Guidetti De Gignac

0 Utenti e 13 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Guidetti De Gignac
« il: 07 Mar 2015, 12:45 »
La storia di Guidetti De Gignac è ignota ai più.
Eppure stiamo parlando di uno dei più grandi pittori del 1800.
Nasce da famiglia poverissima nel 1810 da Ezequiel De Gignac e Norma Piccolomini, di chiara origine italiana.

La madre, dichiarerà, dichiarazioni ritrovate in un armadio circa 30 anni fa, insieme ai voti di Al Gore, in un anfratto della Prefettura di Roma: "In lui, nonostante le nostre precarie condizioni economiche, ho sempre creduto, aveva un grande senso dello spazio. In lui vedevo un grande pittore, in prospettiva".
Da qui la nascita della Prospettiva Piccolomini.

Nel 1828, finita la scuola d'Arte di Don Diego Illarramendi, va a Firenze, dove intesse rapporti con i maggiori intellettuali dell'epoca.
La Firenze del 1800 è una fucina inesauribile di idee, di incontri e di sensazioni.
Viene avvicinato dal grande mecenate Andres De La Valle, che gli consegna uno studio tutto suo e lo remunera per le sue opere in maniera oltremodo cospicua.

Nel 1835, viene in contatto con l'impressionista argentino Bielsa.
Insieme partono per la Francia, dove restano fino al 1837.
Un bienni che avrebbe potuto essere denso di produzioni, se non fosse per l'ostracismo inspiegabile del pittore originario della Pampa.
Guidetti de Gignac fa quindi ritorno a Firenze dove, in una notte insonne compone una canzone che diventerà un caposaldo dei canti rivoluzionari di ogni epoca: "Bielsa Ciao".

Viene avvicinato da un magnate romano Claudio Lot Ito, che lo guarda e gli dice: "E' il momento di Igli Tare".
Guidetti non capisce, si rinchiude in casa per giorni consultando il suo vocabolario di greco, il Rocchi, cercando la declinazione di quel verbo ascoltato dall'oscuro personaggio.

Non trova nulla e, in una notte travagliatissima tenta di tagliarsi un orecchio, quando all'improvviso si ricorda di non essere originale e quindi cerca di mangiare una mela con un serpente dentro.
Peccato che neanche quello sia molto originale.

Allora decide di fare quello che fanno tutte le star del rock, pur non sapendo cosa sia il rock.
Si suicida.


Online Tarallo

*****
91938
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #1 il: 07 Mar 2015, 12:49 »
Che storia triste  :(
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #2 il: 07 Mar 2015, 12:51 »
Che storia triste  :(

Eh ma con i personaggi che ha incrociato nella sua esistenza.
Achille Bonito Oliva si sta ancora domandando perche' non abbia mai desiderato dipingere col Capitano, tra l'altro.
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #3 il: 07 Mar 2015, 12:54 »

anche lui, in quanto a tristezza
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #4 il: 07 Mar 2015, 12:55 »

anche lui, in quanto a tristezza

Questa postata da Monsieur Opale e' l'opera piu' famosa di Guidetti: "Ta, il vecchio".

Offline Brujita!

*
11573
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #5 il: 07 Mar 2015, 13:00 »
 :( sembrava una storia così promettente
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #6 il: 07 Mar 2015, 13:01 »
un uomo d'altri tempi
tutto di un pezzo

Online Tarallo

*****
91938
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #7 il: 07 Mar 2015, 13:02 »
Tra l'altro il Capitano divenne famoso nel 1827 per i suoi dipinti di case fatiscenti, molto toccanti, che ebbero un grande successo commerciale. I proventi derivanti dalla vendite delle sue opere andarono tutti in beneficienza, ma si maligna che a beneficiarne fossero soprattutto il fratello Francescone  e sua mamma Metronia.
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #8 il: 07 Mar 2015, 13:03 »
anche in amore fu assai sfortunato, si dice che wanda N. O'hara lo fece becco ripetutamente
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #9 il: 07 Mar 2015, 13:06 »
anche in amore fu assai sfortunato, si dice che wanda N. O'hara lo fece becco ripetutamente

Wanda N. O'Hara, che ricordiamo, divenne famosa per la sua opera imperitura nei secoli "Non e' mai troppo Icardi".
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #10 il: 07 Mar 2015, 13:09 »
Wanda N. O'Hara, che ricordiamo, divenne famosa per la sua opera imperitura nei secoli "Non e' mai troppo Icardi".

il suo amore per i cardi la rese leggendaria

Offline carib

*****
28258
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #11 il: 07 Mar 2015, 13:23 »


- L'ultima immagine di Guidetti De Gignac, realizzata dall'amico graffitaro C4 aka Pablo Citroën Picasso
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #12 il: 07 Mar 2015, 13:28 »
il nipote

devo dire che quando sento ste note me se move er tacco
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #13 il: 07 Mar 2015, 17:07 »
Tra l'altro il Capitano divenne famoso nel 1827 per i suoi dipinti di case fatiscenti, molto toccanti, che ebbero un grande successo commerciale. I proventi derivanti dalla vendite delle sue opere andarono tutti in beneficienza, ma si maligna che a beneficiarne fossero soprattutto il fratello Francescone  e sua mamma Metronia.

La mamma, lo sanno anche i sassi, si chiama Meretronia, non metronia.
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #14 il: 07 Mar 2015, 17:42 »
Meretronia de Copinfac

Offline Palo

*****
11404
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #15 il: 08 Mar 2015, 15:08 »
Meretronia de Copinfac
la famosa porca meretronia di copinfac
Re:Guidetti De Gignac
« Risposta #16 il: 08 Mar 2015, 15:32 »
lei
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod