Vivere al tempo del coronavirus - temi sociali ed economici

0 Utenti e 64 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Online vaz

*****
47157
Re:Vivere al tempo del coronavirus - temi sociali ed economici
« Risposta #1820 il: 26 Set 2021, 07:46 »

Offline Drake

*****
4606
Re:Vivere al tempo del coronavirus - temi sociali ed economici
« Risposta #1821 il: 29 Set 2021, 09:43 »

Online FatDanny

*****
23938
Re:Vivere al tempo del coronavirus - temi sociali ed economici
« Risposta #1822 il: 13 Ott 2021, 15:00 »
Re:Vivere al tempo del coronavirus - temi sociali ed economici
« Risposta #1823 il: 15 Ott 2021, 11:39 »
https://www.openpolis.it/numeri/litalia-e-lunico-paese-europeo-in-cui-i-salari-sono-diminuiti-rispetto-al-1990/


Assurdo non se ne parli.

Tu che sei studioso marxiano:
questa cosa del premio nobel Ward che il salario minimo anche se aumenta non intacca i profitti non l'aveva già detta Marx 160 anni fa?

Online FatDanny

*****
23938
Re:Vivere al tempo del coronavirus - temi sociali ed economici
« Risposta #1824 il: 15 Ott 2021, 12:04 »
assolutamente  si, ricordi bene.
In particolare in "Salari, prezzi e profitto" in cui tritura gli argomenti del "cittadino Weston" in merito.
ora viene dato il nobel ad una delle più grandi smentite della teoria neoclassica, mi sembra una buona notizia.

Il problema di Marx economista è che non lo conosce quasi nessuno se non in forma caricaturale, ma tutti si sentono in grado di darne giudizi.
 :=)) ;)

EDIT: rileggendo meglio quanto scrivi, Marx dice che l'aumento del salario minimo non intacca necessariamente l'inflazione. Non i profitti. è questa la grande smentita. L'idea che se aumenti il salario minimo automaticamente si alzano tutti i prezzi vanificandone gli effetti.

Online FatDanny

*****
23938
Re:Vivere al tempo del coronavirus - temi sociali ed economici
« Risposta #1825 il: 23 Ott 2021, 16:49 »

Online FatDanny

*****
23938
Re:Vivere al tempo del coronavirus - temi sociali ed economici
« Risposta #1826 il: Ieri alle 11:28 »
https://www.lastampa.it/economia/2021/10/26/news/caro_landini_sulle_pensioni_impari_da_lama_e_con_le_scelte_impopolari_che_si_aiutano_i_ragazzi-295210

Una sequela di luoghi comuni, che purtroppo sono ritenuti veri da larghissima parte delle persone.

Il sistema contributivo è un puro CALCOLO, nella realtà concreta non è vero che i lavoratori si pagano la pensione attraverso l'accantonamento dei contributi.
La capitalizzazione è puramente simulata, ma i contributi presenti pagano le pensioni presenti.
Dunque il problema non è l'aspettativa di vita e quindi come paghiamo pensioni di persone che campano di più.
Questo è un problema prodotto dal calcolo contributivo stesso.

In realtà i problemi sono due:

1) poiché le pensioni presenti vengono pagate dai contributi presenti, la questione è se i contribuenti versano contributi pari o maggiori dei pensionati.
Al momento è già così, i saldi sono in larga parte attivi (tranne che per i lavoratori della PA, cosa però comprensibile su un piano contabile e che non dovrebbe rappresentare un problema per lo Stato).
Se si comprimono i salari si crea un problema sulle pensioni, se non si fa andare la gente in pensione non si liberano posti di lavoro e dunque allo stesso tempo si comprime la domanda: un problema che si autoalimenta.

2) la previdenza non sta scritto da nessuna parte che deve essere sostenuta dai lavoratori stessi.
Come qualsiasi altra spesa di welfare è una voce della fiscalità generale e dunque andrebbe fatta pagare, in maniera particolare, ai più abbienti e a chi ha patrimoni consistenti.
Fa parte del "patto sociale" per dirla in termini elevati.
Invece viene scaricata sui lavoratori stessi per il semplice fatto che conviene.

In parole povere il problema del sistema previdenziale non è dovuto alla spesa eccessiva, ma proprio dal calcolo che si è DECISO di utilizzare. E si è deciso di usare questo calcolo proprio per scaricare tale spesa sui lavoratori stessi.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod