18 gennaio 1977

0 Utenti e 17 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline bak

*
20158
18 gennaio 1977
« il: 18 Gen 2016, 09:14 »


Sempre nel cuore


Re:18 gennaio 1977
« Risposta #1 il: 18 Gen 2016, 09:36 »
Indimenticabile.
Se non fosse accaduto quello che é accaduto la carriera di Marco Tardelli sarebbe stata un'altra.
Più anonima.

Offline Palo

*****
11484
Re:18 gennaio 1977
« Risposta #2 il: 18 Gen 2016, 10:02 »

La tragedia della morte di Luciano Re Cecconi si inserisce in un periodo della mia vita che si apre con la perdita di mamma e si chiude con altre vicende personali piuttosto significative per la mia vita privata. Confesso che c'è nebbia nel ricordo di quell'inverno. Un inverno che si chiuse, forse, solo 5 o 6 anni dopo.

Offline Jeffry

*****
10435
Re:18 gennaio 1977
« Risposta #3 il: 18 Gen 2016, 10:05 »
Ciao Cecco.
 :band1:

Offline fish_mark

*****
15968
Re:18 gennaio 1977
« Risposta #4 il: 18 Gen 2016, 10:15 »
Nel cortile sotto casa, tra elettrauto, motorini truccati e alimentari, ognuno metteva la sua maglietta con i colori sociali (non c'erano le maglie replica: si compravano imitazioni nei negozi sportivi). Il massimo era mettere la maglia con il numero che perfezionava l'opera di imitazione. Tra l'orda giallorossa e bianconera, non poche erano le maglie biancocelesti dove spiccava il 9 di GiorgioChinaglia.
Io mettevo la numero 8, perché quel biondo in mezzo al campo - che emozione vederlo allo stadio, dove tutto era "incredibilmente" colorato - lo sentivo molto mio, biondino come ero.

Ciao Luciano il mio eroe laziale da bambino

Re:18 gennaio 1977
« Risposta #5 il: 18 Gen 2016, 11:54 »
penso che molti di quelli che c'erano si ricordano il momento preciso in cui seppero la notizia
io mi ricordo "sai hanno ammazzato un giocatore della Lazio" e fu una cosa scioccante per tutti anche per quelli dellà
oggi e basta ricordare Lulic secondo me sarebbe diverso

porgascogne

porgascogne

Re:18 gennaio 1977
« Risposta #6 il: 18 Gen 2016, 12:00 »
11 anni, quasi 12
non sei più bambino - soprattutto a quei tempi, fra spade e pitrentotto - ma non sei nemmeno uomo
non sei niente, neanche ragazzo
ragazzino, forse, è la parola più adatta
e se un ragazzino piange è la normalità, lo fanno spesso, per cause futili il più
ma per un ragazzino di quei tempi, era molto difficile vedere uomini - i grandi - piangere

quella fu, per me, la prima volta
e ne vidi molti
Re:18 gennaio 1977
« Risposta #7 il: 18 Gen 2016, 12:01 »
Stavo uscendo di casa per andare al lavoro, ascoltai la notizia in televisione, non volevo crederci mi sembro tutto così assurdo.
Ciao Cecco, ti vidi  la prima volta all'olimpico con la maglia del Foggia, dissi a un mio amico, questo mi piacerebbe nella Lazio, arrivasti l'anno seguente.

Offline bak

*
20158
Re:18 gennaio 1977
« Risposta #8 il: 18 Gen 2016, 12:02 »
Ricordo perfettamente.
Ero in terza media, doppi turni del c***o, intorno alle 20:00. Mentre rientravo a casa, nel portone mi ferma il signore che abita sopra casa mia, napoletano con molta simpatia verso la Lazio (per via dei figli), e mi dice:
" a Già, l'hai saputo che hanno sparato a Re Cecconi"
il momento di capire quanto stava succedendo, passa un uomo con l'edizione speciale di Momento o Paese Sera; sparatoria in una gioielleria, ucciso Re Cecconi, diceva il titolo di quelle quattro pagine. Poggiai lo zaino per terra ed attaccai un pianto dirotto, di quelli che manco quando mancò mio padre ho fatto.

Offline ian

*
7680

Offline ian

Re:18 gennaio 1977
« Risposta #9 il: 18 Gen 2016, 12:05 »
Due ricordi,  fra i tanti.
Un Italia Germania amichevole all'Olimpico, 0 a 0 con Cecco e Wilson.
E i funerali stranamente dalle parti di casa mia.
Avevi 15 anni

Offline hidalgo

*
5125
Re:18 gennaio 1977
« Risposta #10 il: 18 Gen 2016, 13:11 »


Una morte inaudita.
Con molte zone d'ombra.
A partire dalla storia del presunto scherzo.
Uno choc.
Spero che un giorno Ghedin prenda coraggio e scriva un libro di memorie su quanto accaduto veramente quella maledetta sera.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod