaginario produciamo il primo studio.

La sintesi in un'immagine che racconta come la speranza di vita sia aumentata drasticamente in tutto il mondo. L'importanza di vivere a lungo non andrebbe spiegata però possiamo notare come possa funzionare da macroindice di una serie di sottostanti: salute, assenza di guerre, nutrizione, sopravvivenza alla nascita, ecc. Primum vivere deinde philosophari, insomma.

Il grafico:


Due delle fonti (notare la bibliografia di un centinaio di pubblicazioni, parliamo di studi universitari):
https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/j.1728-4457.2005.00083.x

https://www.gapminder.org/data/documentation/gd004/

Per gli sventuarati non possessori di browser grafico del XXI secolo riassumo: dal 1950 ad oggi tutti i paesi aumentano di moltissimo la speranza di vita.

L'India passa da una vita MEDIA di 35 anni a 68.
Il Brasile da 50 a 75.
La Francia da 66 a 82 (non dubito che i francesi sarebbero felicissimi di tornare a morire a 66 anni ed andare in pensione a 58!)
L'Angola da 31 a 61.
La Rep. Centroafricana da 31 a 51 (quella che aumenta meno di tutti).

Online Tarallo

*****
97860
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #74 il: 20 Dic 2019, 21:58 »
(il problema non è il browser ma tu non puoi capire)

La aspettativa media di vita è migliorata dappertutto grazie alla ricerca medica, spesso finanziata dai cittadini e comunque applicata universalmente. Come fa a essere un sintomo delle meraviglie del capitalismo e del progressismo, della destra o della finta sinistra?
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #75 il: 20 Dic 2019, 22:05 »
...
Io alla critica del polipo sui consumi aggiungo al semplice rifiuto (che richiama mutatis mutandis al luddismo) la necessità di riorganizzare la produzione in modo diverso, non per produrre tanto a basso costo (orientata al profitto) ma produrre quel che serve al costo che ne garantisca la qualità (orientata alla domanda).
Molte merci oggi sono di merda non solo perché così costano poco ma anche perché durino poco. La logica del profitto ne guadagna (in nuovi acquisti futuri).
Se invece la produzione è orientata al bisogno il frullatore lo farò a costi magari più alti ma in grado di durare dieci anni e di avere pezzi facilmente sostituibili perché il mio scopo non sarà venderne sempre di più, ma rispondere a tutti quelli che hanno bisogno di quella data merce.

È facile? Non è facile, ma è la direzione che andrebbe perseguita. Non solo per una questione di giustizia sociale, ma anche di sostenibilità ambientale che mi sembra stia bussando alle nostre porte

Perfetto. Il consumismo di oggi a me sembra una aberrazione del capitalismo degli anni '50, quando si produceva non solo "robba" di qualità, ma anche aspirazioni sociali in un processo in cui più o meno tutti potevano (con sacrifici e sagacia) ambire al meglio.
Il consumismo, invece, si limita a produrre e far comprare merda che tutti possono avere con 4 spicci, abbattendo orgoglio e aspirazioni.
Risultato: una società di cerebrolesi più o meno indebitati per comprarsi l'ultimo iphone o farsi le vacanze alle isole fanculie, per condividere un selfie e sperare di nascondere, innanzitutto a se stessi, la propria "poraccinaggine".
Il tutto, distruggendo il pianeta, e per arricchire chi oggi muove questo mercato: non più l'imprenditore che provava orgoglio nella produzione di un determinato bene, ma la figura demoniaca dell'investitore, il burattinaio della finanza speculativa che ha come obiettivo quello di incrementare i margini del profitto, fuggire dalla giusta tassazione, bruciare se stesso e il mondo alla ricerca disperata di un edonismo narcisistico.
Alleluja.
Ribadisco: grande rispetto per FD e per chi combatte questo consumismo.




Online FatDanny

*****
20033
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #76 il: 20 Dic 2019, 22:06 »
AAHAHAHAH

ironia della sorte: mi sono già occupato di questo grafico. In questo forum. A pochi post di distanza. Topic dati.
Ho fatto una lunga digressione sulla nota metodologica di questo specifico grafico.

Cioè tu sbeffeggi un rapporto di Oxfam per la cazzata dello studente di Harvard ma dai credibilità ad un grafico che non avendo dati statistici né serie storiche per ricostruire l'aspettativa di vita di inizio 900 nell'80% del mondo si affida a proiezioni basate sulle curve europee.
Cioè ipotizzando che la curva in Europa possa aver avuto un andamento simile in africa.

Non serve aggiungere altro.
Fa capire che su Oxfam il tuo non è rigore, ma solo calunnia. Sbugiardato al primo grafico. Complimentoni :lol:
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #77 il: 20 Dic 2019, 22:27 »
Mmm quindi non ce'è stato aumento della vita media ve'?
Oppure è come dice Tarallo, c'è stato ma grazie alle ricerche mediche finanziate dai piani quinquennali dei gloriosi paesi del blocco socialista?

Rega', basta, mi avete stufato. Rimanete nella vostra goccia d'acqua. Ignorerò il topic. Chi vuole potrà approfondire ha il link.

Online Tarallo

*****
97860
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #78 il: 20 Dic 2019, 22:29 »
No ma spiegaci la causa del prolungamento della vita media.

Prima però rileggi il titolo del Topic.
Compreso, che so, il fatto che se era per le multinazionali del fumo strippavamo ancora a 50 anni.
Re:Sinistra politica e sociale: la differenza tra la miseria italiana e l'Europa
« Risposta #79 il: 20 Dic 2019, 22:33 »
No ma spiegaci la causa del prolungamento della vita media.

Prima però rileggi il titolo del Topic.

La ricchezza Tarallo, la globalizzazione, l'aumento delle risorse e dei fondi per la ricerca.

BTW, per Danny, che dice che l'aumento non c'è stato, l'elenco delle citazioni dello studio che lui ha confutato. Immagino ci sia anche la sua...

Non intervengo né leggo più, giuro.

Leonardo S.L. Bastos, Janaina F. Marchesi, Silvio Hamacher and Julia L. Fleck, A mixed integer programming approach to the patient admission scheduling problem, European Journal of Operational Research, 10.1016/j.ejor.2018.09.003, 273, 3, (831-840), (2019).
Crossref
Barbara Barbosa Neves and Frank Vetere, Ageing and Emerging Digital Technologies, Ageing and Digital Technology, 10.1007/978-981-13-3693-5_1, (1-14), (2019).
Crossref
Yuan S. Zhang, Hyunju Shim and Eileen M. Crimmins, Life Expectancy and Health Expectancy, Reference Module in Biomedical Sciences, 10.1016/B978-0-12-801238-3.11295-4, (2019).
Crossref
Pekka Martikainen, Domantas Jasilionis, Liina Junna and Lasse Tarkiainen, Life Expectancy Among Finnish Men and Women with Doctorate Degrees Over the Period 1971–2015, Epidemiology, 10.1097/EDE.0000000000001063, 30, 6, (e32-e33), (2019).
Crossref
Mengying Zhang, Jinlu Dai and Evan T. Keller, Multiple Roles of Osteocytes in Bone-Associated Cancers, Reference Module in Biomedical Sciences, 10.1016/B978-0-12-801238-3.11246-2, (2019).
Crossref
Caroline Hughes, Sukumar Natarajan, Chunde Liu, Woong June Chung and Manuel Herrera, Winter thermal comfort and health in the elderly, Energy Policy, 10.1016/j.enpol.2019.110954, 134, (110954), (2019).
Crossref
Minako Hoshi, Tracking down a missing trigger for Alzheimer's disease by mass spectrometric imaging based on brain network analysis, , 10.1016/bs.pmbts.2019.05.011, (2019).
Crossref
Zahra Gounani, Mohammad A. Asadollahi, Rikke L. Meyer and Ayyoob Arpanaei, Loading of polymyxin B onto anionic mesoporous silica nanoparticles retains antibacterial activity and enhances biocompatibility, International Journal of Pharmaceutics, 10.1016/j.ijpharm.2017.12.039, 537, 1-2, (148-161), (2018).
Crossref
Christoph Scherrer, Überzählige Arbeitskräfte, PERIPHERIE – Politik • Ökonomie • Kultur, 10.3224/peripherie.v38i3.04, 38, 3-2018, (450-471), (2018).
Crossref
Daniel Gallardo-Albarrán, Missed opportunities? Human welfare in Western Europe and the United States, 1913-1950, Explorations in Economic History, 10.1016/j.eeh.2018.11.004, (2018).
Crossref
Junko Kato and Seiki Tanaka, Human development without democratic accountability: how regressive taxation contributes to human development through state capacity, Japanese Journal of Political Science, 10.1017/S1468109918000233, 19, 3, (429-443), (2018).
Crossref
Nages Nagaratnam, Kujan Nagaratnam and Gary Cheuk, Rheumatoid Arthritis, Geriatric Diseases, 10.1007/978-3-319-33434-9_60, (485-499), (2018).
Crossref
Kameel Mungrue, Health Services at the Primary Care Level, Global Encyclopedia of Public Administration, Public Policy, and Governance, 10.1007/978-3-319-20928-9_2836, (3019-3023), (2018).
Crossref
Jonathan Rychen, Sarah Stricker, Luigi Mariani, Stefan Schaeren and Gregory F. Jost, Outcome of Spinal Surgery in Patients Older Than Age 90 Years, World Neurosurgery, 10.1016/j.wneu.2018.11.188, (2018).
Crossref
Garry Egger and Michael Sagner, Ein der Keimtheorie äquivalentes Modell für die Präventionsmedizin 1 1In Anlehnung an Egger G (2012). In search of a ‘germ theory’ for chronic disease. Prev Chronic Dis 9(11): 1–7., Präventionsmedizin, 10.1016/B978-3-437-23274-9.00003-4, (33-42), (2017).
Crossref
Xavier Didelot, Lilith K. Whittles and Ian Hall, Model-based analysis of an outbreak of bubonic plague in Cairo in 1801, Journal of The Royal Society Interface, 10.1098/rsif.2017.0160, 14, 131, (20170160), (2017).
Crossref
Louis G. Pol, Rapid Growth in the Elderly Population of the World, Brain and Spine Surgery in the Elderly, 10.1007/978-3-319-40232-1_1, (3-15), (2017).
Crossref
Geovani López-Ortiz, Investigar y publicar en Medicina Familiar, Atención Familiar, 10.1016/j.af.2017.01.001, 24, 1, (1-2), (2017).
Crossref
Dan J. Stein, Carmen C. W. Lim, Annelieke M. Roest, Peter de Jonge, Sergio Aguilar-Gaxiola, Ali Al-Hamzawi, Jordi Alonso, Corina Benjet, Evelyn J. Bromet, Ronny Bruffaerts, Giovanni de Girolamo, Silvia Florescu, Oye Gureje, Josep Maria Haro, Meredith G. Harris, Yanling He, Hristo Hinkov, Itsuko Horiguchi, Chiyi Hu, Aimee Karam, Elie G. Karam, Sing Lee, Jean-Pierre Lepine, Fernando Navarro-Mateu, Beth-Ellen Pennell, Marina Piazza, Jose Posada-Villa, Margreet ten Have, Yolanda Torres, Maria Carmen Viana, Bogdan Wojtyniak, Miguel Xavier, Ronald C. Kessler and Kate M. Scott, The cross-national epidemiology of social anxiety disorder: Data from the World Mental Health Survey Initiative, BMC Medicine, 10.1186/s12916-017-0889-2, 15, 1, (2017).
Crossref
Christopher M. Dobson, The Amyloid Phenomenon and Its Links with Human Disease, Cold Spring Harbor Perspectives in Biology, 10.1101/cshperspect.a023648, 9, 6, (a023648), (2017).
Crossref
Kameel Mungrue, Health Services at the Primary Care Level, Global Encyclopedia of Public Administration, Public Policy, and Governance, 10.1007/978-3-319-31816-5_2836-1, (1-5), (2016).
Crossref
Nages Nagaratnam, Kujan Nagaratnam and Gary Cheuk, Rheumatoid Arthritis, Geriatric Diseases, 10.1007/978-3-319-32700-6_60-1, (1-15), (2017).
Crossref
Sandro Galea, Making epidemiology matter, International Journal of Epidemiology, 10.1093/ije/dyx154, 46, 4, (1083-1085), (2017).
Crossref
Junko Kato and Seiki Tanaka, Does Regressive Taxation without Democratic Accountability Contribute to Human Development? The Effect of Recent Trends in State Revenue Production in Developing Countries, SSRN Electronic Journal, 10.2139/ssrn.3009075, (2017).
Crossref
Jana Reifegerste and Harald Clahsen, Accessing morphosyntactic information is preserved at old age, except for irregulars, The Mental Lexicon, 10.1075/ml.17008.rei, 12, 3, (342-372), (2017).
Crossref
Mingyu Wang and Jin Hou, Biorefinery of Lignocellulosics for Biofuels and Biochemicals, Quality Living Through Chemurgy and Green Chemistry, 10.1007/978-3-662-53704-6_7, (143-191), (2017).
Crossref
Eva-Maria Fach, Frank Rosenbach and Matthias Richter, Mortalitätsentwicklung und Gesundheitsbewegungen in Europa: Eine historische Perspektive, Handbuch Bevölkerungssoziologie, 10.1007/978-3-658-01410-0_25, (529-552), (2016).
Crossref
Alexandra L. Mathews, Adriana Coleska, Patricia B. Burns and Kevin C. Chung, Evolution of Patient Decision‐Making Regarding Medical Treatment of Rheumatoid Arthritis, Arthritis Care & Research, 68, 3, (318-324), (2016).
Wiley Online Library
Thomas R. Frieden, The Future of Public Health, New England Journal of Medicine, 10.1056/NEJMsa1511248, 373, 18, (1748-1754), (2015).
Crossref
Woo-Jung Song, Kyoung-Hee Sohn, Min-Gyu Kang, Han-Ki Park, Mi-Yeong Kim, Sae-Hoon Kim, Min Kyung Lim, Min-Ho Choi, Ki Woong Kim, Sang-Heon Cho, Kyung-Up Min and Yoon-Seok Chang, Urban–rural differences in the prevalence of allergen sensitization and self-reported rhinitis in the elderly population, Annals of Allergy, Asthma & Immunology, 10.1016/j.anai.2015.03.008, 114, 6, (455-461), (2015).
Crossref
Tomas Palacios, Catherine Solari and William Bains, Prosper and Live Long: Productive Life Span Tracks Increasing Overall Life Span Over Historical Time among Privileged Worker Groups, Rejuvenation Research, 10.1089/rej.2014.1629, 18, 3, (234-244), (2015).
Crossref
John Gerring, Carl Henrik Knutsen, Svend-Erik Skaaning, Jan Teorell, Michael Coppedge, Staffan I. Lindberg and Matthew Maguire, Electoral Democracy and Human Development, SSRN Electronic Journal, 10.2139/ssrn.2652180, (2015).
Crossref
Andrew J. Schein and Nava Haruvi, Older Women, Economic Power, and Consumerism, Women and Aging, 10.1007/978-3-319-09306-2_3, (31-49), (2014).
Crossref
Alistair Woodward and Tony Blakely, Could we all live to 100? Should we?, Australian and New Zealand Journal of Public Health, 39, 1, (3-4), (2015).
Wiley Online Library
David N. Weil, Health and Economic Growth, , 10.1016/B978-0-444-53540-5.00003-3, (623-682), (2014).
Crossref
Eva-Maria Fach, Frank Rosenbach and Matthias Richter, Entwicklungen und Determinanten der Mortalität und Morbidität in historischer Perspektive, Handbuch Bevölkerungssoziologie, 10.1007/978-3-658-04255-4_25-1, (1-19), (2014).
Crossref
Leandro Prados de la Escosura, Human development in Africa: A long-run perspective, Explorations in Economic History, 10.1016/j.eeh.2013.01.001, 50, 2, (179-204), (2013).
Crossref
T. Schrecker and R. Labonté, Global Development and Population Health, Reference Module in Earth Systems and Environmental Sciences, 10.1016/B978-0-12-409548-9.01832-7, (2013).
Crossref
David S. Reher, Demographic Transitions and Familial Change: Comparative International Perspectives, Fertility Rates and Population Decline, 10.1057/9781137030399_2, (22-43), (2013).
Crossref
Louise Potvin, Introduction, Construire l'espace sociosanitaire, 10.4000/books.pum.6066, (9-15), (2012).
Crossref
Gianluigi Coppola, Health, Lifestyle and Growth, Social Exclusion, 10.1007/978-3-7908-2772-9_2, (17-34), (2011).
Crossref
David Reher, POPULATION AND THE ECONOMY DURING THE DEMOGRAPHIC TRANSITION, Economic Affairs, 32, 1, (10-16), (2012).
Wiley Online Library
Evelyn Bromet, Laura Helena Andrade, Irving Hwang, Nancy A Sampson, Jordi Alonso, Giovanni de Girolamo, Ron de Graaf, Koen Demyttenaere, Chiyi Hu, Noboru Iwata, Aimee N Karam, Jagdish Kaur, Stanislav Kostyuchenko, Jean-Pierre Lépine, Daphna Levinson, Herbert Matschinger, Maria Elena Medina Mora, Mark Oakley Browne, Jose Posada-Villa, Maria Carmen Viana, David R Williams and Ronald C Kessler, Cross-national epidemiology of DSM-IV major depressive episode, BMC Medicine, 10.1186/1741-7015-9-90, 9, 1, (2011).
Crossref
Pouya Entezami, David A. Fox, Philip J. Clapham and Kevin C. Chung, Historical Perspective on the Etiology of Rheumatoid Arthritis, Hand Clinics, 10.1016/j.hcl.2010.09.006, 27, 1, (1-10), (2011).
Crossref
Nicholas Eberstadt, World Population Prospects and the Global Economic Outlook: The Shape of Things to Come, SSRN Electronic Journal, 10.2139/ssrn.2022417, (2011).
Crossref
Leandro Prados de la Escosura, Improving Human Development: A Long‐Run View, Economics and History, (87-140), (2011).
Wiley Online Library
David S. Reher, Economic and Social Implications of the Demographic Transition, Population and Development Review, 37, s1, (11-33), (2011).
Wiley Online Library
Leandro Prados de la Escosura, IMPROVING HUMAN DEVELOPMENT: A LONG‐RUN VIEW, Journal of Economic Surveys, 24, 5, (841-894), (2010).
Wiley Online Library
S. Ryan Johansson, Medics, Monarchs and Mortality, 1600-1800: Origins of the Knowledge-Driven Health Transition in Europe, SSRN Electronic Journal, 10.2139/ssrn.1661453, (2010).
Crossref
James A. Brander, Presidential Address: Innovation in retrospect and prospect, Canadian Journal of Economics/Revue canadienne d'économique, 43, 4, (1087-1121), (2010).
Wiley Online Library
Brian Opeskin and Therese MacDermott, Resources, population and migration in the Pacific: Connecting islands and rim, Asia Pacific Viewpoint, 50, 3, (353-373), (2009).
Wiley Online Library
Adam Storeygard, Deborah Balk, Marc Levy and Glenn Deane, The global distribution of infant mortality: a subnational spatial view, "Population, Space and Place", 14, 3, (209-229), (2008).
Wiley Online Library
James C. Riley, The Timing and Pace of Health Transitions around the World, Population and Development Review, 31, 4, (741-764), (2006).
Wiley Online Library
Michael S. Lustgarten, Classifying Aging As a Disease: The Role of Microbes, Frontiers in Genetics, 10.3389/fgene.2016.00212, 7, (2016).
Crossref
Mauricio Lisboa Nobre, Ximena Illarramendi, Kathryn Margaret Dupnik, Mariana de Andrea Hacker, José Augusto da Costa Nery, Selma Maria Bezerra Jerônimo and Euzenir Nunes Sarno, Multibacillary leprosy by population groups in Brazil: Lessons from an observational study, PLOS Neglected Tropical Diseases, 10.1371/journal.pntd.0005364, 11, 2, (e0005364), (2017).
Crossref
Helmut Haberl, Dominik Wiedenhofer, Stefan Pauliuk, Fridolin Krausmann, Daniel B. Müller and Marina Fischer-Kowalski, Contributions of sociometabolic research to sustainability science, Nature Sustainability, 10.1038/s41893-019-0225-2, (2019).
Crossref
Iñaki Permanyer and Nathalie Scholl, Global trends in lifespan inequality: 1950-2015, PLOS ONE, 10.1371/journal.pone.0215742, 14, 5, (e0215742), (2019).
Crossref
Antonio Fernando Boing, S. V. Subramanian and Alexandra Crispim Boing, Reducing socioeconomic inequalities in life expectancy among municipalities: the Brazilian experience, International Journal of Public Health, 10.1007/s00038-019-01244-x, (2019).
Crossref
Caroline Hughes and Sukumar Natarajan, ‘The Older I Get, the Colder I Get’—Older People’s Perspectives on Coping in Cold Homes, Journal of Housing For the Elderly, 10.1080/02763893.2019.1567642, (1-21), (2019).
Crossref
Christoph Scherrer, Labour surplus is here to stay: why ‘decent work for all’ will remain elusive, Journal of Social and Economic Development, 10.1007/s40847-018-0066-2, (2018).
Crossref
Rocío Fernández-Ballesteros and Macarena Sánchez-Izquierdo, Are Psycho-Behavioral Factors Accounting for Longevity?, Frontiers in Psychology, 10.3389/fpsyg.2019.02516, 10, (2019).
Crossref
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod