La Juventus....ed il calcio italiano...

0 Utenti e 65 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline gentlemen

*
11438
La Juventus....ed il calcio italiano...
« il: 21 Feb 2019, 13:08 »
La Juventus ieri ha perso il primo tempo della sfida contro l’Atletico, tradita dalla sua tenuta difensiva, forse la perde proprio perché assillata dalla volontà di voler a tutti i costi trovare il goal, e questo ha portato forse ad una inconscia sottovalutazione dei pericoli offensivi dell’Atletico, che ha un gioco non bello da vedere, ermetico, molto intenso, un gioco all’italiana, nel senso positivo del termine, un calcio che ci ha portato, come Nazionale, a vincere 4 titoli del mondo, a dispetto di qualche pseudo-santone esterofilo.
Sembrerà bizzarro, ma visto che io seguo il calcio da quando ero piccolo, e ricordo molto, a me questa sconfitta ricordo molto quella patita dalla Roma del 1984 contro il Dundee United, squadra scozzese, sempre per 2-0 (epoca calcistica in cui le squadre scozzesi, jugoslave, polacche, cecoslovacche, belghe, erano cmq molto temibili…), salvo poi ribaltare al ritorno….l’Atletico è cmq molto più forte di quel Dundee, ma l’atteggiamento della Juventus mi ha ricordato quello di 35 anni fa di Falcao & co. , una certa sicurezza che prima o poi avrebbero segnato, mentre gli altri ringhiavano, correvano e serravano le fila.
Ma la sconfitta della Juventus è una sconfitta “normale”, incontrava una grande squadra ed in Champions, dagli ottavi in poi, ogni sfida fa storia a sé, e sarà così il ritorno, l’Atletico è favorito.
Ma perde 2-0 anche perché, come sta accadendo in questi anni al PSG, perché il campionato italiano, da un po’ di anni, non è più “allenante” per le grandi sfide, e non certo per motivi tecnici.
La Juventus con l’acquisto di Ronaldo ha fatto un passo economico importante, anche azzardato, la società bianconera è voluta andare oltre, dimostrare al mondo calcistico che è un Club che può acquistare chiunque, anche il migliore al mondo, è un messaggio ed una scelta importante, qualcuno potrà criticare adducendo che meglio sarebbe stato non svenarsi per CR7 ma rinforzare difesa e centrocampo, puntando in avanti su Dybala, Mandzukic e magari un Morata di rientro al posto di Higuain.
Forse, anzi sicuramente, sarebbe bastato per riconfermarsi campioni in Italia e cmq giocarsi le sue buone carte in Champions…ma la Juventus ha voluto andare oltre, ha voluto onorare al meglio la propria vocazione alla vittoria ed al senso profondo dello sport….ESSERE AMBIZIOSI, migliorarsi sempre, e soprattutto catalizzare l’entusiasmo dei propri tifosi e non, far riecheggiare il nome Juventus, e indirettamente, del calcio italiano sulle prime pagine e sugli schermi di tutto il mondo.
Peccato che questo tipo di condotta e strategia in Italia sia, al momento (in attesa delle milanesi che sembra, speriamo, stiano ritornando…) un caso isolato, perché i presidenti delle competitors della Juventus non si perdono il sonno e non vivono nell’ansia di capire in che modo battere e spodestare la Juventus dal trono nazionale….ma sono impegnati in altri conti, assecondati da una parte di stampa e comunicatori complici, che cercano di convincere i tifosi di queste squadre che fanno bene….i de Laurentiis, Lotito, Pallotta, Cairo, Della Valle, Preziosi….non perdono il sonno immaginando successi sportivi e stadi festanti…pensano al bilancio in attivo, alle plusvalenze, allo scudetto del bilancio economico, arrivare secondi o terzi, o addirittura quarti, non è causa di rammarico per non essere arrivati primi, ma soddisfazione che sazia “perché tanto ci siamo qualificati in Champions…”, perché quello che importa sono i soldi da mettere a bilancio, perché si incassa 50 e si spenderà 30, se non 25….e l’anno dopo riparte la stessa giostra….se si vince bene, altrimenti si vince lo stesso con i soldi guadagnati…ed ecco che si risanano le proprie aziende, si mettono a stipendio i propri familiari, si vende un giocatore appena acquistato, di cui i bambini si sono appena fatti regalare la maglia con il nome dal loro papà, perché arriva un altro club che ti offe 40 milioni…o ancora peggio…in piena lotta per lo scudetto (meno nove punti, lo stesso distacco che la Lazio rimontò alla stessa Juventus nel 2000…) e con un girone di ritorno da giocare, il buon Aurelio De Laurentiis pensa bene di volare a Parigi per cercare di vendere Allan subito, e forse Koulibaly a fine stagione, ed incassare soldoni freschi dai principi del Quatar…..la scusa è bella pronta….IL PROGETTO…..ma quale quello di guadagnare soldi…??
Quest’anno poi la teorica ed improbabile competitor principale della Juventus si supera (o meglio si supera il suo proprietario e presidente…), a mercato chiuso pensa bene di vendere ai cinesi, non prima di aver verificato bene che le garanzie bancarie fossero certe (…in quel caso lo perde il sonno, per acquistare i campioni no….) il capitano della squadra, l’esperto, tecnico e carismatico Marek Hamsik, il quale per obbligo di propaganda imbonitrice viene fatto passare per un giocatore a fine carriera…a 31 anni (????)…..in piena stagione ed in presunta piena lotta scudetto….la società Roma invece, altra presunta rivale della Juventus, ogni anno è impegnata a vendere il suo, o suoi giocatori migliori, dopo 3-4 anni potrebbe farci una formazione…Allison, Marquinhos, Romagnoli, Benatia, Rudiger, Emerson Palmieri, Pjanic, Paredes, Strootman, Naingollan, Lamela, Salah…..in questi mesi è esploso un grande talento, Zaniolo…sarà ceduto sicuramente….dal 2012 il proprietario presidente della Roma ha guadagnato circa 400 milioni….trofei ?...ZERO…ma cosa importa, tanto si partecipa alla Champions….
Abbassando, di molto, il livello c’è Lotito….e qui ci troviamo di fronte ad un caso originale di gestire il calcio e…azzerare… la passione dei tifosi…in questo caso non si vendo illusioni….MA SOLIDE REALTA’….per fortuna qualche trofeo minore, Coppa Italia e Supercoppa talvolta ci scappa, grazie all’abilità del Direttore Sportivo di trovare, a basso costo, buoni ed ottimi giocatori….ma se si presenta la possibilità di alzare il livello qualitativo ed alimentare ambizioni superiori ecco che il freno a meno viene tirato a due mani…ed ecco che i propri tifosi sono costretti a dover guardare Patric o Marusic, e basta un Siviglia rattoppato per eliminarti senza alcuna opposizione…conta lo scudetto…quello del bilancio però….non quello tricolore….e poi abbiamo Torino, Fiorentina, Sampdoria e Genoa gestiti per offrire quantomeno uno spettacolo decente, magari talvolta può scapparci la qualificazione in Europa League, ma guai ad alimentare sogni o fugaci illusioni nei tifosi….per tutti, o quasi, i competitors della Juventus il motto è semplice e senza possibilità di essere mal interpretato: si fa quel che si può, oltre non si va, non si fa il massimo per provarci.
Ma i tifosi stupidi non sono, sanno benissimo che anche 30 anni fa, e per tutta la storia del calcio, i club più ricchi vincono, in Italia Juventus Milan ed Inter, ma prima ci si provava a dar fastidio, si faceva cmq il massimo per ostacolare il dominio dei più forti, si vendeva cara la pelle, e cmq si comprava il campione che doveva offrirsi agli occhi dei propri tifosi…sarà un caso che nonostante il secondo posto a Napoli, in uno stadio di 80mila persone, incominciano ad andarci non più 15-20 mila….e che la Lazio, e talvolta anche la Roma da qualche anno, si ritrovano a giocare in uno stadio olimpico con settori totalmente chiusi ?
Come può una Juventus attuale, ambiziosa e vogliosa di vittoria, addestrarsi alle grandi sfide, trovare allenante un campionato dove i club rivali non ambiscono a batterla ma a contare i soldi che cmq guadagneranno ?
La speranza, e sembra, per fortuna, quasi certo, che le proprietà di Inter e Milan non si accontentano di musichette e soldi Champions, vogliono competere per battere la Juventus e….vincere….solo il Milan a gennaio ha speso 70 milioni…l’Inter, o meglio la sua proprietà, ha ribadito che a giugno si compreranno campioni, Rakitic, Godin…la strada sembra essere quella giusta…come disse un dirigente della FIGC tempo  fa…”il potere della Juventus in Italia verrà interrotto solo quando torneranno grandi Inter e Milan…”….aveva ragione
Le rivalità calcistiche sono tra gli aspetti più belli e passionali del nostro calcio, giusto che chi tifa altre squadre gioisca per la sconfitta della Juventus, ma, ripeto, è una sconfitta calcistica, normale, figlia delle grandi sfide, si potrà ribaltare oppure no, ma la via tracciata e seguita dalla Juventus è quella giusta, è quella dell’ambizione e della voglia di vincere la competizione sportiva, nazionale ed internazionale, poi si può vincere o no, ma si prova sempre a farlo ed a cercare di migliorarsi…. La strategia degli altri…impegnati a fare plusvalenze, svuotano gli stadi.
Dimenticavo…il 12 marzo la Juventus sarà chiamata, insieme ai suoi tifosi nel suo meraviglioso stadio, a compiere una grande impresa calcistica….ribaltare lo 0-2….qualcun altro sarà impegnato a contare e controllare le garanzie bancarie dei cinesi dei 15 milioni incassati per la cessione del proprio capitano.


Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #1 il: 21 Feb 2019, 13:12 »
Visto che hai citato una partita in particolare, basta pagare l'arbitro al ritorno e passi il turno.

Scusa ma mi sono fermato li, il post era veramente troppo lungo.

Ti leggerò con calma  :D

Offline gentlemen

*
11438
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #2 il: 21 Feb 2019, 13:22 »
Visto che hai citato una partita in particolare, basta pagare l'arbitro al ritorno e passi il turno.

Scusa ma mi sono fermato li, il post era veramente troppo lungo.

Ti leggerò con calma  :D
:) :) :)...la citazione della Roma (sempre merda è...) è per quel che riguarda la storia del calcio, ma soprattutto l'atteggiamento della Juventus ieri sera.

Offline Buckley

*
1924
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #3 il: 21 Feb 2019, 14:39 »
Gentlemen, credo che dal periodo da te citato ad oggi sia cambiato il calcio e la societa'. Oggi c'e' il fair-play finanziario che (per chi e' chiamato a rispettarlo, non per tutti) ti impone dei limiti. L'Italia di allora era un paese fondato sul debito pubblico e sui paghero', nel frattempo e' avvenuta una crisi finanziaria sistemica che impone delle scelte, c'e' l'unione europea e tanto altro si potrebbe aggiungere. Non credo che manchi la voglia di vincere o di ostacolare la juventus, non ci sono i mezzi per farlo o meglio, certi mezzi li ha chi puo' contare su certi appoggi o su certe sinergie, spesso al di la' delle regole. Il Parma di Tanzi e' fallito, la Lazio di Cragnotti quasi, la Fiorentina di Cecchi Gori e il Napoli hanno ricominciato dalla C. Certi modelli sono insostenibili, lo erano allora e lo sono ancor piu' oggi. Se la rioma oggi vende i suoi campioni e' perche' glielo impone il FPF altrimenti le collusioni di cui gode basterebbero a mantenere in vita il giocattolo.
Le regole in Italia non le ha mai rispettate nessuno, gli arbitri si vendono in cambio di una carriera e di certe remunerazioni, la tecnologia fornisce ulteriori strumenti per taroccare le competizioni sportive. Alla luce di tutto cio', tu presidente di una realta' medio-piccola, te la sentiresti di rischiare? Magari di tasca tua? Di mettere il futuro della tua azienda nelle mani del nicchi o del malago' di turno? In cambio di uno stadio per lo piu' vuoto per via delle pay tv, degli ultras, degli stadi fatiscenti dove la partita, piu' che vederla, la devi immaginare?
Accusare Lotito o altri come lui di voler vincere lo scudetto del bilancio, a fronte di un debito ingente con l'erario che ancora stai onorando e' secondo me ingeneroso e miope. I calciatori forti, la rosa competitiva, sono tutte cose contenute nel libro dei sogni di ogni tifoso e penso anche di ogni dirigente, non fosse altro per il ritorno economico e di prestigio che le vittorie portano con se. Ma il gioco vale la candela? Se togli le strisciate e le merde, per tutte le altre realta' c'e' solo la politica dei piccoli passi e tra questi dirigenti c'e' chi la applica meglio degli altri, ma a giudicare dai risultati pratici, i trofei, nessuno eccelle.
Se cominciassero a redistribuire i soldi dei diritti televisivi con piu' equita' magari qualcosa cambierebbe ma bisognerebbe scontrarsi contro gli interessi dei soliti noti che amministrano il carrozzone. Con quale esito poi, lo puoi vedere ogni domenica...La juve ha acquisito un vantaggio direi incolmabile in Italia, le milanesi con tanta fatica potrebbero inserirsi, gia' la rioma, in un regime di regole fatte rispettare, andrebbe a far compagnia ai ciucci e ai viola ma e' mantenuta in vita da altri interessi. Ma senza sceicchi e senza controllori controllanti, questo e' il campionato italiano e questo ti tieni. E meno male che ancora possiamo goderci le nostre squadrette di secondo piano.

Offline gentlemen

*
11438
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #4 il: 21 Feb 2019, 17:57 »
Buckley, il tuo discorso è molto realista, ed effettivamente certi presidenti di allora godevano di rapporti (coperture/amicizie/complicità) importanti, e poi era un'Italia economicamente diversa.
Però se vedo certi presidenti come quello del Napoli trasudano poca voglia di vincere trofei, badano più che altro al profitto.

Offline NEMICOn.1

*
4613
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #5 il: 22 Feb 2019, 10:28 »
Va anche detto , che rispetto a prima , i Presidenti erano anche tifosi , vedi i Cragnotti , Sensi , Moratti , Berlusconi , Cecchi Gori , Mantovani .
Questi di oggi , hanno aspettato che la società fallisse per poi prenderla a 0 ( non tutti ) e in tutti i casi per loro è semplicemente un business , per interessi propri ; i vermi per lo stadio , Lotito per le sue attività , DellaValle e DeLaurentis pure .
Poi , aggiungiamo anche , che gli attuali Presidenti , dietro non hanno gli imperi economici che avevano quelli sopracitati ( Parmalat , Cirio ) da potersi permettere i pagherò (cit.)
L'Inter è sicuramente quella messa meglio col cambio , forse lo sarà anche il Milan ma il resto è destinato a navigare a vista .

Online Kappa

*
2248
http://space.tin.it/scienza/decos
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #6 il: 22 Feb 2019, 20:21 »
Manca un punto importante: un campionato equilibrato, porta tifosi, attenzione mediatica, ulteriori investimenti. Chi gestisce il campionato dovrebbe avere l'obiettivo principale di evitare che il più forte si mangi la torta sempre, in ogni occasione, non lasciando neanche le briciole agli altri. Insomma, il campionato italiano è uno spettacolo pietoso, diciamocelo. Personalmente tifo Lazio perché ormai è un gesto inconsulto, ci sono nato, e morirò laziale. Ma vedo mio figlio, ad esempio: adora giocare a calcio, è laziale (altrimenti lo buttavo fuori di casa), ma del campionato, delle coppe, frega mazza, più che altro lo usa come scusa per litigare con i compagnucci riomisti.

Mi viene da fare il parallelo con un altro spettacolo deprimente, la Formula 1. Il risultato è simile, ma almeno gli organizzatori ci provano...
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #7 il: 22 Feb 2019, 23:59 »
Manca un punto importante: un campionato equilibrato, porta tifosi, attenzione mediatica, ulteriori investimenti. Chi gestisce il campionato dovrebbe avere l'obiettivo principale di evitare che il più forte si mangi la torta sempre, in ogni occasione, non lasciando neanche le briciole agli altri. Insomma, il campionato italiano è uno spettacolo pietoso, diciamocelo. Personalmente tifo Lazio perché ormai è un gesto inconsulto, ci sono nato, e morirò laziale. Ma vedo mio figlio, ad esempio: adora giocare a calcio, è laziale (altrimenti lo buttavo fuori di casa), ma del campionato, delle coppe, frega mazza, più che altro lo usa come scusa per litigare con i compagnucci riomisti.

Mi viene da fare il parallelo con un altro spettacolo deprimente, la Formula 1. Il risultato è simile, ma almeno gli organizzatori ci provano...

Bingo .

Soluzione :

Vedi professionismo americano

Ergo :

Campionato Europeo ad inviti (franchige)  , nessuna retrocessione . Ed il resto (Lazio compresa) muoia (le merde in mezzo al guado , o guano?) .

No so dirti come e quando ma vedrai che cambiera' (cit.) .

C'e' un solo freno , e manco piccolo , le federazioni , i federali di professione , gente che dalla Uefa e poi dalla Fifa , dalla Figc dovrebbe trovarsi un lavoro , con tutto il codazzo ed i politici locali ...

Offline sharp

*****
18537
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #8 il: 23 Feb 2019, 04:21 »
ma sbaglio o proprio in usa, la redistribuzione degli introiti tv avvantaggia le squadre più deboli ???
unico sistema per rendere equilibrato un torneo

Online Kappa

*
2248
http://space.tin.it/scienza/decos
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #9 il: 23 Feb 2019, 08:51 »
Bingo .

Soluzione :

Vedi professionismo americano

Ergo :

Campionato Europeo ad inviti (franchige)  , nessuna retrocessione . Ed il resto (Lazio compresa) muoia (le merde in mezzo al guado , o guano?) .

No so dirti come e quando ma vedrai che cambiera' (cit.) .

C'e' un solo freno , e manco piccolo , le federazioni , i federali di professione , gente che dalla Uefa e poi dalla Fifa , dalla Figc dovrebbe trovarsi un lavoro , con tutto il codazzo ed i politici locali ...
Secondo me il freno non sono le varie FIGC e parassitame cantante, ma il fatto che il calcio è un movimento genuino, che viene dalle strade ed è legato alle realtà locali. Cose del genere le puoi fare in USA, dove i localismi sono molto più sfumati. Sono decenni che si parla di campionato unico europeo, ma qualcosa di più spinto della Champions League non credo sia possibile fare. Secondo questa logica, la gran parte degli italiani dovrebbe diventare tifosa di Juve - Inter - Milan - (Napoli & Rioma?). Ma sto c.azzo, manco tra 200 anni.
Una federazione lungimirante farebbe proprio quello che dice Sharp: gli introiti televisivi dovrebbero avvantaggiare le squadre più deboli.

Online Splash

*****
33805
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #10 il: 23 Feb 2019, 10:04 »
Solo 1 anno fa hanno raggiunto la finale : che è, fino all'anno scorso il nostro campionato era competitivo?

E pure negli USA, se andate a vedere, come numero di titoli dominano "squadrette" come Boston e Los Angeles.

Online Kappa

*
2248
http://space.tin.it/scienza/decos
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #11 il: 23 Feb 2019, 10:37 »
Solo 1 anno fa hanno raggiunto la finale : che è, fino all'anno scorso il nostro campionato era competitivo?

E pure negli USA, se andate a vedere, come numero di titoli dominano "squadrette" come Boston e Los Angeles.
di quale sport parli? Boston e LA dove?
Se pensi al basket: 2010 Lakers, 2011 Dallas, 2012 Miami, 2013 Miami, 2014 San Antonio, 2015 Golden State, 2016 Cavs, 2017 Golden State, 2018 Golden State

Italia - calcio:
2010 Inter, 2011 Milan, 2012.3.4.5.6.7.8 Juventus

..se va bene così...

Offline LuloFr

*
1252
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #12 il: 23 Feb 2019, 14:41 »
di quale sport parli? Boston e LA dove?
Se pensi al basket: 2010 Lakers, 2011 Dallas, 2012 Miami, 2013 Miami, 2014 San Antonio, 2015 Golden State, 2016 Cavs, 2017 Golden State, 2018 Golden State

Italia - calcio:
2010 Inter, 2011 Milan, 2012.3.4.5.6.7.8 Juventus

..se va bene così...

Per l’NBA solo per informazione: Boston 17 titoli, LA Lakers 16.
Poi i più vicini sono i Warriors con 6 (di cui solo 3 vinti dal 2015)
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #13 il: 23 Feb 2019, 19:27 »
La Juventus ieri ha perso il primo tempo della sfida contro l’Atletico, tradita dalla sua tenuta difensiva, forse la perde proprio perché assillata dalla volontà di voler a tutti i costi trovare il goal, e questo ha portato forse ad una inconscia sottovalutazione dei pericoli offensivi dell’Atletico, che ha un gioco non bello da vedere, ermetico, molto intenso, un gioco all’italiana, nel senso positivo del termine, un calcio che ci ha portato, come Nazionale, a vincere 4 titoli del mondo, a dispetto di qualche pseudo-santone esterofilo.


Concordo con gran parte del post anche se non sono sicuro che il campionato italiano sia cosi poco allenante come viene dipinto, il problema e' piu' di fondo e per la juve e i suoi tifosi ahime ha una forte componente psicologica perche' se vincere aiuta a vincere perdere aumenta le insicurezze e la CL purtroppo e' stata spesso stregata per noi con capitomboli inattesi anche contro squadre nettamente inferiori figuriamoci contro squadre di pari livello o addirittura superiori come l'Atletico.

In ogni caso l'impresa mi pare al limite dell'impossibile non tanto per i 2 goal da fare che gia' sono difficili ma perche' non prenderne in una situazione che sara' ideale per il calcio del cholo sara' quasi impossibile .
Lo scorso anno ero paradossalmente marginalmente piu ottimista perche' lo 0-3 dell'andata era assolutamente bugiardo e viziato da errori arbitrali quelli si gravi altro che il rigore causato da quel fesso di Benatia.
Mercoledi ero allo stadio e nel secondo tempo dopo un primo equilibrato si vedeva che era solo una questione di tempo perche' la squadra al contrario dell'opinione prevalente tra molti tifosi juventini che non capiscono un cazzo di calcio, non ha giocato in modo difensivo ma ha cercato in modo velleitario e inconcludente di alzare la linea difensiva e cosi facendo ha favorito le ripartenze del Atletico. Neanche dopo le occasioni buttate da Costa e Griezman si sono adeguati il resto li hanno fatti i cambi tardivi di Allegri che per una volta ha letto molto male la partita e mentre simeone aveva inserito gia 3 freschi al 60' in attacco il nostro ha aspettato che la frittata fosse fatta per mettere dentro i nostri.
A centrocampo e' stato un disastro certamente gravemente peggiorato dalla assenza di Khedira e dalla febbre di Pjanic, ma in ogni caso il centrocampo e' il reparto che e' peggiorato rispetto a 3 anni fa. Il dato che spiega meglio di tutti l'andamento sono i km percorsi con l'Atletico che ha corso quasi il 20% in piu che e' una differenza enorme.

Ultima nota al di la dei piagnistei similnapoletani sul goal e rigore annullati, entrambe decisioni ineccepibili (anzi non c'era neanche la punizione), grande plauso al tifo del atletico, da brividi e nulla a che vedere con quello del real che al Bernabeu e' inesistente.
Vi allego qualche foto del bellissimo stadio anche se in una serata molto triste per me....Ho anche qualche video ma non so se si puo' postare








Offline jp1900

*****
6171
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #14 il: 23 Feb 2019, 21:03 »
ma sbaglio o proprio in usa, la redistribuzione degli introiti tv avvantaggia le squadre più deboli ???
unico sistema per rendere equilibrato un torneo
Agnelli è sempre stato in prima fila per impedire la ridistribuzione dei diritti TV. Chi è causa del suo mal...

Offline sharp

*****
18537
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #15 il: 23 Feb 2019, 21:36 »
Agnelli è sempre stato in prima fila per impedire la ridistribuzione dei diritti TV. Chi è causa del suo mal...

beh mica gli va male , in Italia è dominio assoluto, in europa
grazie a quegli stessi introiti sono entrati fissi, tra le prime 5/6
poi certo ci vuole anche chiulo ne sorteggi (guarda le merdaccecagate per forza)

Online TheVoice

*****
4563
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #16 il: 23 Feb 2019, 23:01 »
Per l’NBA solo per informazione: Boston 17 titoli, LA Lakers 16.
Poi i più vicini sono i Warriors con 6 (di cui solo 3 vinti dal 2015)

Ci sarebbero pure i Bulls, con 6 titoli vinti in un decennio...

Offline PARISsn

*****
10065
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #17 il: 27 Feb 2019, 19:39 »
A proposito di juve  e calcio italiano...scrivo qui una notizia e la commento perche  mi sembra attinente...la Samp di Ferrero sta per passare nelle mani di uno dei fondi di investimento piu' ricchi al mondo..lo York Capital Management...il cui proprietario è tal Jamie Dinan ( che secondo Forbes...e quindi ci si puo' credere.... ha un patrimonio personale di 2,2 miliardi di dollari )....tra l'altro proprietario dei Milwaukee Bucks dell' NBA americana...e in passato a un passo anche dal prendere il Palermo. adesso la domanda che mi sovviene è questa....ma possibile che Sampdoria e Palermo abbiamo piu' appeal della Lazio ? cioe' abbiamo 10 volte il palmares di samp e palermo, molti piu' tifosi, siamo 10 volte piu' conosciuti al mondo...la prima squadra di Roma..e questo spende 100 milioni per comprarsi la Samp? boh !! cioe' col doppio ti compri la Lazio....mantieni i migliori e con 3 grandi acquisti l'anno prossimo lotti per  lo scudo...il valore del tuo investimento è gia' cresciuto di molto...
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #18 il: 27 Feb 2019, 20:07 »
A proposito di juve  e calcio italiano...scrivo qui una notizia e la commento perche  mi sembra attinente...la Samp di Ferrero sta per passare nelle mani di uno dei fondi di investimento piu' ricchi al mondo..lo York Capital Management...il cui proprietario è tal Jamie Dinan ( che secondo Forbes...e quindi ci si puo' credere.... ha un patrimonio personale di 2,2 miliardi di dollari )....tra l'altro proprietario dei Milwaukee Bucks dell' NBA americana...e in passato a un passo anche dal prendere il Palermo. adesso la domanda che mi sovviene è questa....ma possibile che Sampdoria e Palermo abbiamo piu' appeal della Lazio ? cioe' abbiamo 10 volte il palmares di samp e palermo, molti piu' tifosi, siamo 10 volte piu' conosciuti al mondo...la prima squadra di Roma..e questo spende 100 milioni per comprarsi la Samp? boh !! cioe' col doppio ti compri la Lazio....mantieni i migliori e con 3 grandi acquisti l'anno prossimo lotti per  lo scudo...il valore del tuo investimento è gia' cresciuto di molto...

Chissà che il suo interesse principale nell'affare non sia il calcio.

Offline NEMICOn.1

*
4613
Re:La Juventus....ed il calcio italiano...
« Risposta #19 il: 27 Feb 2019, 20:13 »
Sempre se poi sia vero .
Gli Americani con i soldi comprano le squadre della Premier , qui vengono i prestanome .
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod