La fissa del mercato

0 Utenti e 25 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Online FatDanny

*****
18391
La fissa del mercato
« il: 31 Lug 2017, 12:01 »
Sul piano strettamente personale i danni maggiori li ha fatti il Tabellone del Corriere dello Sport.
Erano gli albori degli anni '90 e compravo il quotidiano unicamente in estate per quella tabella a tutta pagina che nascondeva sogni, speranze, ipotesi nella comparazione tutta immaginaria delle future rose.
Da lì il calciomercato è sempre stata una vera e propria droga, il cui ambito restava però limitato a quella breve parentesi che andava dalla sveglia in vacanza fino alla lettura del giornale e ai commenti  conseguenti tra gli amici.
Al massimo, ma proprio nei momenti di astinenza totale, si poteva strisciare in salotto e rivolgersi al Televideo.


Il dubbio - o meglio ad oggi la conclamata certezza - è che attraverso i nuovi strumenti di comunicazione la cosa sia ormai completamente fuori controllo.
Web e social hanno esteso quella parentesi in termini indefiniti sia nello spazio che nel tempo, causando un corto circuito piuttosto evidente e che di certo non riguarda solo noi.
Tasti F5 fusi, aggiornamenti continui su pc, tablet e smartphone, notizie inventate pur di non restare indietro nella domanda costante di informazioni a tutti i costi.
E palate di frustrazione omaggio, a meno che non si sia tifosi di 6-7 squadre in tutta europa (o della Roma, campione d'agosto since 1927).

Non voglio fare il distaccato che parla in modo aulico dei "bei tempi andati", anche perché da tossico conclamato sono la prima vittima del suddetto fenomeno.
Quindi capisco perfettamente che quel "sognare il colpaccio" è parte integrante del tifoso e non può essere rimosso anche volendolo.
Però ad un certo punto tocca pure rendese conto di quello che produce in termini di tossine, rancori, disaffezione, megalomanie da DS mancato, perché il bilancio non è detto che sia ancora positivo. Anzi, me pare proprio de no.

E allora ve posso dì che non ce farebbe male staccà n'attimo da siti, sitarelli, twitter, programmi tv e tutto il resto del circo pe tornà a quel rettangolo verde dove alla fine dei conti se decide tutto?
Perchè è na cura che funziona.
Ieri è bastato vedere quella maglia meravigliosa scendere in campo per far tornare ogni cosa nel giusto ordine delle priorità.
Basta poco eh.
Basta un Luis Alberto a inventare un lancio per Murgia, appoggio a Immobile, che scarta il portiere e GOOOL.
la Lazio è in vantaggio, pure sul Tabellone.

Lazio 1 - Mercato acasa.


Online Tarallo

*****
92293
Re:La fissa del mercato
« Risposta #1 il: 31 Lug 2017, 12:02 »
Don't touch my drug.
I will kill you.

Offline Jeffry

*****
10346
Re:La fissa del mercato
« Risposta #2 il: 31 Lug 2017, 12:15 »
Vediamo se ce la fai davvero a disintossicarti dal calciomercato...
 :)

Offline TheVoice

*****
4920
Re:La fissa del mercato
« Risposta #3 il: 31 Lug 2017, 12:21 »
E' un bel (?) gioco ma dipende quanto ci metti a scaricare le tossine.

Perché se quel carico di (pseudo) frustrazioni varca i cancelli dello stadio diventa devastante.

E naturalmente, sitarelli ed aradio non fanno altro che alimentarle h/24, non fosse altro che per scopo autoreferenziale.

Online FatDanny

*****
18391
Re:La fissa del mercato
« Risposta #4 il: 31 Lug 2017, 12:28 »
Vediamo se ce la fai davvero a disintossicarti dal calciomercato...
 :)

No vabbé, disintossicarmi del tutto è impossibile, come ho detto sono un tossico conclamato e su questo rassicuro il buon Tarallo: durante l'acquisto di Hernanes so' stato capace di impostare la doppia ora sul telefono e mettere tra i preferiti da aprire quotidianamente due quotidiani brasiliani, un forum paulista, oltre a quattro siti italiani e naturalmente LazioNet. fate npo' voi  :=)).


I don't like the drugs, but the drugs like me.


Però, capita co tutte le droghe, calano gli effetti positivi e aumentano paranoie e disagi.
Ecco, pe evità de annacce sotto tocca staccare e darsi alle altre gioie della vita.
Fino al prossimo colpaccio...   8)

Online BomberMax

*****
19600
Re:La fissa del mercato
« Risposta #5 il: 31 Lug 2017, 12:47 »
bello il calciomercato si...... :((



================================
Nesta al Milan, ora è ufficiale
   
Alessandro Nesta, 26 anni, alla Lazio da 9 stagioni. G. Neri
Il capitano laziale passa ai rossoneri per 31 milioni di euro e con un contratto fino al giugno 2007. Domenica sarà in tribuna a S. Siro per il derby.
MILANO, 31 agosto 2002 - Tra conferme, smentite e colpi di scena, il trasferimento di Nesta al Milan è cosa fatta. La società rossonera sabato mattina ha ufficializzato l'acquisto del giocatore (accordo sulla base di 31 milioni di euro), notizia confermata alle 15.30 dal sito ufficiale della Lazio. Risolta, pare, la questione relativa ai diritti ceduti alla società olandese Van Doorn per lo sfruttamento dei diritti di immagine del giocatore dal 2001. In primo grado il tribunale ha condannato il giocatore a pagare 8 milioni di ....................................... ..........

Offline ian

*
7680

Offline ian

Re:La fissa del mercato
« Risposta #6 il: 31 Lug 2017, 13:04 »
Concordo pienamente con lo spirito dell'estensore del topic aggiungendo che io, luckily, riesco a far a meno del mercato dei siti delle Jolande dei Bonan e dei giornali abbastanza tranquillamente.
E questo accade perché gli attori/attricette in questione me fanno pena schifo e compassione. Non mi coinvolgono non mi esaltano non mi frustrano.
Semplicemente penso siano dei buoni a nulla, delle braccia rubate all'agricoltura, meglio al servizio di parcheggio abusivo.
Quindi ne faccio a meno senza sforzo piuttosto mi fa sorridere leggerli o ascoltarli ogni tot giorni sempre allo stesso punto o magari ad un punto opposto.

Altro è l'effetto malefico che producono in genere sulla species tifoso e nel dettaglio su quello della Lazio: per questo vorrei morissero al più presto tra atroci sofferenze.

Altro ancora è il tema delle droghe (I shouldn't mix): droghe rispetto alle quali, tutte, io sono largamente favorevole.

Buon pranzo

Online Ranxerox

*****
10243
Re:La fissa del mercato
« Risposta #7 il: 31 Lug 2017, 13:14 »
Concordo pienamente con lo spirito dell'estensore del topic aggiungendo che io, luckily, riesco a far a meno del mercato dei siti delle Jolande dei Bonan e dei giornali abbastanza tranquillamente.
E questo accade perché gli attori/attricette in questione me fanno pena schifo e compassione. Non mi coinvolgono non mi esaltano non mi frustrano.
Semplicemente penso siano dei buoni a nulla, delle braccia rubate all'agricoltura, meglio al servizio di parcheggio abusivo.
Quindi ne faccio a meno senza sforzo piuttosto mi fa sorridere leggerli o ascoltarli ogni tot giorni sempre allo stesso punto o magari ad un punto opposto.

Altro è l'effetto malefico che producono in genere sulla species tifoso e nel dettaglio su quello della Lazio: per questo vorrei morissero al più presto tra atroci sofferenze.

Altro ancora è il tema delle droghe (I shouldn't mix): droghe rispetto alle quali, tutte, io sono largamente favorevole.

Buon pranzo

Io più che i movimenti di mercato mi drogo di ipotetiche formazioni compresi  anche tutti gli incastri possibili con gli eventuali nuovi arrivi.
Quando fumo sul balcone in automatico parte: Strakosha, Bastos, DeVrij....
Ma pure la notte per addormentarmi (se non sono distratto da altro, come accade sempre più raramente),  invece delle pecore: Strakosha, Bastos, DeVrij.... un loop che va anavti da decenni senza soluzione di continuità  :=))
Re:La fissa del mercato
« Risposta #8 il: 31 Lug 2017, 13:25 »
Non scherziamo nemmeno, il calciomercato è un appuntamento al quale nessun tifoso/malato può mancare.
E porta gioie e dolori come qualsiasi partita o stagione.
Solo che fatto così è diventato una mazzata, è infinito.
Si torni al calciomercato che conoscevo io, l'hotel gallia o quello che era, quindici e giorni e via era tutto finito prima ancora dei ritiri, n'altra settimanella insignificante a metà novembre (mercato di riparazione) stop.
Ora cominci il campionato, non il ritiro, e non sai quale sarà la rosa che affronterà la stagione, un delirio.
Ma io sono un vdm, non faccio testo, fosse per me le partite si giocherebbero tutte in contemporanea di domenica, secondo la luce del sole come una volta, tra le 14,30 e le 17.

Io più che i movimenti di mercato mi drogo di ipotetiche formazioni compresi  anche tutti gli incastri possibili con gli eventuali nuovi arrivi.
Quando fumo sul balcone in automatico parte: Strakosha, Bastos, DeVrij....
Ma pure la notte per addormentarmi (se non sono distratto da altro, come accade sempre più raramente),  invece delle pecore: Strakosha, Bastos, DeVrij.... un loop che va anavti da decenni senza soluzione di continuità  :=))

Eh eh, io invece mi ripasso risultati e classifica, e le partite della Lazio marcatori inclusi.
E quando le cose non vanno per il verso giusto, fatico a prendere sonno.
Poi dice è una passione, stoccavolo, se non è una malattia questa....

Online Tarallo

*****
92293
Re:La fissa del mercato
« Risposta #9 il: 31 Lug 2017, 13:36 »
A me è il mercato che mi ha risucchiato nel tunnel di lazionet, altra droga di cui mi ero liberato. Spero che la fine dell'uno decreti la fine di entrambe, fino a giugno prossimo.  :S

Offline DF62

*
171
Re:La fissa del mercato
« Risposta #10 il: 31 Lug 2017, 14:08 »
Il dubbio - o meglio ad oggi la conclamata certezza - è che attraverso i nuovi strumenti di comunicazione la cosa sia ormai completamente fuori controllo.
Web e social hanno esteso quella parentesi in termini indefiniti sia nello spazio che nel tempo, causando un corto circuito piuttosto evidente e che di certo non riguarda solo noi.
Aggiungerei anche il fatto che è troppo lungo e che, soprattutto, a differenza del passato, è determinato dagli interessi dei procuratori che difficilmente coincidono con quelli delle società di calcio, a meno che non ti chiami Real, Barcellona, Juventus, Milan ecc.
Mercato chiuso tra il 1-31 luglio e stop. Abolire la Champions e introdurre salary cap. Parole vane.
La magia di quel calcio che hai ben descritto purtroppo non credo torni più.
Re:La fissa del mercato
« Risposta #11 il: 31 Lug 2017, 14:16 »
Potrebbe anche iniziare prima del 1 luglio. L'ideale sarebbe il giorno dopo che finiscono i campionati/coppe.
Però personalmente prevederei anche una finestra a settembre/ottobre,  magari di una settimana.
Quindi una sessione che inizia il 1 giugno e termina il 10 luglio (prima Dell 'inizio dei ritiri) ed una l'ultima settimana di settembre.
Re:La fissa del mercato
« Risposta #12 il: 31 Lug 2017, 14:18 »
Per quanto riguarda invece il fatto che stia diventando una malattia per i tifosi, direi che è una malattia che mi piace ...
 :beer: :beer: :beer:
Re:La fissa del mercato
« Risposta #13 il: 31 Lug 2017, 14:26 »
A me è il mercato che mi ha risucchiato nel tunnel di lazionet, altra droga di cui mi ero liberato. Spero che la fine dell'uno decreti la fine di entrambe, fino a giugno prossimo.  :S

che fatica 'sta Lazionet   :s

Offline Subprime

*
179
Re:La fissa del mercato
« Risposta #14 il: 31 Lug 2017, 14:42 »
A me invece piace da sempre.
Sia quando da ragazzino 30 anni e più fa la mattina al mare la prima cosa era comprare il corriere dello sport si ora che con lo smartphone l offerta è molto più ampia.
Le amichevoli invece non mi hanno mai appassionato un po' come le nazionali. A me interessa solo quando la lazio scende in campo per i 3 punti e se guardo la nazionale è solo per accertarmi che nessun laziale si faccia male.
Il mercato è senza dubbio il momento di maggiori speranze e sogni della stagione ma anche quello dove si gettano le basi per la stagione che verrà.
Si è vero si può sempre sperare nella fortuna e nel colpo insolito alla storia ma il mercato è sempre la strada per cui passa l avere o meno una squadra più forte.
Ed è questo il motivo essenziale per il quale è e sarà sempre tra i momenti più seguiti dai tifosi.

Offline Biafra

*
9406
Re:La fissa del mercato
« Risposta #15 il: 31 Lug 2017, 14:50 »
Tutto vero, tutto giusto, ma ho già tagliato troppe droghe e al calciomercato non ci rinuncerò mai.

Per quanto mi riguarda Di Gennaro è già il nuovo Mauri, Marusic un incrocio tra Acerbis Garrincha e Bale, Luis Alberto (a tutti gli effetti un nuovo acquisto) uno alla Platini/Zidane. :)

ASROMAMERDA

Online FatDanny

*****
18391
Re:La fissa del mercato
« Risposta #16 il: 31 Lug 2017, 14:56 »
A me invece piace da sempre.
Sia quando da ragazzino 30 anni e più fa la mattina al mare la prima cosa era comprare il corriere dello sport si ora che con lo smartphone l offerta è molto più ampia.
Le amichevoli invece non mi hanno mai appassionato un po' come le nazionali. A me interessa solo quando la lazio scende in campo per i 3 punti e se guardo la nazionale è solo per accertarmi che nessun laziale si faccia male.
Il mercato è senza dubbio il momento di maggiori speranze e sogni della stagione ma anche quello dove si gettano le basi per la stagione che verrà.
Si è vero si può sempre sperare nella fortuna e nel colpo insolito alla storia ma il mercato è sempre la strada per cui passa l avere o meno una squadra più forte.
Ed è questo il motivo essenziale per il quale è e sarà sempre tra i momenti più seguiti dai tifosi.

ma anche a me piace da sempre eh.
E a quanto vedo a gran parte di chi ha scritto.
Il problema è però tanto la sua durata (concordo con chi dice che ormai la finestra è diventata eccessivamente lunga) quanto l'offerta di cui parli tu.
Che non è di per se un valore aggiunto, anzi a volte può avere l'effetto opposto.
E io proprio questo dico, cosa che mi ha condotto al bislacco paragone con le sostanze psicotrope: la disponibilità esponenziale ha trasformato il mercato da componente positiva ed essenziale del "pacchetto tifoso" a negativa, fonte di nevrosi e caratterizzata dai classici fenomeni da addiction (rovesciamento delle priorità, crescente richiesta, frustrazione da astinenza).

Nemmeno a me le amichevoli hanno mai appassionato più di tanto.
ma ragioniamo: tra una notizia inventata sul nome X e una partita REALE, per quanto senza i 3 punti, il fatto che appassioni più la prima non è un qualcosa di scontato e forse toccherebbe farci i conti.
Mancheranno pure i tre punti ma, oh, sta a giocà la Lazio. Quella vera.
Mentre il mercato spesso e volentieri è composto da notizie finte di giornalisti finti che con la Lazio c'entrano 0.

e' come pensà che stare nella vasca da bagno fatto come na merda è preferibile che stare in Salento, perché tanto non so' le Hawaii e pure nella vasca stai a mollo...
Poi oh, de gustibus...
Re:La fissa del mercato
« Risposta #17 il: 31 Lug 2017, 14:59 »
Mai amato il mercato, soprattutto nella versione real-time.
Ci sono quelli che lo vivono come fosse una competizione, una gara estiva in cui vince la squadra che meglio si accredita tra media e social.

Inutile sforzarsi, lo scudetto di agosto se lo contendono da sempre ASRM e Inter. Quest'anno si è inserito il Milan.

A settembre si guarda la rosa e si da il benvenuto ai nuovi. Oblio per chi se n'è andato.
Re:La fissa del mercato
« Risposta #18 il: 31 Lug 2017, 15:01 »
Per quanto mi riguarda Di Gennaro è già il nuovo Mauri, Marusic un incrocio tra Acerbis Garrincha e Bale, Luis Alberto (a tutti gli effetti un nuovo acquisto) uno alla Platini/Zidane. :)

E Leiva?

Offline olandese

*
6213
http://www.footytube.com/
Re:La fissa del mercato
« Risposta #19 il: 31 Lug 2017, 15:01 »
A me fa cagare. Mi innamoro e poi devo andare a vedere chi rimpiazziera il mio idolo. Per me meno si vende (specialmente i giocatori forti) e meglio sto.
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod