le motivazioni nel derby

0 Utenti e 28 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Daniela

*****
22763
le motivazioni nel derby
« il: 26 Mag 2015, 09:39 »
Riflettevo come dopo anni di derby
Sia evidente che quello che conta nei derbies siano
Proprio le motivazioni

La asroma aveva fallito tutti gli obiettivi
Questo derby era per i nipoti l'unica cosa rimasta
l'ultima spiaggia
la conferma si è avuta vedendo le loro esultanze
Manco avessero vinto la finale di CL

Noi eravamo appagati dal raggiungimento del nostro obiettivo
mentre per l'obiettivo trovato per strada
Le nostre motivazioni  erano state volutamente
Ridotte a seguito dello scempio con l'Inter
Partita acchittata ad uso e consumo della asrioma e del napolisoccer

Ce ne siamo accorti noi
Figuriamoci i giocatori
Et voilà

Mi consola che questa partita servirà per crescere
Il derby deve dare motivazioni a prescindere cari giocatori
D'altronde basta guardarli con le loro reazioni smodate
E la loro variegata antisportivita' no ? ;)

 :since :asrm


Offline robylele

*****
31595
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #1 il: 26 Mag 2015, 09:44 »
più che appagati mi sono sembrati scarichi.
probabilmente Pioli voleva tutto e non solo parecchio, anche rischiando di rimanere con poco.

Ma parecchio ancora si può prendere domenica.
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #2 il: 26 Mag 2015, 09:55 »
Tutto molto semplice, IMHO.

Noi abbiamo fatto i romanisti: proclami, spocchia, parole...

Loro hanno fatto i laziali: umiltà, concentrazione, consapevolezza dei propri limiti.

Da che seguo il derby la regola non scritta è questa.

Chi parla prima, generalmente perde.

E noi non abbiamo perso solo un derby, abbiamo anche rimesso in bilico un obiettivo insperato che eravamo stati bravi ad arrivare a giocarci.
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #3 il: 26 Mag 2015, 09:58 »
Riflettevo come dopo anni di derby
Sia evidente che quello che conta nei derbies siano
Proprio le motivazioni

La asroma aveva fallito tutti gli obiettivi
Questo derby era per i nipoti l'unica cosa rimasta
l'ultima spiaggia
la conferma si è avuta vedendo le loro esultanze
Manco avessero vinto la finale di CL

Noi eravamo appagati dal raggiungimento del nostro obiettivo
mentre per l'obiettivo trovato per strada
Le nostre motivazioni  erano state volutamente
Ridotte a seguito dello scempio con l'Inter
Partita acchittata ad uso e consumo della asrioma e del napolisoccer

Ce ne siamo accorti noi
Figuriamoci i giocatori
Et voilà

Mi consola che questa partita servirà per crescere
Il derby deve dare motivazioni a prescindere cari giocatori
D'altronde basta guardarli con le loro reazioni smodate
E la loro variegata antisportivita' no ? ;)

 :since :asrm
se fosse così sarebbe ancora più assurdo, lasciamdo perdere i minorati perché loro sono così e lo sappiamo da sempre, la juventus ha vinto quattro campionati di fila ecc. ecc. ed ha motivazioni pure per giocare le ultime di campionato e noi non troviamo le motivazioni per un derby da 40 milioni?? Quanto mi piacerebbe avere i soldi per fare il presidente di calcio, calcio in culo però altro che motivazioni

Property

Property

Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #4 il: 26 Mag 2015, 10:03 »
Mi consola che questa partita servirà per crescere
questa è la frase daniela, che più mi da fastidio.
ma perchè, come puoi crescere con una partita del genere?
hai ridato la vita alle merde che ora vincendo il derby di fine stagione ti romperanno per tutta l'estate con il primato cittadino.
gli hai ridato 40 milioni che gli consentiranno di restare dove sono.
dove cresci?
cresci se arrivi terzo e puoi accedere a qualche denaro in più dalla cl.
se arrivi quarti non cresci.
e non mi venite a parlare di mentalità, gioco o altro, non basta questo. servono i risultati importanti raggiunti per crescere.

Offline paolo71

*****
12443
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #5 il: 26 Mag 2015, 10:03 »
Per me no.
retorica e basta.
io ho smadonnato dal gol di morata al gol mangiato di Klose.
abbiamo peso il derby a Madrid e ieri dopo 5 minuti.
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #6 il: 26 Mag 2015, 10:07 »
Tutto molto semplice, IMHO.

Noi abbiamo fatto i romanisti: proclami, spocchia, parole...

Loro hanno fatto i laziali: umiltà, concentrazione, consapevolezza dei propri limiti.

Da che seguo il derby la regola non scritta è questa.

Chi parla prima, generalmente perde.

E noi non abbiamo perso solo un derby, abbiamo anche rimesso in bilico un obiettivo insperato che eravamo stati bravi ad arrivare a giocarci.

Concordo in parte.
Sul fatto che loro siano stati stavolta umili e concentrati (anche perchè se stavano a caca' sotto) sono d'accordo.
Sul fatto che noi ci si sia comportati da romanisti sono meno d'accordo.
Secondo me, purtroppo, era più l'ambiente esterno che suonava la carica.
Purtroppo, e sottolineo purtroppo, tutti gli spettatori neutrali d'Italia ci davano per favoriti con annessi complimentoni e lodi sperticate.
Da questo punto di vista, secondo me, si è proprio incanalato nel peggiore dei modi  :asrm
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #7 il: 26 Mag 2015, 10:12 »
Secondo me, purtroppo, era più l'ambiente esterno che suonava la carica.

Anche su questo forum era tutto un fiorire de asfaltamo, dominamo, sfonnamo, rompemo culi...

Solo Cosmo ha provato a richiamarci all'ordine, ma senza grande successo.

Siamo stati vittime di un'inedita e incontrollabile supponenza, atteggiamento che alla base delle epocali figure di m... che caratterizzano la storia dei nostri dirimpettai.

Offline Hicks

*
5728
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #8 il: 26 Mag 2015, 10:23 »
Secondo me non era questione di motivazioni..gli obiettivi che contano sono sempre quelli che si creano strada facendo, non quelli che ti prefissi a inizio campionato.. sono strasicuro che nessuno dei nostri giocatori ieri pensasse anche solo inconsciamente "ma si, siamo in EL, il nostro l'abbiamo fatto.. il fatto è che eravamo semplicemente scoppiati fisicamente e mentalmente.

Non so se l'atmosfera da "li sfonnamo", "siamo più forti", "vinciamo facile" etc. abbia contribuito in qualche modo ma in effetti non ricordo un singolo derby NON PERSO quando nei giorni prima il clima è questo presuntuoso che poco ci appartiene.
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #9 il: 26 Mag 2015, 10:24 »
Non so se l'atmosfera da "li sfonnamo", "siamo più forti", "vinciamo facile" etc. abbia contribuito in qualche modo ma in effetti non ricordo un singolo derby NON PERSO quando nei giorni prima il clima è questo presuntuoso che poco ci appartiene.

Da scolpire nella pietra.

Offline Scialoja

*****
11598
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #10 il: 26 Mag 2015, 10:33 »
Tutto molto semplice, IMHO.

Noi abbiamo fatto i romanisti: proclami, spocchia, parole...

Loro hanno fatto i laziali: umiltà, concentrazione, consapevolezza dei propri limiti.

Da che seguo il derby la regola non scritta è questa.

Chi parla prima, generalmente perde.

E noi non abbiamo perso solo un derby, abbiamo anche rimesso in bilico un obiettivo insperato che eravamo stati bravi ad arrivare a giocarci.

loro umiltà??? ma dove??? nelle parole di garcia? nelle varie provocazioni pre partita? boh
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #11 il: 26 Mag 2015, 10:37 »
Tutto molto semplice, IMHO.

Noi abbiamo fatto i romanisti: proclami, spocchia, parole...

Loro hanno fatto i laziali: umiltà, concentrazione, consapevolezza dei propri limiti.

Da che seguo il derby la regola non scritta è questa.

Chi parla prima, generalmente perde.

E noi non abbiamo perso solo un derby, abbiamo anche rimesso in bilico un obiettivo insperato che eravamo stati bravi ad arrivare a giocarci.


È la seconda volta in due minuti che ti quoto anche le virgole.
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #12 il: 26 Mag 2015, 10:37 »
Tutto molto semplice, IMHO.

Noi abbiamo fatto i romanisti: proclami, spocchia, parole...

Loro hanno fatto i laziali: umiltà, concentrazione, consapevolezza dei propri limiti.

Da che seguo il derby la regola non scritta è questa.

Chi parla prima, generalmente perde.

E noi non abbiamo perso solo un derby, abbiamo anche rimesso in bilico un obiettivo insperato che eravamo stati bravi ad arrivare a giocarci.
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #13 il: 26 Mag 2015, 10:40 »
loro umiltà??? ma dove??? nelle parole di garcia? nelle varie provocazioni pre partita? boh

Che pena leggere ora certi pensieri di Laziali che indirettamente e velatamente osannano le merde.
C'hai ragione Scialoja, onore a te.

MagoMerlino

MagoMerlino

Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #14 il: 26 Mag 2015, 10:43 »
Sono stati commessi degli errori. Gravi.
Dai quali non impariamo nulla per evitare di ripeterli.
4 derby contro quello spocchioso di sergente e 4 volte non caviamo un ragno dal buco, anzi gli offriamo l'opportunità di dare sfogo alla loro perenne stronzaggine.
Il derby non è una partita come le altre, non si tratta di giocare contro una Juventus, un'Inter o un Milan. E' la partita dove non puoi permetterti il minimo errore, una partita che devi cominciare a preparare 20 giorni prima, poco importa cosa c'è in mezzo. Anche perchè il rischio che corri è quello a cui abbiamo assistito, restare con un pugno di mosche in mano.
Il derby si prepara a cominciare dai calendari, sono due campionati che li giochiamo quando più fa comodo a loro, cominciamo a fare attenzione anche a questo.
Reputo Pioli un bravo tecnico, ha fatto cose egregie, ma deve fare tesoro degli errori commessi in queste partite. Compresi quelli commessi dai suoi recenti predecessori.
Ieri abbiamo perso quando i nostri avversari hanno deciso di giocare in 11, perchè 10 contro 10, forse anche 9 contro 10, avevamo comunque giocato discretamente, senza rischiare troppo, poi ci siamo ritrovato con troppi giocatori atleticamente provati e nonostante i cambi, ci è mancata lucidità e reattività, gli errori si sono rivelati fatali.
Abbiamo avuto la possibilità di evitare che questo derby diventasse una partita ancora più importante di quello che già è, decisiva per il secondo posto. Bravi a costruirsi questa possibilità, l'abbiamo sprecata, anche perchè c'è mancato il solito centesimo per fare una lira. A gennaio una punta con la confidenza con il gol, un Gilardino, tanto per fare un esempio, sarebbe stato utile e forse con un paio di gol, quelli sbagliati da Keita, quelli che non è riuscito minimamente a crearsi Perea, quelli sbagliati anche da Klose, che pure è andato oltre ogni più rosea aspettativa, avremmo avuto quei 3-4 punti in più in classifica, che avrebbero derubricato il derby decisivo per il secondo posto e l'ingresso in Champions, a derby semplice.
Peccato perchè questa squadra avrebbe meritato di festeggiare almeno una cosa tra mercoledì e ieri, bravi a costruirsi le occasioni, sfortunati per una serie di circostanze alle quali non abbiamo saputo reagire, a non riuscire a sfruttarle a pieno.
E adesso viene il difficile, quello che alla Lazio in questi anni è mancato completamente, trovare continuità nel migliorarsi di anno in anno.


Offline Daniela

*****
22763
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #15 il: 26 Mag 2015, 10:43 »
sul fatto che eravamo "romanisti" prima della partita
sono d'accordo solo se ti riferisci ad alcuni tifosi

non certo ai giocatori

secondo me i nostri sono scesi in campo scarichi mentalmente
forse perchè appagati, forse perchè scoraggiati dopo Lazio inter

devono capire che questo non dovrà più succedere
tanto più in un derby

Offline Dusk

*****
12737
http://www.labouratorio.it
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #16 il: 26 Mag 2015, 10:44 »
Tutto molto bello, possiamo anche dire che i Laziali hanno fatto i romanisti, ok.
Ma il viceversa è un qualcosa che non vorrei proprio leggere.
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #17 il: 26 Mag 2015, 10:56 »
La Lazio non era appagata, lo ha dimostrato DJ quando ha preso il pallone e lo ha portato verso il centrocampo, la Lazio, i giocatori e il mister volevano vincere la partita, non ci sono riusciti. La volevano vincere per NOI!
La Lazio bellissima, cattiva che ho visto contro la Juve avrebbe fatto a fette quella rometta di ieri che finchè che stato il capitone il campo si era dimostrata inoffensiva, putroppo i supplementari di mercoledì e il rientro di giocatori da un lungo infortunio ci hanno tagliato le gambe.
A bocce ferme, molti dicono che dopo aver agguantato il pareggio, era necessario fare un po' di minestra e portare il pareggio fino alla fine. Quelli che erano in campo non la pensavano allo stesso modo, sono orgoglioso di questa squadra e del loro allenatore.
Con i se e con i ma non si va da nessuna parte, ma se fosse entrato quel pallone di Klose al quarto minuto, oggi staremmo qui a festeggiare una vittoria sonante.
Sarebbe stato bello arrivare secondi, anche terzi non è male, la Lazio a napoli non perde.
Forza Lazio!
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #18 il: 26 Mag 2015, 11:28 »
Tutto molto bello, possiamo anche dire che i Laziali hanno fatto i romanisti, ok.
Ma il viceversa è un qualcosa che non vorrei proprio leggere.

E invece è andata proprio così.
Hanno lasciato il loro allenatore furbacchione a provocare mentre loro si concentravano su quella che sapevano essere benissimo una battaglia contro una squadra evidentemente forte.
E lo hanno fatto tutti, giocatori, tifosi mentre i comunicatori erano impegnati a stimolarli sul potere di Lotito.
Si sono concentrati sulle questioni "politiche" mentre il gibbone preparava in tutta tranquillità la strategia per resistere e portare a casa il prezioso punto e magari con il trascorrere del tempo giocarsi le carte per graffiare.
Se non lo vuoi leggere va bene, ma purtroppo è andata proprio così.
Fare i "laziali" paga, lo sappiamo benissimo.
fare i "romanisti" invece, provoca solo sonore in.ulate.

Offline Daniela

*****
22763
Re:le motivazioni nel derby
« Risposta #19 il: 26 Mag 2015, 11:39 »
E invece è andata proprio così.
Hanno lasciato il loro allenatore furbacchione a provocare mentre loro si concentravano su quella che sapevano essere benissimo una battaglia contro una squadra evidentemente forte.
E lo hanno fatto tutti, giocatori, tifosi mentre i comunicatori erano impegnati a stimolarli sul potere di Lotito.
Si sono concentrati sulle questioni "politiche" mentre il gibbone preparava in tutta tranquillità la strategia per resistere e portare a casa il prezioso punto e magari con il trascorrere del tempo giocarsi le carte per graffiare.
Se non lo vuoi leggere va bene, ma purtroppo è andata proprio così.
Fare i "laziali" paga, lo sappiamo benissimo.
fare i "romanisti" invece, provoca solo sonore in.ulate.


vabbè joe scusa ma un conto so i tifosi un conto i giocatori
io come tifosa laziale non mi riconosco nelle sborate alla romanista

ma va anche detto che se lo fanno alcuni tifosi
non è che questo influisca sul risultato eh?
 

Powered by SMFPacks Alerts Pro Mod