14 Maggio 2000

0 Utenti e 49 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Online RG-Lazio

*
1054
14 Maggio 2000
« il: 14 Mag 2020, 10:16 »
Tu chiamale se vuoi...emozioni

Auguri a tutti noi laziali...che giornata assurda.

Ricordo quel pomeriggio e la trasformazione degli stati d´animo in quella giornata

disilluso pessimista cosmisco Leopardi spostati

in fondo la palla rotola

piccola speranza

forse facciamo lo spareggio, ma non ci credo...un gollonzo lo fanno

Calori...incredulitá...controllo tutti i canali, schiaffi in faccia (non é un sogno) , televideo.

Dilatazione temporale....40 minuti che diventano 40 anni

ESTASI....LAZIO CAMPIONE D`ITALIA...ricordo quella scritta sulla televisione...a volte non ci credo ancora oggi dopo 20 anni

Forza Lazio


Re:14 Maggio 2000
« Risposta #1 il: 14 Mag 2020, 10:22 »
Appena finita a Perugia ho avuto un pianto ininterrotto durato 15 minuti e non riuscivo a smettere, avevo gli occhi gonfi e rossi.


Fateci caso noi abbiamo vinto sempre dopo grandi cadute: nel 74 dopo anni di B e nel 2000 dopo anni di B, calcio scommesse e squalifiche di giocatori a vita.
Ora con Lotito dopo un salvataggio che ha del miracoloso.
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #2 il: 14 Mag 2020, 10:40 »
Ero a centrocampo in un'attesa infinita, indossavo la maglietta della Lazio con il numero 18 (di Nedved) e la scritta "Lazionet"...
Emozioni indimenticabili.

 :band1:
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #3 il: 14 Mag 2020, 11:07 »
forse facciamo lo spareggio, ma non ci credo...un gollonzo lo fanno

Più o meno la stessa sequenza dei miei sentimenti di quel giorno. Questo passaggio che ho citato per me è accaduto più o meno verso le 18.03.

Fateci caso noi abbiamo vinto sempre dopo grandi cadute: nel 74 dopo anni di B e nel 2000 dopo anni di B, calcio scommesse e squalifiche di giocatori a vita.
Ora con Lotito dopo un salvataggio che ha del miracoloso.

Nel 74 gli eventi che hai citato erano recenti, nel 2000 ce li eravamo messi alle spalle da più di un decennio, non mi pare la stessa cosa. Però è vero che la nostra storia è un ciclico susseguirsi di cadute e ascese. Speriamo che il ciclo adesso si sia interrotto definitivamente con la stabilizzazione nelle posizioni alte della classifica.

Ero a centrocampo (...)
Emozioni indimenticabili.

 :band1:

Anche io, più o meno all'altezza della panchina ospiti. Che emozioni, che nostalgia.
Che tristezza pensare che sono passati già 20 anni e quella giovinezza, ancorché per me ultima, non c'è più.

F O R Z A    L A Z I O

:band1:

Offline ronefor

*
6818
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #4 il: 14 Mag 2020, 11:10 »
<iframe width="640" height="360" src=" frameborder="0" allow="accelerometer; autoplay; encrypted-media; gyroscope; picture-in-picture" allowfullscreen></iframe>
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #5 il: 14 Mag 2020, 12:23 »
La mattinata de lavoro,la fuga ,il rientro . Biglietto venduto e ricomprato. Un pezzo di prato in macchina. La corsa a casa da papà che non riusciva a vederla.

Cheggoduria.


PS. Qualcuno ritrova la dedica scritta sull allora forum che descriveva ogni calciatore?

Ricordo un passaggio :"la gelatina di conceicao" 

Offline GiPoda

*
3705
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #6 il: 14 Mag 2020, 12:30 »
"Cara Lazio, forse lo sai già, ma con te ho vissuto gli anni più belli della mia vita. Tre stagioni e mezza che non dimentico, sempre al massimo, senza rimpianti. Tutte, anche l'ultima non conclusa. E non è certo un mistero se ripeto adesso, nei giorni del ventesimo anniversario dello scudetto del 2000, che quella squadra che vinse il titolo italiano è la più forte che abbia mai allenato.
Quando firmai con Cragnotti nel 1997 vidi nei suoi occhi, in quelli dei dirigenti, dello staff tecnico, dei giocatori un'immensa voglia di vincere. Anno dopo anno la squadra divenne sempre più forte, fino al capolavoro dello scudetto. Per me lavorare alla Lazio è stato come lavorare a casa. Quella era proprio casa mia. Non vi ho mai detto che effetto fantastico faceva sentire il mio nome cantato all'Olimpico dai tifosi. Abbiamo vinto tanto, tra scudetti e coppe, e non ho mai pensato che qualcuno avesse più merito di altri nei nostri successi. Eravamo un gruppo.
Ringrazio tutti, questa è una buona occasione per farlo. Soprattutto i tifosi, magnifici. Sappiate che seguo ancora la Lazio e che, prima di questo drammatico periodo della pandemia che ha fermato tutto, la squadra di Simone Inzaghi mi è sembrata davvero la più forte della serie A. Vi abbraccio idealmente tutti. Siete stati voi i grandissimi, immensi come il cielo biancoceleste. Allora come oggi posso dire che è stato tutto troppo bello."
14.05.2020
Sven Goran Eriksson

Online alby1608

*
7594
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #7 il: 14 Mag 2020, 13:31 »
"Sono le 18 e quattro minuti..."

le parole più belle che ho udito in vita mia, sono passati 20 anni
20 anni di Lazio

Offline paolo71

*****
12664
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #8 il: 14 Mag 2020, 13:43 »
Una goduria pazzesca, iniziata e vissuta nel salotto dei miei amici tutti juventini, festeggiata a casa di papà e mamma dopo le 18 e 4 e conclusa a notte fonda sulla spiaggia con addosso solo la maglietta della Lazio, in tripudio di birre.

Oggi Sven Goran Eriksoon su sky in diretta alle 19
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #9 il: 14 Mag 2020, 14:18 »
Io ricordo che al gol di Calori stavo salendo le scale, naturalmente ho continuato per 40 minuti. Ancora me fanno male i polpacci ...
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #10 il: 14 Mag 2020, 14:28 »
Ci sono momenti della nostra vita che ricordiamo per sempre, esattamente per come si sono svolti, come abitino in un tempo sempre presente incapaci di sfumare nella foschia del passato. Alcuni di questi riguardano la dimensione privata, quelle delle persone care, degli amici, degli affetti più vicini. Altri, invece, appartengono ad una coscienza collettiva, pubblica, che a distanza di anni sono ancora picconati nella nostra mente e nella nostra memoria, e si alimentano con le emozioni.
C’è chi sa perfettamente dove si trovava o cosa stava facendo quando le radio annunciavano l’omicidio Kennedy, o le tv mostravano l’impronta del primo passo dell’uomo sulla luna. Altri hanno ben presente la gioia di fronte all’urlo di Tardelli in Spagna e di Grosso in Germania, o lo sbigottimento conseguente alle immagini di Aldo Moro, contorto dentro il bagagliaio della Renault 4 rossa, o degli aerei polverizzati sulle torri gemelle l’11 settembre del 2001. 
Io, invece, ricordo esattamente le 18:04 del 14 maggio del 2000.
Non ero all’Olimpico, evidentemente. C’ero stato, e per la prima volta, qualche mese prima. Lazio-Inter, un 2-2 all’ultimo respiro con il tap-in vincente di Pancaro sotto la traversa, che sembrava però utile solo alle statistiche. La Juve era già lontana, e lo sarebbe diventata ancor di più la settimana successiva, quando la Lazio avrebbero perso 1-0 a Verona.
Eppure l’anno era cominciato bene, con l’inchino di Salas in faccia agli invincibili diavoli rossi di Sir Alex Ferguson.
Ma il campionato era ormai andato, un’altra occasione persa, un’altra delusione. L’ennesima.
L’anno prima una Lazio probabilmente superiore a quella del 2000 aveva buttato al vento (non da solo per demeriti propri, per la verità, ma questa è un’altra storia) uno scudetto quasi vinto contro un Milan inferiore e fortunato.
Recuperare nove punti alla Juventus di Zidane e Del Piero (ma anche di Giraudo, Moggi e Bettega) con sole otto giornate da disputare era, adesso, impresa disperata.
Di più, era impossibile.
Per me e la maggior parte dei tifosi, per la statistica, per quegli anni, in cui nessuno portava a casa nulla al di fuori della Milano-Torino.
Ma non per la testa di Simeone, per i polmoni di Almeyda, per l’interno piede di Veron, per il sinistro di Sinisa, per il cuore-acciaio di Nedved, per la classe del Capitano.
E, allora, l’impossibile diventa improvvisamente di nuovo possibile.
Basta non smettere di credere e l’uomo in fuga, la Juventus, è di nuovo lì, distante solo un colpo di pedale.
Il 7 marzo del 2000 sono sulle scale di casa, ho in mano il walkman e nelle orecchie “tutto il calcio minuto per minuto”. La Lazio ha vinto a Bologna nonostante Beppegol, mentre la Juve arranca con il Parma, ma a pochi minuti dal termine è ancora in vantaggio 1-0.
Poi, al 90esimo, Marcio Amoroso calcia un angolo, Cannavaro svetta in mezzo all’area e colpisce la palla che sbatte una volta a terra e poi colpisce la parte interna del palo di Van Der Sar.
Gol!!!
Il mio urlo rimbomba nella tromba delle scale, poi oltrepassa la porta di casa, attraversa la strada, riempie il quartiere.
1-1, la Lazio ha riacciuffato la Juve e l’inafferrabile uomo in fuga è stato raggiunto un metro prima del traguardo.
Ma è un attimo. L’arbitro, De Santis, annulla il gol.
Il perchè non si sa, o forse si.
Anche lui sa di averla fatta grossa, troppo, persino per tutto il marcio nel quale galleggia il calcio in quegli anni, tanto da sentirsi in dovere di dare spiegazioni appena dopo la fine della partita, nonostante sia vietato all’arbitro, a qualunque arbitro, di rilasciare dichiarazioni dopo un match. Dirà di aver visto un fallo, di aver fischiato prima del colpo di testa e che, di fatto, non si può parlare nemmeno di gol annullato.
Ma è una menzogna e lui farfuglia, gratta una superficie che è liscia come quella di uno specchio.
E, infatti, scivola sulle immagini che raccontano un’altra storia, di un fischietto che si riempie d’aria, ma soltanto dopo che la palla colpita da Cannavaro riempie la rete.
Ha le mani sprofondate nella marmellata, De Santis.
Le mie no, le mie hanno ancora in mano il walkman. Ancora per poco, perchè con tutta la forza che ho schiumando rabbia scaravento quel povero agglomerato di plastica e circuiti elettrici sul duro marmo bianco delle scale di casa.
Va in frantumi in un ovattato lamento, come i miei sogni di tifoso.
Le uniche urla adesso sono quelle di mia madre, che addirittura mi caccia di casa.
E’ andata. Finita. Di nuovo. Inutile combattere contro chi, semplicemente, non è battibile.
Mi impongo di non seguire più il calcio. E’ un gioco, certo, ma non sono disposto a giocare ad un gioco in cui persino la possibilità di vincere è preclusa.
Arriva il 14 maggio del 2000. Si gioca l’ultima giornata di campionato, la Lazio in casa contro la Reggina, la Juve a Perugia.
Ma è un bluff, una gara con i dati truccati.
Io me ne vado a Barcellona (Pozzo di Gotto), c’è una bellissima giornata e c’è una gara sette di play off di basket da vivere. Una partita vera, per la quale ha senso palpitare di emozione, dedicare il mio tempo di appassionato di sport.
Lontano dagli occhi, lontano dal cuore.
Come me la pensano migliaia di tifosi, e infatti a Roma, per protesta, nessuno entra allo stadio.
Non entro nemmeno io nel palasport di Barcellona, ma soltanto perché è stracolmo di persone, e non c’è spazio neanche per uno spillo.
Non è proprio giornata, e non mi resta che tornare a casa. Di quello che accade a Roma e a Perugia non so nulla. Il walkman è rotto, ormai.
Sulla strada del ritorno non vedo festeggiamenti e sfilate, eppure le partite dovrebbero essere finite da un pezzo.
Alle 17:15 entro in casa, la tv è accesa, c’è ancora in onda “Tutti quelli che il calcio”.
La Lazio ha vinto, 3-0 sulla Reggina.
La Juve, per un assurdo scherzo del destino, è ancora in campo.
Su tutta l’Italia splende il sole ma a Perugia, solo a Perugia, un temporale violentissimo ha costretto l’arbitro Collina a sospendere la partita per più di un’ora.
Un’altra beffa, penso. Non sono riuscito a vedere il basket e adesso il destino mi costringe a vedere la fine della farsa del campionato 99-00 in diretta.
Poi, il cielo sopra Perugia si apre. Segna Alessandro Calori, difensore.
La Juve sta perdendo 1-0.
Ma è solo sadismo, penso, un’illusione, perché in attimo tutto andrà come deve andare.
Prima un gol e poi un altro, e via i festeggiamenti a piazza Castello.
I minuti passano, lentissimi, e io giro nervosamente attorno ad un tavolo, infischiandomene di mia madre che non capisce e mi suggerisce di pensare all’esame di stato.
Aspetto il colpo di grazia, aspetto il gol della Juve come si aspetta la fine del giorno, inevitabile.
Arrivo a pensare che, in fondo, anche un pareggio non sarebbe male. Significherebbe pari punti in classifica, e scudetto da assegnare in uno spareggio a partita secca. Viste le premesse, sarebbe un risultato eccezionale anche questa possibilità.
Ma i minuti passano, sempre più lenti, la Juve non segna e io mi trovo immerso in un liquido amniotico.
A Roma l’Olimpico è pieno di tifosi che hanno invaso il campo, e anche i giocatori ormai sono diventati tifosi e si aggirano come automi impazziti nella pancia dello stadio.
Anche Salas è raccolto davanti ai monitor, sembra si stia inchinando come dopo un gol.
Poi, dalla tv, o dalla radio, o da un’altra dimensione la voce di Riccardo Cucchi di “tutto il calcio minuto per minuto” in collegamento da Perugia urla: “Collina dichiara concluso il confronto. Sono le 18.04 del 14 maggio del 2000, e la Lazio è campione d’Italia”.
Nick Hornby diceva che “il calcio non lo puoi capire, se non ci sei dentro”.
Sono dentro la mia macchina con alcuni amici antijuventini. Io, per ovvi motivi geografici, sono l’unico vero laziale.
Ma non importa, sfiliamo insieme tra le vie del paese per celebrare la vittoria della Lazio.
Ho distribuito a tutti sciarpe, bandiere e maglie biancocelesti, tirate fuori dal mio armadio per l’occasione.
Tutte, tranne una. Un amico milanista indossa la maglia del Cile.
E’ la 11.
E’ quella di Salas.
E’ proprio vero che, come scrisse un giornale argentino quel giorno, Dios es del Lazio. 
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #11 il: 14 Mag 2020, 18:04 »
Cosa dire...
Il compleanno più bello di tutta la mia vita !
Indimenticabile,  da brividi per tutti quelli che erano con me ...
Con infinito amore.

Stefano

Offline dario

*****
872
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #12 il: 14 Mag 2020, 18:04 »
L'emozione sportiva più grande della mia vita.
Mai avrei pensato.
Conservo l'erba del prato dentro il "tubo" della Puma, quello della maglia comprata proprio quel giorno.
Mi sembra ieri.
Lacrime di commozione solo a pensarci.
Sono certo che prima o poi rivivrò (rivivremo) una gioia così.
Anche se il "modo" sarà naturalmente diverso.
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #13 il: 14 Mag 2020, 18:49 »



PS. Qualcuno ritrova la dedica scritta sull allora forum che descriveva ogni calciatore?

Ricordo un passaggio :"la gelatina di conceicao"

"le lacrime di nedved(?)"

Puo' essere che me la ricordo solo io ? Nel 2000 esisteva Lazio net od un similare?
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #14 il: 14 Mag 2020, 19:09 »
Da 2 aa in Piemonte.
10 minuti a piange come un deficiente.
5 minuti a bestemmia' per nun esse a Roma.
Un'ora a rotolare sul tappeto come un bambino.
Mia moglie mi ha soccorso
 8) :since
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #15 il: 14 Mag 2020, 19:54 »


Re:14 Maggio 2000
« Risposta #16 il: 14 Mag 2020, 20:17 »
TANTE EMOZIONI.....

COME SOLO A NOI PUOI' CAPITARE......

MA SIAMO LA LAZIO :since

CHE BEI RICORDI :band1:

FORZA LAZIO :band5: :band12: :bakar:

Online hafssol

*
1312
music won't save you
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #17 il: 14 Mag 2020, 22:27 »
Mamma mia che ricordi, una commozione che dura da vent'anni, quattro ore e qualche minuto.
Brividi e lacrime agli occhi immediate appena ci ripenso.
Vedo che quella del pianto è stata reazione diffusa tra di noi, com'è abbastanza ovvio che fosse. Non so quanto sia durato il mio, ma non finiva più, l'unico modo possibile per me, in solitudine, di esprimere un'immensa gioia, repressa l'anno prima e sofferta come solo a noi può capitare.
Dopo quel pianto, vissi i giorni seguenti quasi intontito, con un mal di testa latente che mi accompagnò anche, tre giorni dopo, al mio ultimo esame all'università (peraltro con un professore notoriamente laziale).

Già, sono passati vent'anni. Oggi ho indossato la maglia di quel giorno, quella del centenario, e mia figlia di tre anni ha detto "Olimpia" vedendo lo stemma. A me quel giorno sembra così presente, indelebile, ma anche vicino; inevitabile pensare alla percezione che ne avrà lei tra un po' di tempo, facendo il paragone di come al me stesso diciottenne impazzito per la Lazio di Signori nel 1994 sembravano lontanissimi gli eroi del '74 che non avevo vissuto in presa diretta.
Emozioni che solo la nostra Lazio, e il nostro modo di viverla, possono dare.

 :band3: :band5: :band9: 
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #18 il: 14 Mag 2020, 22:38 »
Domanda: che voi sappiate è stato scritto un libro sul 14 maggio?
Non sulla Lazio di Cragnotti o sull'anno dello scudetto, proprio solo su quella giornata epica.
Re:14 Maggio 2000
« Risposta #19 il: 14 Mag 2020, 23:09 »
Cosa dire...
Il compleanno più bello di tutta la mia vita !
Indimenticabile,  da brividi per tutti quelli che erano con me ...
Con infinito amore.

Stefano

Auguri Stefano!
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod