''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione

0 Utenti e 90 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Ranxerox

*****
8088
Sesso: Maschio
Re:''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione
« Risposta #20 il: 27 Nov 2018, 23:47 »
Beata gioventù che non sa cosa significhi VERAMENTE essere depressi in quanto tifosi della Lazio.
Anni passati a vedere quante squadre erano dietro a noi per non retrocedere (senza parlare della serie b).

Adesso il grave problema è quale competizione europea giocare, se è meglio la difesa a 3 o a 4 e se Milinkovic vale davvero 150 milioni.
Da non dormicce la notte.
(Con tutto il rispetto di tutti eh)
Re:''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione
« Risposta #21 il: 27 Nov 2018, 23:52 »
ma scusa invece de fatte tutti sti problemi, vieni a Roma a vederti una partita magari pure una con la coreografia della nord se ti piace tanto e poi alla prima di ritorno prendi il biglietto per napoli Lazio
fare il tifoso in fin dei conti è una cosa semplice
Ma per me è semplicissimo fare il tifoso. Anzi, quando potrò, ci andrò una volta al mese all'Olimpico. Io parlavo di altre cose, e non ci ho nemmeno messo in mezzo la tattica, perché non è compito mio. Io, al limite, almeno finchè giocavo con gli amici sapevo solo correre e dribblare, la tattica non è cosa mia, haha... Ho solo esposto delle cose che ''non mi tornavano'' e vedere se era una cosa solo mia. Poi comprendo che il mio modo di ''scrivere'' è fin troppo romanzato (ovvero noioso o, meglio, ''du palle!'') ma quello è un difetto mio perché una cosa è parlare di pallone e una è fare analisi filosofiche sul perché siamo al mondo e dove andremo e perché e così via. Un giorno mi vedrete al La Domenica Sportiva e, alla domanda, ''Perché il suo attaccante ha sbagliato il rigore?'', risponderò tirando fuori poesie d'archivio del Leopardi  :p :beer:
Re:''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione
« Risposta #22 il: 27 Nov 2018, 23:57 »
Beata gioventù che non sa cosa significhi VERAMENTE essere depressi in quanto tifosi della Lazio.
Anni passati a vedere quante squadre erano dietro a noi per non retrocedere (senza parlare della serie b).

Adesso il grave problema è quale competizione europea giocare, se è meglio la difesa a 3 o a 4 e se Milinkovic vale davvero 150 milioni.
Da non dormicce la notte.
(Con tutto il rispetto di tutti eh)
Mannaggia a me che ho messo quel termine nel titolo del post, eheh... Comunque d'accordo al 200% con te. Anche se io non mi stavo lamentando della Lazio o della sua posizione in classifica. Pensa che la seguo da fine anni 90 ma non ne ho mai discusso con nessuno. A me la Lazio va benissimo in Europa League, anche se mi devo ancora riprendere da Salisburgo. Quel che mi dà fastidio e leggere e sentire che n'altro po' siamo da scudetto, se non fosse per la politica o la pubalgia. E niente, volevo capire se erano cose chiara anche ad altri o ero ''nel torto'' io  ;)

Online giovannidef

*
2233
Sesso: Maschio
Re:''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione
« Risposta #23 il: 28 Nov 2018, 00:09 »
se sei piccolo allora goditi questa Lazio, sei stato fortunato è una delle migliori di sempre e per come è stata costruita forse è meglio della migliore che è stata una splendida fiammata
tante volte quando il calcio si vedeva solo allo stadio si prendeva il tempo con la speranza che la partita finisse prima di prendere gol, in B no lì eravamo una corazzata

se la vedi dal 90 non sei piccolo, ma allora in 28 anni una volta dietro sto grande amore ci potevi andà sempre che non sei carcerato
Re:''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione
« Risposta #24 il: 28 Nov 2018, 00:27 »
se sei piccolo allora goditi questa Lazio, sei stato fortunato è una delle migliori di sempre e per come è stata costruita forse è meglio della migliore che è stata una splendida fiammata
tante volte quando il calcio si vedeva solo allo stadio si prendeva il tempo con la speranza che la partita finisse prima di prendere gol, in B no lì eravamo una corazzata

se la vedi dal 90 non sei piccolo, ma allora in 28 anni una volta dietro sto grande amore ci potevi andà sempre che non sei carcerato
Sì. Come ho detto, non volevo questo post passasse come polemica. A volte sento telefonate in radio dove qualcuno pretende ''troppo'' e giustamente gli viene ricordato, come un po' hai fatto anche tu con me, che non sempre è giusto perché questa squadra ha vinto tante battaglie. Però ripeto che non è il mio caso, non è un post dove ho chiesto qualcosa, ho solo espresso delle mie perplessità con i tifosi. Con la Lazio, poi, intesa come squadra, al di là di chi la guida o chi ci gioca, non ho nessuno problema. Anzi, fosse la Lazio il mio problema... :p

PS: Sul fattore stadio, sono in debito con la Lazio. Da piccolo papà mi portava a vedere il Napoli al San Paolo e poi la domenica mi mostrava Claudio Lopez. Non mi ha mai portato a Roma. Poi quando lui è morto, diciamo che non sono stato carcerato ma... per cose personali non mi era possibile fare chissà che, già era tanto se il sabato uscivo per vedere scorci di partita al bar. Poi ho avuto un brutto periodo e mi sono allontanato da tutto (per motivi che non hanno nulla a che fare con lo sport), anche dalla mia Lazio. Non ci crederete, però mi son anche perso quell'irripetibile finale. Da qualche anno, però, nonostante le cose non siano migliorate di molto, per fortuna, sono riuscito a riprendermi alcune cose che avevo perso per strada, tra queste anche la Lazio. Ma ripeto, sono in debito con la Lazio e non è un certo timore simil-aereo che ho dello stadio in generale a potermi giustificare. Non totalmente. Ecco, giusto per restare in tema Leopardi, mi sembrava giusto buttarla sul melodrammatico, haha! #coerente

Offline Kappa

*
2126
http://space.tin.it/scienza/decos
Re:''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione
« Risposta #25 il: 28 Nov 2018, 12:41 »
comunque secondo me il problema è più profondo: riesumando quel gran libro/gran film che è "fight club", qualcuno ci ha raccontato che dobbiamo vivere la vita da protagonisti, che dobbiamo primeggiare, che questo è possibile per tutti.

Poi un giorno ti svegli e ti rendi conto che non hai il lavoro che ti piace, che in fondo sei "uno in mezzo a tanti", e che la squadra che tifi, in fondo, non primeggia mai, o almeno, non secondo le tue aspettative.

La verità è che in Italia, c'è solo una squadra che vince costantemente, ed ha le striscie bianche e nere. Il resto è contorno.
Chi parla di "sogno", "aspettative", "squadra all'altezza", pensa di dire frasi provocatorie, che scuotono l'ambiente e gli animi. La realtà è che le dicono tutti i tifosi di tutte le squadre. Eppoi tanto vince sempre la stessa.

La verità è che sono frasi vuote, pensieri vuoti, che partono dall'assunto che la Lazio sia, per grazia divina, superiore alle altre squadre. Non è così, come non c'è nessun Dio che privilegia te, rispetto agli altri. Anzi, forse ti odia, non ti considera proprio (cit.).

Quindi, per concludere, la mia esortazione è: vieni allo stadio, portaci chi ti è più caro, fatti una birra e canta a squarciagola, e fottitene: la vita è troppo breve per pensare a dove stai andando tu e dove sta andando la tua squadra. Goditi il viaggio, la compagnia, e una buona birra.

Offline COLDILANA61

*
11796
Sesso: Maschio
Re:''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione
« Risposta #26 il: 28 Nov 2018, 12:59 »
Bravo Kappa .

Dovremmo ricordarci queste regole piu' spesso ma la natura umana qualsiasi prova ti venga sottoposta , prima o poi , guarda alle speranze ed ai sogni , alle illusioni .

Non potremmo vivere e crescere senza di loro .

Ed il calcio (la LAZIO) e' solo la cosa piu' importante DOPO le cose veramente importanti .

 :beer:

Offline bak

*
18701
Sesso: Maschio
Re:''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione
« Risposta #27 il: 28 Nov 2018, 13:50 »
La Lazio si ama, a prescindere dal fatto che lotti per la C.L o giochi a Rende.

E' una cosa che hai o non hai nel sangue; per questo termini come psicosi o depressione, associati al mio amore extraconiugale, non potranno mai coesistere.

Inzaghi ? Te devi essere perso i tempi di Lorenzo nell'84, o del povero Corsini.

Offline ES

*
10986
Re:''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione
« Risposta #28 il: 28 Nov 2018, 13:57 »
comunque secondo me il problema è più profondo: riesumando quel gran libro/gran film che è "fight club", qualcuno ci ha raccontato che dobbiamo vivere la vita da protagonisti, che dobbiamo primeggiare, che questo è possibile per tutti.

Poi un giorno ti svegli e ti rendi conto che non hai il lavoro che ti piace, che in fondo sei "uno in mezzo a tanti", e che la squadra che tifi, in fondo, non primeggia mai, o almeno, non secondo le tue aspettative.

La verità è che in Italia, c'è solo una squadra che vince costantemente, ed ha le striscie bianche e nere. Il resto è contorno.
Chi parla di "sogno", "aspettative", "squadra all'altezza", pensa di dire frasi provocatorie, che scuotono l'ambiente e gli animi. La realtà è che le dicono tutti i tifosi di tutte le squadre. Eppoi tanto vince sempre la stessa.

La verità è che sono frasi vuote, pensieri vuoti, che partono dall'assunto che la Lazio sia, per grazia divina, superiore alle altre squadre. Non è così, come non c'è nessun Dio che privilegia te, rispetto agli altri. Anzi, forse ti odia, non ti considera proprio (cit.).

Quindi, per concludere, la mia esortazione è: vieni allo stadio, portaci chi ti è più caro, fatti una birra e canta a squarciagola, e fottitene: la vita è troppo breve per pensare a dove stai andando tu e dove sta andando la tua squadra. Goditi il viaggio, la compagnia, e una buona birra.

E nel quotarti aggiungo che di fronte ad un buon bourbon e tra le labbra una Baldo Baldi, magari accompagnati da un caldo fuoco di camino e da due avvolgenti giovani fanciulle, potremmo disquisire sull'opportunità di condiderare l'esistenza di una governance nell'universo (dopo aver appurato della non possibilità di un Dio creatore).

Perché, come dici tu, la vita va vissuta, inesorabilmente, amabilmente. 😊

Offline Ranxerox

*****
8088
Sesso: Maschio
Re:''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione
« Risposta #29 il: 28 Nov 2018, 14:23 »
comunque secondo me il problema è più profondo: riesumando quel gran libro/gran film che è "fight club", qualcuno ci ha raccontato che dobbiamo vivere la vita da protagonisti, che dobbiamo primeggiare, che questo è possibile per tutti.

Poi un giorno ti svegli e ti rendi conto che non hai il lavoro che ti piace, che in fondo sei "uno in mezzo a tanti", e che la squadra che tifi, in fondo, non primeggia mai, o almeno, non secondo le tue aspettative.

La verità è che in Italia, c'è solo una squadra che vince costantemente, ed ha le striscie bianche e nere. Il resto è contorno.
Chi parla di "sogno", "aspettative", "squadra all'altezza", pensa di dire frasi provocatorie, che scuotono l'ambiente e gli animi. La realtà è che le dicono tutti i tifosi di tutte le squadre. Eppoi tanto vince sempre la stessa.

La verità è che sono frasi vuote, pensieri vuoti, che partono dall'assunto che la Lazio sia, per grazia divina, superiore alle altre squadre. Non è così, come non c'è nessun Dio che privilegia te, rispetto agli altri. Anzi, forse ti odia, non ti considera proprio (cit.).

Quindi, per concludere, la mia esortazione è: vieni allo stadio, portaci chi ti è più caro, fatti una birra e canta a squarciagola, e fottitene: la vita è troppo breve per pensare a dove stai andando tu e dove sta andando la tua squadra. Goditi il viaggio, la compagnia, e una buona birra.

Ottimo e abbondante.
Applausi...
Re:''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione
« Risposta #30 il: 28 Nov 2018, 14:57 »
Buongiorno. Battute su Leopardi e senso della vita a parte, mi spiace questo mio post sia stato leggermente fraintesto. Non da tutti o del tutto, almeno. Ma posso capirlo, infatti faccio mea culpa per aver usato termini con cui mi piace giocare ma che col calcio, in senso pratico, hanno poco a che fare. Ma sono fatto così. Comincio per dire che nella mia analisi non c'erano richieste o tantomeno provocazioni, verso Lazio, Lotito o chissàchi. E anche se l'ho premesso e poi ripetuto, ho notato che non ci si è fatto caso. L'avrò scritto male io, ancora. Sintetizzo. Ormai il post l'ho scritto, però cerco di ''limitare i danni'', facendo ciò che posso.

Ho parlato di psicosi, perché sento e leggo di una Lazio (quella attuale) che soffrirebbe di una qualche patologia che non le permetta di vincere contro le grandi, nemmeno contro un Milan che grande non lo è più ed ha fuori mezza squadra.

Poi ci ho aggiunto egoismo e qualità, proprio perché per me non c'è nessuna psicosi, semplicemente non abbiamo calciatori (di qualità) in grado di farci fare quel salto di qualità di cui qualcuno parla, perché in Champions non si va così con chi pensa alla classifica cannonieri, a Siviglia o al tacco, suola, per forza, anche in aria di rigore nostra.

Poi ci ho aggiunto Inzaghi e la mia depressione. Perché tutto ciò che leggo e sento mi ''deprime''. Mi ''deprime'' anche un pochino vederla giocare in un certo modo, questa squadra, con certi calciatori. Mi ''deprime'', sempre tra virgolette, vedere sempre incolpato Inzaghi quando le colpe di una Lazio che potrebbe ma non può, sono, secondo me, da attribuire alla società, perché Inzaghi, può pure chiederlo Cristiano Ronaldo (auto-quotandomi sul discorso Napoli della TV locale) ma poi non può molto se non arriva nemmeno Laxalt, Wesley o chi per lui.

Lasciando stare papà e lo stadio, poi, vorrei dire che di Fincher ho preferito Zodiac, Fight Club mi è sembrato dire troppo ma in fin dei conti poco e niente. Bellissima, comunque, la sequenza dove Brad Pitt spiega come gli oggetti finiscano per possederci. Io, infatti, ho si è no 2 cose. Poi mi lascio ammaliare solo dai miei caffè e ovetti conditi da una sottiletta e 3 spicchi di pomodoro. I am a salutis-I am an anarchist.

Mi scuso se ho urtato la sensibilità di qualcuno. Ho criticato chi chiama in radio perché pretende un quinto di fascia da scudetto, chiedendo di lasciar perdere, non incolpare Inzaghi, la pubalgia, il mal di schiena o chissàche, perché se arriva un quinto da scudetto, o da Champions, è perché lo ha voluto la società. Son finito per sembrare proprio così, come uno che chiama in radio perché pretende un quinto di fascia da scudetto, che Inzaghi faccia possibilmente giocare, eh!

Non posso quotare tutti, però faccio un'altra piccola considerazione: la mia vita privata non c'entra nulla con la Lazio. Il pensiero che qualcuno possa parlar male di questa squadra come antidoto ai suoi problemi mi intristisce, così come mi fa tanto doloro qualcuno lo abbia potuto pensare riguardo al mio. Visto che mi son detto timido e debole e, ahimè, è vero. Allo stesso tempo non mi son mai nascosto. Io, la Lazio, l'ho tifata a squarciagola, sempre. Quando con la mia band dovevamo incidere un disco. Quando invece passavo le notti, in lacrime, ad elemosinare componenti su di un qualche sito perché ero rimasto solo. Quando papà mi chiamava in cucina che c'era la partita. Quando, successivamente, nemmeno sapevo se qualcuno mi avrebbe fatto accendere la televisione. Quando, trovate le partitelle di Auronzo su Sportitalia,  ''Ma che devi fa co' 'sta Lazio, cambia!''.

Niente, non ce l'ho fatta a non chiudere in malinconia. Sarò io. Ci vediamo allo stadio, un giorno. E difendiamola questa Lazio. Io, in fondo, questo ho provato a fare col mio post, portare un po' d'amore. Perché, secondo me, chi parla di una Lazio ''vorrei ma non posso'', non fa il bene della Lazio. Fare il bene della Lazio, sempre secondo me, è saper riconoscere i suoi limiti, senza isterie, processi e compagnia bella. E mi vien da sorridere, perché so benissimo che qualcuno ora dirà, ''Azz, tu che dici di non fare isterie e processi''. Non è così. Poi, che l'amore per questa bandiera sia incondizionato, io l'ho ripetuto in tutti i pochi post da me scritto su questo bel forum. Però lo rifaccio, perché è giusto ribadirlo. Una Lazio che pareggia al 94esimo sarà sempre più bella di una Roma che ha già il risultato in tasca a primo tempo. Perché è così. E basta.
Re:''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione
« Risposta #31 il: 28 Nov 2018, 15:34 »
Vedo che Gasco....ha fatto proseliti e un ondata logorroica ci sommerge.
Se lo xanax non è sufficiente, 10 gocce di cipralex e anche Dezotti ti apparirà meglio di Immobile.   

Offline MisterFaro

*****
10219
Sesso: Maschio
KIPIUNEHAPIUNEMETTA!
Re:''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione
« Risposta #32 il: 28 Nov 2018, 21:42 »
Anche scopare può tornare utile

Offline Sonni Boi

*****
13668
Sesso: Maschio
Re:''Psicosi'', ''Egoismo'' e ''Qualità'': Inzaghi e la mia depressione
« Risposta #33 il: 28 Nov 2018, 22:10 »
Se addirittura ti deprime una Lazio che lotta costantemente per andare in Champions forse dovresti lasciar perdere, o passare a tifare squadre che lottano per lo scudetto e CL.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod