30 Maggio 1984

0 Utenti e 81 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Eagle78

*****
5944
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #40 il: 31 Mag 2013, 19:08 »
che poi sti [...] parlano tanto di Mauri e dimenticano che hanno sganciato 100 milioni per pagare Vautrot.

Offline Omar65

*****
5374
Sesso: Maschio
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #41 il: 01 Giu 2013, 14:07 »
La cosa che mi chiedo sempre dei laziali che hanno vissuto quei momenti(io avevo 5 anni grazie a Dio) è come hanno fatto a sopravvivere alla tensione di potersi ritrovare la asroma campione d'Europa...
Certo mi rendo conto che la gioia alla fine abbia ripagato con gli interessi tutte le sofferenze!

Eravamo pronti all'inevitabile, ci eravamo corazzati, ognuno ci aveva lavorato sopra, credo, ed eravamo pronti, almeno io. Calcola però che a quell'epoca c'era molto meno veleno in giro.

Offline COLDILANA61

*
11703
Sesso: Maschio
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #42 il: 01 Giu 2013, 14:38 »
Eravamo pronti all'inevitabile, ci eravamo corazzati, ognuno ci aveva lavorato sopra, credo, ed eravamo pronti, almeno io. Calcola però che a quell'epoca c'era molto meno veleno in giro.

Il veleno cominciò a montare nel 1980 . Mano a mano crebbe fino al 1986 dove raggiunse il massimo . Nel 1984 comunque non era male. Diciamo che in silenzio e dentro ai ns cuori , una vocina diceva :

"non succede ma se succede......."  :)

Offline Omar65

*****
5374
Sesso: Maschio
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #43 il: 01 Giu 2013, 18:30 »
Beh no dai... il veleno comincio' a montare ai livelli attuali a cavallo tra gli anni novanta e i duemila, anche perché durante gli ottanta ci snobbavano anche un po' (e purtroppo ne avevano ben donde).
Le aradio non esistevano, il calcio è sempre stato popolare ma non c'era tutta l'offerta h24 di oggi, e rimaneva confinato essenzialmente tra chi, anche se erano sempre tanti, andava allo stadio. E tra questi io percepivo anche un minimo di senso comune di appartenenza, di chi si sentiva parte della stessa 'tribù'.
La loro festa del 1983 non è stata certo la devastazione barbara di 20 anni dopo.
Perlomeno questa è la mia percezione, basata sulle mie esperienze personali.

Offline Aquila1

*
1730
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #44 il: 01 Giu 2013, 18:49 »
La cosa che mi chiedo sempre dei laziali che hanno vissuto quei momenti(io avevo 5 anni grazie a Dio) è come hanno fatto a sopravvivere alla tensione di potersi ritrovare la asroma campione d'Europa...
Certo mi rendo conto che la gioia alla fine abbia ripagato con gli interessi tutte le sofferenze!
mio fratello scappato al mare con amici, io da solo a casa davanti al televisore, al rigore di ciccio ho cacciato un urlo, ho fatto il record di salto in alto con impronta della scarpa sul muro, sono uscito fuori e ho gridato con tuttalavoce pijatevelanderculopezzidimmerdaaaaaaaaa aaaaaaaaaaaaaaaaaaa
 e poi ho goduto a guardalli piagne tutta la sera in diretta dal circo massimo.....hanno proprio ragione certe emozioni loro le possono solo sognà......

Offline Paquito

*****
1571
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #45 il: 01 Giu 2013, 19:00 »
Beh no dai... il veleno comincio' a montare ai livelli attuali a cavallo tra gli anni novanta e i duemila, anche perché durante gli ottanta ci snobbavano anche un po' (e purtroppo ne avevano ben donde).
Le aradio non esistevano, il calcio è sempre stato popolare ma non c'era tutta l'offerta h24 di oggi, e rimaneva confinato essenzialmente tra chi, anche se erano sempre tanti, andava allo stadio. E tra questi io percepivo anche un minimo di senso comune di appartenenza, di chi si sentiva parte della stessa 'tribù'.
La loro festa del 1983 non è stata certo la devastazione barbara di 20 anni dopo.
Perlomeno questa è la mia percezione, basata sulle mie esperienze personali.

Sono d'accordo. Prima non era cosi', c'era lo sfotto', ma non l'odio. E poi, effettivamente, negli anni 80 erano proprio di un altro pianeta, senza pero' la boria e la coattagine che li contraddistinguono adesso. (anche se...).
Forse era il Barone, forse e' che mala tempora currunt.

Offline Capitan Achab

*
1039
Sesso: Maschio
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #46 il: 01 Giu 2013, 19:25 »
Beh no dai... il veleno comincio' a montare ai livelli attuali a cavallo tra gli anni novanta e i duemila, anche perché durante gli ottanta ci snobbavano anche un po' (e purtroppo ne avevano ben donde).
Le aradio non esistevano, il calcio è sempre stato popolare ma non c'era tutta l'offerta h24 di oggi, e rimaneva confinato essenzialmente tra chi, anche se erano sempre tanti, andava allo stadio. E tra questi io percepivo anche un minimo di senso comune di appartenenza, di chi si sentiva parte della stessa 'tribù'.
La loro festa del 1983 non è stata certo la devastazione barbara di 20 anni dopo.
Perlomeno questa è la mia percezione, basata sulle mie esperienze personali.

Concordo.
Io che so' vecchio me lo ricordo bene. La decadenza, la coattaggine sono uscite fuori dopo. Un po' sono figlie dei tempi che cambiano e un po' (molto) figlie dei media locali (radio, TV e giornali) che hanno sempre pompato a senso unico, con il risultato di esacerbarci a noi e di far perdere quel poco di senno che avevano quegli altri.

Offline ciceruacchio

*
1163
Sesso: Maschio
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #47 il: 01 Giu 2013, 20:16 »
Sono d'accordo. Prima non era cosi', c'era lo sfotto', ma non l'odio. E poi, effettivamente, negli anni 80 erano proprio di un altro pianeta, senza pero' la boria e la coattagine che li contraddistinguono adesso. (anche se...).
Forse era il Barone, forse e' che mala tempora currunt.

Vero. Però l'odio, almeno inizialmente, era soprattutto da parte vostra. Io me lo ricordo bene il ritorno in serie A nel 1988. Vicino casa avevo la sede della Roma al Circo Massimo, dopo la promozione con le serrande devastate e la scritta "E mo' so cazzi vostri!". Perché? La Roma aveva finito il suo periodo. E non era in nessun modo responsabile degli anni bui della Lazio. Due giorni dopo il derby di Di Canio fui praticamente "assalito" da due amici laziali. Non c'era gioia per la vittoria, nessun godimento, solo una rabbia e un odio spropositato. Ero diventato il nemico numero uno. Roba che nn avevo mai nominato la parola Lazio. Ero andato al derby dell'ottobre 83 e a quello dell'85 e quasi non me li ricordavo. Però vedevano in me Satana.

Offline Deckard

*
677
Sesso: Maschio
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #48 il: 01 Giu 2013, 20:41 »
Fu quella la prima volta in cui mi resi conto di quanto fossero pieni solo di loro stessi. Avevano già vinto, non c'erano ragioni.

In quel pomeriggio ero uscito a fare un giro, probabilmente a trovare un mio compagno di scuola a Nuovo Salario. Se non ricordo male, a piazza Filattiera, di fronte al capolinea del 38 barrato, qualcuno aveva dipinto un'enorme Coppa dei Campioni sull'asfalto. Ed un'altra, in pura stagnola, faceva bella mostra di sé, sospesa su via Conca d'Oro, altezza ufficio postale, a mo' di decorazione "natalizia", tra nastri gialli e rossi.
Questa qui l'hanno fatta spari' in fretta. Ma quella dipinta sull'asfalto è rimasta lì almeno tutta l'estate... e tutte le volte che ci passavo davanti non potevo non pensare, ridacchiando, a quanto fossero stati cojo...ehm...intempestivi.

Ricordo pure le facce dei miei vari compagni di scuola riommici, il 31 maggio... Un dialogo esemplificativo
Io (sfoggiando un sorrisetto compiaciuto :twisted:): "Ciao, Paole', bella partita ieri, no?"
il malcapitato (con un'espressione di vero dolore): "Senti, Ste', parlamo d'altro per favore..."

P.S. Poi, magari, la coppa di piazza Filattiera era in realtà uno scudetto preparato alla vigilia di rioma-Lecce dell'86... il tempo passato è tanto, ed i ricordi sbiadiscono. Però, pure se fosse così, poco cambierebbe, anzi: sarebbe dimostrato come non riescono nemmeno ad imparare dagli errori...

Offline COLDILANA61

*
11703
Sesso: Maschio
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #49 il: 02 Giu 2013, 01:43 »
Vero. Però l'odio, almeno inizialmente, era soprattutto da parte vostra. Io me lo ricordo bene il ritorno in serie A nel 1988. Vicino casa avevo la sede della Roma al Circo Massimo, dopo la promozione con le serrande devastate e la scritta "E mo' so cazzi vostri!". Perché? La Roma aveva finito il suo periodo. E non era in nessun modo responsabile degli anni bui della Lazio. Due giorni dopo il derby di Di Canio fui praticamente "assalito" da due amici laziali. Non c'era gioia per la vittoria, nessun godimento, solo una rabbia e un odio spropositato. Ero diventato il nemico numero uno. Roba che nn avevo mai nominato la parola Lazio. Ero andato al derby dell'ottobre 83 e a quello dell'85 e quasi non me li ricordavo. Però vedevano in me Satana.

Hai ragione l'odio era da parte mia .

Io il derby di Paparelli e quello che venne dopo , non lo dimentico .

Non dimentico chi lo scriveva , e non dimentico chi faceva finta di niente .

Non dimentico chi lo scrive dopo piu' di 30 anni , e di chi oggi non lo fa notare da nessuna parte .

Voi siete il popolo a cui dare panem e circenses .

Dal 26/5 posso anche smettere di odiarvi .

VANISHED


PS: vedervi passare per ple Clodio , con le vs facce di caxxo mi fece ritornare alla mente questo :

I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano discese con orgogliosa sicurezza. Firmato Diaz (dove Firmato non era il nome) .
 
 

Offline Paquito

*****
1571
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #50 il: 02 Giu 2013, 02:52 »
Magari e' OT ma ricordo che la mia seconda bandiera della Lazio (un bandierone) me la vendette, a un prezzo nominale, il mio compagno di banco del liceo, romanista,  che l'aveva strappata a dei Laziali che passavano su un autobus a Piazza Bologna (lui abitava li vicino). 1975. O '76? Questo per dire che all'epoca non c'era questa acredine che percepisco ora.

Seppi poi, dopo molti anni, che era uno dei tre che furono arrestati per l'omicidio di Paparelli, non era quello che materialmente sparo' il razzo. Lo beccarono, lo lessi sul giornale, perché si presento' a fare il militare. Preciso che facemmo solo quell'anno nella stessa classe, e che mi stava pure simpatico.

Era un bandierone gigantesco., che fu molto usato, normalmente in Tevere non  numerata.
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #51 il: 02 Giu 2013, 08:24 »
Qualcuno di voi ha ricordato una pagina triste del calcio italiano



Dino Viola corruppe  l'arbitro Vautrot

non me lo ricordavo (forse perchè raramente i giornali...che pur spesso usano i loro archivi, ne parlano.

Che vergogna! E si vantano ancora di quella partrcipazione!!!
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #52 il: 02 Giu 2013, 10:01 »
di come state messi male col calcio voi a roma me ne rendo conto tutte le volte che vengo nella vostra città: per me non è "normale" ascoltare per ore e ore trasmissioni sportivi alla radio che parlano sempre e solo non dico di sport, neppure di "uno" posrt ma di UNA squadra di calcio...

Offline Terzo Rosso

*
634
Sesso: Maschio
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #53 il: 02 Giu 2013, 15:42 »
di come state messi male col calcio voi a roma me ne rendo conto tutte le volte che vengo nella vostra città: per me non è "normale" ascoltare per ore e ore trasmissioni sportivi alla radio che parlano sempre e solo non dico di sport, neppure di "uno" posrt ma di UNA squadra di calcio...

Il calcio è solo un sintomo,ricorda
Roma è una città in putrefazione

Offline Ulissechina

*****
13487
Sesso: Maschio
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #54 il: 02 Giu 2013, 16:28 »
Ero a Bruxelles quella sera, viddi la partita in casa di amici italiani emigrati in Belgio da diversi anni qualcuno era addirittura nato in Belgio, gente piena d'amore per la ""patria"".  :)
Quando Ciccio sbagliò il rigore esultai, mi guardarono come una bestia rara prima, con odio poi, dicevano: tu fai il tifo per una squadra straniera? la roma rappresenta l'italia, noi siamo italiani, come puoi essere contento?
Non potevano capire, non ci provai nemmeno a spiegare, salutai e andai a festeggiare al Sablon dove c'era un localino niente male. :)

Offline St£fano

*
6250
Sesso: Maschio
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #55 il: 02 Giu 2013, 16:41 »
di come state messi male col calcio voi a roma me ne rendo conto tutte le volte che vengo nella vostra città: per me non è "normale" ascoltare per ore e ore trasmissioni sportivi alla radio che parlano sempre e solo non dico di sport, neppure di "uno" posrt ma di UNA squadra di calcio...

Ma dai, da che pulpito, a Napoli una intera schiera di tv private vive sulle trasmissioni calcistiche del lunedì/martedì sera..

Offline Cervino

*
403
Sesso: Maschio
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #56 il: 02 Giu 2013, 17:19 »
Vero. Però l'odio, almeno inizialmente, era soprattutto da parte vostra. Io me lo ricordo bene il ritorno in serie A nel 1988. Vicino casa avevo la sede della Roma al Circo Massimo, dopo la promozione con le serrande devastate e la scritta "E mo' so cazzi vostri!". Perché? La Roma aveva finito il suo periodo. E non era in nessun modo responsabile degli anni bui della Lazio. Due giorni dopo il derby di Di Canio fui praticamente "assalito" da due amici laziali. Non c'era gioia per la vittoria, nessun godimento, solo una rabbia e un odio spropositato. Ero diventato il nemico numero uno. Roba che nn avevo mai nominato la parola Lazio. Ero andato al derby dell'ottobre 83 e a quello dell'85 e quasi non me li ricordavo. Però vedevano in me Satana.

Ma l'anima de li mejo... 10 anni prima avete ammazzato uno di noi a dieci metri da me nella semi indifferenza generale. Assassini maledetti, chi con il braccio, chi con la voce, chi con la penna. E' da quel giorno che e' cambiato tutto. Fa il piacere, inventa una scusa e vattene.   :asrm

Offline Roxy00

*****
4199
Sesso: Femmina
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #57 il: 02 Giu 2013, 17:28 »
di come state messi male col calcio voi a roma me ne rendo conto tutte le volte che vengo nella vostra città: per me non è "normale" ascoltare per ore e ore trasmissioni sportivi alla radio che parlano sempre e solo non dico di sport, neppure di "uno" posrt ma di UNA squadra di calcio...

da che pulpito viene la predica...

Offline COLDILANA61

*
11703
Sesso: Maschio
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #58 il: 02 Giu 2013, 19:08 »
Il calcio è solo un sintomo,ricorda
Roma è una città in putrefazione

Vivi a Roma ? Giusto ? altrimenti quanto scrivi e' una caxxata pazzesca .

Le vedi le tv private della lombardia ? Suppongo di NO . Altrimenti le tue caxxate sono multiple .

Nel 1984 quanti anni avevi ?

Ma tu quando lanciarono il motorino in curva , dov'eri ? e quando ammazzarono il tifoso ascolano , c'eri ?

Ah poi i milanisti (ma mica quelli di milano) hanno sulla coscienza UN genoano , UN romanista ed UN cremonese .

Questi sono discorsi da cui dovete starne fuori , te e quell'altro ospite .

Offline Tarallo

*****
79921
Re:30 Maggio 1984
« Risposta #59 il: 02 Giu 2013, 19:09 »
Mi sa che TR e' romano.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod