Statue e Public History

0 Utenti e 7 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Tarallo

*****
100007
Re:Statue e Public History
« Risposta #780 il: 02 Set 2020, 06:53 »
The US president insisted that racial injustice in policing is due to “bad apples” rather than being “systemic” and that a silent majority of Kenosha residents are most concerned about “law and order” rather than racism.

https://www.theguardian.com/us-news/2020/sep/01/donald-trump-division-kenosha-protests-jacob-blake?CMP=Share_AndroidApp_Other
Re:Statue e Public History
« Risposta #781 il: 29 Gen 2021, 17:20 »
ritiro su questa chicchierata con questo esempio semplice semplice, su argomento altrettanto semplice, di come certa narrazione confonde le nostre idee e ci manipola: non sia mai che si metta in discussione la "nostra" supremazia e il "nostro diritto" a sbatterla in faccia agli altri



da https://paolacci-ronco.it/2021/01/28/la-non-censura-della-disney-e-il-canto-del-cigno-del-giornalismo-italiano/

28 GENNAIO 2021
La non censura della Disney è il canto del cigno del giornalismo italiano
di Antonio Paolacci


Prima di tutto: cosa è successo?

Come già accaduto con altri film “classici”, in questi giorni, sul sito della Disney, la visione di tre vecchi film per bambini – Gli Aristogatti, Peter Pan e Dumbo – viene preceduta da una scritta: l’avvertimento che alcune immagini o scene potrebbero offendere alcune popolazioni, etnie o culture.
Inoltre, i tre titoli sono stati spostati nello scaffale dei film destinati ai maggiori di 7 (sette) anni.

[Breve parentesi. Uso il termine “spostati” e non “censurati” perché conosco la lingua italiana, e mi intendo abbastanza di comunicazione da sapere che l’uso dei termini ha un impatto sulla percezione di chi legge. “Censurare” significa impedirne la visione. Invece, questi film sono stati solo spostati, un po’ come fa un libraio che sposta Pinocchio dallo scaffale con l’etichetta “0-3 anni” a quello che dice “8-12 anni”. Uno spostamento che, infatti, al contrario della censura, non vi vieta di comprare Pinocchio per leggerlo a vostro figlio di tre mesi, anche se non ci capirà una fava]

Raccontato in modo onesto – e cioè senza dietrologia o proiezioni, ipotesi, paranoie – questo episodio è quindi semplice, nonché in apparenza piuttosto innocuo.
Cose del genere accadono da sempre, sebbene per motivi diversi. La scelta della fascia d’età è di fatto solo un suggerimento. La scritta che precede un video non è tanto diversa da quelle che avvertono, per esempio, che quanto sta per scorrere sotto i nostri occhi è frutto di fantasia o potrebbe turbare i più sensibili o è eseguito da professionisti e quindi è meglio non provare a ripeterlo a casa.

Il motivo per cui la Disney fa questa cosa lo vedremo dopo, così come dopo parleremo dei motivi delle reazioni.
Per ora fermiamo nella memoria solo i fatti: la Disney suggerisce la visione di tre vecchi film ai maggiori di 7 anni, avvertendo che alcune loro scene contengono rappresentazioni che possono offendere etnie e culture diverse dalla tua.

Come la raccontano i giornali italiani?

Così:
“La cancel culture colpisce ancora”; “La Disney censura tre grandi classici che abbiamo visto tutti”; “Dumbo vietato ai minori”. Dalle colonne del Corriere della Sera, il critico Maurizio Porro (zio dell’omonimo Nicola) tuona: “Disney ha deciso di cavalcare il più estremo dei «politically correct»”. E ancora: “La Disney censura le sue pietre miliari” (Vanity Fair); “Disney censura i grandi classici” (Il Giornale). Sulle testate ancora più discutibili, poi, si scatena l’inferno: “Follia politicamente corretto: Disney mette al bando Dumbo, Peter Pan e gli Aristogatti” (La Pressa); “Disney censura tre cartoni animati in nome del politicamente corretto “ (Byoblu). Ma attenzione anche a testate come il Sole 24ore, che già a giugno dello scorso anno annunciava il falso: “5 cartoni Disney che non vi faranno più vedere”.

Ma perché il giornalismo italiano dia la notizia in questo modo, al momento a me non interessa.
Proviamo invece a capire quali sono le conseguenze.

Perché la Disney ha fatto questa cosa?

Consideriamo l’ipotesi dei giornali.
Le parole “censura”, “vietato”, “cancellazione” dicono che quei film “non li vedremo mai più”. E questo – leggendo poi gli articoli – chiaramente non è affatto vero.
In ogni caso, ci sarebbe in atto una crociata contro ogni minima rappresentazione vagamente razzista, sessista o omofoba, una crociata che è “sfuggita di mano” arrivando a colpire anche film innocenti.
Chi guida questa crociata? Quali sono i suoi scopi? Perché è sfuggita di mano? Chi ci guadagna?
Beh, tutto questo non è chiaro, ma ci torniamo dopo.

L’altra ipotesi – un po’ più logica, meno fumosa e più legata ai fatti reali, ma che i giornali non scrivono – è che un’azienda che produce e vende film ha adottato una precisa politica aziendale. La sua mossa è rivolta a persone appartenenti a etnie o culture che un tempo venivano rappresentate in certi modi. Lo scopo è quello di non offendere parte del pubblico, in modo da non perderlo.

Pensiamoci un attimo.
Un recente studio condotto negli Stati Uniti ha appurato che le percentuali di etnie non bianche presenti sul suolo americano sono in crescita esponenziale negli ultimi decenni.
(Va da sé che, se siete razzisti, questo dato di fatto storico vi fa torcere le budella. Ma io do per scontato che non siate affatto razzisti, come infatti dite sempre, e che quindi prendiate questo dato per quel che è, ovvero appunto un dato storico.)

Le etnie diverse da quelle bianche stanno diventando sempre più influenti numericamente. Costituiscono quindi una percentuale in crescita anche nella massa dei consumatori. E di conseguenza, le aziende iniziano a tener conto anche dei loro bisogni, dei loro fastidi, della loro esistenza. Ma soprattutto: le aziende hanno assunto queste persone anche nel loro organico.

Il che vuol dire che fino a ieri non lo facevano.
Fino a ieri, l’etnia bianca dominava il mondo della cultura e quello dell’economia. E per questo si percepiva il centro del mondo. Oggi le tocca fare i conti con il fatto di non esserlo.
Le leggi di mercato seguono la maggioranza, ben più di quanto la segua la politica. E oggi accade questo. Accade che a differenza del passato, anche chi non è bianco conta.

Certo, nemmeno nel secolo scorso un orientale o un nero che guardavano un cartone insieme ai loro figli avevano piacere nel vedersi dipinti come anomali, buffi, strani. Ma all’epoca venivano zittiti prima ancora di provare a lamentarsi. Oggi invece possono farsi sentire, e anzi, possono decidere loro stessi i palinsesti.

Dunque fissiamo queste due ipotesi:

1. La differenza rispetto al passato potrebbe essere che si sia instaurata una sorta di dittatura culturale delle etnie non-bianche, una dittatura guidata da aziende che auto-censurano arbitrariamente opere innocue da esse stesse vendute.

2. Oppure la differenza potrebbe essere che in passato molte persone offese non avevano il peso che hanno oggi, perché all’epoca la cultura era dominata da maschi bianchi eterosessuali, che raccontavano al mondo di essere gli unici “normali”.

Decidete voi quale delle due ipotesi vi sembra più logica. In entrambi i casi, comunque sia, è possibile e doveroso farsi la Grande Domanda che segue.

Dove finiremo di questo passo?

La paura che al momento impazza sulla stampa potremmo sintetizzarla così:
Se censuriamo [sic] una scena di un film per bambini che rappresenta i cinesi come dei tizi strani, allora dovremmo censurare [sic e ri-sic] anche Lilli e il Vagabondo perché mangiano spaghetti in modo non igienico; oppure “Biancaneve perché convive con ben sette nani” (parole dello zio di Porro).

Ma il fatto è che qui, su questo punto apparentemente semplice, entriamo in un campo minato, dove le mine sono proprio le parole che vengono usate per porre la questione.
Le parole-bomba sono “censura”, “vietato”, “cancellazione”.

Nella tua testa, queste parole evocano immagini precise, immagini che ti suscitano inevitabilmente l’istinto di difendere i film da una sorta di distruzione immaginaria (appunto) a cui sembrerebbero destinati.
Se pensi che “vietare” Dumbo non sia giusto, è solo perché è stata usata la parola “vietare”.
Se la stampa avesse usato la parola giusta, ovvero “spostare”, non vedresti alcun pericolo. Né ti verrebbe mai in mente che allora, ehi, si dovrebbe “spostare” anche Biancaneve.

Dumbo, Gli Aristogatti e Peter Pan sono lì, sul sito Disney proprio come prima.
Puoi vederli tu, possono vederli i tuoi figli dai sette anni in poi e – udite, udite – siccome hai tu il telecomando, se vuoi farli vedere a tua figlia cinquenne, puoi farlo.

Solo, a precederli c’è una semplice scritta che spiega – in modo anche troppo riduttivo – che state per vedere degli stereotipi. Una scritta che non può fare alcun danno né a te né ai tuoi figli. E anzi, può perfino aiutarti a rispondere a tua figlia, il giorno in cui dovesse portare a casa i suoi amici afrodiscendenti e ti chiederà: “Papà, mamma, ma perché ai vostri tempi certe persone le facevano barlare gosì?”

Quindi no, non preoccupatevi di perdere dei vecchi film.
Piuttosto preoccupatevi di quanto sia inculcata nella testa dei nostri giornalisti l’idea bislacca di appartenere all’unica etnia e all’unica cultura che li guarda, quei film.
 
E preoccupatevi soprattutto del potere della stampa, che riesce a pilotarvi le idee con parole false, evocando immagini di fantomatiche dittature culturali, inesistenti organi censori e roghi che nessuno si è mai sognato di fare, mentre ad andarsene in fumo era solo il nostro diritto all’informazione.
Re:Statue e Public History
« Risposta #782 il: 31 Gen 2021, 12:15 »
Letto anche qui, in un sito che più innocuo non si può

https://www.ventennipaperoni.com/2021/01/29/no-disney-non-ha-eliminato-o-censurato-nessuno-dei-classici-disney/

Il disclaimer è una sorta di arma finale dei buonisti e degli amanti del politically correct. :roll:
Re:Statue e Public History
« Risposta #783 il: 12 Feb 2021, 10:43 »
In questa notte insonne ho ripensato ai momenti delle poteste culminati con l’abbattimento delle statue e alla lunga serie di confronti che abbiamo avuto.
Mi chiedo come mai oggi non vengano più abbattute.
Date per giuste le battaglie che sottendevano (abbattiamo i simboli della oppressione), come mai il tutto si è esaurito nel giro di qualche settimana?
È stata una questione momentanea, frutto più della voglia di aggregazione e creare casino e riconducendo il tutto quindi a una specie di atto vandalico generalizzato oppure questi gesti hanno portato a qualcosa che si è radicato ed è migliorato?
Io ammetto non ho più seguito.
Sono figlio delle informazioni generiche che ricevo.
La notizia non era più di interesse, avanti altre e altre cause più o meno profonde da combattere.
Siamo in un mondo di manifestazioni più o meno estemporanee usa e getta? O si combatte realmente a fondo in quello in cui si crede?
Adesso Churchill e Cristoforo Colombo non sono più nemici da abbattere?

Offline FatDanny

*****
23549
Re:Statue e Public History
« Risposta #784 il: 12 Feb 2021, 10:57 »
Adler il problema è tutto in chi ha visto quelle azioni come il centro della protesta, come fossero una cosa sistematica e non semplicemente momenti di un processo più complessivo e che aveva altro per centro.

Sarebbe stato come dire al boston tea party "ma perché non rovesciate più il thé in arrivo dall'inghilterra e ve siete messi a fa la rivoluzione americana? ah mo ve piace il thé, a paraculi, a falZi"

Quindi la domanda in realtà è stonata perché stonata era l'interpretazione di quell'atto.

E' chiaro che se si interpretavano quei gesti, non dico tu ma per capirci, in termini di cancel culture (ahahah), ossia come se l'obiettivo della protesta fosse rimuovere quei particolari personaggi storici, ora sembra che tutto ciò sia svanito e quindi fosse solo una moda.
Un fantastico modo in cui un'interpretazione sbagliata si auto-valida attraverso un'altra interpretazione sbagliata, invece di domandarsi se forse non aveva capito nulla.

L'abbattimento delle statue non era né l'issue principale, né un momento di gioioso vandalismo.
Era un momento simbolico denso di un significato. Ma appunto era simbolo, non centro del discorso.
Il discorso, trattandosi di un processo, è andato su altro.
Come quelli che rovesciarono il thé non lo fecero per vandalismo o perché fosse divertente, ma perché quell'atto, carico di significato in quel preciso momento, si è processualmente trasformato in altro.

ma capisco, e anche qui non ce l'ho con te ma col discorso pubblico, che chi non è abituato ad analizzare i processi sociali e si ferma alla cronaca spiccia tende a non saper vedere oltre l'apparenza dei crudi fatti.
Re:Statue e Public History
« Risposta #785 il: 12 Feb 2021, 11:14 »
Grazie FD mi hai aiutato a capire meglio e ad arricchire  il mio pensiero.
Re:Statue e Public History
« Risposta #786 il: 17 Feb 2021, 16:40 »
Il record di Joe Ligon, esce di galera dopo 68 anni: «Ma ero innocente».

Gli avevano dato l'ergastolo a 15 anni, dopo aver "raccolto" una sua confessione rispetto a un (grave) fatto di sangue (due morti e molti feriti) commesso da una banda, nella quale lui era il "piccolo".

Si è fatto 68 anni di carcere. Ovviamente, è negro. Mah, lo trovo sconvolgente. L'ergastolo a un 15enne. Mostruoso.

https://www.ilmessaggero.it/mondo/joe_ligon_carcere_condanna_innocente_cosa_e_successo_ultime_notizie_news-5772331.html

Offline pan

*
3470
Re:Statue e Public History
« Risposta #787 il: 17 Feb 2021, 23:58 »
certe attività, adler, non sono terminate e non sono dettate da scelte di irruenza ma con metodo. sono mosse attuate con lo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica. penso a Palermo dove un collettivo ha applicato targhe alternative, sotto quelle esistenti, di vie cittadine. come la prestigiosa via generale magliocco alla quale è stato aggiunto: il generale che diresse i bombardamenti con armi chimiche durante l'invasione fascista
 oppure la targa di via indro montanelli. una striscia sul nome, ma sempre visibile, e sotto la proposta alternativa: via Destà, schiava bambina. questa non è distruzione, è conoscenza (anche se molti benpensanti hanno storto il naso comunque).
a differenza di coloro che una notte cancellarono le intestazioni multiculturali di alcune vie del centro storico, in italiano, arabo ed ebraico. cancellarono ovviamente le ultime due. ecco, questa è distruzione, questa è violenza, questo è razzismo. dopo qualche giorno volontari e comune hanno ripristinato il tutto.

Offline FatDanny

*****
23549
Re:Statue e Public History
« Risposta #788 il: 22 Feb 2021, 07:59 »
Aaaaah la democrazia più democrazia
https://www.repubblica.it/esteri/2021/02/21/news/omicidio_malcolm_x_fbi-288605486/amp/

E ora parliamo di cancel culture, delle statue e di come gli USA abbiano saputo superare lo schiavismo a favore della LIBERTA'
Re:Statue e Public History
« Risposta #789 il: 22 Feb 2021, 10:14 »
Non c’è da sorprendersi....
Re:Statue e Public History
« Risposta #790 il: 28 Giu 2021, 15:21 »
Re:Statue e Public History
« Risposta #791 il: 29 Giu 2021, 06:41 »
Aaaaah la democrazia più democrazia
https://www.repubblica.it/esteri/2021/02/21/news/omicidio_malcolm_x_fbi-288605486/amp/

E ora parliamo di cancel culture, delle statue e di come gli USA abbiano saputo superare lo schiavismo a favore della LIBERTA'

Le istituzioni sono buone anche quando sono cattive

Chi contrasta le istituzioni cattive, ma ricordiamo che sono buone per definizione, è cattivo sempre per definizione (e perbenismo)

Online Thorin

*
2832
Re:Statue e Public History
« Risposta #792 il: 30 Giu 2021, 11:24 »
Re:Statue e Public History
« Risposta #793 il: 30 Giu 2021, 11:32 »

Online Thorin

*
2832
Re:Statue e Public History
« Risposta #794 il: 30 Giu 2021, 12:11 »

Offline zorba

*****
7080
Re:Statue e Public History
« Risposta #795 il: 30 Giu 2021, 17:17 »
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod